Un blog creato da paghe_contributi il 19/06/2007

Paghe e contabilità

Scienze naturali ed economiche

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

I LIBRI DI WALTER CAPUTO

LA PIZZA AL MICROSCOPIO (con Luigina Pugno) - 1° edizione 2016 (rassegna stampa)

L'ANALISI PER FLUSSI E IL RENDICONTO FINANZIARIO - 2° edizione 2011

CASI SVOLTI DI CONTABILITA' E BILANCIO - 1° edizione 2007

CORSO BASE CONTROLLO DI GESTIONE - 2° edizione 2009

PAGHE E CONTRIBUTI - 6° edizione 2011

CASI SVOLTI DI PAGHE E CONTRIBUTI - 3° edizione 2008

CORSO BASE DI CONTABILITA' E BILANCIO - 6° edizione 2011

T.F.R. 2007 - COSA CAMBIA E COSA FARE - 1° edizione 2007

 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 
« Crisi, Draghi: va gradua...Imprese e banche: occorr... »

SOTTO LE IMPOSTE OGGI, COME NEL MEDIOEVO di Walter Caputo - 9/8/09

Post n°265 pubblicato il 28 Agosto 2009 da supergigia2000

Nel Medioevo i contadini dovevano pagare le imposte al loro signore in cambio della sua protezione. Questa era la logica di base del sistema tributario medioevale. Oggi il fondamento alla base del sistema fiscale è per caso diverso ? Assolutamente no.

I cittadini in quanto tali appartengono allo Stato, che è il loro padrone, e dunque devono pagare le imposte, dando il loro contributo per finanziare le spese di mantenimento dello Stato stesso. Esattamente come accadeva nel Medioevo, quando i contadini “mantenevano” economicamente il padrone del feudo. Ma lo Stato ci protegge effettivamente ? E c’è qualcuno che – per ottenere servizi pubblici – pagherebbe comunque le imposte anche se non fosse obbligato ? Non apriamo questa parentesi perché ci porterebbe troppo lontano e continuiamo piuttosto ad analizzare il sistema tributario medioevale.

Quasi tutti conoscono le “corvées” (così si scrive correttamente in francese), il cui nome deriva dal fatto che esse cadevano sempre nel peggior momento dell’anno: durante la mietitura. Così capitava che i contadini fossero obbligati a lasciare i propri raccolti per mietere la terra personale del signore o per sistemare le mura e i fossati del suo castello. Naturalmente essi ne avrebbero fatto volentieri a meno, tuttavia le corvées erano compiti da adempiere gratuitamente per il signore e c’era poco da discutere.
Le corvées non esistono più ? Assolutamente no. Oggi si chiamano soprattutto tirocini e stage. In buona sostanza, alcuni percorsi di laurea prevedono l’obbligo del tirocinio, così come alcune professioni autonome richiedono un periodo di praticantato per potersi iscrivere all’albo professionale ed iniziare a lavorare (es. dottori commercialisti, avvocati, psicologi ecc.). Dunque anche oggi lo Stato obbliga molte persone a lavorare gratis per lui (perché sono norme emanate dallo Stato quelle che impongono i tirocini obbligatori), nel momento peggiore della propria vita, cioè quando si è giovani e si avrebbe un disperato bisogno di lavorare, guadagnare e mettere soldi da parte per il futuro.

L’imposta di base del sistema tributario medioevale apparve nel 1050. Essa era proporzionale ai redditi “supposti” e doveva essere pagata in denaro. I francesi la definiscono “taille” ovvero taglia o tacca, poiché – ogni volta che l’esattore prelevava l’imposta – incideva una piccola tacca (“entaille” in francese) su una bacchetta di legno. La taille nacque come imposta militare, da pagare una tantum (come si direbbe oggi), solo quando il signore veniva minacciato da un esercito nemico. In quel caso l’imposta serviva al signore per equipaggiarsi ed affrontare un’eventuale battaglia. A partire dal XII secolo l’imposta fu richiesta ogni anno.
Oggi quasi tutte le imposte che paghiamo sono proporzionali al reddito (esattamente come la taille) nel senso che ad un reddito doppio corrisponde un’imposta doppia, ad uno triplo un’imposta tripla e così via. L’IRPEF, l’imposta sul reddito delle persone fisiche, è l’unica imposta progressiva nel nostro attuale ordinamento tributario. Progressiva significa più che proporzionale, ovvero tale che ad un reddito doppio corrisponde un’imposta più che doppia.
Non mancano oggi imposte da pagare su redditi “presunti”, e sono decisamente le più odiose. Ad es., chi possiede un terreno che non coltiva e non affitta, e da cui quindi non ricava alcun reddito, è comunque (se è una persona fisica) obbligato a pagarvi l’IRPEF. L’Amministrazione Finanziaria, come il signore feudale, ritiene che il proprietario del terreno possa potenzialmente ottenere un reddito, e per questa “potenzialità” deve pagare un’imposta.

