Creato da forddisseche il 03/01/2008
Un sorriso , un po di musica per pensare un pò.
 

MUSICA ITALIANA

 

Benvenuti :)

.

 

Contatta l'autore

Nickname: forddisseche
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 60
Prov: FG
 

Peschici 24/lug/2007 per non dimendicare

 

Pizzomunno con gerani rossi.

 

 
Pizzomunno

Lungo il tratto meridionale della costa viestana, ritroviamo una piccola spiaggia che deve il suo nome all’ imponente faraglione che dalle acque cristalline si erge sovrano a sorvegliare la città ed i suoi abitanti: la Spiaggia del Pizzomunno.

Qui sembra aver avuto luogo un’ interessante e fantastica vicenda che ha come protagonisti due giovani innamorati , entrambi originari di Vieste .

Pizzomunno , giovane ed attraente pescatore, e Cristalda , ragazza bellissima dai lunghissimi capelli color dell’ oro, si amavano teneramente e vivevano nella convinzione che nulla al mondo potesse intaccare un sentimento tanto forte e sincero.

Ogni sera, Cristalda scendeva in spiaggia per salutare il suo bel Pizzomunno prima che con la sua barca andasse incontro al mare aperto.

Ogni notte, in mare, Pizzomunno riceveva la visita delle sirene che cercavano di ammaliarlo con i loro canti soavi. Le regine del mare desideravano ardentemente che Pizzomunno diventasse il loro re ed amante.

Il giovane, però, non cedette mai alle avance delle sirene tentatrici , avendo già donato il suo cuore alla candida Cristalda.

I reiterati rifiuti del giovane, scatenarono la furia delle sirene .

Una sera, le sirene raggiunsero i due amanti sulla spiaggia ed aggredirono Cristalda con grande ferocia, inghiottendola nelle profondità del mare.

Pizzomunno
fu colto da un dolore devastante, talmente grande da pietrificarlo per sempre.

Il giorno seguente, i pescatori di Vieste trovarono Pizzomunno pietrificato sulla roccia che oggi porta il suo nome.

La leggenda vuole che, ogni cento anni, Cristalda riemerga dalle profondità del mare per incontrare Pizzomunno e rivivere con lui l’ emozione di una notte d’amore sulla spiaggia che li fece incontrare.

 

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
LA LEGGE
Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicita'.

Non puo' pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001

Le immagini usate sono prese dalla rete
Per qualsiasi esigenza di copyright contattatemi privatamente.
 
 

Premio

premio

Premio brillante Weblog

(perché valorizza la sua terra, il Gargano).

premiato da,

http://digiland.libero.it//profilo.phtml?nick=ferrarazzo

 

<iframe src="http://www.radiorai.rai.it/dl/portaleRadio/popup/player_radio.html?v=1" width="580px" height="380px" scrolling="no" frameborder=0 style="padding:25px;"></iframe>

 

Tarantella del Gargano - Stupenda versione

 

Meteo Gargano

 

ondaradio la radio del Gargano

http://5.63.145.172/mobile?port=7108

http://ondaradio.info/

 

Programmi tv

 

tv.zam.it

 

 

Ultime visite al Blog

forddissechelaboratoriotvfabrizi.fabrizigabri02010mollicasimonaavvgiuiltuocognatino1Don.Kamillo19marieledgl0elioenricosassanoanna.lamacchia1973notarafMERIT09mauriziocamagna
 

Promontorio del Gargano

Il più delle volte si pensa che la storia antropologica ebbe inizio sul promontorio del Gargano con l'apparizione dell'Arcangelo Michele più di sedici secoli or sono quando ancora il Cristianesimo conviveva con le allora attuali religioni pagane. Ma se analizziamo le carte romane si nota che gli insediamenti sedentari sono precedenti all'apparizione dell'Arcangelo e si trovavano sulla costa e ai piedi del sontuoso monte (Ergitium ,Sipontum ,Merinum ,Teanum , ,Apulum ,Urium).
Si trovano degli insediamenti umani persino precedenti a questi ultimi, ma bisogna risalire addiritturà all'età del bronzo, tanto è vero che lungo la provinciale che collega Foggia con San Marco in Lamis, a qualche chilometro da Borgo Celano, in zona"Chiancata La Civita-Valle di Vitturo"  è stato ritrovato la necropoli più antica della intera Europa. Altre testimonianze sono date dagli insediamenti rupestri e dalla innumerevole presenza di oggetti litici e di mura megalitiche che si sono scoperti nel corso degli anni sul Gargano.
 

