Creato da Piero_Calzona il 14/03/2007

Verità...

Alla ricerca di soluzioni comuni per la pace e la libertà nel mondo

 

 

« Gli Orrori della ChiesaLa fabbrica dei santi »

Celibato

Post n°110 pubblicato il 16 Febbraio 2009 da Piero_Calzona
 

CELIBATO

 

Perché i Preti non si possono sposare?

 

Come è stata manipolata la Bibbia

 

 

 

celibato

 


Nella Lettera a Tito, in una sezione intitolata «condizioni dei vescovi», San Paolo scrisse la seguente istruzione: «Per questo ti ho lasciato a Creta perché regolassi ciò che rimane da fare e per­ché stabilissi presbiteri in ogni città, secondo le istruzioni che ti ho dato: il candidato deve essere irreprensibile, sposato una so­la volta, con figli credenti e che non possano essere accusati di dissolutezza o siano insubordinati. Il vescovo infatti, come am­ministratore di Dio, dev'essere irreprensibile: non arrogante, non iracondo, non dedito al vino, non violento, non avido di guadagno disonesto» (27 1, 5-7).

 

Imporre ai membri del primo clero la condizione - certa­mente ispirata da Dio - di essere «mariti di una sola donna» non poteva significare, come oggi comanda la Chiesa cattolica, che dovevano essere celibi, ma piuttosto, che fossero sessualmente fedeli a una sola donna, cioè, a quella con la quale si fossero spo­sati. Una norma morale che, come documenta la storia ecclesiastica del primo millennio, non è stata granché rispettata dal cle­ro cattolico: da papi, vescovi e sacerdoti, che sono stati sposati e nemmeno da coloro che sono rimasti formalmente celibi.


Per di più, il presunto e inappellabile magistero divino del­l'Antico Testamento, espresso nel capitolo intitolato «leggi circa la purezza abituale dei sacerdoti» della Legge proclamata nel Levitico - la cui validità è stata ratificata da Gesù in Mt 5, 17-18 - prescrive: «Sposerà una vergine. Non potrà sposare né una vedova, né una divorziata, né una disonorata, né una prostitu­ta; ma prenderà in moglie una vergine della sua gente. Cosi non disonorerà la sua discendenza in mezzo al suo popolo; poiché io sono il Signore che lo santifico» (Lv 21, 13-15).

Sembra, dunque, che Dio si sia preoccupato persino di legiferare sulle caratteristiche che dovevano avere le spose dei sacerdoti.


 


 


 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/pierocalzona/trackback.php?msg=6528170

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
poetella
poetella il 16/02/09 alle 19:20 via WEB
l'unico commento possibile è....

il silenzio!!!!!!!

 
 
Piero_Calzona
Piero_Calzona il 16/02/09 alle 20:09 via WEB
Con il silenzio si può accettare o non accettare il celibato. Invece vorrei conoscere il tuo pensiero Poetella!!! Ti ringrazio comunque, Ciao, Piero
 
occhi_curiosi
occhi_curiosi il 17/02/09 alle 12:53 via WEB
sapevo che a seconda del periodo storico i preti si sposavano oppure no, proprio nel periodo di Gregorio (non mi ricordo che numero)i preti si sposavano! dirò di più, avevano il "permesso" di sposarsi proprio per salvaguardare l'immagine. visto che si sapeva che comunque i preti sfogavano i loro bisogni sessuale (si può dire così?) tanto valeva dargli una moglie di conseguenza un'imagine più pulita piuttosto che pensarli a zonzo con donnine allegre ^__^ io ho sempre pensato che gli insegniamenti di DIO vanno oltre le manipolazioni della chiesa, del resto la chiesa è fatta di uomini e come tali posso cadere in tutti gli sbagli umani. Dio è di più, non si ferma di fronte certe cazza! Complimenti, interessante il tuo blog, tornerò al più presto ^__^
 
 
Piero_Calzona
Piero_Calzona il 17/02/09 alle 18:55 via WEB
Ti ringrazio per aver espresso il tuo pensiero molto chiaramente Occhi_curiosi. In effetti questo post, oltre a mettere in evidenza una verità che non è mai stata mai raccontata dalla Chiesa cattolica romana, vuole essere anche critico e provocatorio. Per quanto riguarda ciò che hai affermato sulle pulsioni sessuali, è uno degli argomenti basilari del celibato. I preti, in quanto Uomini, devono avere una vita come tutti gli altri (sessualmente), indipendentemente dalle religioni, tutte le regole che sono state imposte fanno parte di un complesso sistema teologico che non ha niente a che fare con la vera realtà delle scritture. Le prime normative che riguardano la sessualità e sussidiariamente il matrimonio/celibato dei clerici, si producono quando la Chiesa, grazie all'azione dell'imperatore Costantino, comincia a organizzarsi come un potere socio-politico terreno. Più i secoli passano e più vengono manipolati i Vangeli originali, e più forza acquista il celibato obbligatorio, uno strumento chiave per dominare la massa clericale. Fino al Concilio di Nicea (325) non vi era alcun decreto legale in materia di celibato. Nel canone 3 è stato stipulato che «il Concilio proibisce, con severità, che vescovi, sacerdoti e diaconi, cioè tutti i membri del clero, abbiano con sé una persona dell'altro sesso, eccezione fatta per madre, sorella, zia o donne al di sopra di ogni sospetto»; ma in questo stesso concilio non si è proibito ai sacerdoti già sposati di continuare nella loro normale vita sessuale. La Chiesa anglicana e molte altre Chiese protestanti accettano o addirittura incoraggiano il matrimonio per i loro ministri del culto. I pastori anglicani convertitisi alla confessione cattolica possono continuare ad esercitare il sacerdozio (con il permesso della Santa Sede) restando sposati, coloro che invece non lo erano prima della conversione o che in seguito sono diventati vedovi non possono sposarsi o risposarsi.
 
