La sfilata di Laura Biagiotti a porte chiuse

D385669E-8792-436F-9126-110EB2BCB266 8191E0E9-A9F6-4125-B405-B1F6F9C4E126 80AC71B0-F285-439E-BEB6-9AFAE8863BA1 53F66387-0718-44F0-B0DC-8F3513C8D710 B17B8AC8-BB06-4EAE-823A-F1576069A4F0 66A2C628-DAF2-489D-9FA3-9E3109AFE6C6 4D130E46-4601-485F-B076-100F4301F8D5 3102B283-0714-42A5-8DEA-A8D7D2A0A692 38A1F650-D604-4CE7-B074-4F7D9579B139
A causa del coronavirus e per non esporre i propri ospiti a un eventuale contagio Lauta Biagiotti alla Milano Fashion Week ha scelto di sfilare a porte chiuse.

L’intento pienamente riuscito era quello di mescolare la moda femminile con un mondo più green, più vicino alla natura.

Be green  – il nome della sfilata – propone una moda sostenibile. Arrivano infatti i capi in cashmere riciclato, pellicce ecologiche. Ma anche vestito senza tempo, pensati per durare, per essere tramandati di madre in figlia.

(foto da sito della CNMI)

Attilio Runello

 

 

Copenhagen International Fashion Fair – CIFF – e la sostenibilità


12D55296-B51A-43EA-9D10-F14BC6F9D3A9 61F306C8-2E19-460E-B569-DABADA5F80D2 2D9D5CAE-F267-49A7-8F8B-24E04271FF10 1842856E-FA4B-42DF-A916-F89252563763 CBB6B5C1-DE99-4967-90D5-8AA4BEE18260 5D1E0342-5FB2-4C34-8A58-BB128CD7B67B 97667DE0-0713-454B-9D27-EFFDD5C411E1

Si è appena conclusa la fiera internazionale della moda di Copenhagen. La manifestazione ha puntato sulla sostenibilità. Il marchio denim Lee ha messo a disposizione dei partecipanti uno spazio dove con workshop, incontri sono stati illustrati i modi in cui si può trattare un capo denim per arricchirlo con decorazioni, lavarlo, ripararlo in modo da prolungarne la vita. Il refrain è stato quello di comprare prodotti di qualità e farli durare.

Pubblichiamo le foto del CIFF appena concluso per gentile concessione ufficio stampa.

Attilio Runello