Creato da beppenovara il 16/02/2007

Mina 1958 - 2011

Il tempo non passa mai con la musica della più grande cantante italiana

AREA PERSONALE

 

LA FOTO

 

TV SORRISI E CANZONI

 
SORRISI E CANZONI N°44 DEL 2002

 

IL CD DELLA SETTIMANA

MINACELENTANO (1998)

Acqua e sale
Brivido felino
Io non volevo
Specchi riflessi
Dolce fuoco dell'amore
Che t'aggia di'
Io ho te
Dolly
Sempre sempre sempre
Messaggio d'amore 

 

TUTTA MINA IN LINK

- Introduzione al blog
- 1959
- 1960
- 1961
- 1962-1963-1964
- 1965
- 1966 prima parte
- 1966 seconda parte
- 1967
- Sito ufficiale di Mina
- Mina Fan Club
- 1967 Sabato Sera
- Delirio spagnolo
- 1968
- 1968 Canzonissima
- 1969
- 1970 prima parte
- 1970 seconda parte
- 1971 prima parte
- 1971 seconda parte
- 1972 prima parte
- 1972 seconda parte
- 1972 terza parte
- 1972 La più imitata
- 1973 prima parte
- 1973 seconda parte
- 1974 prima parte
- 1974 Milleluci - presentazione
- 1974 Milleluci 1a puntata
- 1974 Milleluci 2a puntata
- 1974 Milleluci 3a puntata
- 1974 Milleluci 4a puntata
- 1974 Milleluci 5a puntata
- 1974 Milleluci 6a puntata
- 1974 Milleluci 7a puntata
- 1974 Milleluci 8a puntata
- Lo sconquasso universale
- 1974 Milleluci conclusioni
- 1974 Filo diretto con la Carrà
- 1975 prima parte
- 1975 seconda parte
- 1975 terza parte
- 1975 Curiosità
- 1976 prima parte
- 1976 seconda parte
- 1976 terza parte
- 1976 Curiosità
- 1977 prima parte
- 1977 seconda parte
- 1977 Curiosità
- Link foto
- 1978 prima parte
- 1978 seconda parte
- 1978 terza parte
- 1978 quarta parte
- 1978 L'intervista a Radio Taranto
- 1978 Curiosità e conclusioni
- Il sito di Rita Madaro: l'intervistatrice di Mina
- 1979 Nascita di una copertina
- 1979 Attila
- 1979 I singoli
- 1980 Singolo
- 1980 Kyrie
- Scuola di recitazione Dedalo - Milano
- 1981 I singoli
- 1981 Salomè
- 1982 Singolo
- 1982 Italiana
- 1982 Curiosità 1
- 1982 Curiosità 2
- 1983 Singolo
- 1983 Mina 25
- 1983 In spagnolo
- 1984 Intervista a Bernardini del 1991
- 1984 I singoli
- 1984 Catene
- 1984 La copertina di Catene
- Lo stupro della verità
- 1984 Sogno
- 1985 Singolo
- 1985 Finalmente ho conosciuto il Conte Dracula
- 1985 Mina, Dracula e la copertina
- 1986 Singolo
- 1986 Sì buana
- 1986 L'Africa di Sì buana
- Sanremo, la musica è finita
- 1987 Proprio come sei
- 1987 Rane Supreme
- 1987 Titolo e copertina
- 1988 Oggi ti amo di più
- 1988 Ridi Pagliaccio
- 1989 Uiallalla
- 1990 Ti conosco mascherina
- 1991 Caterpillar
- 1992 Singolo
- 1992 Sorelle Lumiére
- 1992 Curiosità
- 1993 Mina racconta i Beatles per NOI
- 1993 Lochness
- 1994 Mazzini canta Battisti
 

FACEBOOK

 
 

 

« E siamo ancora qui...1993 - Mina canta i Beatles »

1993 - Mina racconta i Beatles

Post n°268 pubblicato il 22 Maggio 2008 da beppenovara

In occasione dell'uscita di "Mina canta i Beatles" nel giugno 1993, Mina scrive questo articolo per il settimanale NOI in cui racconta il suo "incontro" con i Beatles. Buona lettura.