Hiram.sc
Hiram.sc il 17/02/09 alle 14:20 via WEB
chi scrive la storia? chi detiene le tv...chi detta le regole...chi esegue gli ordini...?? la strada è lunga ... lunghissima...
 
 
Piero_Calzona
Piero_Calzona il 17/02/09 alle 19:06 via WEB
Non riesco a trovare la connessione tra ciò che hai commentato e ciò che c'è scritto nel post Hiram.sc. Potresti essere un po' più chiaro? Grazie
 
oltreleparole_2008
oltreleparole_2008 il 17/02/09 alle 14:43 via WEB
ciao fratelli io penso che parliamo piu`o meno tutti la solita lingua in quanto tutti siamo alla ricerca perenne della giustizia che in un qualche modo ci viene a mancare ogni giorno.fino ad ora ce la siamo rifatta l`un con l`altro ammzzandoci in ogni modo.per fortuna da ora possiamo comprendere quanto tutto cio`e`stato paradossale,percio`il passato va ringraziato col cuore e lasciato andare,innanzitutto!!!penso questo,un abbraccio leedo,ps ho postato dei siti sul blog che penso possono esser d`aiuto. siamo tutti uno,a presto
 
oltreleparole_2008
oltreleparole_2008 il 17/02/09 alle 14:46 via WEB
ah scusami avevo iniziato a scrivere per fare i complimenti al sito e alla tua ricerca,che e`molto importante per poter spedire luce la`dove non ce ne e`.ciao
 
 
Piero_Calzona
Piero_Calzona il 17/02/09 alle 19:10 via WEB
Ti ringrazio molto Oltreleparole.
 
forse_una_rondine
forse_una_rondine il 17/02/09 alle 17:32 via WEB
e' un problema di legittimita' della discendenza. lo si capisce bene se si vuole vivere in una comune libertaria oggi, qui in italia. sei soggetto cmq ad una legge che si fonda sulla proprieta' con la quale devi venire a patti. ni confronti della quale comunque devi trovare una forma per rapportarti devi impedire cioe' che escano fuori parenti di una qualche comunarda magari morta a reclamare parti del posto dove lavori e vivi coi tuoi compagni da 20 anni, magari per farne un agriturismo. i beni che dona la chiesa sono della chiesa e tornano alla chiesa. e se i preti figliano.... devono fare la cresta per mantenerli e assicurargli un futuro. immagino ci siano altri motivi all'imposizione del celibato, che' le cose non succedono mai per un motivo solo. ma scommetto che li tirerai fuori tu.
 
 
Piero_Calzona
Piero_Calzona il 17/02/09 alle 18:59 via WEB
Come hai potuto leggere nel post, il celibato è una manovra speculativa della chiesa cattolica, difatti come ho scritto prima nel commento di Occhi curiosi, nel Protestantesimo e soprattutto nell’Anglicanesimo non solo i preti si possono sposare, ma anche le donne possono essere ordinate sacerdote. Nel 1400 era cosi frequente che i clerici avessero concubine, che i vescovi hanno stabilito la cosiddetta “renta di putane”, ossia una somma di denaro che i sacerdoti dovevano pagare al vescovo ogni volta che trasgredivano la legge sul celibato. Avere amanti era così frequente, che molti vescovi hanno preteso la renta di putane da tutti i sacerdoti della loro diocesi senza eccezione. Chi difendeva la propria purezza era comunque obbligato a pagare perché il vescovo sosteneva che era impossibile non avere rapporti sessuali di alcun tipo. A questo stato di cose ha cercato di porre rimedio il tumultuoso Concilio di Basilea (1431-1435), che prescrisse la perdita delle entrate ecclesiastiche a chi non abbandonasse la concubina dopo essere stato avvertito e aver subito un ritiro momentaneo dei benefici. Con la celebrazione del Concilio di Trento (1545-1563), Papa Paolo III, protagonista di una vita dissoluta, che ha favorito il nepotismo all'interno del suo pontificato, e padre di diversi figli naturali, fece applicare in modo definitivo le disposizioni disciplinari di Laterano e proibì, inoltre, l'ordinazione di maschi sposati. Tuttavia, la Chiesa cattolica, trasformando un inesistente «consiglio evangelico» in legge canonica obbligatoria, è rimasta lontana anni luce dal potenziare ciò che Paolo VI riassume come «una relazione personale più intima e più completa con il mistero di Cristo e della Chiesa, per il bene di tutta l'umanità». Anzi, al contrario, ciò che si ha ottenuto la Chiesa con l'imposizione della legge del celibato obbligatorio è uno strumento di controllo che gli permette di esercitare un potere abusivo e dittatoriale sui propri lavoratori. Una strategia fondamentalmente economicistica per abbassare i costi di mantenimento della sua squadra sacro-lavorativa e incrementare il proprio patrimonio istituzionale. Evidentemente, l'unica «umanità» che trae profitto da questo stato di cose è la stessa Chiesa cattolica. Il carattere obbligatorio del celibato nel clero lo converte in una gran massa di mano d'opera a basso prezzo e ad alto rendimento, che favorisce una mobilità geografica e una sottomissione e dipendenza gerarchica assolute. Un sacerdote celibe è molto più economico di un altro che avesse il diritto di mettere su famiglia, in quanto, in quest'ultima ipotesi, l'istituzione dovrebbe almeno triplicare lo stipendio attuale del sacerdote per fare in modo che questi possa condurre un tenore di vita materiale sufficiente a mantenere un nucleo familiare. Dunque, quando si sente parlare del rifiuto della gerarchia cattolica alla possibilità di matrimonio dei sacerdoti, in realtà ciò che si vuole negare è un incremento delle spese di personale.
 
