Creato da alias1973 il 29/09/2006

L' ATTIMO FUGGENTE

"I WENT INTO THE WOODS BECAUSE I WANTED TO LIVE DELIBERATELY. I WANTED TO LIVE DEEP AND SUCK OUT ALL THE MARROW OF LIFE, TO PUT TO ROUT ALL THAT WAS NOT LIFE; AND NOT, WHEN I CAME TO DIE, DISCOVER THAT I HAD NOT LIVED " - "BOYS, YOU MUST STRIVE TO FIND YOUR OWN VOICE, BECAUSE THE LONGER YOU WAIT TO BEGIN, THE LESS LIKELY YOU ARE TO FIND IT AT ALL. THOREAU SAID: <MOST MEN LEAD LIVES OF QUIET DESPERATION>. DON'T BE RESIGNED TO THAT. BREAK OUT!". (DEAD POETS SOCIETY - 1989)

.

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

surfinia60alias1973varpyroDream_Hunterenricoparolofzozzoliscarpa.rossanosono.elefantepsicologiaforenseMenzogneDopoMenzogneserafino_loriapocaontas.84ConigliettaAnnarellabal_zacsolo_mature76
 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 34
 

TAG

 
 
 
 
 

 

« .. »

.

Post n°142 pubblicato il 17 Dicembre 2009 da alias1973
 

L E    M I L L E   A   1/2   N O T T E

Cuscini damascati ornati di frange e pendagli d'oro gettati come petali su piccoli letti a baldacchino. Divani e poltrone, specchi e tappeti scarlatti e nell'aria denso il fumo profumato dei narghilè. Nelle ballerine verdi-velate pulsa la danza dai sottili polsi inanellati fin giù nei ventri arrotondati e nudi. Ci invitano a ballare, sorrido ma m'impunto come un asino, la mia è mente vaga, l'ora irripetibile, il corpo l'hanno abbandonato e sciolto opportune dosi di boukha sicchè sto così bene lì, acciambellata sorniona sul cuscinone mentre quella serva dell'architetto mi accarezza le dita. Mi si prende per la mano, dai balla, ma no cosa dici, su vieni, avanti, no dai la prossima volta. La ragazza mi viene incontro: ha occhi neri e capelli corvini, labbra scure e un sorriso mite e ammiccante insieme. Si sfila un bracciale rigido, sottile e dorato: tieni. Aggrotto la fronte, vorrei dirle qualcosa ma sono ipnotizzata dal suo sguardo di bronzo, la fisso sorridendo con un solo lato della bocca mentre finalmente L. riesce a portarmi via a ballare. L'intreccio delle dita è uno shock, sussulta il petto e s'agglutina il sangue mentre in alto, un soffitto drappeggiato di veli chiari è il cielo albeggiante di questa notte araba.


Ofra Haza - Im Nin'Alu (1987)



C U R I O S I T A '

"Im Nin'alu" (אם ננעלו) is a Hebrew poem by the 17th century's Yemenite Rabbi Shalom Shabazi (Hebrew: שלום שבזי‎, Arabic: سالم الشبزي‎), which has later been put to music, and was sung by Israeli Yemenite singer Ofra Haza and others.

The poem starts with the words :

"Im nin'alu daltei n'divim daltei marom lo nin'alu"

"Even if the gates of the rich will be closed, the gates of heaven will never be closed"

(WIKIPEDIA)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 
 
 

L' ALILETTURA DEL MESE....

"TROPICO DEL CANCRO" - Henry Miller

 

ULTIMI COMMENTI

prediletta dell'avvocato trapanese
Inviato da: MenzogneDopoMenzogne
il 19/03/2015 alle 12:59
 
e dopo di te? bossa.silvia? Ciao silvy, bluette45 e...
Inviato da: MenzogneDopoMenzogne
il 19/03/2015 alle 12:58
 
cara ali ;-P
Inviato da: SonoFemminaWiMaschi
il 01/08/2012 alle 12:57
 
buona vita allora! ^___^
Inviato da: SonoFemminaWiMaschi
il 01/08/2012 alle 12:56
 
ciaoooooo
Inviato da: ballu1978
il 22/07/2011 alle 12:28
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31