I contadini del Medioevo pagavano anche le cosiddette “banalités”, che erano banali solo perché erano molto diffuse. In realtà si trattava di imposte particolarmente odiate dai contribuenti, in quanto erano dovute per l’uso di forni (per il pane), torchi e frantoi. Mezzi che non potevano (per disposizione del signore) essere posseduti di contadini. E così, ogni volta che volevano cuocere il pane erano obbligati a pagare una tassa: secondo l’uso terminologico odierno la tassa è la controprestazione dovuta per un servizio a domanda individuale (se vuoi cuocere il pane paghi la tassa, ma puoi anche evitare di cuocerlo e così non paghi nulla… ma mangi il pane crudo. Al contrario l’imposta sul reddito si paga comunque come controprestazione di servizi a domanda collettiva).
Oggi, in maniera analoga rispetto a quanto capitava nel Medioevo, se voglio ad es. un determinato certificato, devo pagare l’imposta di bollo, che in realtà è una tassa. Purtroppo le attuali leggi tributarie vengono elaborate da “non esperti”: gli esperti di diritto tributario, dopo che le leggi sono state emanate, cercano di trovar loro – a fini di studio – un’adeguata sistemazione e classificazione.
D’altronde, se invece possiedo un bar e voglio aprire un dehors, devo pagare una tassa perché occupo il suolo pubblico, cioè il suolo del signore, ops… scusate, il suolo dello Stato.

Niente di nuovo neanche sul fronte dei pedaggi medioevali, che si pagavano ad ogni incrocio, su tutti i ponti e persino all’ingresso delle città. Anche oggi paghiamo il pedaggio sull’autostrada e nei tunnel (il Frejus costa 33,20 euro !!!). E quando entriamo in centro paghiamo il parcheggio…. Allora, cosa è veramente cambiato dal Medioevo ad oggi ? Bé, nel Medioevo, i contadini “evasori” potevano subire il taglio dei piedi o delle mani o essere privati della vista. Ai più fortunati venivano soltanto strappati i denti…
Oggi l’evasore può dimostrare le proprie ragioni all’Amministrazione Finanziaria e beneficiare di un regolare processo, alla fine del quale non sono comunque previste punizioni corporali; al massimo il colpevole incorre in restrizioni della propria libertà.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

luprano.simonapaghe_contributis.amoricosogrametsrlxxx250raffaella.savatteriemanuela.gigliettianiello_tontarostudiosopranigianmoratfortunatodgl7u2beautifuldayverso_seraanatraselvaggia
 
 
 
 
 
 
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 
 
 
 

L'AUTORE DEL BLOG: CHI E' WALTER CAPUTO ?

Ha un diploma universitario in Amministrazione Aziendale, con specializzazione in Finanza. E’ laureato in Economia e Commercio e in Scienze Statistiche. Insegna sia materie matematico - fisico – statistiche che economico - giuridico - fiscali. Su questi temi: contabilità, controllo di gestione, paghe e contributi, divulgazione scientifica ha scritto decine di libri. Inoltre ha pubblicato più di 300 articoli di divulgazione scientifica. Da giugno 2016 è coautore del blog Cibo al microscopio. Da novembre 2012 è cofondatore di Risparmiare Fare Guadagnare. Da novembre 2008 è science writer per Gravità Zero, corporate blog di divulgazione scientifica. Da giugno 2007 è autore di un Blog di Scienze naturali ed economiche.

I suoi articoli si leggono qui.

Il suo profilo Linkedin, Facebook, Twitter .

Qualcosa di divertente sull'autore di qusto blog.