salamandraf
salamandraf il 17/02/09 alle 21:42 via WEB
Ma questa proprio non la sapevo. Ma sai che io ho sempre pensato che i preti non potessero sposarsi per via della pensione? Ti immagini quante epensioni di reversibilita' avrebbero dovuto elargire? Gia' sono pieni di debiti, sarebbero in rovina adesso.
 
 
Piero_Calzona
Piero_Calzona il 17/02/09 alle 23:06 via WEB
La storia del Cristianesimo è tra le più complesse e controverse di tutte le religioni, pensa che nella sola religione cristiana ci sono centinaia di ramificazioni, senza contare le varie sette. La storia del celibato è una farsa, come d’altronde tutta la struttura portante di questa religione, che si è manifestata al tempo di Costantino, con il concilio di Nicea. In effetti Costantino per guadagnare la fiducia dei cristiani ha fatto della religione cristiana religione di Stato, ciò gli ha consentito di modificare a suo piacimento delle regole dogmatiche che erano contenute nelle scritture. In poche parole, ha “comprato” i cristiani per costituire uno Stato più forte e influente nel mondo dell’Impero romano. Il concilio di Nicea, nel 325 d.C, è stata la più grande truffa che la religione cattolica, con il consapevole consenso dei papi, abbia mai fatto. Ma come avrai visto nei precedenti post, non è stata l’unica truffa, pian piano, vediamo di far emergere le mostruosità soprattutto in riferimento alle donne, che il cristianesimo ha sempre considerato una “sottospecie del genere umano”, ma questo è un altro discorso, che cercherò di sviluppare più in là.
 
   
salamandraf
salamandraf il 18/02/09 alle 09:15 via WEB
Su Wikipedia si parla di un Papa donna, ti risulta?
 
     
Piero_Calzona
Piero_Calzona il 18/02/09 alle 10:40 via WEB
Sinceramente le notizie riportate su internet, andrebbero prese con le molle, nei libri che ho letto, tra cui uno molto affidabile, (Cristianesimo – essenza e storia, di circa 1000 pagine – Autore Hans Kung, uno dei più prestigiosi teologi del nostro tempo), non si parla di nessun Papa donna, ciò dovrebbe essere implicito, in quanto la posizione della donna nel cristianesimo, o meglio nella religione cattolica cristiana, è sempre stata di secondo ordine, in effetti non veniva considerata affatto nelle mansioni ecclesiastiche, soprattutto dopo il concilio di Nicea, con Costantino (325 d.C). Mi risulta invece una cosa curiosa, che è avvenuta tra il XXII e XXIII sec. con la scissione tra Oriente e Occidente della chiesa cristiana. In questo periodo ci sono stati due Papi, uno a Roma e uno ad Avignone, poi nel 1409 i cardinali delle due parti tennero a Pisa un Concilio generale, deposero i due papi e ne elessero uno nuovo a Pisa (Alessandro V). La Chiesa si trovò con tre Papi.
 
     
forse_una_rondine
forse_una_rondine il 19/02/09 alle 11:45 via WEB
...quando si dice "riproduzione asessuata per scissione"...
 
Le_cento_botte
Le_cento_botte il 18/02/09 alle 11:05 via WEB
Beh , se potrà sposare solo una vergine e non potrà sposare né una vedova, né una divorziata, né una disonorata, né una prostitu­ta; ma potrà prenderà in moglie solo una vergine della sua gente , allora è proprio meglio che non si sposino . Sarei d'accordo che i preti si sposassero , solo a patto che possano sposare chiunque !
 
 
Piero_Calzona
Piero_Calzona il 18/02/09 alle 12:53 via WEB
Sono perfettamente d’accordo con te, tant’è che la storia della scissione della Chiesa cristiana cattolica romana, creando una nuova ramificazione: il Protestantesimo, ammette il matrimonio ai preti, non solo, ma, come avrai letto nei commenti precedenti, l’Anglicanesimo, incita i preti a sposarsi e la condizione della donna in queste religioni sono nettamente più logiche della Chiesa cattolica, in quanto sono inserite nella gerarchia ecclesiastica alla stregua degli uomini, quindi non esiste il patriarcato, che ha annullato ogni possibilità decisionale alla donna. Ancora oggi, nel XXI secolo la donna (nella religione cattolica romana) è fortemente discriminata dalle speculazioni di concili e di papi che hanno arbitrariamente preso delle decisioni errate dal punto di vista etico-sociale e sono completamente in opposizione con i Vangeli di Gesù.
 