Grazie a Max di Torino per il pronto intervento...
Beppe


Che anno era? Che giorno era? Una domanda che mi sarei posta più tardi. Intanto ero là, di ritorno da Roma, le braccia allungate sul volante, le gambe allungate fuori da una gonna più corta dell’orlo di una gonna normale, gli occhiali scesi sul naso per far posto  alle ciglia finte incollate sulle palpebre come una tettoia di rami di palma; il tintinnio rapsodico dell’orecchino sinistro, talmente grande che a ogni minimo oscillare della macchina scampanellava sul vetro del finestrino con la serafica determinazione di un picchio, mentre quello destro, indispettito, non riusciva ad arrivare fino a mia madre che, seduta accanto a me non avrebbe aperto bocca fino a Milano tranne che per pronunciare un impercettibile, minuscolo: “Un cognac, per favore” all’autogrill dove ci eravamo fermate.

Solamente anni più tardi mi avrebbe detto: “Ma come andavi veloce quel giorno in autostrada”.

Dopo la sosta tutto come prima tranne che ogni tanto, approfittando di quel silenzio favorito anche dal fatto che ci avevano rubato la radio mezz’ora prima della partenza, mi liberavo la mentre da un insistente “she dab dab yè yè yè” che vi frullava incalzante, puntuale, ricorrente, come la frase “beccata” all’infinito dalla puntina sul graffio di un disco  che la imprigiona, che non la libera più da quel solco.

Solo verso Modena il nodo si sciolse. Quello “she dab dab yè yè yè” diventò come per incanto “she loves you, yeah, yeah, yeah” e mi resi conto che era un segmento di un pezzo che avevo sentito distrattamente dagli altoparlanti dell’autogrill mentre, dietro i chilometri di ciglia finte, dentro i millimetri della minigonna, sotto i metri quadrati degli orecchini ero impegnatissima a passare inosservata (!). E finalmente, da Modena a Milano, quello “she loves you, yeah, yeah, yeah” prese sempre più corpo e all’arrivo avevo recuperato quasi tutto il brano. Che continuai a canticchiare un po’ qua e un po’ là, finché qualcuno mi chiese: “Ah! I Beatles! Ti piacciono, eh?”.

Non sapevo chi fossero né che fossero loro quelli dello “she loves you, yeah, yeah, yeah”. Trenta secondi dopo, però, senza muovermi di un millimetro, ne fui perfettamente informata.

Come ogni altro essere vivente fui colpita, invasa da quell’inondazione, dal più grande servizio a domicilio che la storia ricordi, dalla trasformazione che il nostro pianeta ebbe nel “mondo dei Beatles”, dalla più colossale uniformità di emozioni, passione, partecipazione compatta in massa a quello che è stato più di ogni altro il “fenomeno per tutti”, il “caso generale” più vissuto da ogni singolo sulla faccia della terra.

Impossibile non prenderne atto, di quelo trasloco collettivo, immediato, dall’epoca in corso a “quella dei Beatles”. Improvvisamente, la pagina che era stata girata andava a coprire, a stendere come un velo su importanti lavori in corso, su presenze potenti, incisive energiche quali Presley, Sinatra e i grandi del jazz, che pure si stemperavano con tanta buona volontà in motivi da ascolto, belli, corposi e resi spesso un po’ ammiccanti, commerciali.

Tutto fagocitato. Dai Beatles e dalle loro canzoni che riuscirono a travalicare la forza di Elvis, che peraltro assomiglia molto più di loro al mondo di oggi; sì, molto più dei Beatles, che adesso possono apparire un po’ stretti in una icona un poco démodé, ma che avevano canzoni migliori, così semplici, in fondo, e così grandi, apparentemente così spontanee da ricordare le canzoni napoletane.

