Nutella, la triste verità poco conosciuta che nasconde

Da 55 anni delizia il palato di grandi e piccini. Per alcuni è una vera e propria droga irrinunciabile. E l’ennesima conferma arriva dai Biscuits che ha lanciato di recente. Parlo ovviamente di lei, la Nutella, la crema spalmabile per antonomasia. Ideata nel 1964 dall’industria dolciaria piemontese Ferrero, con sede ad Alba (Cuneo).

Il nome deriva dal sostantivo nut, che significa “noce” in inglese, e il suffisso italiano ella, per ottenere un nome orecchiabile.

La sua storia però parte dal dopoguerra, quando Pietro Ferrero nel 1946 vendette per la prima volta una crema misto cioccolata e nocciole: la Pasta Giandujot.

Cinque anni dopo arrivò la Supercrema, conserva vegetale venduta in grandi barattoli. Nel 1963 Michele Ferrero, figlio di Pietro, decise di rinnovare la Supercrema, lanciando l’anno dopo la Nutella.

Tanto amata, certo, ma anche molto denigrata e criticata. Vediamo uno dei tanti motivi, forse il meno noto.

CONTINUA A LEGGERE

Nutella, la triste verità poco conosciuta che nascondeultima modifica: 2019-12-17T09:58:51+01:00da LucaScialo
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).