CoMizia
CoMizia il 18/02/09 alle 11:08 via WEB
Gesù non istituì nè il sacerdozio nè il papato,perciò tutto quello che ne è seguito è dovuto alla chiesa.La Chiesa è la sposa di Gesù pertanto si è regolamentata in modo da essere il più possibile conforme al suo pensiero.I sacerdoti non si sposano per dedicarsi meglio al servizio ed è proprio questo servizio che li avvicina a Cristo!
 
 
Piero_Calzona
Piero_Calzona il 18/02/09 alle 12:54 via WEB
Gesù nei suoi Vangeli non ha parlato né di sacerdoti, né di Papi, né di Chiesa, anzi se ai letto bene i commenti precedenti, fino al 325 a.C, i rappresentanti delle comunità cristiane erano sposati, gli stessi apostoli erano sposati. La storia racconta che c’è stata una manipolazione arbitraria dei Vangeli, attraverso i Concili ed anche attraverso delle complesse lotte interne tra papato ed impero, da ciò possiamo dedurre che tutto ciò che oggi ci viene insegnato dal Vaticano è in forte contraddizione con la parola di Gesù.
 
   
occhi_curiosi
occhi_curiosi il 19/02/09 alle 10:45 via WEB
non capisco perchè uno per servire "bene DIO" nn dovrebbe sposarsi, allora tutti facciamo male il nostro lavoro?!?!?! posso capire un tempo, ma oggi, tutta questa ottusità mi nausea.
 
     
Piero_Calzona
Piero_Calzona il 19/02/09 alle 11:41 via WEB
Vedi Occhi_curiosi, l’osservazione che hai fatto sembra essere scontata, ma in effetti non lo è. La religione cattolica romana, si fermata nel III Paradigma, cioè nel Medioevo, il perché è molto semplice. Mentre l’evoluzione del pensiero scientifico sta, pian piano, subendo un processo di evoluzione, i dogmi, o leggi eterne, della religione cattolica rimangono sempre ferme. Basta pensare che la scienza ha dimostrato delle scoperte inconfutabili, ancora oggi la Chiesa rifiuta categoricamente alcuni dei principi scientifici determinanti per una sana evoluzione della società. Questa per me non è religione costruttiva, ma “ottusità smisurata”. Ciò dimostra che la tua affermazione, anche se giustificata dalla razionalità, è purtroppo ostacolata da questa mentalità chiusa e “medievale”, che persiste ancora nella maggior parte dei cristiani. Questo è uno dei motivi per cui sto cercando di mettere in evidenza, attraverso dei post, delle verità che ci vengono consapevolmente nascoste, soprattutto dai mass media.
 
Manfredi_Alter
Manfredi_Alter il 18/02/09 alle 15:24 via WEB
Ciao, Piero. Complimenti per il tuo blog davvero interessante. In merito all'argomento del post, sapevo che su sessismo e sessofobia della chiesa c'entra qualcosa anche il pensiero di Sant'Agostino, o sbaglio?
 
 
Piero_Calzona
Piero_Calzona il 18/02/09 alle 18:50 via WEB
Si, in effetti Sant’Agostino era un uomo come tutti gli altri, anzi nella sua giovinezza aveva addirittura respinto la cristianità. Ma chi era Agostino prima di diventare Santo? Agostino nasce nel 354 d. C. nell'Africa romana. Crescerà come ogni bambino e una volta diventato ragazzo preferirà fare baldoria con i suoi coetanei, non mostrando alcun interesse per la religione. La madre, Monica, fedele cristiana, però continuerà ad influenzare la sua formazione. All'età di 19 anni il giovane Agostino si trasferisce a Cartagine dove comincia ad insegnare retorica. Si innamorerà di una giovane (ma non si sposa) e avrà un figlio, Adeodato. Negli anni che seguirono conoscerà il vescovo milanese Ambrogio, che riuscirà (una volta e per tutte) ad avvicinarlo al Cristianesimo. Agostino che tipo era? “Un monomaniaco, un uomo ossessionato dal sesso, che però vuole liberarsene perché ritiene sia un male, tutto il mondo sensibile, il cibo, i fiori, sono un male per lui, e per questo vuole annullare ogni piacere”. Ma è con la donna che il conflitto si fa drammatico, anzi, tragico. Perché da quel sistema di pensiero (rigida separazione fra cielo e terra, fra anima e corpo), scaturisce inevitabilmente la condanna della donna, creatura inferiore, ricettacolo del male, colpevole dei peccati dell'uomo. Con Agostino assistiamo ad un cambiamento radicale della sessualità, (la dottrina del peccato ereditario) questa dottrina si era imposta come una valutazione negativa della sessualità: attraverso il piacere sessuale dell’atto matrimoniale viene trasmesso il peccato ereditario. Come vedi, e come ci racconta la vera storia del Cristianesimo, Agostino è stato uno dei promotori del celibato. Ormai è risaputo che il Nuovo Testamento ha subito una vera e propria manipolazione, non solo da papi e imperatori, ma anche e soprattutto dai cosiddetti Padri della Chiesa. Purtroppo ancora oggi, dopo vari Concili, la situazione non è assolutamente cambiata e la posizione della donna, dei preti e della struttura teologica, persiste, negando ogni possibile verità.
 
solonelcielo
solonelcielo il 19/02/09 alle 10:35 via WEB
Notevole il tuo blog, senza contare il tuo sito, e ammirabile soprattutto il tuo intento, e lo sforzo di realizzarlo. Complimenti. Un saluto
 
 
Piero_Calzona
Piero_Calzona il 19/02/09 alle 11:43 via WEB
Grazie Solonelcielo, sei veramente gentile. Un caro saluto.
 
