Momo, l’ultimo pericolo che corre su WhatsApp: come difendersi

Cos’è Momo su WhatsApp? Quali conseguenze comporta Momo su WhatsApp? Momo su WhatsApp è pericoloso? Cosa fare per difendersi da Momo su WhatsApp? Sempre più utenti si stanno ponendo queste domande, alla luce della grande popolarità di cui gode WhatsApp.

Applicazione per la messaggistica su smartphone che corre verso i 2 miliardi di utenti, continuamente implementata e resa accattivante dopo l’acquisto di Mark Zuckerberg – cofondatore di Facebook – nel 2014. bissando l’acquisto di un’altra app che sta spopolando: Instagram. Entrando così in possesso, con queste 3 app, di una miniera di informazioni: gusti degli utenti, foto, video, numeri di telefono, idee politiche, tendenze di genere, e quant’altro.

Ovviamente la tecnologia crea delle necessità che prima non avevamo. E WhatsApp ha colmato quella di stare continuamente i contatto con partner, parenti ed amici, senza l’obbligo di stare ore a fare chiamate vocali. Oltre ai messaggi, condividiamo con loro foto, video, emoticon, Gif, link, documenti. Eseguiamo telefonate via web, videochiamate e quant’altro. A breve arriverà sicuramente anche la chiamata con ologrammi.

Ma WhatsApp è ovviamente un terreno molto fertile per gli Hacker, sempre pronti a creare messaggi al fine di accaparrarsi i dati sensibili degli utenti. In primis, il numero della loro carta di credito o debito. E così si inventano promozioni di Ikea, Decathlon, Ray-Ban. Fatte così bene da sembrare reali. E, soprattutto, inviate a loro insaputa dai nostri contatti. Il tutto per renderle ancora più veritiere.

Ora l’ultimo pericolo che corre via WhatsApp è Momo. Vediamo di cosa si tratta.

CONTINUA A LEGGERE

momo whatsapp

Momo, l’ultimo pericolo che corre su WhatsApp: come difendersiultima modifica: 2018-07-25T17:22:32+02:00da LucaScialo
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).