Creato da carmen46c il 27/06/2007

CARMEN AULETTA

I ricordi, certi ricordi, sono come tatuaggi, non vanno più via, sono parte della tua anima, della tua vita.

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

annarusso.87fosco6wanda.didarimario1985rmvercingetorige25305my_way70santiago.gamboasilenzioso.cuorekiwaiste.ale_2009carmen46clubopopantaleoefrancalumil_0tobias_shuffle
 

ULTIMI COMMENTI

Anatroccolo? Si...
Inviato da: carmen46c
il 13/03/2016 alle 07:25
 
Socrate52....non riesco a modificare il post e nemmeno a...
Inviato da: carmen46c
il 13/03/2016 alle 07:04
 
Eh si....hai centrato il punto! C'è qualcosa che bolle...
Inviato da: carmen46c
il 12/03/2016 alle 13:32
 
Carissima Carmen ! Dire che sono contento per te è...
Inviato da: socrate52
il 12/03/2016 alle 13:17
 
BUON ANNO....c'è la speranza che sia un po'...
Inviato da: fosco6
il 31/12/2013 alle 11:27
 
 
 

 

« Messaggio #64Messaggio #66 »

Post N° 65

Post n°65 pubblicato il 08 Settembre 2007 da carmen46c
 

Le collegiali

Racconto autobiografico n. 9

Superato il primo anno di collegio, il  più difficile,  devo dire che quegli anni furono tranquilli per me. Certo la vita  nell’Istituto non era molto entusiasmante, la monotonia delle giornate era troppo soffocante.

     Se volevi vita tranquilla dovevi  sottostare alle regole senza brontolii o discussioni, altrimenti, la vita all’interno di quelle mura poteva veramente diventare un inferno.

Le suore non erano di certo molto tenere con quelle che recavano problemi. Però posso asserire con tutta onestà  che in quell’edificio non esistevano maltrattamenti fisici alle ragazze. Anche se le suore avessero voluto, era impensabile trattare male la figlia dell’Ammiraglio, la nipote del Commissario di Polizia, la straricca della famiglia Tal dei Tali, tutta gente facoltosa che portavano ricchezza e prestigio all’Istituto. Solo io ero la figlia di un semplice impiegato ed era già una grazia stare lì e come una volta mi aveva fatto notare   una suora, dovevo solo ringraziare Dio per l’atto di carità che mi era stato concesso, quindi mi conveniva tenere sempre la bocca chiusa e non lamentarmi mai. Anche se capitava di vedere animaletti strani che a quattro zampe camminavano nel brodino della sera, dovevo zittire e fare l’impossibile per non farlo notare alle mie  amiche aristocratiche che avrebbero messo in subbuglio l’Istituto e sarebbero state capaci di farlo chiudere per mancanza d’igiene.

  Ogni tanto la suora mi rinfrescava la memoria sulle mie condizioni dicendo  che era sempre pronto per me un documento che all’occorrenza serviva ad espellermi dall’Istituto qualora io avessi solo appena provocato disordine tra le ragazze. E già, se mi cacciavano dal collegio, dove andavo?

    Comunque, oramai lì dentro io ci vivevo bene, ubbidire a quelle regole era una passeggiata per me, per le  mie amiche molto meno,  in collegio non avevano la cameriera personale pronta a soddisfare ogni loro necessità.

    La differenza tra me e loro si notava soprattutto a settembre, quando facevamo l’ingresso in collegio dopo le vacanze estive. La suora portinaia mi diceva  che ogni anno puntualmente le mie amiche entravano in collegio piangendo ed io ero l’unica che invece entrava ridendo.

    Comunque, nella tranquillità di quegli anni cominciava ad emergere il mio vero carattere. Mi ero resa conto di avere un grande ascendente sulle mie amiche che ogni volta venivano da me per qualsiasi parere, oramai per loro non ero più la poveraccia che non sapeva neanche aprire bocca, il mio parere era tenuto in grande considerazione soprattutto perché viceversa, non mi preoccupavo della loro approvazione, non mi interessava appartenere ad un gruppo specifico, io ero sempre quella che riusciva ad essere autosufficiente e a dire con molta tranquillità quello che pensava.