RosaDelDeserto1dgl
RosaDelDeserto1dgl il 20/02/09 alle 11:31 via WEB
Mi associo a tutti coloro che si sono complimentati per il notevole contenuto di questo blog. Ripasserò presto a Leggerti... Complimenti davvero... Un sorriso... Ciao
 
 
Piero_Calzona
Piero_Calzona il 20/02/09 alle 15:37 via WEB
Ti ringrazio di cuore RosaDelDeserto. Un saluto. Piero
 
SolounGattoMatto
SolounGattoMatto il 20/02/09 alle 11:59 via WEB
Mi spiace ora di non avere il tempo nè i riferimenti a portata di mano.La figura della donna è stata volutamente, con abili falsificazioni, messa in secondo ordine rispetto a quella dell'uomo per evidenziare la figura "divina" (e quindi asessuata) di gesu' che altri non era che un uomo realmente vissuto e storicamente inserito nella realtà dei suoi tempi. Principalmente a Paolo si deve l'abile lavoro di marketing relativo alla divinizzazione. A partire dalla famosa "costola" di Adamo, che costola non era, un abile fraseggio ha permesso una realizzazione duratura nei secoli. Va da sè che secondo tale interpretazione, persino i preti, secondo la chiesa, hanno dovuto adeguae la loro figura, "ascetizzandosi". Ma se non fossero state tagliate o modificate le parti relative ad esempio alla Maddalena o ad altre figure nei testi biblici accettati od esclusi altri testi altrettanto autoritari, come avremmo potuto adorare una figura umana e condurre guerre sante ed eccidi nel suo nome?
 
 
Piero_Calzona
Piero_Calzona il 20/02/09 alle 15:44 via WEB
Diciamo che è vero ciò che affermi. Aggiungerei ancora qualcosa per completare il quadro. Se parliamo della Bibbia, ci sono delle controversie enormi sulla veridicità di questa scrittura. Intanto la Bibbia ebraica è completamente diversa dalla Bibbia cristiana, se leggi il post: “ gli orrori della Chiesa cattolica” ne ho spiegato i motivi. Non solo, ma tutte le “sacre scritture” sono state scritte, riscritte e manipolate da scribi, dove ognuno a suo modo e piacimento “aggiungeva o toglieva” in funzione della credenza del tempo. Pensa che attraverso lo studio delle religioni del mondo, ci sono dei casi perfettamente analoghi, sia alla storia della Bibbia, quindi Vecchio testamento, sia per il Nuovo testamento. Un caso emblematico è il Mitraismo, che racconta, con una analogia spaventosa, la storia di un messia nato da una vergine e poi condannato e resuscitato, ciò accadeva duecento anni prima di Cristo. Anche la storia raccontata dalla Bibbia sulla creazione dell’uomo, è una storia da prendere con le molle, anche perché nella stragrande varietà di Bibbie che si sono avute, ci sono delle contraddizioni delle falsificazioni e delle incomprensioni spaventose. Se noi dovessimo credere nelle scritture, a quale delle Bibbie bisogna fare riferimento? Inoltre c’è una testimonianza inconfutabile che ci offre la scienza, non solo attraverso la Fisica con tutte le sue ramificazioni, ma soprattutto attraverso la biologia, con la Teoria Evoluzionistica di Darwin. Attraverso questa teoria, che ha letteralmente annientato le sacre scritture, è possibile, con prove inconfutabili, annientare tutto ciò che ci è stato propinato fino adesso come “Verità Assolute”. E’ implicito che in tutto questo “minestrone” ben preparato, ci sono dei fatti che ancora adesso ne subiamo le conseguenze, come la donna nella società, che è sempre stata considerata una “sottospecie del genere umano”, non perché lo è veramente, ma perché le religioni del mondo, soprattutto quella cristiana cattolica romana, hanno creato l’ideologia de Patriarcato per avere il potere assoluto, annientando così la figura femminile per soddisfare le varie scritture, le ideologie, le filosofie che derivano il più delle volte da leggende o mitologie di migliaia di anni prima di Cristo. Per quanto riguarda il celibato, per concludere, ti posso dire che è una farsa mostruosa, che è stata costruita subito dopo il concilio di Nicea (325 d.C) con Costantino, ed alimentata dai cosiddetti Padri della Chiesa: Paolo di Tarso, Origene, Agostino, Tommaso D’Aquino, Martin Lutero, Friedrich Schleiermacher, Karl Bart. Uno di loro, Agostino, nonostante da giovane abbia avuto una storia abbastanza “movimentata” per quanto riguarda le donne, ad un certo punto ha cambiato idea, introducendo la dottrina del peccato ereditario, questa dottrina si era imposta come una valutazione negativa della sessualità: attraverso il piacere sessuale dell’atto matrimoniale viene trasmesso il peccato ereditario. Da qui, come saprai, i nostri ultimi Papi, invece di prendere in considerazione questo paradosso culturale, hanno alimentato il fenomeno del celibato facendo ricadere la società nel vecchio paradigma del XXII – XXVI secolo, il periodo più buio (culturalmente) dei nostri tempi. Insomma, siamo ancora nel pieno del Medioevo.
 
