Tsunami, anche Italia in pericolo: le regioni che rischiano di più

Italia messa in ginocchio dal maltempo. Da Nord a Sud, ormai, non si contano più i danni delle bombe d’acqua cadute sullo stivale. Allagamenti, frane, esondazioni. Morti, feriti, dispersi, evacuati. Appena arriva l’autunno e l’estate cede il passo ai primi freddi, ecco che arrivano potenti temporali a farci visita, svelando tutta la fragilità idrogeologica del nostro territorio. E, puntualmente, i salotti televisivi si riempiono di belle parole dei governanti di turno col loro retorico “faremo di più per l’ambiente” e delle avvertenze, ormai stanche, di geologi e metereologi.

Il clima sta cambiando notevolmente e il dibattito tra chi dice che è un naturale processo in corso e chi ritiene che sia indotto dall’inquinamento provocato dagli esseri umani, è ancora in atto. Intanto, mentre si cercano risposte, i disastri ambientali aumentano in tutto il Mondo. Generando una nuova categoria di disperati: i profughi climatici. Ossia, gente costretta a lasciare il proprio luogo d’origine perché ormai reso invivibile dal clima.

Certo, ci sono aree del Mondo e anche del nostro Paese che non andrebbero proprio abitate. Ma questo è un altro discorso. Il sovrappopolamento crea anche queste situazioni.

Non manca poi chi ritiene che l’Italia sia sotto bombardamento climatico artificiale, ricordando che a partire dagli anni ‘30 (vedi il nostro Majorana o Tesla) fu inventato il modo per cambiare artificialmente il clima. E come per decenni sono stati condotti vari esperimenti e ci siano anche accuse tra civiltà (l’Iran, ad esempio, accuserebbe l’Occidente di creare siccità contro il suo Stato).

Comunque, complottismo e dibattiti a parte, anche l’Italia è a rischio Tsunami. Ecco le regioni che rischiano di più.

tsunami

CONTINUA A LEGGERE

Tsunami, anche Italia in pericolo: le regioni che rischiano di piùultima modifica: 2018-11-15T10:15:14+01:00da LucaScialo
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).