    Ma soprattutto erano attratte dal mio modo di fare, mentre loro si disperavano ogni qualvolta andava storto qualcosa, io ero quella che coglieva il lato comico di ogni situazione tragica , la mia ironia spesso le teneva impegnate a ridere per giornate intere. Non era cosa da poco, considerando il fatto che non ci permettevano di guardare neanche la televisione  per distrarci un po’.

    A volte riuscivo a coinvolgere persino le suore ad ammirare le mie “performance”,  una in particolare mi diceva: “E’ incredibile! Ma c’è una cosa che non riesci a fare? Tu fai l’attrice, la comica, la prestigiatrice …”

    Spesso però mi sentivo persino vittima di questa nomea, e mi succedeva quando ero chiamata ad improvvisare qualcosa all’ultimo momento in occasione di una visita importante da parte di chissà quale personaggio illustre che veniva a farci visita in collegio. In apparenza io facevo la brillante, ma dentro di me tremavo dalla  paura al pensiero di fare fiasco, ma quando gli applausi schioccavano tra le grida e gli entusiasmi, allora mi calmavo finalmente e mi rendevo conto di aver fatto centro, quello era il momento degli encomi,  dei grandi complimenti ed io non potevo fare a meno di godermi quel momento di esaltazione che contribuiva non poco a far crescere la mia autostima.

    La mia fantasia era diventata proverbiale in quel collegio e le ragazze ne approfittavano il più possibile soprattutto a scuola durante le ore di Filosofia.  Io stessa mi ero resa conto che quando raccontavo qualche fatterello,  l’Insegnante di Filosofia pendeva dalle mie labbra, addirittura per ascoltarmi meglio si sedeva sul mio banco. Allora le ragazze mi facevano segno di allungare il più possibile il racconto per far sì che le ore passassero in fretta e senza l’incubo delle interrogazioni.

    Ed  effettivamente accadeva proprio così,  io raccontavo un fatto vero accaduto in collegio, ma poi lo colorivo spiegando ogni piccolo particolare, mi stupivo io stessa di quello che usciva fuori dai miei racconti,  erano storie vere, ma raccontate in modo diverso avrebbero perso tutta la loro attrattiva, io invece ero sempre più stimolata dalla curiosità e dallo stupore dell’Insegnante che m’invogliava a dare il meglio di me nella narrazione.

Alla fine le mie amiche erano strafelici perché il tempo era passato e avevamo evitato il pericolo delle interrogazioni, in quanto a me… io ero quella che più di tutti si divertiva.

 

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/Carmelandia/trackback.php?msg=3226155

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
uncuoresulmare
uncuoresulmare il 08/09/07 alle 14:22 via WEB
buon sabato! Un saluto! cuore
 
 
carmen46c
carmen46c il 08/09/07 alle 16:08 via WEB
Ciao cuore.
 
peppinocaio
peppinocaio il 08/09/07 alle 14:32 via WEB
Tu sai che, spesso, ti faccio visita e non lascio commenti. Non perché non li voglia fare: è solamente una questione di silenziosa presenza. Stavolta, trovando il tempo di leggere queste tue note biografiche, mi preme formularti sinceri complimenti. Mi piace il tuo modo si scrivere e quello che dici. Come fai notare nel testo, ti riesce proprio tutto. Un bacio.
 
 
carmen46c
carmen46c il 08/09/07 alle 16:13 via WEB
Ciao Peppinocaio...uno scrittore come te che mi dice queste parole...c'è proprio da montarsi la testa, meno male che io sono stata abituata a tenere sempre i piedi per terra. Ti ringrazio di cuore anche perchè so che non ami molto commentare, oggi però lo hai fatto e non immagini quanto mi abbia fatto piacere...sto continuando a leggere il tuo libro, ogni tanto vado a prendermi le foto in internet per visualizzare meglio i posti di cui parli.
 