   
SolounGattoMatto
SolounGattoMatto il 23/02/09 alle 14:00 via WEB
Concordo. Infatti il concilio di Nicea sancì principalmente se dare credito alle correnti che sostenevano la figura "divina" di gesù o quella "semplicemente" umana come in moltissimi sostenevano. Da qui ne consegue principalmente la presa di posizne contro le donne. Per quanto riguarda i testi della bibbia, ho un atteggiamento diverso. Tralasciamo per un momento il discorso sui testi apocrifi o scartati e consideriamo solo quelli ritenuti canonici. Per secoli (omissioni volute a parte) i testi sono stati lasciati inalterati in quanto modificandoli si sarebbe andati contro l'idea che la bibbia è scritta direttamente da dio. Certo, per mano di scrittori ed evangelisti ma sotto la sua diretta influenza. E quindi l'attenzione filologica è stata massima. Questo ci ha permesso di mantenere e vedere nei testi delle incongruenze che altrimenti sarebbero state fatte sparire. Credo che forse la bibbia dei settanta sia la versione rimasta piu' fedele agli originali. E ho qualche dubbio che i testi piu' antichi siano "da prendere con le molle". Certo, vanno valutati molto attentamente e non come ce li "passa" la chiesa. Riconosco a quei testi un'enorme fedeltà e validità storica. Mi piacciono moltissimo (e sono convinto che un fondo di verità di sia) le prime teorie di Sitchin. Poi credo si sia un pò troppo innamorato delle sue idee e perso un pò per strada, ma credo che inizialmente avesse avuto uno studio ed un'attenzione enorme. Purtroppo, per quello che riguarda i periodi bui, credo che il peggio debba ancora venire.
 
     
SolounGattoMatto
SolounGattoMatto il 23/02/09 alle 14:03 via WEB
ps: scusa. dimenticavo. non sono così convinto che Darwin avesse ragione. La teoria evoluzionistica fa acqua da tutte le parti piu' di un colabrodo e troppe sono le sue incongruenze. Credo che la verità sia ancora ben lungi dall'essersi rivelata.
 
     
Piero_Calzona
Piero_Calzona il 23/02/09 alle 16:07 via WEB
Dunque vediamo di fare qualche piccola considerazione. Intanto ti dirò che la teoria evoluzionistica non è un colabrodo. Attraverso questa straordinaria teoria, associata alla paleontologia, gli scienziati, non solo nell’era di Darwin, ma soprattutto in quella post-moderna, hanno messo in evidenza delle prove inconfutabili per quanto riguarda l’evoluzione per selezione naturale sugli esseri viventi. E’ solo, e unicamente, attraverso questa teoria che oggi possiamo con estremo rigore fare una ricostruzione paleontologica sull’evoluzione dell’Homo Sapiens e dell’Homo Sapiens Sapiens. Questa è una delle ragioni per cui la Bibbia nella sua descrizione sulla creazione è semplicemente ridicola e mitologica. Il Creazionismo esiste perché c’è ancora una forma di rifiuto della mente umana che è stata plasmata per millenni da archetipi inutili. Il creazionismo esiste perché la gente ha il bisogno di credere in qualcosa. Il Creazionismo esiste per giustificare le scritture che ci hanno propinato per millenni. Questo è per me il motivo dell’esistenza del Creazionismo. In ogni modo, non considerando nessuna delle 4200 religioni diverse, non considerando neanche l’evoluzionismo, ognuno è libero di credere in una qualche possibile Entità Divina come ragione della nostra esistenza. In questo caso cadiamo inesorabilmente nell’agnosticismo, ma non nell’Ateismo.
 
     
Piero_Calzona
Piero_Calzona il 23/02/09 alle 16:21 via WEB
Ti ringrazio per avermi risposto. Si, ho capito perfettamente il tuo punto di vista sulla Bibbia e sulle sue origini. Però quando affermo che le scritture, e mi riferisco in particolare al Vecchio Testamento, sono da prendere con le molle, non intendo solo che si rifanno a racconti mitologici, tant’è che molte delle cose raccontate nella Bibbia dei Settanta, che si ritiene la più affidabile come originalità, vengono raccontate anche in altre religioni, ciò fa pensare che il bisogno di credere in qualcosa abbia influito pesantemente sulla fantasia delle varie civiltà antiche. Il discorso qui si fa molto complesso perché richiama argomenti come il RITO – il SACRO – il MITO . ti posso fare un piccolo esempio per non andare oltre il dovuto. Circa 90.000 anni fa l’uomo di Neandertal osservava già il culto dei morti, eppure non aveva nessuna religione, ci sono reperti archeologici tangibili su questo processo di ritualizzazione. In quel periodo non esistevano libri sacri o altro, ma tant’è che l’uomo aveva già la tendenza a domandarsi del perché dopo la morte. Nei periodi seguenti, l’uomo ha sempre avuto bisogno del mito, del rito e del sacro. Secondo vari antropologi questo bisogno del trascendente e dello straordinario è derivato dalla paura dell’ignoto, intemperie, cataclismi, il buio, ecc. Tutto ciò, attraverso una ricerca antropologia ed archeologica ci fa pensare che la nascita di quasi tutte le religioni siano dovute a questi complessi motivi. E adesso cerchiamo, dopo questa breve digressione, di continuare il discorso sulle scritture. Il motivo per cui non credo assolutamente al Vecchio Testamento sta nel fatto che il Dio del V.T. è un Dio inaccettabile, geloso, sanguinario, vendicativo, carnefice, furibondo. Come si può accettare un’Entità Divina con questa caratteristiche??? Le cose cambiano radicalmente, anche per opera della CEI, con il Nuovo Testamento, vediamo che il Dio di Abramo si trasforma, attraverso la persona di Gesù Cristo, in amore e tolleranza. Come si spiega tutto ciò??? Per concludere, da fonti ufficiali attendibili: http://www.adherents.com/ - pare che nel Mondo ci siano circa 4200 religioni diverse. Allora io mi chiedo!? Come si può credere nella Bibbia, e già di Bibbie ne abbiamo diverse versioni, quando su circa sette miliardi di persone ognuno ha il suo credo ed ogni popolo racconta la propria storia con documentazione che non è assolutamente inconfutabile???
 
