Creato da Dream_Hunter il 08/09/2006

TrovaTeStesso

Ognuno di noi è in cammino per trovare se stesso ................................................... La vita e' cosi'. Non fai nemmeno in tempo a guardarti indietro che ti e' scivolata tra le mani, come la sabbia, come l'acqua del mare. Tra le dita non resta che polvere d'esistenza e i ricordi rimangono impigliati tra le unghie. Un instante tra due silenzi infiniti che urla la sua volontà di esistere, una luce nel buio che lascia una speranza per chi ci ha visto brillare. Dream Hunter

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 37
 

LA PORTA

Eccomi, sono qui. Davanti a quella porta chiusa da millenni.
Il tempo e la sua storia l'hanno chiusa per sempre.
Piove ancora, l'algida mano s'accosta al ligneo muro e le nocche tremanti intonano un lamento sordo.
L'eco di quella ritmica richiesta trova di nuovo quell'unica e
taciturna conferma.
Oltre, io so che si nasconde molto, molto altro:
un fuoco che arde senza scaldare nessuno; uno specchio rotto dai ricordi di un passato dannatamente presente; un orcio colmo di lacrime mai piante ed un scrigno pieno di felicita' mancata.
Con un passo lento ma sicuro volto le spalle a quell'antro di ignote paure.
E torno a vivere ove il mio destino mi porta.

E voi da quale parte della porta siete?

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: Dream_Hunter
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 53
Prov: AQ
 

 

Nuove prospettive

Post n°249 pubblicato il 17 Aprile 2022 da Dream_Hunter

 

A volte mi sfugge quale sia, dell'umanità, il senso e quali siano le leve che manovrino il futuro del mondo. Piccolo ed insignificante lascio che sia il mio pensiero a vagare nell'infinito vuoto fatto di irragionevoli decisioni che impietosamente calpestano la veemenza stessa della vita, concedendo spazio alla voragine della morte ed al seme mai estinto della cupidigia. Non è bastata una guerra contro un nemico invisibile; ne abbiamo cercata, non sazi di quello spirito votato all'estinzione, un'altra da combattere, guidati dalla pazzia di pochi e segnando per sempre, così, il destino di molti. A volte mi chiedo se meritiamo davvero la speranza di continuare ad esistere, di vincere la morte, di ritrovare con la resurrezione un domani diverso da quello che ci aspetta cercando la nostra umanità perduta. È vero sì che siamo imperfetti ma è altrettanto vero che ci mettiamo del nostro per rendere il futuro maledettamente uguale ad un passato remoto che nulla ci ha insegnato e che si veste sempre più spesso con l'elegante ghigno di una ipocrisia preponderante. Cerchiamo quindi di ritrovare il giusto cammino, i giusti pensieri. Apriamo gli occhi finora chiusi da un indotto egoismo per guardare oltre il buio di una normalità surrogata, riscoprendo, il desiderio e la speranza di vivere una vita che scorre in pace con noi stessi e con gli altri guardando il mondo ed i suoi abitanti da un’altra prospettiva. Se non a noi lo dobbiamo a chi verrà dopo di noi, ai nostri figli i quali meritano un futuro migliore di oggi.

Buona Pasqua

Pietro

 
 
 

Diversamente liberi

Post n°248 pubblicato il 01 Gennaio 2022 da Dream_Hunter

Non rimane ormai che consumare queste ultime ore di un anno che ci ha visti correre dietro a quel senso di normalità svanito dietro un angolo d'oriente.
Siamo saliti sulle montagne russe sperando che questo fosse l'ultimo su e giù da fare prima di fermarci e tirare il fiato, prima di riprendere a fidarci di chi ci sta seduto affianco, prima di svegliarci la mattina senza quell'ansia dettata dall'incertezza fatta di troppi numeri e traballanti verità. Non è così, purtroppo.
Stiamo prendendo coscienza che questa convivenza non sarà breve e continuerà a farci salire, nostro malgrado, sull'altalena dell'insicurezza verso noi stesi e verso gli altri.
Il mio augurio per il 2022 è quello di trovare in ogni giorno che vivremo un piccolo spazio fatto di tempo da dedicare a noi stessi lasciandoci andare a pensieri più lievi e tornando a sperare senza avere troppa fretta di voler essere ciò che eravamo prima di tutto questo poiché, non lo siamo più.
Prendiamo coscienza di questo e vivremo i giorni che verranno essendo: diversamente liberi!
Buon Anno
Pietro

 
 
 

Uno strano compagno di viaggio

Post n°246 pubblicato il 24 Dicembre 2021 da Dream_Hunter

 

Il treno andava veloce e dal finestrino il paesaggio scorreva come la pellicola di un film nel proiettore. Un 'immagine dietro l'altra senza soluzione di continuità così come i pensieri che tutti i giorni in quel viaggio si affollavano e che poi sarebbero svaniti per sempre scendendo alla propria stazione. D'un tratto ci fu quella sosta inaspettata. Non ci eravamo mai fermati in quella piccola stazione dal nome strano, quasi impronunciabile da sembrare straniero. Il treno ripartii. Il vocio riprese dopo il silenzio dettato dalla "novità'", dall'imprevisto. E tutto sembrò tornare alla normalità. Molti sussurravano che a quella stazione qualcuno fosse salito. Un tipo strano. Uno sconosciuto, senza volto. Uno che non assomigliava nessuno e che pure incuteva paura nel suo essere anonimo. Pochi ci fecero caso all'inizio ma poi, quell'ombra venuta dal nulla, sembrava essere seduta ovunque. Anche il paesaggio fuori dal finestrino sembrava non essere più quello di sempre come se all'improvviso uno scambio di troppo dopo quella stazione ci avesse portato su una linea diversa. Qualcosa era cambiato. Molti dopo avere incontrato quell'ombra scesero alla prima stazione anche se non era loro e non presero mai più quel treno. Altri a quelle successive condividendo la stessa sorte dei precedenti. Altri, come me, sono ancora in viaggio cercando di non sedersi accanto a quello strano compagno di viaggio con la speranza nel cuore di ritrovare i pensieri di una volta e la serenità perduta.