abramo50
abramo50 il 08/09/07 alle 14:35 via WEB
eri gia' una furbacchiona ,ma lo facevi a fin di bene, naturalmente la vita in istituto non poteva essere tanto allegra ma tu sapevi come fare per alleggerire la tensione,certo che anche la tua vita e' un po un romanzo come dico io,ma alla fine ne e' uscita una ragazza meravigliosa come te' ciao... bacioni .......
 
 
carmen46c
carmen46c il 08/09/07 alle 16:15 via WEB
Eh si caro Abramo, io non scrivo proprio tutto, sarebbe una telenovela infinita...
 
Franco_51
Franco_51 il 08/09/07 alle 14:42 via WEB
Straordinaria Carmen, ogni giorno scopro una nuova sfaccettatura di te e ogni volta riesci a stupirmi! Bravissima e poliedrica pittrice che sa incantarci con la sua maestria, dolce e profonta poetessa che sa illustrare la vita e le sue opere con tratto sapiente ed ora scrittrice ispirata dallo stile sciolto ed accattivante! Che cosa scopriremo ancora di te? Aspetto con ansia la tua prossima produzione e nell'attesa ti mando i miei complimenti accompagnati da un bacio. Franco
 
 
carmen46c
carmen46c il 08/09/07 alle 16:19 via WEB
Oh mamma mia...Franco, spero proprio di non deluderti...non so cosa uscirà fuori dal cilindro questa volta, ma una cosa è certa, deve essere qualcosa che sento dentro e di solito, mi riesce proprio per questo.Grazie per le belle parole, non lo dico per falsa modestia, credimi, ma non sento di meritarmi questi encomi, evidentemente tu mi vedi molto meglio di come mi vedo io...e francamente mi fa proprio piacere!
 
fosco6
fosco6 il 08/09/07 alle 19:27 via WEB
E' sempre interesante leggare le tue storie autobiografiche, divertenti e illuminanti come sempre....ma credo che a voce, insomma occhi negli occhi, tu saresti in grado di esprimerti ancora meglio, perchè immagino che i toni della voce, i gesti e gli sguardi, arricchirebbero molto di più questi tuoi racconti. Ciao...sei veramente poliedrica.
 
 
carmen46c
carmen46c il 09/09/07 alle 10:54 via WEB
Grazie Carlo....non dimenticare che io sono una partenopea....ehehehehe....le donne napoletane hanno una grande attrazione per le sceneggiate... ascoltarmi da vicino sarebbe come stare a teatro! Ahahahahahaha
 
Temerius
Temerius il 08/09/07 alle 19:33 via WEB
Oggi ho solo il tempo per un piccolo salutino, ma mi andava proprio di fartelo. Smack Nello.
 
 
carmen46c
carmen46c il 09/09/07 alle 10:51 via WEB
Buona domenica anche a te Nello.
 
demy_moore37
demy_moore37 il 08/09/07 alle 23:16 via WEB
quante volte ho desiderato finire in un collegio invece di vivere con mia madre.... e leggendo il tuo racconto forse avevo ragione .... un bacio demy^_*
 
 
carmen46c
carmen46c il 09/09/07 alle 10:49 via WEB
Sapessi...cara Demy moore...quante volte ci ho pensato io...chissà dove sarei ora se non fosse stato per il collegio...e dire che tutti ne parlano male...certo...se si ha una bella famiglia...sarebbe un castigo vivere lì...ma quando fuori non ti aspetta nessuno...allora il collegio diventa il tuo paradiso.
 