     
SolounGattoMatto
SolounGattoMatto il 23/02/09 alle 16:44 via WEB
Quando è l'uomo a stabilire quali testi facciano parte della bibbia e quali no, mi diventa un pò arduo credere che la bibbia sia stata scritta da dio per l'uomo. In realtà c'è pure un filo comune che "lega" tra loro varie religioni e miti. Per non dilungarmi accenno solo al diluvio. Prendo spunto dal tuo riferimento al mitraismo per ricordare che mitra lo si considerava nato il 25 dicembre. Anche nelle religioni,nulla si crea, nulla si distrugge. Semplicemente si ingloba, si tramanda, si adatta a proprio uso e consumo. Solo due cose. 1: Continuo a non ritenere inconfutabile l'evoluzionismo darwiniano ma una semplice teoria con parecchi buchi inspiegabili (beh, non solo io, ovviamente, che non conto niente, ma parecchi scienziati ed ovviamente non mi riferisco a quei "burloni" dei creazionisti). 2: Non hai accolto il mio riferimento a Sitchin. Mi piacerebbe sapere se l'hai letto e cosa ne hai tratto.
 
     
SolounGattoMatto
SolounGattoMatto il 23/02/09 alle 16:49 via WEB
ps: davvero complimenti per le tue foto. Mi piacciono davvero tanto. Posizioni e colori di molte trasmettono un calore e delle sensazioni davvero forti e vibranti. Bravo davvero. Anch'io adoro fotografare ma ho davvero tanto da imparare. Bellissima la foto di boccadasse (sono genovese purosangue anch'io del resto)
 
     
SolounGattoMatto
SolounGattoMatto il 23/02/09 alle 17:06 via WEB
ri ps: ho "rubato" la tua foto di boccadasse per postarla sul mio blog. Spero non ti dispiaccia. La trovo veramente splendida e viva. Se ti creasse fastidio, la tolgo. ciao e grazie
 
     
Piero_Calzona
Piero_Calzona il 23/02/09 alle 18:07 via WEB
Non mi da assolutamente fastidio, l'unica cosa, essendo coperte da copyright dovresti mettere il nome dell'autore. Grazie, Ciao
 
     
Piero_Calzona
Piero_Calzona il 23/02/09 alle 18:05 via WEB
Ti ringrazio
 
     
Piero_Calzona
Piero_Calzona il 23/02/09 alle 18:04 via WEB
Vedi, quando una teoria è verificabile attraverso un processo paleontologico e archeologico, quindi quando si hanno delle prove tangibili, la teoria non è più una congettura, ma attraverso queste prove diventa certezza. La teoria evoluzionistica sta procedendo, attraverso anche la microbiologia, con passi enormi verso la sua veridicità. Purtroppo c’è uno scientismo da supermercato che ne ostacola l’evoluzione. Stiamo a vedere negli anni cosa succede. Davanti alle scoperte di Galileo Galilei anche la Chiesa cattolica romana era contraria (ERESIE DELLA CHIESA), ma poi si è dovuta piegare all’evidenza dei fatti. Per quanto riguarda Sitchin, non ho ancora letto niente, puoi darmi qualche titolo interessante?
 
     
SolounGattoMatto
SolounGattoMatto il 24/02/09 alle 10:37 via WEB
Leggi "il pianeta degli dei". Poi purtroppo si è un pò perso per strada e gli altri testi non sono all'altezza del primo. Ma se ti intendi un pò di storia antica, di genetica e alcune altre cosucce, troverai particolarmente interessante la sua teoria iniziale (resta comunque una persona dalla competenza e conoscenza davvero incredibili)
 
akkuaketa
akkuaketa il 20/02/09 alle 23:28 via WEB
mica mica che preti e monache hanno capito tutto della vita? non è facile la vita di coppia.............
 
