Creato da Dream_Hunter il 08/09/2006

TrovaTeStesso

Ognuno di noi è in cammino per trovare se stesso ................................................... La vita e' cosi'. Non fai nemmeno in tempo a guardarti indietro che ti e' scivolata tra le mani, come la sabbia, come l'acqua del mare. Tra le dita non resta che polvere d'esistenza e i ricordi rimangono impigliati tra le unghie. Un instante tra due silenzi infiniti che urla la sua volontà di esistere, una luce nel buio che lascia una speranza per chi ci ha visto brillare. Dream Hunter

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 35
 

LA PORTA

Eccomi, sono qui. Davanti a quella porta chiusa da millenni.
Il tempo e la sua storia l'hanno chiusa per sempre.
Piove ancora, l'algida mano s'accosta al ligneo muro e le nocche tremanti intonano un lamento sordo.
L'eco di quella ritmica richiesta trova di nuovo quell'unica e
taciturna conferma.
Oltre, io so che si nasconde molto, molto altro:
un fuoco che arde senza scaldare nessuno; uno specchio rotto dai ricordi di un passato dannatamente presente; un orcio colmo di lacrime mai piante ed un scrigno pieno di felicita' mancata.
Con un passo lento ma sicuro volto le spalle a quell'antro di ignote paure.
E torno a vivere ove il mio destino mi porta.

E voi da quale parte della porta siete?

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: Dream_Hunter
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 50
Prov: AQ
 

 

Per chi suona la campana

Post n°193 pubblicato il 18 Luglio 2019 da Dream_Hunter

<< L'attesa rimane - al di là degli invevitabili effetti collaterali sul sistema nervoso -  il momento in cui il desiderio e la sua realizzazione trovano posto seduti sulla stessa panchina: entrambi per guardarsi negli occhi e stabilire chi dei due si alzerà e chi invece rimarrà a compiersi>>.
 
 
 Pietro

 
 
 

La fenice

Post n°192 pubblicato il 17 Luglio 2019 da Dream_Hunter

Come sempre, come sai, rimango davanti  alla porta socchiusa della tua anima aspettando un tuo cenno. Non entro. Ti sento sospesa tra cielo e terra senza il conforto di una prospettiva, una di quelle che ti faccia intravedere un futuro diverso da quello che oggi appare essere macchiato dalle colpe di ieri. C'e' la solitudine a farti paradossalmente compagnia in questi giorni d'estate. E neanche le parole degli altri alleviano il senso di vuoto lasciato da cio' che poteva essere e che non è stato. Navighi nel mare delle speranze infrante, della sofferenza e dell'incertezza. Una navigazione a vista alla ricerca di un porto sicuro  in cui attraccare. Mi manca quel sorriso, quella voglia di vivere che è sempre andata oltre le avversita' della vita e di cui, sono certo, sei ancora intrisa e pervasa. Ritrova questa parte di te tra le lacrime e il senso del presente e tornerai a veleggiare verso il mare aperto alla ricerca del tuo futuro : qualunque esso sia. Cerca e non ti fermare mai. Sei fatta per vincere il tempo e la solitudine e trasformare la pioggia in sole e le nuvole in un azzurro intenso. Non so quanto queste parole avranno presa sul tuo senso di vuoto ma ti giungano come un abbraccio: forte, intenso! E che esso abbia su di te il potere di stimolare la rinascita di ciò che eri e che sei sotto le ceneri delle tue vicissitudini.

Pietro

 
 
 

Lascia che sia...

Post n°191 pubblicato il 19 Giugno 2019 da Dream_Hunter

Credo ci sia un età per tutto.​ Abbiamo aspettative e desideri diversi ad ogni età. 
Aspettative e desideri che generano più o meno rimpianti. Quelli giungono al calare 
della sera quando i potevo sono ormai parte dei discorsi quotidiani ed i potrò 
ricoprono d'oro solo qualche piccolo tratto delle nostre prospettive.​ La consapevolezza 
si guadagna con gli anni e si paga, spesso, a caro prezzo ma quando arriva è meglio 
prenderne a mani basse e farla trionfare cancellando le rughe dei ricordi e del passato. 
Ci meritiamo ciò che siamo. In gran parte perché lo abbiamo voluto e per il resto perché lo hanno voluto gli altri. Tirato il segno e fatte le dovute operazioni algebriche rimaniamo sempre noi: quelli che ogni mattina vediamo riflettersi negli specchi della fatti del vetro duro​ della vita reale. Siamo noi e in qualche modo dobbiamo esserne fieri perché la nostra unicità e ciò che ci rende diversi dal resto dell'umanità e che fa, anche se ancora non lo sappiamo,​ la differenza in qualcosa o per qualcuno.