socrate52
socrate52 il 09/09/07 alle 01:57 via WEB
succede spesso nella vita , che il genio sopravviva grazie al fatto di fare il giullare dei potenti ..il tempo poi è galantuomo e rende un pò giustizia. Se il tuo cuore è colmo della gioia che riesci a trasmetterci , questo è il tuo premio.Buona notte Carmen
 
 
carmen46c
carmen46c il 09/09/07 alle 10:45 via WEB
Bellissima questa cosa che hai detto...allora ti trasmetto la gioia? Io ne sarei felicissima....un bacio Socrate...te lo meriti proprio!
 
gabbianochevola
gabbianochevola il 09/09/07 alle 09:13 via WEB
...un raccontare dolce, non mieloso e con lo spirito schietto. Cisa posso dirti!? Nel mio blog mi canti una canzone...io,che non so cantare, ti dico solo che sei un tesoro. I commenti che leggo sono tutti di elogio e sono concorde con tutti. Ma è mai possibile che nessuno ti critica negativamente!?...anche io vorrei farlo...ma la tua canzone mi ha spiazzato. Brava Carmen, sei il tesoro di tutti noi.
 
 
carmen46c
carmen46c il 09/09/07 alle 10:36 via WEB
Carmen canta a Gigi: " E pass e spass sott'a stu balcoooooooone che t'e mise ncap ...va 'a yucà o palloooooooooone ...tu nun cunusc'e femmene......sei ancora troppo giovaneeeeeeeeeeeeeeeeeeeee" ahahahahahahahaha
 
cuoredigabbiano
cuoredigabbiano il 09/09/07 alle 09:51 via WEB
Anche qui traspare il tuo carattere forte. Amica di tutti, pronta ad aiutare tutti e a ridimensionare con ironia ogni situazione difficile. Con te vicino la vita è più facile e divertente. Una sirena ammaliatrice, riprendendo il discorso di là... una sirena pure prestigiatrice? Mi piacerebbe vederti in queste vesti. Sei forte Carmen, forte e bellissima. Buona domenica e bacioni. Maria
 
 
carmen46c
carmen46c il 09/09/07 alle 10:43 via WEB
Il mio carattere forte? Maria, questa cosa la pensano tutti su di me...tranne che io...e ne avrei di cose da raccontare che manifestano invece le mie fragilità...Per quanto riguarda la Carmen in veste di prestigiatrice, beh, quello era durante il mio periodo giovanile, per contrastare la monotonia del collegio, ne inventavo sempre qualcuna, anche per accontentare le mie amiche che appena mi svegliavo la mattina già mi chiedevano di farle ridere. In fondo sono rimasta sempre la stessa, ora, ho i miei acciacchi, la vita si fa sempre più dura, ed è proprio per questo che faccio ricorso all'autoironia ...buona domenica Maria.
 
   
cuoredigabbiano
cuoredigabbiano il 09/09/07 alle 11:49 via WEB
Una persona forte non significa una persona dura ecc.ecc. Tutti, ma proprio tutti, abbiamo le nostre fragilità e la persona forte è colei che sa riconoscere le sue insicurezze e reagire ad esse, come fai tu Carmen, anche con l'autoironia. Una persona debole, al contrario, piange sulle sue fragilità senza affrontarle nè tantomeno riconoscerle. Bacio.
 
     
carmen46c
carmen46c il 10/09/07 alle 09:21 via WEB
E mi sa che hai proprio ragione Maria, la vera forza consiste proprio nell'ammettere le proprie fragilità e continuare a costruire qualcosa di positivo trasformando le nostre debolezze in risorse.
 
 
gabbianochevola
gabbianochevola il 09/09/07 alle 11:34 via WEB
...vedi Maria, Carmen è una donna meravigliosa e la sua forza stà proprio nell'essere fragile. Una persona delicata diventa forte quando i sentimenti cercano di "ammorbidirla". Sono certo che chi ha la fortuna di averla vicina,nella vita e nella realtà,marito figli amici...possono capire dell'amore che Carmen esprime,sia nel darlo che nel riceverlo. Qualcosa manca sempre,ma non sta a noi scoprirlo...basta pensare solo alla forza che ci si mette nelle parole. Vero Carmen!? Scusami Maria se ho invaso il tuo spazio che Carmen ti ha dedicato.
 
