Call Fondazione Pavese “Cercando i Colori”

COlori PaveseLa Fondazione Cesare Pavese, ha voluto ricordare i 70 anni dalla scomparsa di Cesare Pavese (27 agosto 1950) con una Call per Artisti – “Vivere è cominciare”. 20 art poster per i 70 anni dalla scomparsa di Cesare Pavese– , tra quelli selezionati l’artista Anna Onesti e il fotografo Fabio Massimo Fioravanti hanno realizzato e presentato l’opera Cercando i Colori – art poster cm 100×70, fotografia e collage digitale (2020)che sarà esposta alla mostra dei vincitori il 26 settembre 2020 nella Chiesa dei S.S. Giacomo e Cristoforo a Santo Stefano Belbo.

Le opere presentate dovevano ispirarsi alla frase proposta dalla Fondazione Cesare Pavese e tratta da “Il mestiere di vivere: Diario 1935-1950”, che così recita: “L’unica gioia al mondo è cominciare. È bello vivere perché vivere è cominciare, sempre, ad ogni istante”.

I due Autori hanno unito le loro creatività per realizzare l’opera “Cercando i colori” Hanno scelto di descrivere questo “cominciare” con gli ultimi versi della poesia “Agonia”, compresa nella raccolta “Lavorare stanca” – l’ultimo libro e il primo libro dello scrittore: Una ragazza cammina piena di giovanile energia, quasi sollevandosi da terra, siamo a Roma, alle spalle della basilica di Santa Maria Maggiore, perché non solo Torino ma anche Roma è stata città che ha ispirato Cesare Pavese.

Anche il suo romanzo “Il compagno” contiene alcune pagine che descrivono la città eterna con uno sguardo assolutamente inedito; nel testo l’autore parla anche delle colline romane: “… andammo invece nei Castelli a far merenda. Anche quelle che terre. Mai che si veda una vigna e non hanno che vino. Salimmo a Rocca di Papa, e si rideva e si mangiava”.

Anna Onesti è nata e vive a Rocca di Papa, ha studiato presso l’Accademia di Belle Arti di Torino con il prof. Francesco Casorati, ed ha realizzato un fregio con forme di STELLA/FIORE, impiegando processi tintori di piegatura della carta e stamping. Il fregio s’innesta alla foto scattata da Fabio Massimo Fioravanti, con un nitido richiamo del rosso estratto dal cartamo tintorio usato per realizzare il fregio e l’abito della giovane. La ragazza ritratta nella foto è Adele Cammarata, attrice al 3 anno del corso di recitazione dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico, che con i suoi 21 anni, la sua leggerezza e il colore del suo vestito presta i suoi passi ai versi finali della poesia “Agonia”:

E desidero solo colori. I colori non piangono, sono come un risveglio: domani i colori torneranno.

Ciascuna uscirà per la strada,

ogni corpo un colore – perfino i bambini.

Questo corpo vestito di rosso leggero dopo tanto pallore riavrà la sua vita.

Sentirò intorno a me scivolare gli sguardi e saprò d’esser io: gettando un’occhiata, mi vedrò tra la gente.

Ogni nuovo mattino, uscirò per le strade cercando i colori.

AinT

 

Call Fondazione Pavese “Cercando i Colori”ultima modifica: 2020-09-24T21:57:19+02:00da Dizzly
Share on TwitterShare via email

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Se possiedi già una registrazione clicca su entra, oppure lascia un commento come anonimo (Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog).
I campi obbligatori sono contrassegnati *.