Il Seveso esonda ancora: le responsabilità politiche di un problema irrisolto

“Lavali col fuoco!” è il coro che i milanesi rivolgono ai napoletani durante le partite di Inter e Milan. Anche quando le due squadre meneghine non incontrano quella partenopea. Nell’attesa, però, loro sono lavati dall’acqua putrida del Seveso. Un torrente, più che un fiume, che esonda spesso.

L’ultima volta è accaduta intorno alle 3 del 15 maggio scorso, complici le abbondanti piogge cadute a Nord di Milano.

Piogge che hanno causato vari danni: interruzione di corrente elettrica, allagamenti di case e cantine. In alcune strade, i tombini sono letteralmente implosi. Ancora, molti sono gli alberi cadut sui fili del tram e sui binari. Roba mai successa, assicurano alcuni abitanti della zona.

Il sindaco Beppe Sala afferma che nella notte la pioggia scesa è un terzo della quantità totale di pioggia su Milano da inizio anno. Ma il problema del Seveso risale al 1800 e negli ultimi anni si è aggravato.

Ripercorriamo la storia di questo torrente e perché le sue esondazioni non vengono risolte.

CONTINUA A LEGGERE

Il Seveso esonda ancora: le responsabilità politiche di un problema irrisoltoultima modifica: 2020-05-18T10:23:49+02:00da LucaScialo
Share via emailSubmit to redditShare on Tumblr

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).