Sapevi che la Terra è piatta? Lo dicono i terrapiattisti: ecco le loro prove

Guardando un video su un altro argomento, mi è balzata all’orecchio una nuova fronda di complottisti. Dei quali, fino a quel momento, ignoravo l’esistenza. I cosiddetti Terrapiattisti, una corrente di pensiero che sta crescendo negli Stati Uniti secondo la quale la Terra sia piatta. Asserendo quindi che le teorie di Galileo e Keplero fossero pure bufale, che le immagini della NASA sulla Terra vista dallo Spazio fossero false e che tutta l’umanità viva in una bolla di menzogna e di ignoranza. Per dimostrare che la Terra è piatta, i Terrapiattisti forniscono anche tanto di prove. Che riporto di seguito.

Cosa dicono Terrapiattisti

Il concetto di sfericità della Terra risale già all’antica filosofia greca intorno alla fine del VI secolo a.C. Sebbene non fosse suffragata da prove scientifiche. Dal III secolo a.C., l’astronomia ellenistica stabilì la forma sferica della Terra come un dato fisico e venne assunta come paradigma ellenistico in modo definitivo in tutto il Vecchio Mondo durante la tarda antichità e il Medioevo. Fu poi dimostrata praticamente dalla circumnavigazione di Ferdinando Magellano e Juan Sebastián Elcano.

terrapiattistiIl concetto di una Terra piatta risale invece all’antico periodo mesopotamico, durante il quale la Terra veniva raffigurata come un disco piatto galleggiante nel mare e circondato da un cielo sferico. Altre forme sovente utilizzate sono quelle della ruota, di una ciotola o un piano a quattro angoli. Ma ora i Terrapiattisti, in America chiamati Earthers, la riprendono con forza. Un movimento nato nel 1956 da un’idea di Samuel Shenton. Ma oggi tornata in auge tramite i Social Network, soprattutto Facebook, Twitter e Youtube.

CONTINUA A LEGGERE

terrapiattisti

Sapevi che la Terra è piatta? Lo dicono i terrapiattisti: ecco le loro proveultima modifica: 2018-07-26T12:26:13+02:00da LucaScialo
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).