Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 32
 
Creato da: lifeinweb76 il 29/10/2007
noi

 

 
« SOCCORSO ANCHE AI PANDA,...STOP CORRIDA SU TV IN PR... »

DAL CNR ARRIVA LA RETE SALVA-TARTARUGHE

Post n°244 pubblicato il 09 Giugno 2008 da lifeinweb76
 
Tag: tarte
Foto di lifeinweb76

Si chiama 'Teds' e sara' l'angelo salva-tartarughe. Cosi' assicurano i ricercatori del Cnr che hanno selezionato questo sistema tra diverse tecnologie studiate in varie parti del mondo, adattandolo ai pescatori italiani. Il congegno, facilmente applicabile alle reti, permette alle tartarughe, accidentalmente catturate, di uscire dalla rete, salvaguardare il pescato, riducendo al minimo le perdite.
Teds, acronimo che sta per Turtle excluded devices, e' una griglia abbattibile messa a punto negli Stati Uniti per le reti destinate alla pesca del gambero, per separali dalle grosse catture accidentali, salvaguardando l'integrita' delle maglie.
Il sistema, secondo i ricercatori dell'Istituto di Scienze Marine (Ismar) di Ancona, e' facilmente applicabile alle reti a sacco usate nel Mediterraneo dove, da diversi anni, esiste il problema della protezione di Caretta caretta, specie di tartarughe prioritaria inserita nella Direttiva Habitat dell'Ue.
''Tradizionalmente, gli attrezzi da pesca piu' pericolosi per le tartarughe sono le reti derivanti - spiega il ricercatore dell'Ismar-Cnr, Alessandro Lucchetta - ma negli ultimi anni lo sono diventate anche le reti a strascico nel mar Adriatico, dove ogni anno le catture superano le 4.000 unita'''. Il Teds e' gia' stato sperimentato con successo in Australia, Stati Uniti e Sud America e Sudest Asiatico, tanto che il loro uso per certe aree e tipi di pesca e' divenuto obbligatorio. ''La difficolta' maggiore nell'uso dei Teds - spiega il ricercatore Antonello Sala dell'Istituto di Ancona - risiede nella necessita' di adattare, modificare e calibrare le griglie rispetto alle caratteristiche delle reti in uso; infatti, affinche' una nuova soluzione tecnica venga accettata dai pescatori, deve essere di facile utilizzo e non deve comportare rilevanti perdite di cattura commerciale''.
L'Ismar ha realizzato diversi tipi di griglie montate su una rete a strascico commerciale, sperimentate in mare a bordo della Nave da Ricerca del Cnr. ''I risultati sono stati incoraggianti - conclude Lucchetta - dopo alcune prove di messa a punto, la perdita di pescato commerciale e' minima; le griglie sembrano anche essere molto efficaci nell'eliminare pietre, tronchi e rifiuti che 'frollano' il prodotto, degradandone la qualita' e deprimendone il prezzo''.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

mariomancino.mtessaloniceninograg1eric65vpsicologiaforensepostadgl9WIDE_REDmaxranCaladanBroodmariocarbone41bal_zacunamamma1luigi.michelonilmcturnergersy1
 

Ultimi commenti

Buon. Compleanno
Inviato da: ninograg1
il 13/07/2016 alle 10:35
 
buon compleanno
Inviato da: ninograg1
il 13/07/2015 alle 08:05
 
buon compleanno e buon 2012
Inviato da: ninograg1
il 13/07/2012 alle 07:54
 
Buona befana e tante belle cose
Inviato da: BluWarrior_Soul
il 04/01/2009 alle 12:10
 
Amica carissima, i redattori di Angel&Devil ti augurano...
Inviato da: leon1970
il 01/01/2009 alle 15:31
 
 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom