Creato da: Led_61 il 23/01/2011
Internet: mie riflessioni

Netiquette

Nei limiti del possibile cerco una sana convivenza con chi intrattengo rapporti in questa area virtuale, non sempre è possibile ...

Non sono in cerca dell'anima gemella o di avventure ma mi fa piacere scambiare opinioni sui più svariati argomenti con persone aperte di qualsiasi razza, sesso, religione o credo politico che non nutrano pregiudizi di sorta.
La perodicità dei post e la risposta ai commenti è influenzata dai miei impegni.
Non cancello mai i miei post al limite effettuo qualche restyling riguardo a parole ed immagini senza stravolgerlo troppo e sono disposto a farlo solo se violo il copyright di qualche utente.
I commenti sono liberi senza alcun filtro.
Bannare è un termine che non fa parte di questo codice, perchè la vedo come una misura di ritorsione che non ha senso in un mondo così etereo e impalpabile ed in cui è facile occultarsi dietro improbabili profili.
Sono diretto rispondo con post, che talvolta hanno un linguaggio ermetico ma fanno comprendere il mio disagio di fronte a situazioni e persone che non hanno desiderio di un sano confonto, ma preferiscono celarsi e giocare sugli equivoci giocando troppo con le parole mentre lo scrivente pur amando l'ironia rimane una persona con saldi principi maturati nel suo mezzo secolo di vita.
Come non sono stato protagonista attivo nell'attività di bannaggio, allo stesso modo non ne sono stato oggetto (fino ad oggi), indice che i miei post o racconti sono moderati e non urtano troppo la sensibilità dei lettori, anche perchè questo è un luogo di riflessioni personali anche abbastanza intime aperto ai commenti di chiunque.

 

Are you with me

 

Silbermond: Das Beste

 

Lana del Rey

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 33
 

Ultime visite al Blog

FlautoDiVertebramisteropaganoRavvedutiIn2Led_61IrrequietaDsagredo58Nues.sdon.francobistrice63cassetta2max_6_66morganaelbanana33_1969Web_London
 

Paul Wex: Seychelles

 

Chi pu˛ scrivere sul blog

Solo l'autore pu˛ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

AVVERTENZE

I testi qui pubblicati sono opera mia e solitamente se cito qualcosa di non mio, riporto l'autore della suddetta frase o perifrasi.

Gran parte delle immagini qui visualizzate sono realizzate con il mio cellulare (non é di ultima generazione).
Vi sono anche immagini reperite in rete, di dominio pubblico e comunque se ne conosco l'autore lo cito.
Se qualcuno ritenesse che abbia leso un suo diritto d'autore me lo faccia sapere e l'immagine o testo verranno rimossi.

L'argomento e il tenore di certi post sono adatti ad un pubblico adulto e la lettura ai minorenni è sconsigliata.

 

Marteria Lila Wolken

 

Ultimi Commenti

 

 
Led_61
Led_61 il 01/01/16 alle 08:21 via WEB
Iniziamo con ottimismo scacciando pensieri negativi e proponendoci in maniera positiva pronti a cogliere le occasioni che ci si presentano. Un augurio a te Loretta di buon proseguimento di questo 2016.
 

 
lorifu
lorifu il 31/12/15 alle 16:16 via WEB
Auguri Tomaso. Bella la scritta in tedesco. La condivido in pieno. Prepariamoci a un nuovo anno pi¨ consapevoli e continuiamo sulla strada che abbiamo intrapreso seguendo i nostri obiettivi. Buon anno, loretta
 

 
lorifu
lorifu il 15/11/15 alle 23:02 via WEB
╚ un po' lo stesso fascino che ho provato davanti ai tanti artisti di strada che viaggiando mi Ŕ capitato d'incontrare. Alcuni, con le loro performance e grande professionalitÓ spesso superiore a quella di affermati personaggi famosi hanno lasciato il segno, anche perchŔ talento e umiltÓ andavano a braccetto.
 

 
fugadaipiombi
fugadaipiombi il 02/11/15 alle 22:53 via WEB
Sono molto d'accordo, anche se poi mi dico che questo fa parte dell'essere umani, che vuol dire essere imperfetti, per cui, in ogni epoca, qualcosa di negativo deve venire fuori. ╔ una legge alla quale non si sfugge, e qui si che la perfezione esiste...un saluto
 

 
Led_61
Led_61 il 31/10/15 alle 21:04 via WEB
Stazione di Francoforte in una serata trascorsa ad aspettare un autobus: la visione di quello che succede nelle stazioni di grosse metropoli mi lascia un amaro in bocca perchŔ anche se volto gli occhi da un'altra parte non posso ignorare certi spettacoli che offre la societÓ "civilizzata" in cui viviamo.
 

 
fugadaipiombi
fugadaipiombi il 28/10/15 alle 14:44 via WEB
Scusa, non Ŕ venuto il nome del poeta, Kavafis
 

 
fugadaipiombi
fugadaipiombi il 28/10/15 alle 14:43 via WEB
Nel leggerla adesso mi Ŕ venuto su il pensiero che potrebbe trattarsi di una poesia di Magari Ŕ, un poeta che ho scopert0 da poco e di cui ho subito amato la lirica....
 

 
fugadaipiombi
fugadaipiombi il 28/10/15 alle 12:43 via WEB
Concordo in parte con il tuo pensiero, perchŔ credo tu abbia trascurato uno degli aspetti pi¨ importanti di chi si butta in queste avventure 'musicali': la gioia primaria che si prova, qualcosa di inimitabile, qualcosa che trascina, che stordisce e cioŔ ci˛ che ti succede quando sei sul palcoscenico, si entra come in un'altra dimensione, una dimensione di felicitÓ quasi soprannaturale che si ricercherÓ all'infinito una volta scoperta. E. A. Poe la chiamava 'vivere e godere dei propri talenti'. Ogni artista, in primis, arde di questo fuoco per se stesso, poi certo si desidera anche altro, ma la primaria ragione che li spinge a suonare non Ŕ la ricerca del successo, ma di quella perpetua felicitÓ. Io ho iniziato a fare teatro tardi, non credevo di essere capace di recitare, non diventer˛ mai un'attrice famosa e non me ne importa, ma quanto Ŕ bello ci˛ che studio, il capire i personaggi, la loro interioritÓ, il loro mondo, la loro epoca, imparare altri linguaggi, quelli appartenuti ai secoli scorsi, entrare nel costume di altri tempi...queste cose mi rendono felice e non c'Ŕ successo che tenga...
 

 
fugadaipiombi
fugadaipiombi il 28/10/15 alle 09:09 via WEB
C'era solo il marciapiede che esalava l'afa di agosto, e carte sparse e bustine e una donna inginocchiata con capelli grigi e biondi che di spalle singhiozzava perchŔ si piange sempre con la faccia rivolta al muro. Non era un pianto liberatorio ma un pianto di una disperazione desolante per accompagnare il fardello pesante attraverso un'altra lunga notte di luci e ombre e odori maleodoranti liquefatti dall'afa nella stazione, che perdeva i suoi connotati di punto di transito per far emergere dalle bianche e consunte che la notte riuniva in gruppi amorfi e asfittici. la pelle si mescolava per lasciare il posto agli occhi voraci e ansanti che cercavano una parte del teatrino oscuro e anonimo che si crea ogni notte per trascinare corpi magri e asciutti fuori dai propri tormenti.
 

 
Led_61
Led_61 il 01/06/15 alle 16:28 via WEB
Nella seconda parte del post mi sono avvalso da quanto riportato nel blog di Sagredo58 che ha parlato con grande dovizia di particolari del rum.
 
 
« Precedenti Successivi »