Gesù bambino trasformato in Maggie Simpson: quando i restauri uccidono l’arte

Diceva bene un concorrente del Grande Fratello: prendi l’arte e mettila da parte. Uno stravisamento del noto motto popolare, che però in Italia è diventato una triste realtà. Ma non solo in Italia. Si pensi a quanto accaduto all’ “Ecce Homo”, il famoso affresco di Cristo di Elìas Garcìa Martìnez, del XIX, sito sul muro del Santuario della Misericodia di Borja in Spagna, completamente deturpato dalla restauratrice Cecilia Gimenez. O, sempre in Spagna, al restauro del 2013 del Castello di Matrera, una delle attrazioni principali della collina di Cadice. Trasformato praticamente in un blocco di cemento. O, ancora, quanto accaduto in Turchiaal castello di epoca bizantina situato a Şile, distretto di Istanbul sulla costa turca. Praticamente oggi simile a Spongebob dopo il restauro (la foto).

In Italia però non siamo da meno. A Torino il Comune lo scorso anno ha dato l’autorizzazione a costruire un parcheggio sotterraneo nei pressi della Cittadella, nota a tutti gli studenti italiani per l’episodio eroico di Pietro Micca. A Palermo, invece, l’Area archeologica e monumentale di Castello a Mare viene utilizzata per realizzarci serate dance all’aperto. Per non parlare dei bronzi di Riace messi coricati per anni.

Tre esempi, giusto per citare quelli più recenti che hanno fatto scalpore. Ma quanto accaduto ad una statua di Gesù bambini ha dell’incredibile.

CONTINUA A LEGGERE

Gesù bambino trasformato in Maggie Simpson: quando i restauri uccidono l’arteultima modifica: 2019-04-16T21:31:15+02:00da LucaScialo
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).