   
cuoredigabbiano
cuoredigabbiano il 09/09/07 alle 11:56 via WEB
Gigi, ti ho letto ora. Carmen è davvero una persona meravigliosa, forte e fragile... ho risposto, sopra, sul mio concetto di forza. :-) sorrido pensando all'invasione di spazio, ricordo quando Carmen confuse me con te... Bacio ad entrambi.
 
   
carmen46c
carmen46c il 10/09/07 alle 09:22 via WEB
Verissimo Gigi....
 
     
gabbianochevola
gabbianochevola il 11/09/07 alle 00:37 via WEB
...lo scrivo e lo ripeto sempre che voi due siete delle donne meravigliose, delle donne da amare, delle donne che sanno esserlo con la delicatezza e l'eleganza dell'essere. Scambio di persone...sorrido ancora e per questo dobbiamo ringraziare Carmen. Un bacio a tutte e due...e scusatemi se vi ho baciate!!! gigi
 
     
carmen46c
carmen46c il 11/09/07 alle 02:58 via WEB
Come...come? Scambio di persone...cosa intendi? Mariaaaaaa ... ma tu leggi quello che scrive Gigi? Non ho capito se ci sta facendo un complimento o mi ha scambiato con te....
 
sharon.me
sharon.me il 09/09/07 alle 10:50 via WEB
Fino ad ora non ho mai letto un blog così interessante e ben curato... complimenti!
 
 
carmen46c
carmen46c il 10/09/07 alle 09:23 via WEB
Grazie Sharon...è bello quando è una donna a dirmelo, ti ringrazio di cuore.
 
socrateinerba
socrateinerba il 09/09/07 alle 15:02 via WEB
Cara Carmen, ho ricambiato la visita nel tuo blog per gentilezza e ho trovato una profondità e una apertura verso il mondo davvero ineguagliabile, accompagnata da una davvero rara capacità di rappresentarla tramite le parole. Complimenti davvero per il mondo con cui sai rendere pezzi e frammenti della vita. E poi che dire? Forse molto meglio di me, che provo a ricondurre a considerazioni generali i fatti delle vite di ognuno di noi, tu tramite la tua storia personale le rendi molto più efficacemente. Credo che sia la storia e gli accadimenti che rendano ognuno di noi quello che siamo oggi. Ma ad ogni bivio, ad ogni problema, ad ogni situazione possiamo scegliere se prendere la strada più comune (che spesso sfocia nella rassegnazione, nella fuga dentro se stessi, nei sensi di colpa) oppure quella più irta e scoscesa di trsformare anche i fatti negativi in fattori di crescita e stimolo. Anch'io ho fatto esperienze simili, e oggi posso dire che tutto ciò che di negativo mi è accaduto, in un modo o nell'altro mi è servito per essere quello che sono oggi. E che uomo che sono!! (a parte l'Ego quali a livelli astrali, sono davvero soddisfatto di quello che sono) Diceva Robert Frost: due strade divergevano nel giallo bosco: ed io scelsi ma meno frequantata. E proprio in questo sta la differenza! A presto scorateinerba
 
 
carmen46c
carmen46c il 10/09/07 alle 09:26 via WEB
Mi piacciono le persone che sono realiste e che hanno piena coscienza delle loro potenzialità, mi piace chi si stima abbastanza senza sembrare privo di modestia. Tu sei uno di questi.
 