Capelloni ante litteram ma con divise “composte” da un grande couturier e vaporose chiome che proteggevano le loro sorprendenti menti musicali sotto un taglio miliardario di fronte al quale impallidiscono le strategiche coiffures di Bill Clinton e signora. Composti come suorine, i Beatles gettavano nella marginalità i grandi protagonisti della musica “comportamentale”, più aggressiva e fatta di “come” che di “cosa”.

Ed eccomi oggi ancora qui, ancora legata ai Beatles, oltre che da altro, dalla gratitudine per il loro aver fornito a Joe Cocker, Ray Charles, Sinatra, Sarah Vaughan, Ella Fitzgerald e altri grandi il materiale per quei capolavori che sono le loro versioni di She came in throught the bathroom window, With a little help from my friends, Eleonor Rigby, A hard day’s night, eccetera eccetera. E neppure la geniale, severa, selettiva e attenta Mae West, regina delle pazze di tutto ilmondo, riuscì a resistere e incise un long playing con un indimenticabile Day tripper e altre chicche.

Ed eccomi oggi ancora, pronta testimone dell’abbattimento di frontiere, di muri, di ostacoli linguistici effettuati dai Beatles attraverso le delizia dei loro testi, fluidi come ipensieri più felici di una mente col dono dell’eterna freschezza. Che altro? Vogliamo riassumere tutto questo e dire di più, molto di più? Va bene. Presto fatto: “I Beatles”.   MINA

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

QUESTA CANZONE (2011)

Video realizzato da Mauro Balletti

 

MINA: COME S E IO FOSSI LI'(2010)

 Il video realizzato da Fernando: come sempre il migliore!

 

 

MINA: LA CLESSIDRA (2010)

 

STO LEGGENDO:

 

FILM E DVD. IN QUESTI GIORNI HO VISTO...


 

PROPRIETA' FOTO

Le foto contenute in questo blog sono il frutto della fatica e della proprietà intellettuale di persone che fanno di questa arte un lavoro serio e rispettabile. Mi tengo ovviamente a disposizione di queste persone per eliminare le immagini usate, qualora la pubblicazione possa arrecare loro danno o fastidio.

Grazie, in ordine alfabetico, a Anna (per lo scanner), Andrea "Raffles306", ClaudioNA, Fabio, FedericoB, Francesco (Fortunato), MarioB,  MadameX e Maxbg per le foto.
E un grazie particolare a Loris per i preziosi suggerimenti iniziali.

 

ULTIME VISITE AL BLOG

makakotialicehelloaugpipantonio.sopralerigheRyan_O_Reilyhelgaceragiolipaula7409joshy76arkimaryggiulio.vespaDr.bonatiyborrlia.failAbalayaldosclaudio.coppola2008
 

VISITE

free counter

 
 

ULTIMI COMMENTI

Insisto:ne fanno un segreto dell'intervista 78 a Mina...
Inviato da: melinat
il 06/07/2011 alle 17:49
 
è uscito in contemporanea mondiale il CD Elena Ravelli: 50...
Inviato da: Simone
il 06/05/2011 alle 08:40
 
Ringrazio lei, maestro Bacchetta, della sua visita in...
Inviato da: beppenovara
il 28/03/2011 alle 21:10
 
Ringrazio l'autore della recensione per i lusinghieri...
Inviato da: Victor Bach
il 21/03/2011 alle 18:22
 
....ma le parole del testo chi le ha scritte????? STUPENDE
Inviato da: angela
il 13/11/2010 alle 09:51
 
 

FONTI

Le importanti fonti che mi permettono di portare avanti questo blog sono:

Paolo Belluso, Flavio Merkel: “Unicamente Mina” Gammalibri, 1983
Alberto Imparato: "MINA IN TV"
Loris Biazzetti, Antonio Bianchi: Le fanzine del Mina Fans Club
Fernando Fratarcangeli: "Mina talk", 2005
Romi Padovano: "I mille volti di una voce", 1998
Mina Disegnata Fotografata
TV Sorrisi e Canzoni

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31