Un blog creato da resistenzabianconera il 18/10/2007

Blood black&white

Tutte le notizie sul mondo Juve!

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
 
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 22
 
 
 
 
 
 
 

 

 
« 6^ Champions League 2012...Ottavi di Coppia Italia ... »

16^ 2012-2013: Palermo - Juventus 0-1

Post n°967 pubblicato il 09 Dicembre 2012 da resistenzabianconera
 

Successo col minimo sforzo della capolista nel giorno del rientro in panchina del tecnico. Risolve lo svizzero in avvio di ripresa su assist di tacco di Vucinic. Il montenegrino ha colpito due pali. Espulso nel finale Morganella

Palermo (3-5-2): Ujkani 7,5; Munoz 6,5, Donati 6,5 (70' Dybala 6), Von Bergen 6,5; Pisano 6 (46' Brienza 5,5), Morganella 5, Kurtic 6 (74' Viola 6,5), Barreto 6, Garcia 6,5; Ilicic 6; Miccoli 6. A disp.: Benussi, Milanovic, Cetto, Labrin, Bertolo, Rios, Giorgi, Zahavi, Budan, All. Gasperini.
Juventus (3-5-2): Buffon 6; Barzagli 6, Bonucci 6,5, Chiellini 7; Lichtsteiner 7 (64' Padoin 6), Vidal 6,5 (54' Pogba 6), Pirlo 6,5, Marchisio 6, Asamoah 6; Vucinic 7, Matri 56 (72' Bendtner 6,5). A disp.: Storari, Rubinho, Giaccherini, De Ceglie, Quagliarella, All. Conte.
Arbitro: De Marco di Chiavari 6,5.
Reti: 5' st Lichtsteiner
Ammoniti Lichtsteiner, Morganella, Pirlo, Bonucci.
Espulso al 75' Morganella per doppia ammonizione.
Calci d'angolo: 3-9

PALERMO - La Juve festeggia nel migliore dei modi il ritorno in panchina dopo 4 mesi di Conte, passando a Palermo con il minimo sforzo. Una vittoria importante, avvenuta in condizioni difficili, su un campo ai limiti della praticabilità, che lancia un chiaro messaggio a Inter e Napoli: non sarà facile raggiungere in vetta i bianconeri.

E' LA SOLIDA JUVE - Non è stata la migliore Juve della stagione ma la squadra ha mostrato la consueta grande solidità. Ha carburato lentamente, come un diesel, dando per 45' l'impressione di faticare ad alzare i ritmi. Ma al momento giusto, in avvio di ripresa, ha trovato la giocata, grazie a un'invenzione di Vucinic, per portar via i 3 punti dal Barbera. Oltre al montenegrino, merita un plauso il match-winner Lichtsteiner che, al di là del gol, è stato il più attivo nel cercare di aprire la difesa rosanero, impeccabile per 45', grazie alla buona prova, soprattutto di Donati e Munoz.

PALERMO, RIPARTIRE DAL CARATTERE - Il Palermo esce comunque sconfitto a testa alta. Ha giocato per lunghi tratti alla pari con i più blasonati rivali, sognando fino in fondo, anche grazie alle prodigiose parate di Ujkani, di strappare un prestigioso pari. Gasperini ha indubbiamente restituito anima e carattere alla squadra. Malgrado la classifica resti pericolante, trovare la via della salvezza, con questa determinazione, non dovrebbe essere difficile.

PALO DI VUCINIC - Con Giovinco squalificato, Conte ha apportato un solo cambio all'undici-base inserendo Matri al fianco di Vucinic. L'ex centravanti del Cagliari si è dato da fare ma ha stentato a prendere le misure all'attenta difesa rosanero. E non è un caso che ha iniziato a diventare protagonista solo quando la Juve è finalmente riuscita ad affondare sulla destra, grazie al lavoro di Lichtsteiner e Vidal. Dal piede del cileno sono nati gli unici pericoli dei primi 45' per Ujkani, bravo per due volte a sventare due conclusioni dello stesso Matri e poi salvato dal palo su un tap-in di Vucinic a porta vuota.