nientesono
nientesono il 09/09/07 alle 21:02 via WEB
Ah Carmen,anche a me toccava tenere impegnato il professore di filosofia parlando proprio della materia che più mi appassionava per tenerlo distratto dal registro delle interrogazioni,lui era un vero filosofo e infatti studiavamo su un suo testo,ma purtroppo era anche un uomo(non ti dico quanto era brutto)e un giorno mi invitò a casa sua per darmi alcuni saggi di Platone;ebbene,mentre io sfogliavo un testo me lo ritrovai "appoggiato"alle mie spalle e da allora ho lasciato che ci interrogasse pure,non mi andava nemmeno di guardarlo.Pensandoci ora mi viene ancora il voltastomaco,certo però che allora fu per me la caduta fragorosa di un idolo.Ti è piaciuto il parallelo?
 
 
carmen46c
carmen46c il 10/09/07 alle 09:36 via WEB
Beh...poverino il Professore....lui era soggiogato dalle tue grazie mia cara Mika...ahahhahahahaha.....lo sai che a me una cosa del genere mi capitò dove lavoravo, mi ero appena licenziata che l'avvocato mi accompagnò all'ascensore, mentre aspettavamo che salisse, mi prese con forza e mi baciò, mi liberai subito e diedi uno strillo così forte che rimbombò per le scale e i corridoi... ahahahahaaha...lui era più spaventato di me ahahahahahahaahah......
 
abramo50
abramo50 il 09/09/07 alle 23:13 via WEB
ciao carmen sono appena tornato da alessandria sono un po stanco e vado a dormire volevo darti la buonanotte bacioni....
 
 
carmen46c
carmen46c il 10/09/07 alle 09:13 via WEB
Io posso solo darti la sveglia Abramuccio...ma credo che a quest'ora tu starai gia lavorando.....
 
cuoredigabbiano
cuoredigabbiano il 10/09/07 alle 07:38 via WEB
Buongiorno Carmen. Ho riletto e devo dire che ancora oggi hai un grande ascendente sulle persone. E' la tua schiettezza, la sincerità e la dolcezza che fanno di te una persona che tutti vorrebbero avere come amica. Buon inizio settimana, cara amica. Bacione maria
 
carmen46c
carmen46c il 10/09/07 alle 09:06 via WEB
Ciao Maria....hai sempre belle parole per me, ti ringrazio tanto, sai, a volte mi sorprendo a pensare al mio funerle, mi dico sempre che vorrei almeno ascoltare le cose che dicono di me, di solito ai funerli anche un criminale diventa un santo sulla bocca dei parenti ed amici... non so perchè ti dico questo, forse è perchè nella vita la gente parla piu dei difetti che delle qualità delle persone e guarda caso ci si accorge delle qualità solo quando la persona è morta. Per fortuna oggi esistono i blog e non dobbiamo aspettare il funerale per sentire qualcosa di buono sul nostro conto.
 
abramo50
abramo50 il 10/09/07 alle 09:25 via WEB
BUON GIORNO CARMEN MI RACCOMANDO CONCEDITI UNA PAUSA LASCIA STARE I PENNELLI!!!!!SCHERZO, UN BACIO CON AFFETTO.....
 
 
carmen46c
carmen46c il 10/09/07 alle 09:28 via WEB
Ahahahahaha ...Abramuccio...ma quali pennelli...sono due giorni che non li prendo in mano e sarà per questo che mi sento un pò giù...no...i pennelli sono la mia medicina e oggi li voglio usare.....
 
innammoratopazzodite
innammoratopazzodite il 10/09/07 alle 14:12 via WEB
Ciao dolce Carmen............un saluto velocissimo................il racconto lo devo ancora leggere..............poi te lo commento....sono curioso di sapere cosa c'è..............un bacio, tony.
 
carmen46c
carmen46c il 10/09/07 alle 15:38 via WEB
Ciao Tony...a presto!
 
cuoredigabbiano
cuoredigabbiano il 10/09/07 alle 15:47 via WEB
Carmen vieni sul mio blog, ho una sorpresa per Fosco (ho letto che anche a te sono piaciute le sue parole). Vieni...
 