Area personale

 


Listener

 

San Giorgio protettore di Vieste.

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

Toro seduto

 

Per noi i guerrieri non sono quello che voi intendete. Il guerriero non è chi combatte, perché nessuno ha il diritto di prendersi la vita di un altro. Il guerriero per noi è chi sacrifica sé stesso per il bene degli altri. È suo compito occuparsi degli anziani, degli indifesi, di chi non può provvedere a sé stesso e soprattutto dei bambini, il futuro dell'umanità.

Toro seduto

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

Messaggi del 09/05/2019

Luca Carboni a Cagnano Varano, il programma del gran finale della Festa Patronale

Post n°23614 pubblicato il 09 Maggio 2019 da forddisseche

Luca Carboni a Cagnano Varano, il programma del gran finale della Festa Patronale 

 
Luca Carboni a Cagnano Varano, il programma del gran finale della Festa Patronale
 
 

Si avvia al gran finale la Festa Patronale di Cagnano Varano, che domani vivrà il suo giorno più importante, la Festa di San Cataldo.  
Si parte alle ore dopo 9,45 il raduno delle Autorità Civili, Militari e delle Associazioni a Palazzo di Città, il corteo con in testa il gonfalone si muoverà verso la Chiesa Madre dove alle 10.30 c’è Solenne Concelebrazione Eucaristica presieduta da S.E. Franco Moscone, vescovo della diocesi di Manfredonia.
Seguirà la Processione per le vie del paese, accompagnata dalla "Banda Musicale Città di Cagnano Varano", con in conclusione i tradizionali fuochi pirotecnici in piazza Giannone.
Alle ore 21.00 in Piazza Giannone: estrazione della lotteria Feste Patronali Cagnano Varano, seguita alle 22 dal concerto di Luca Carboni.
Il pop d’autore di Carboni nel live sorprenderà con uno show colorato, in cui le immagini raccontano e amplificano il lavoro musicale che vive di una scaletta con i grandissimi successi e le canzoni, sempre ai vertici delle classifiche radiofoniche, degli ultimi due progetti POP-UP e SPUTNIK. 
Un percorso nel tempo, in cui è possibile ascoltare anche sonorità diverse, appartenenti ad altre epoche. 
 Il viaggio musicale di LUCA CARBONI partito negli anni ‘80 continua fino ad oggi con grande successo nel segno dell’attualità, aperto alle collaborazioni con gli artisti della nuova scena italiana.
 Con SPUTNIK un album potente, diretto, essenziale uscito a giugno LUCA CARBONI si è confermato ancora una volta uno straordinario hit maker con testi ironici e nello stesso tempo profondi, un suono che è impossibile togliersi dalla testa: l’artista conosce alla perfezione l’arte del POP.                                                                    
SPUTNIK è un disco 100% Carboni, fatto di nove canzoni perfette che raccontano al meglio il suo sguardo, l’oggi e lascia poco spazio a nostalgie passatiste, ma piuttosto si concentra sul presente e guarda con occhi aperti e la giusta vena di poesia il futuro.
Con lui sempre la sua band con Antonello Giorgi alla batteria, Ignazio Orlando al basso, Mauro Patelli e Antonello D’Urso alle chitarre, Fulvio Ferrari Biguzzi alle tastiere.

 
 
 

Dopo 110 anni torna a Ischitella dall'America nella terra nativa di suo nonno e propaganderà l'olio ischitellano.

Post n°23613 pubblicato il 09 Maggio 2019 da forddisseche

Dopo 110 anni torna a Ischitella dall'America nella terra nativa di suo nonno e propaganderà l'olio ischitellano. 

 
Dopo 110 anni torna a Ischitella dall'America nella terra nativa di suo nonno e propaganderà l'olio ischitellano.
 
Veramente una bella storia quella di Denis D'addante residente nello stato di Wyoming(USA) ,che dal lontano 1909,quando suo nonno Matteo D'Addante emigrò negli Stati Uniti ha avuto sempre il sogno di ritornare nel paese nativo di suo nonno, e sua nonna Triggiani Carmela entrambi d'Ischitella,figlio di Leonardo D'addante e Isabella Laganella(ironia della sorte mia lontana parente),entrambi ischitellani.Un sogno covato quello di Denis sin dalla nascita ,ma che vede la sua realizzazione quando dopo aver ricercato i vari D'Addante su facebook,riesce a mettersi in contatto con i suoi cugini d'Ischitella,quelli che sono figli di un fratello,del nonno, l'unico rimasto a Ischitella,perchè altri due emigrarono come lui negli Stati Uniti,e dei cinque figli fu l'unico che rimase a Ischitella.Mettendosi in contatto con i suoi cugini in particolare con Michelina D'addante,promette di venire a Ischitella già dall'Ottobre scorso,ma la venuta è solo rimandata perchè finalmente l'altro ieri abbraccia i cugini di oltreoceano.Un sogno che più bello ,non si può, spiega Davids, che si porta anche sua moglie,da me intervistata con l'ausilio di mia figlia,che fa da interprete,perchè lui non mastica una sola parola in Italiano e con centinaia di foto ricordo scattate dal collega Giuseppe Saldutto,con il quale insieme conduciamo il servizio. Ma le sorprese per Davids che ha perfino l'albero genealogico della famiglia non finiscono qui, lo accompagniamo al cimitero d'Ischitella dove gli mostriamo la tomba dell'unico fratello del nonno rimasto a Ischitella. Gli mostriamo in piazza la lapide dei caduti in piazza che mostra un caduto in guerra suo nipote. Andiamo poi al Comune d'Ischitella,dove il presidente del Consiglio Comunale Dr. Mario de Cristofaro l'accoglie come un figlio d'Ischitella. Scendendo le scale riceve i saluti in inglese anche del Sindaco d'Ischitella, Carlo Guerra. " Non mi aspettavo un accoglienza del genere ci dice Davids,sono stato accolto come una star". L'Ultima piacevole sorpresa dopo aver avuto l'atto di nascita del nonno dall'ufficiale d'anagrafe Laura Angellilis ,la riceve riuscendo a rintracciare,cosa non facile,la casa dove è nato suo nonno. La cosa si presenta a prima vista impossibile,perchè nel frattempo le vie rispetto a più di un secolo fa,hanno cambiato nome.Partiamo da un elemento una sua cugina, ci dice,di aver saputo che era nato nei pressi del largo del gelso.Ci rechiamo presso il suddetto rione ci sono non più di quattro case. Due sono da secoli della famiglia Panella e quindi da escludersi,ne rimangono altre due. In una delle due chiediamo alla proprietaria da chi l'avesse acquistata,la risposta esclude che sia quella. La mia attenzione si sofferma sull'altra,ma c'è bisogno di una conferma. E' allora che ho un intuizione che mi ricordà che là vicino abita un signore ,tale Voto Rocco, di mia conoscenza che ha 95 anni ed è l'unico essendo ancora molto lucido, che ci può dire qualcosa. Il Sig.Voto si presta a darci le informazioni richieste e ci conferma che un figlio di suo nonno abitava in quella casa ed erano anche molti amici. Dìenis ha avuto allora tutte le risposte cercate,ma il sig.Voto Rocco ci fa entrare a casa sua regalando a Denis dell'olio ischitellano di sua produzione affinchè lo faccia conoscere anche in America. Denis può dirsi più che soddistatto della sua venuta a Ischitella e godersi altri due giorni di permanenza a Ischitella ospitato dai sui cugini e non è escluso che a breve, anche i suoi due figli e i cugini in America potrebbero venire a far visita a Ischitella.Giuseppe Laganella