Pietro

 
 
 

Free as a Bird

Post n°190 pubblicato il 12 Giugno 2019 da Dream_Hunter

Nessuno mi toglierà mai dalla testa che dentro di noi c'è moto di libertà con le sembianze di un uccello che spiega le sue ali per volare oltre l'orizzonte della vita.
Nell'anima nascondiamo una gabbia fatta di sbarre indurite dai ricordi del passato della quale rimaniamo prigionieri inconsapevoli, per pochi secondi o per un momento lungo più della nostra stessa esistenza. A quel battito d'ali affidiamo le speranze segrete, i desideri inespressi ed il coraggio di sognare ogni giorno un domani diverso, magari migliore e​ la volontà di essere davvero liberi nel cielo della felicità.


Pietro

 
 
 

Vittoria & Successo

Post n°189 pubblicato il 01 Giugno 2019 da Dream_Hunter

Spesso confondiamo il verbo vincere con l'avere successo. Credo che le vittorie possano avere anche il sapore di una sconfitta perchè da quella abbiamo imparato a vivere noi stessi in modo migliore. Avere successo nella vita oggi rappresenta una equazione in cui dopo il segno di uguaglianza troviamo: soldi, popolarità e talvolta un senso di onnipotenza che non si addice alla nostra natura umana. Vincere è andare oltre il suo senso materiale trovando la giusta strada per capire ( per quanto ci è concesso) la vita ed accettarla per quello che di dà o che ci toglie, con l'umiltà di chi ha voglia di imparare ogni giorno ad essere diverso da ieri ma con la consapevolezza della propria unicità.


Pietro

 
 
 
Successivi »
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Dream_Hunteracquasalata111donadam68se_forse_mailascrivanaditantestelleNuvola_volasemplicementeio11195soltanto_unsognoambradistelleBluEyes_BlueSkydivinacreatura59hyponoianina.monamour
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

I SOGNI CI AIUTANO A CAPIRE CHI SIAMO


I sogni a volte ci fanno capire molte cose che la realta' ci nasconde profondendoci dosi di normalita' e di abitudine. Eccone uno, "tradotto" per l'occasione in parole, che mi ha dato da pensare e mi ha fatto riflettere molto.  

Buona Lettura.


" E'se fosse vero!!!" - esclamo' con uno sguardo attonito rivogendosi al suo inusuale e muto interlocutore mentre si guardava allo specchio.Purtoppo lo era. La sua immagine non era piu' la stessa, stentava a riconoscere quei tratti nuovi, cosi' profondamente diversi da quello a cui era abituato a vedere. Non piu' quello sguardo sicuro e determinato ma solo due piccole fessure stampate sul suo viso che a stento facevano passare il senso della vita intorno a lui. Le sue mani, un tempo forti e capaci, non riuscivano neppure a girare l'ultima pagina di quel libro che lo aveva condotto in un luogo al confine tra se stesso ed il tempo, tra la voglia di essere qualcuno diverso ed una realta' piena di "perfezione" che non gli dava tregua. Quelle paure che per tutta la vita lo avevano accompagnato, emergendo episodicamente ad ogni bivio importante, erano ormai padrone incontrastate del suo essere. Un gigante di argilla sotto la pioggia che si sgretolava ad ogni goccia tornando ad essere materia informe e non piu' eletta a sfidare il mondo.

 

LA NOSTRA STORIA

La nostra storia

Caducità dell'essere, confine tra sottili speranze ed immensi dolori. Gioie, poche, quelle si. Ma se dell'universo siamo piccoli spilli allora e per una volta sola, pungiamo l'orgoglio del tempo e viviamo. Un attimo, un soffio di vento, un solo battito di ciglia, tutto è solo per noi. Delle piccole cose facciamo tesoro, delle grandi osserviamo l'ombra scorrere sul nostro esile fiore. Lasciamoci andare a piccoli sorsi di felicità: in fondo non abbiamo mai nulla da perdere a riscrivere la storia, la nostra.