 
carmen46c
carmen46c il 11/09/07 alle 02:53 via WEB
Si...ho visto Maria.
 
innammoratopazzodite
innammoratopazzodite il 10/09/07 alle 17:00 via WEB
Splendido il racconto, è sempre bello riportare allamente episodi vissuti specie se poi ti lasciano dei ricordi belli. Le suore le odio, avuto a che fare una volta e da allora non do più 8/1000 alla chiesa........non se lo meritano. Con questo papa poi.............cmq no è per questo che sono qui. sono qui per dirti, dolcissima Carmen.......che sei una delizia di donna....la tua sensibilità e dolcezza mi stravolge ogni volta e ogni volta sento i brividi......e quando questo avviene è perchè qualcosa di bello e profondo ho letto di te e in te.......un bacio docle amica mia.......a presto, Tony.
 
carmen46c
carmen46c il 11/09/07 alle 02:55 via WEB
Grazie Tony, sei troppo buono con me ed io arrossisco...
 
cuoredigabbiano
cuoredigabbiano il 11/09/07 alle 07:48 via WEB
Ciao Carmen, passo velocemente a darti il buongiorno e un bacione grande. Maria
 
 
carmen46c
carmen46c il 11/09/07 alle 19:59 via WEB
Buongiorno anche a te Maria...anzi vista l'ora devo solo dirti buonasera.....
 
darlinggg
darlinggg il 11/09/07 alle 08:26 via WEB
Questa tua parte di vita vissuta mi sta portando alla mente mia mamma...Anch lei ha vissuto la tua stessa esperienza,pero' per lei rimanere la era diventato incosciamente una lotta x la sopravvivenza,in quanto la sua mamma era morta che lei era piccolissima e a casa si ritrovava un padre despota,(e nn tutte le suore erano buone)...eppure era piccola,infatti rimase dai 5 ai 10 anni,prelevata a quell'eta' perchè ormai utile per i vari "servizi"...Questa sua carenza d'affetto l ha portata ad un attaccamento morboso verso noi figli,soffocandoci spesso senza rendersene conto...Solo da "grande"ho capito,e sopratt quando sono diventata mamma la sua "morbosita'"...Scusa se mi sono dilungata,ma la tua storia mi ha affascinata e il mio scritto è uscito spontaneo,facendomi rivivere le lunghe serate d inverno in cui mi facevo raccontare continuamente la sua vita in collegio,affascinata e allo stesso tempo spaventata...(avevo gia' scritto prima,ma nn mi ha preso il messaggio,eppure nn so perchè ho riscritto,è stato piu' forte di me)...Una buona giornata...
 
 
carmen46c
carmen46c il 11/09/07 alle 23:44 via WEB
Ciao Darling...capisco perchè hai riscritto il commento, sono cose che senti vividamente, ti ricordano tua madre...credo che per tua madre sia stata ancora più dura...in fondo io non ci stavo male in quel posto. Ognuno reagisce in un modo alla mancanza di amore nell'infanzia, tua madre essendo iperprotettiva con voi, a me invece capita di pensare di dover sempre essere autosufficiente, la mia è una ricerca continua per non dover dipendere dagli altri perchè penso sempre che non ci sarà mai nessuno che si occuperà di me. Lo so che è sbagliato pensarla così, soprattutto nel mio caso, visto che ho una bella famiglia che non mi fa mancare affetto e considerazione. Purtroppo però le esperienze negative soprattutto quelle legate ai primi anni di vita, sono quelle che hanno maggiori ripercussioni nella vita da adulto. Certo, continuo a ripetermi che io non sarò mai sola, ma devo sempre ripetermelo per convincermi. Grazie del tuo commento...sei stata molto cara....
 