Il mio augurio per questo altrettanto insolito Natale è quello di ritrovare al più presto il giusto “scambio” per tornare a percorrere, insieme agli abituali compagni di viaggio, la tratta della nostra esistenza: riprendendo a guardare dal finestrino quel film interrotto e facendo scendere alla prima stazione utile quell'ormai indesiderato passeggero.

 

Pietro

 
 
 

Il sognatore

Post n°245 pubblicato il 15 Dicembre 2021 da Dream_Hunter

Un altro giorno esala l' ultimo respiro, le ombre della sera travolgono gli ultimi riflessi di uno stralcio di vita vissuta anima e corpo: tu contro il mondo!
Mentre cerchi di sommare le tue lodi quotidiane e sfuggire
le piccole sconfitte una voce sussurra un desiderio ed altro ancora. Poco a poco ti accorgi che la tua vita va oltre il destino: oltre...
Preghi allora, preghi sempre di piu' per essere li', per sempre con il tuo egoismo al centro dell' Universo, stella brillante nella galassia dei sogni.
Li' dove gli orologi non hanno lancette, il pensiero ti guida, il desiderio impera, l' amore trionfa.
Oh, piccolo sognatore cullati per poco di quel magico evento, trai da esso sfogo e forza per sopravvivere al domani.

Pietro

 
 
 

La fenice

Post n°244 pubblicato il 05 Dicembre 2021 da Dream_Hunter

Come sempre, come sai, rimango davanti  alla porta socchiusa della tua anima aspettando un tuo cenno. Non entro. Ti sento sospesa tra cielo e terra senza il conforto di una prospettiva, una di quelle che ti faccia intravedere un futuro diverso da quello che oggi appare essere macchiato dalle inesistenti colpe di ieri. C'e' la solitudine a farti paradossalmente compagnia in questo giorno fatto di ricordi. E neanche le parole degli altri alleviano il senso di vuoto lasciato da cio' che poteva essere e che non è stato. Navighi nel mare delle speranze infrante, della sofferenza e dell'incertezza. Una navigazione a vista alla ricerca di un porto sicuro  in cui attraccare. Mi manca quel sorriso, quella voglia di vivere che è sempre andata oltre le avversita' della vita e di cui, sono certo, sei ancora intrisa e pervasa. Ritrova questa parte di te tra le lacrime e il senso del presente e tornerai a veleggiare verso il mare aperto alla ricerca del tuo futuro : qualunque esso sia. Cerca e non ti fermare mai. Sei fatta per vincere il tempo e la solitudine e trasformare la pioggia in sole e le nuvole in un azzurro intenso. Non so quanto queste parole avranno presa sul tuo senso di vuoto ma ti giungano come un abbraccio: forte, intenso! E che esso abbia su di te il potere di stimolare la rinascita di ciò che eri e che sei sotto le ceneri delle tue vicissitudini.

Pietro

 
 
 
Successivi »
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

surfinia60Dream_Hunterbluiceeeacquasalata111sonoquiperte_fDoNnA.Scuspides0ernestoandolinaNuvola_volaSalva5050Amante.riservato1Estelle_knodopurpureomicia_lo_gatto
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

I SOGNI CI AIUTANO A CAPIRE CHI SIAMO


I sogni a volte ci fanno capire molte cose che la realta' ci nasconde profondendoci dosi di normalita' e di abitudine. Eccone uno, "tradotto" per l'occasione in parole, che mi ha dato da pensare e mi ha fatto riflettere molto.  

Buona Lettura.


" E'se fosse vero!!!" - esclamo' con uno sguardo attonito rivogendosi al suo inusuale e muto interlocutore mentre si guardava allo specchio.Purtoppo lo era. La sua immagine non era piu' la stessa, stentava a riconoscere quei tratti nuovi, cosi' profondamente diversi da quello a cui era abituato a vedere. Non piu' quello sguardo sicuro e determinato ma solo due piccole fessure stampate sul suo viso che a stento facevano passare il senso della vita intorno a lui. Le sue mani, un tempo forti e capaci, non riuscivano neppure a girare l'ultima pagina di quel libro che lo aveva condotto in un luogo al confine tra se stesso ed il tempo, tra la voglia di essere qualcuno diverso ed una realta' piena di "perfezione" che non gli dava tregua. Quelle paure che per tutta la vita lo avevano accompagnato, emergendo episodicamente ad ogni bivio importante, erano ormai padrone incontrastate del suo essere. Un gigante di argilla sotto la pioggia che si sgretolava ad ogni goccia tornando ad essere materia informe e non piu' eletta a sfidare il mondo.

 

LA NOSTRA STORIA

La nostra storia

Caducità dell'essere, confine tra sottili speranze ed immensi dolori. Gioie, poche, quelle si. Ma se dell'universo siamo piccoli spilli allora e per una volta sola, pungiamo l'orgoglio del tempo e viviamo. Un attimo, un soffio di vento, un solo battito di ciglia, tutto è solo per noi. Delle piccole cose facciamo tesoro, delle grandi osserviamo l'ombra scorrere sul nostro esile fiore. Lasciamoci andare a piccoli sorsi di felicità: in fondo non abbiamo mai nulla da perdere a riscrivere la storia, la nostra.