 
 
 

Vieste/ Oggi il pellegrinaggio a Merino

Post n°23612 pubblicato il 09 Maggio 2019 da forddisseche

Vieste/ Oggi il pellegrinaggio a Merino 

 
Vieste/ Oggi il pellegrinaggio a Merino
 
Il mistero di Maria continua nel tempo, nella Chiesa in cammino dove si prolungano la vita e le opere di Cristo. Per questo il pellegrinaggio che i Viestani compiono con Maria fino a Merino è perennemente attuale dal momento che significa la sequela di Cristo con Maria, centro della Chiesa in cammino. Pertanto il Viestano che ha coscienza e consapevolezza del pellegrinaggio che compie, cammina sulle orme di Cristo con Maria e con tutta la Chiesa. In fondo questo gesto profondo di fede non è altro se non il rico¬noscimento della Vergine Maria prima nella fede a Nazareth, a Bet¬lemme come pure sul Calvario e nel Cenacolo. Andando a Merino si tocca con mano che Maria diventa conduttrice e guida del popolo viestano in cammino. Qui ci si accorge che ogni età si fonde; cadono tutte le barriere: non esiste più il ricco e il povero, l’intellettuale e l’ignorante, l’uomo e la donna, si è solo felici di salutare e contemplare Maria come la nuova umanità proiettata verso i beni eterni. Questo è il momento in cui tutti diventano bambini pieni di entusiasmo e di meraviglie verso colei che rappresenta la nostra meta. La si sente compagna di viaggio dopo averla ammirata splendente e incoronata sul trono.Don Giorgio TrottaDa MERINOIL SANTUARIOLA FESTA(ed. Santuario S. Maria di Merino) PROGRAMMA RELIGIOSOGIORNO 9 MAGGIOOre 06,30 – ss. MessaOre 07,15 - ss. Messa celebrata da S. E. l'Arcivescovo Mons. Franco Moscone.Ore 08,45 - Trionfale processione del Simulacro della Beata Vergine di MerinoOre 23,00 - Rientro del Simulacro e solenne processione con sparo di fuochi pirotecnici (c/o Marina Piccola).GIORNO 10 MAGGIOOre 10,00 - ss. Messa a seguire riposizione del Simulacro nella cappella della città.Ore 7,30 / 9,30 / 19,00 – SS. Messe nel Novenario.Ore 11,00: ss. Messa Capitolare (giorni festivi)Sito WEB: www.comitatosantamariadimerino.itLa Santa Messa della mattina del 30 aprile e le novene saranno trasmesse in diretta su CANALE 878 ( GarganoTv) del digitale terrestre. Programma civile GIORNO 9 MAGGIOOre 7,30 - Esibizione in Piazza V. Emanuele dei Gran Compiessi Bandistici: Città di Vieste "P.Rinaldi" e Città di Vieste “C. Cariglia",Ore 19/21,30 - Servizio musicale marciabile in piazza V. Emanuele del Gran Complesso Bandi¬stico Città di Vieste "P. Rinaldi".Ore 23,00 - Rientro della Protettrice S. Maria di Me¬rino con solenne processione e accen¬sione di fuochi pirotecnici a cura della ditta "NUOVA PIROTECNICA P. PIO" di Presutto e Florio di San Severo (c/o Ma¬rina Piccola).Ore 23,30 - Esibizione di brani musicali marciabili in piazza V. Emanuele del Gran Complesso Bandistico Città di Vieste “G. Cariglia” GIORNO 10 MAGGIOOre 9,30 - Giro per l'abitato del Gran Complesso Bandistico Città di Vieste "P. Rinaldi".Ore 19/21,30 - Esibizione per il corso L Fazzini e Giardini Comunali (Pietra della Madonna) del Gruppo Folk Città di Vieste PIZZECHE E MUZZECHE Ore 21,30 – SPETTACOLO MUSICALE CON QUISISONA E MARIELLA NAVAOre 24,00 - Chiusura della festa con spettacolo di fuochi pirotecnici presso il nuovo molo del Porto.