DOMENICA DELLA XI SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO ANNO B Mc 4,26-34. 13 Giugno 2021

https://blog.libero.it/wp/ilvangelonelsecoloventunesimo/2020/11/07/427/

https://blog.libero.it/wp/ilvangelonelsecoloventunesimo/2020/11/29/domenica-avvento-anno-b-mc-1333-37-29-novembre-2020/
MARIA
trionfo-cuore-Immacolato

trionfo-cuore-Immacolato
Ave Maria

TESTO:-
Dal Vangelo secondo Marco. (Mc 4,26-34)
In quel tempo, Gesù diceva [alla folla]: «Così è il regno di Dio: come un uomo che getta il seme sul terreno; dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce. Come, egli stesso non lo sa. Il terreno produce spontaneamente prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga; e quando il frutto è maturo, subito egli manda la falce, perché è arrivata la mietitura».
Diceva: «A che cosa possiamo paragonare il regno di Dio o con quale parabola possiamo descriverlo? È come un granello di senape che, quando viene seminato sul terreno, è il più piccolo di tutti i semi che sono sul terreno; ma, quando viene seminato, cresce e diventa più grande di tutte le piante dell’orto e fa rami così grandi che gli uccelli del cielo possono fare il nido alla sua ombra».
Con molte parabole dello stesso genere annunciava loro la Parola, come potevano intendere. Senza parabole non parlava loro ma, in privato, ai suoi discepoli spiegava ogni cosa. Parola del Signore.

RIFLESSIONI

Gesù fa un paragone molto semplice, indicando il seme che un uomo getta nel terreno. “Dorma o vegli, di notte o di giorno, il seme germoglia e cresce. Come, egli stesso non lo sa. Il terreno produce spontaneamente prima lo stelo, poi la spiga, poi il chicco pieno nella spiga; e quando il frutto è maturo, subito egli manda la falce, perché è arrivata la mietitura”.
Una spiegazione perfetta e chiarificatrice che ci permette di comprendere l’azione della Grazia di Dio in noi, quando però desideriamo vivere in Dio, compiendo la sua Volontà e disponendoci docilmente nel compiere quanto il Signore ci chiede nel Vangelo.
I credenti non si rendono conto dell’elevatezza spirituale che hanno raggiunto perché non vedono materialmente la Grazia di Dio, ma cresce in essi perché osservano la Parola di Dio. Questo è il punto che cambia tutto.
La Grazia di Dio aumenta in noi non perché la pretendiamo, ma ci arriva proporzionatamente alle buone opere che compiamo, agli aiuti che diamo agli altri, anche alla Chiesa e all’apostolato per far conoscere Gesù e la Madonna.
Il seme cresce indipendentemente dalla volontà dell’uomo che l’aveva seminato, il Regno di Dio in noi si sviluppa anche se non ci pensiamo ma osserviamo quanto Lui ci indica e che corrisponde a quanto di meglio è presente nel mondo e che può conoscere un uomo.

coronacuoremaria2

 

DOMENICA DELLA XI SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO ANNO B Mc 4,26-34. 13 Giugno 2021ultima modifica: 2021-06-12T19:41:09+02:00da Violetta44

6 pensieri riguardo “DOMENICA DELLA XI SETTIMANA DEL TEMPO ORDINARIO ANNO B Mc 4,26-34. 13 Giugno 2021”

  1. Splendida serata e una serena domenica nella gioia del Signore. FERMATI
    Fermati un attimo, ascolta quello che hai intorno, non chiudere mai i tuoi occhi se non è necessario, affronta la vita in tutte le sue visioni, respira l’aria, perchè quella è tua e di nessun altro, nessuno è meglio di te, perchè tu sei l’unico disegnatore della tua vita, sei la persona che aspetta che piova per piangere in due, sei il pastello che colora la tua strada, l’acqua che rinfresca la tua giornata, sei il musicista della tua colonna sonora, lo scrittore della tua giornata, il pittore del quadro in cui vivi, tu sei tutto quello che ti circonda, la vita è tua, il resto è solo un contorno… https://encrypted-tbn0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcT5gmmJGEhrDBDa07vYeXoICbHMRhiTiVgtCg&usqp=CAU

Lascia un commento