 
Piero_Calzona
Piero_Calzona il 21/02/09 alle 00:01 via WEB
Ti ringrazio per essere intervenuta, ma potresti spiegare meglio il tuo concetto?
 
otello2007
otello2007 il 26/02/09 alle 09:02 via WEB
Ciao Piero...è da tempo che non ci si commenta! Una mia considerazione che abbracci questo ed il post precedente! La chiesa è sempre e soltanto stata una Potenza politica...non certamente religiosa! E come tale ha gestito il potere nè meglio nè peggio di come lo abbiano fatto tutti gli uomini...perchè di uomini si parla per quanto il Concilio vaticano abbia sancito l'infallibilità del papa quale incarnazione del dio dei cristiani! L'olocausto di cui tratta il sacerdote in questione...è stato smentito ovviamente dal vaticano il quale ha ridimensionato i numeri e le percentuali...come se attuare un genocidio o un "semplice" massacro fosse un distinguo netto ed insindacabile! Di fatto...per me...e per quanti ragionino con le loro teste...di genocidio si tratta! Ma vallo ad inculcare nelle teste del pio popolo cristiano...esempio calzante ne è Etnego...il quale continua a bersi tutte le direttive clericali come direttamente impartite dal loro dio...e non da uomini che...nel corso di due millenni...si sono macchiati delle stesse nefandezze che...dai loro pulpiti grondanti ipocrisia...continuano a enfatizzare...ma solo quando commesse da altri (specie dai regimi di sinistra...per quelli di destra un occhi l'hanno sempre chiuso...leggesi desaparecidos argentini o...ebrei italiani)...Un caro saluto
 
 
Piero_Calzona
Piero_Calzona il 27/02/09 alle 10:34 via WEB
Ti ringrazio molto Otello per il commento, hai fatto una radiografia molto dettagliata sulla situazione ecclesiastica, in effetti è verissimo ciò che affermi, la chiesa è stata, fin dalla sua fondazione e con il concilio di Nicea (325) sotto l’Imperatore Costantino, una istituzione unicamente politica, il Vangelo di Gesù è stato solo un alibi per accreditarsi fedeli e costituire il potere assoluto sulle altre religioni. Non voglio dilungarmi più di tanto su quello che ha fatto la chiesa in circa duemila anni di potere, è già stato commentato abbondantemente, è necessario, però, che tutte queste mostruosità vengono portate a conoscenza anche ai cosiddetti cristiani, che accettano, ancora, passivamente ciò che il Vaticano propina con naturalezza, senza minimamente osservare che la sua opera va contro ogni possibile etica, va contro il normale processo evolutivo del pensiero umano. Sto preparando altri articoli molto interessanti sulla religione cattolica romana, che ritengo sia stata, e lo è ancora, una delle peggiori religioni in tutto il pianeta.
 
   
platon78
platon78 il 22/12/12 alle 05:58 via WEB
1Corinzi7: 12 Agli altri dico io, non il Signore: se un nostro fratello ha la moglie non credente e questa consente a rimanere con lui, non la ripudi; 13 e una donna che abbia il marito non credente, se questi consente a rimanere con lei, non lo ripudi: 14 perché il marito non credente viene reso santo dalla moglie credente e la moglie non credente viene resa santa dal marito credente; altrimenti i vostri figli sarebbero impuri, mentre invece sono santi. 15 Ma se il non credente vuol separarsi, si separi; in queste circostanze il fratello o la sorella non sono soggetti a servitù; Dio vi ha chiamati alla pace! 16 E che sai tu, donna, se salverai il marito? O che ne sai tu, uomo, se salverai la moglie?
 
grazia.pv
grazia.pv il 28/02/09 alle 23:20 via WEB
Io penso che se i preti potesero sposrsi, avere una famiglia e dei figli, capirebbero meglio i problemi di noi comuni mortali e non, come dice la Chiesa, farebbero male il loro lavoro. Ciao, ho iniziato a leggere Un'etica senza Dio, sono alle prime pagine, si legge bene e si comprende anche meglio. Ciao.
 
sinerequie
sinerequie il 23/03/09 alle 10:54 via WEB
se non fosse stato istituito il celibato , gli eventuali figli del sacerdote avrebbero potuto reclamare diritti ereditari, il che avrebbe indebolito il potere temporale del papato,mi pare che da qualche pate sta scritto"andate e moltiplicatevi.."non con una censura tu si tu no... e la dimostrazione che altre chiese dove il sacerdozio e la vita coniugale sono compatibili, entrambi non ne risentono, e per esperienza personale quei sacerdoti ortodossi o protestanti che ho conosciuto mi son sembrati sereni, e non mi han dato l'idea di solitudine che molto spesso i preti cattolici mi hanno suscitato
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

INFO

 

Un blog di: Piero_Calzona

Data di creazione il 14/03/2007

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 147
 

ULTIME VISITE AL BLOG

marialuisatomasrosa.ferrecchiaassholebreakersolo_nei_tuoi_occhidaloi1954nadiacappapippoclementegraziano.bonfrancescninojan1lucia.cpcmontallegro.anagrafedelaurisromanovincenzo37ilcoloreametistapinaciciretti
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

LE MIE FOTO

"...Se nel mondo si potesse comunicare solo con le immagini, forse vivremmo in un mondo magico, costituito prevalentemente da sensazioni bellissime. Forse l'umanità avrebbe una dimensione diversa, una dimensione dove prevarrebbe di più l'amore, la comunicazione espressiva, le emozioni, il senso dell'estetica, forse anche un pizzico di buon senso, cosa che attraverso la comunicazione verbale a volte manca...".

immagine 

immagine

immagine

immagine

immagine

 

OFFICIAL SITE PIERO CALZONA

GALLERIA FOTO

REPORTAGE PONENTE LIGURE

REPORTAGE LEVANTE LIGURE

LE MIE FOTO 2

 

LE MIE FOTO 3

 

LE MIE FOTO 4