VUCINIC INVENTA, LICHTSTEINER SEGNA - Nella ripresa Gasperini ha provato addirittura a vincere inserendo Brienza al posto di Pisano ma la Juve ha alzato la voce e, dopo un secondo palo di Vucinic, è passata con un bell'inserimento di Lichtsteiner su assist smarcante di tacco dell'attaccante montenegrino. Il Palermo si è sbilanciato e neppure l'innesto di Dybala è servito a mettere in difficoltà una Juve attenta in difesa e agevolata, nel finale, anche dall'espulsione, per somma di ammonizioni, di Morganella.

UNA SETTIMANA PERFETTA - Se vogliamo cercare il pelo nell'uovo di può dire che ai bianconeri è mancato solo un pizzico di lucidità in più in attacco, con Bonucci e Vucinic lanciati a tu per tu con Ujakani, per chiudere anzitempo i conti. Ma poco male. La settimana del derby e del decisivo spareggio in Champions con lo Shakhtar termina comunque con uno splendido tris di vittorie senza, tra l'altro, subire reti. E' davvero la "solida" Juve.

Il tecnico bianconero rivela che gli è pesato molto non poter andare in panchina nel primo scorcio stagionale: "Mi ha fatto male non sentire il profumo dell'erba. Ma da questa vicenda esco più forte. La partita? Dobbiamo essere più bravi a segnare"

PALERMO - "E' stato doloroso". Non basta ad Antonio Conte la vittoria di Palermo per mandare in archivio 4 mesi lontano dalla panchina. Il tecnico bianconero rivela di aver sofferto: "Mi è mancato molto il profumo dell'erba. E' un esperienza che mi ha formato e fortificato. Ringrazio i giocatori, che non hanno risentito della mia assenza e tutto lo staff che mi ha sostituito degnamente dimostrando l'affiatamento che c'è tra noi. Significa che ho dei ragazzi speciali, una società speciale e penso anch'io di essere speciale. Si è fatto qualcosa di straordinario e a volte è passato in secondo piano".

NON CAMBIO IDEA SULLA VICENDA SCOMMESSE - Sulla vicenda che lo ha visto squalificato Conte non cambia idea: "Io resto della mia opinione. Non ho commesso nulla di male. Questo mesi mi sono serviti per conoscere meglio certe persone e, ripeto, esco fuori da questa storia sicuramente più forte".

DOBBIAMO ESSERE PIU' CINICI - Sulla partita, infine, il tecnico bianconero ha un solo appunto da fare ai giocatori: "C'è mancato il cinismo per raddoppiare e chiudere prima la partita. Se ci facevamo aggiungere al 90' sull'ultimo calcio d'angolo chiudevo tutti per due ore nello spogliatoio e lasciavo la squadra in ritiro qui a Palermo. Più di mettere un giocatore solo davanti al portiere non so cosa dobbiamo fare. Ma davanti alla porta dobbiamo far gol".

BUFFON: "CONCRETIZZARE DI PIU'" - "Un po' di cinismo in più ci farebbe bene. Con un tempo simile e un campo simile le vittorie di misura non sono mai garantite. Se vogliamo trovare il pelo nell'uovo, dobbiamo dire che dobbiamo a tutti i costi chiuderle prima partite così", fa eco al tecnico Gigi Buffon. Sul ritorno in panchina di Antonio Conte. "La sua presenza nello spogliatoio fa sì che semmai ci fosse qualche ragazzo non ben concentrato e allineato, solo la sua presenza fa sì che questo non accada. E posso assicurarvi che non è poco. Il dopo-Champions? Non puoi avere la stessa tensione e gli stessi stimoli la domenica dopo, con qualsiasi avversario. Le difficoltà stanno proprio in quello, nel dispendio psicologico".

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 
 
 
 
 
 

FARSOPOLI: COMMENTO DI AFFARI ITALIANI

 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

elyravmattia_desireenuccia_13byccaryo27giuscavona.mattaCopernico9domcollucio.mazzaragrisazFANTENERO11ir.annalorondibitontothea156xdavide.surdi
 
 
 
 
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

 
 
 
 
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom