Creato da beppenovara il 16/02/2007

Mina 1958 - 2011

Il tempo non passa mai con la musica della più grande cantante italiana

AREA PERSONALE

 

LA FOTO

 

TV SORRISI E CANZONI

 
SORRISI E CANZONI N°44 DEL 2002

 

IL CD DELLA SETTIMANA

MINACELENTANO (1998)

Acqua e sale
Brivido felino
Io non volevo
Specchi riflessi
Dolce fuoco dell'amore
Che t'aggia di'
Io ho te
Dolly
Sempre sempre sempre
Messaggio d'amore 

 

TUTTA MINA IN LINK

- Introduzione al blog
- 1959
- 1960
- 1961
- 1962-1963-1964
- 1965
- 1966 prima parte
- 1966 seconda parte
- 1967
- Sito ufficiale di Mina
- Mina Fan Club
- 1967 Sabato Sera
- Delirio spagnolo
- 1968
- 1968 Canzonissima
- 1969
- 1970 prima parte
- 1970 seconda parte
- 1971 prima parte
- 1971 seconda parte
- 1972 prima parte
- 1972 seconda parte
- 1972 terza parte
- 1972 La più imitata
- 1973 prima parte
- 1973 seconda parte
- 1974 prima parte
- 1974 Milleluci - presentazione
- 1974 Milleluci 1a puntata
- 1974 Milleluci 2a puntata
- 1974 Milleluci 3a puntata
- 1974 Milleluci 4a puntata
- 1974 Milleluci 5a puntata
- 1974 Milleluci 6a puntata
- 1974 Milleluci 7a puntata
- 1974 Milleluci 8a puntata
- Lo sconquasso universale
- 1974 Milleluci conclusioni
- 1974 Filo diretto con la Carrà
- 1975 prima parte
- 1975 seconda parte
- 1975 terza parte
- 1975 Curiosità
- 1976 prima parte
- 1976 seconda parte
- 1976 terza parte
- 1976 Curiosità
- 1977 prima parte
- 1977 seconda parte
- 1977 Curiosità
- Link foto
- 1978 prima parte
- 1978 seconda parte
- 1978 terza parte
- 1978 quarta parte
- 1978 L'intervista a Radio Taranto
- 1978 Curiosità e conclusioni
- Il sito di Rita Madaro: l'intervistatrice di Mina
- 1979 Nascita di una copertina
- 1979 Attila
- 1979 I singoli
- 1980 Singolo
- 1980 Kyrie
- Scuola di recitazione Dedalo - Milano
- 1981 I singoli
- 1981 Salomè
- 1982 Singolo
- 1982 Italiana
- 1982 Curiosità 1
- 1982 Curiosità 2
- 1983 Singolo
- 1983 Mina 25
- 1983 In spagnolo
- 1984 Intervista a Bernardini del 1991
- 1984 I singoli
- 1984 Catene
- 1984 La copertina di Catene
- Lo stupro della verità
- 1984 Sogno
- 1985 Singolo
- 1985 Finalmente ho conosciuto il Conte Dracula
- 1985 Mina, Dracula e la copertina
- 1986 Singolo
- 1986 Sì buana
- 1986 L'Africa di Sì buana
- Sanremo, la musica è finita
- 1987 Proprio come sei
- 1987 Rane Supreme
- 1987 Titolo e copertina
- 1988 Oggi ti amo di più
- 1988 Ridi Pagliaccio
- 1989 Uiallalla
- 1990 Ti conosco mascherina
- 1991 Caterpillar
- 1992 Singolo
- 1992 Sorelle Lumiére
- 1992 Curiosità
- 1993 Mina racconta i Beatles per NOI
- 1993 Lochness
- 1994 Mazzini canta Battisti
 

FACEBOOK

 
 

 

« Mina alla maniera di...Buona Pasqua 2008 »

1988 - Ridi Pagliaccio

Post n°237 pubblicato il 21 Marzo 2008 da beppenovara

Il primo volume di Ridi Pagliaccio si apre e si chiude con due canzoni d’amore, molto differenti tra loro, ma che affrontano entrambe il tema dell’amore sofferto alla medesima maniera rockeggiante. Con Il portiere di notte, Mina affronta un pezzo relativamente giovane (di due anni prima) e di un autore non ancora affrontato, Enrico Ruggeri: per intensità interpretativa e drammaticità vocale è un gran bel momento di partenza (anche se Ruggeri non gradì molto il risultato). Anche Noi due nel mondo e nell’anima, viene affrontata da Mina in una versione “sopra le righe”, da momenti d’atmosfera quasi onirica  e disperata al rock puro e duro delle chitarre nella coda finale. Il jazz anni ’50 riecheggia nelle note di Moody’s mood di James Moody, appunto, e di Eddie Jefferson, affrontata con suadente grazia ed eleganza. Salto nell’attualità più o meno recente con la bellissima Canzoni stonate, portata al successo da un Gianni Morandi in fase di rinascita artistica: la quotidianità delle immagini, la leggerezza della voce che evoca il ricordo, rendono questo brano uno dei momenti più intensi del volume. Il repertorio di Leon Russel torna ad essere affrontato da Mina con questa versione di This masquerade, portata al successo da George Benson nel 1976. Segue una versione molto rilassata di Into the groove di Madonna, che brilla per degli acuti molto simpatici e dove la gigioneria gioca un ruolo decisivo. Grande momento con It’s impossibile, versione inglese della canzone “Somos novios” di Armando Manzanero (anch’essa interpretata nell'album "Nostalgias"). La canzone, portata al successo da Perry Como, viene affrontata da Mina con una puntualità e un rigore interpretativo meraviglioso: soprattutto nella seconda parte della canzone, quando le note salgono, lei diventa immensa, grandiosa.

Romantica, dolce e malinconica è la Mina che emerge da Un’ora, una bellissima canzone creata da due firme storiche del panorama musicale e televisivo italiano: Antonio Amurri e Bruno Canfora: attualizzata dagli arrangiamenti di Massimiliano Pani, la canzone conserva intatta l’atmosfera anni ’60, incredibilmente bella.

Veloce, intensa e divertente la versione di You’ll never never know cui segue la ariosa La compagnia, canzone portata al successo da Lucio Battisti ( e più recentemente ripresa da Vasco Rossi) che permette a Mina di appoggiarsi candidamente sul tappeto vocale del coro per lanciarsi a tutta voce nei versi do Mogol. Si ritorna negli Stati Uniti con I left my heart in San Francisco, grande successo da Tony Bennet: Mina, nella sua interpretazione, parte lieve e delicata per rimarcare con decisione e convinzione il finale di canzone. Se la sentissero in America!!!

Per aprire il secondo volume, Mario Robbiani costruisce un arrangiamento su misura perchè Mina possa affrontare l’aria di Ridi Pagliaccio, tratta da I pagliacci di Ruggiero Leoncavallo. Momento breve, intenso, lirico e grandioso che trova in quel “one, two three, four” il trait d’union per congiungersi al rock tutto musicale di Das kind ist in dem teller. Il testo ispirato di Paolo Limiti che evoca l’incredulità per l’appagamento, per la felicità dell’amore trovato, sono il tema della bellissima Lui, lui, lui che è da considerare ormai uno dei classici di Mina. Sottilmente ironica, lucidamente acida e sorniona  è la Mina delle immagini felici e retoriche delle festività in E’ Natale, mentre poi  si dedica anima e corpo nella lirica L’ultimo gesto di un clown: anche in questo caso, il testo mai banale di Paolo Limiti, sulla musica di Gianfranco Fasano, crea una storia credibile, vera, fatta di immagini concrete e reali. Mina riesce a donare un pathos e un’intensità interpretativa che chiude il cerchio della perfezione. Amo molto la scrittura di Samuele Cerri che anche in Dalai, si conferma un buon architetto delle immagini e delle parole. Un tipo indipendente è un pezzo malinconico ed amaro, dai colori scusi in cui  viene fuori al meglio lintensità vocale di Mina. La banalità della rima Cuore, amore, cuore viene analizzata nella sua complessità pratica (“sembra tanto facile da fare e non lo è) con leggerezza e semplicità. Pino Presti regala la musica per un brano divertentissimo, ironico, sensuale: Il bignè, che pur non essendo famosa come le altre canzoni del filone mangereccio per l'evidente doppio senso, sicuramente rimane una bella prova di Valentino Alfano. Infine, nostalgica, timorosa, teneramente piccola e insicura è la Mina di Rimani qui, bel finale per un album ricco, sanguigno e ricco di momenti di alta qualità.

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

QUESTA CANZONE (2011)

Video realizzato da Mauro Balletti

 

MINA: COME S E IO FOSSI LI'(2010)

 Il video realizzato da Fernando: come sempre il migliore!

 

 

MINA: LA CLESSIDRA (2010)

 

STO LEGGENDO:

 

FILM E DVD. IN QUESTI GIORNI HO VISTO...


 

PROPRIETA' FOTO

Le foto contenute in questo blog sono il frutto della fatica e della proprietà intellettuale di persone che fanno di questa arte un lavoro serio e rispettabile. Mi tengo ovviamente a disposizione di queste persone per eliminare le immagini usate, qualora la pubblicazione possa arrecare loro danno o fastidio.

Grazie, in ordine alfabetico, a Anna (per lo scanner), Andrea "Raffles306", ClaudioNA, Fabio, FedericoB, Francesco (Fortunato), MarioB,  MadameX e Maxbg per le foto.
E un grazie particolare a Loris per i preziosi suggerimenti iniziali.

 

ULTIME VISITE AL BLOG

makakotiboutiquecarlottaalicehelloaugpipantonio.sopralerigheRyan_O_Reilyhelgaceragiolipaula7409joshy76arkimaryggiulio.vespaDr.bonatiyborrlia.failAbalayaldos
 

VISITE

free counter

 
 

ULTIMI COMMENTI

Insisto:ne fanno un segreto dell'intervista 78 a Mina...
Inviato da: melinat
il 06/07/2011 alle 17:49
 
è uscito in contemporanea mondiale il CD Elena Ravelli: 50...
Inviato da: Simone
il 06/05/2011 alle 08:40
 
Ringrazio lei, maestro Bacchetta, della sua visita in...
Inviato da: beppenovara
il 28/03/2011 alle 21:10
 
Ringrazio l'autore della recensione per i lusinghieri...
Inviato da: Victor Bach
il 21/03/2011 alle 18:22
 
....ma le parole del testo chi le ha scritte????? STUPENDE
Inviato da: angela
il 13/11/2010 alle 09:51
 
 

FONTI

Le importanti fonti che mi permettono di portare avanti questo blog sono:

Paolo Belluso, Flavio Merkel: “Unicamente Mina” Gammalibri, 1983
Alberto Imparato: "MINA IN TV"
Loris Biazzetti, Antonio Bianchi: Le fanzine del Mina Fans Club
Fernando Fratarcangeli: "Mina talk", 2005
Romi Padovano: "I mille volti di una voce", 1998
Mina Disegnata Fotografata
TV Sorrisi e Canzoni

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30