La canzone di Piero Pelù è un plagio? Giudicate voi

Quando ho saputo che Piero Pelù sarebbe andato al Festival di Sanremo, mi sono venute in mente le tante canzoni che ha cantato negli ultimi quarant’anni. Contro i poteri forti, la corruzione politica, la Mafia, il Papa e la stessa televisione.

Per i fan della prima ora, per esempio, già dopo il disco Tre. Quindi dalla cosiddetta Tetralogia degli elementi, partita dal disco El diablo del 1990 e proseguita lungo tutti gli anni ‘90 con Terremoto, Spirito e Mondi sommersi. Cioè da quando si sono sciolti i primi Litfiba.

Dopo la partecipazione a The Voice, molti fan sono rimasti basiti per la partecipazione a Sanremo con il brano Gigante, ha suscitato un buon riscontro di critica e pubblico. Tuttavia, la fase post-Sanremo – in attesa di scoprire il concreto o mancato successo del nuovo disco da solista – si sta rivelando alquanto amara.

Infatti, per Piero Pelù sono giunte due batoste: una accusa di plagio e un maxi risarcimento da pagare a Matteo Renzi. Ecco nel dettaglio entrambe le situazioni.

CONTINUA A LEGGERE

La canzone di Piero Pelù è un plagio? Giudicate voiultima modifica: 2020-02-18T10:48:03+01:00da LucaScialo
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).