giuseppe88reccia
giuseppe88reccia il 11/09/07 alle 10:04 via WEB
Devo dire che sono d'accordo con Franco: "Bravissima e poliedrica pittrice che sa incantarci con la sua maestria, dolce e profonda poetessa che sa illustrare la vita e le sue opere con tratto sapiente ed ora scrittrice ispirata dallo stile sciolto ed accattivante! Che cosa scopriremo ancora di te?" Questo racconto della tua vita trascorsa per gran parte in collegio mi fa venire in mente un film/fiction televisiva che andò in onda qualche anno fa: "Le ali della vita" diretto da Stefano Reali e che ha come protagoniste Sabrina Ferilli e Virna Lisi. Il luogo in cui si svolge la vicenda è un collegio sito in un castello sperduto tra le montagne. Questo collegio era frequentato solo da ragazze che di alto rango, ma tra di loro ce ne era una che emergeva per la sua povertà e le sue umili origini, pensa la madre era una prostituta. Quel collegio era pieno di ipocrisia e di falso perbenismo, infatti anche se la superiora accolse in quel costoso collegio la figlia di una prostituta non perdeva tempo di rinfacciare a quella povera ragazza da dove veniva ogni qual volta le si presentava l'occasione...quel film a me ha fatto un po' commuovere come la tua storia. Sei sempre stata un'artista, beate le tue amiche che potevano godere della compagnia di una persona come te. Un bacio.
 
 
carmen46c
carmen46c il 11/09/07 alle 23:50 via WEB
Ciao Giuseppe...sei sempre molto generoso con me...non mi meraviglia che hai visto una fiction che trattava lo stesso tema, i registi a volte prendono storie reali perchè capita che sono molto più interessanti di quelle inventate, purtroppo esse non sono solo più interessanti ma anche più drammatiche. Grazie.
 
gabbianochevola
gabbianochevola il 11/09/07 alle 12:37 via WEB
....ciao dolce amica mia, non ti preoccupare che non ti ho scambiato con Cuore, mi sono rivolto a te a lei per dirti quello che era nel mio cuore e che c'è ancora. Nel profilo di giuseppe88reccia ho natato che ti tiene in grandissima considerazione tanto che ha riempito i suoi spazi con turtti i tuoi quadri e quelli di tuo marito, specificando l'autore e l'autrice. E' un ragazzo in gamba e mi accorgo anche del suo bisogno di conoscere persone come noi. La sua considerazione nei nostri confronti è la stessa che noi abbiamo per lui. Ha creato anche lui un blog,ancora vuoto...ma lo riempiremo anche con le nostre chiacchiere. Una carezza dolce per te Carmen. Gigi
 
 
carmen46c
carmen46c il 11/09/07 alle 23:54 via WEB
Ma si Gigi, lo sai che a me piace fare la gelosina per essere coccolata un pò.....si Giuseppe è un ragazzo in gamba per la sua età...sono sempre piacevolmente sorpresa dalla ricchezza dei suoi commenti e credo proprio che frequenterò volentieri il suo blog.
 
   
gabbianochevola
gabbianochevola il 12/09/07 alle 01:34 via WEB
...sei sempre cara....fare la gelosona è un sentimento vero...serve per far capire che le attenzioni debbono essere sempre ben ripartite. Per te imbroglio...faccio come facevaTotò: uno a te uno a lei...due a me...uno a te...tutto per me. Una carezza
 
     
carmen46c
carmen46c il 12/09/07 alle 05:46 via WEB
Ehi...così non vale...ma tu imbrogli....ahahahahaha...ciao Gigi....
 
DolceAmaraMelannas
DolceAmaraMelannas il 15/09/07 alle 00:25 via WEB
Cara Carmen, leggere i tuoi racconti autobiografici è per me ...sempre un'emozione fortissima! Sei davvero Grande!In più di un anno ( ma credo forse due... se non erro) ormai ho imparato a conoscerti bene, tu sei veramente molto forte pur nella fragilità del tuo animo...E poi...è proprio dei Grandi... avere nella vita momenti in cui si vacilla, ricordalo sempre!!!Ti abbraccio, sempre tua amica Anna.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.