Creato da carmen46c il 27/06/2007

CARMEN AULETTA

I ricordi, certi ricordi, sono come tatuaggi, non vanno più via, sono parte della tua anima, della tua vita.

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

annarusso.87fosco6wanda.didarimario1985rmvercingetorige25305my_way70santiago.gamboasilenzioso.cuorekiwaiste.ale_2009carmen46clubopopantaleoefrancalumil_0tobias_shuffle
 

ULTIMI COMMENTI

Anatroccolo? Si...
Inviato da: carmen46c
il 13/03/2016 alle 07:25
 
Socrate52....non riesco a modificare il post e nemmeno a...
Inviato da: carmen46c
il 13/03/2016 alle 07:04
 
Eh si....hai centrato il punto! C'è qualcosa che bolle...
Inviato da: carmen46c
il 12/03/2016 alle 13:32
 
Carissima Carmen ! Dire che sono contento per te è...
Inviato da: socrate52
il 12/03/2016 alle 13:17
 
BUON ANNO....c'è la speranza che sia un po'...
Inviato da: fosco6
il 31/12/2013 alle 11:27
 
 
 

 

« CORE SCUROMessaggio #78 »

'A VITA E' STRANA

Post n°77 pubblicato il 30 Ottobre 2007 da carmen46c
 

Ho voluto dedicare una poesia in vernacolo a mia sorella.  Da piccole siamo state in un collegio, eravamo orfane in un modo particolare, nel senso che lo eravamo pur avendo in vita i nostri genitori. La nostra caratteristica era che non dimostravamo mai quello che avevamo dentro e davamo agli altri la sensazione di non avere  problemi. Purtroppo quest'anno mia sorella è deceduta per una brutta malattia.

  

A mia sorella

 

‘E vvote penso a comme  ‘a vita è strana,

quanno rifletto, sorella mia cara,

ca t’aggio  sempe tenuta luntana,

'a vita cu te è stata sulo ‘ amara.

 

Tu t’arricuorde quanno,  piccerelle,

stevemo chiuse dint’ ‘a chelli mmure,

dicevano ca eramo 'e chiù bbelle,

pareva ca nun tenevamo paura.

 

Site speciale ( 'e vvote ce dicevano),                                                                   

e stanno semp' allere sti ddoje sore,

nun ve vedimmo 'e chiagnere ( pensavano),

ca state senza casa e senz'ammore.

 

Sapevamo sulo nuje, sora mia,

quanta tristezza steva dint’ ‘o core,

'a cumbattevamo cu ll’allegria

cantanno e pure sunanno  'a ogni ora.

 

E mò, vaco pensanno ogni mumente

che ‘ a vita è strana, comme se pò fà,

putive stà  felice finalmente,

ma ‘a morte ... t’ è venuta ‘ a tuzzulià.

 

A mia sorella

Eppure la vita come è strana!

Quando penso a te sorella cara,

che ti ho tenuta sempre così lontana,

la vita con te, non poteva essere più amara.

.

Ti ricordi quando eravamo piccoline,

senza genitori, chiuse tra quelle mura,

sempre allegre, credevamo di essere le più belle,

senza un’ombra di tristezza e senza mai paura.

.

Ma che hanno di speciale, ci dicevano,

che sono sempre sorridenti queste due sorelle,

mentre dovrebbero piangere, pensavano,

senza soldi, senza casa e senza amore?

.

Solo io e te potevamo sapere, sorella mia,

quanta malinconia avevamo nel cuore,

che scacciavamo con le risate e l’allegria,

cantando e ballando a tutte le ore.

.

Ed ora, mi sembra di impazzire perché penso in ogni momento

che la vita è strana, ma come si può fare,

ora che potevi essere felice finalmente,

la morte ti è venuta a reclamare.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog