Creato da Mr.Nice.Guy il 07/07/2008

Mr Nice Guy

Trovati un bravo ragazzo!

 

Torno fra 10 minuti

Post n°324 pubblicato il 30 Dicembre 2015 da Mr.Nice.Guy
 
Foto di Mr.Nice.Guy

Stamattina mi sono svegliato con il pensiero di metter giù due righe. Mi era già capitato qualche volta nel corso dell’anno e mezzo passato lontano da qui, ma non è che avessi molto da dire, in effetti. Non è che ce l’abbia nemmeno adesso, se proprio dobbiamo andare a spaccare il capello. Poi per quanto possa sembrare strano, per scrivere qui mi ci vogliono sia le cose da dire, che la voglia di dirle, e non avevo nessuna delle due. Il che è perfettamente normale, visto che qui ci scrivo praticamente ad anni alterni.

Però mi sento una specie di responsabilità addosso, e per quanto non preveda grandi ritorni di espressività nei prossimi mesi, non si sa mai. Così mi pare giusto almeno lasciare un foglietto appeso per quelli che magari di qui ci passano di tanto in tanto. Tipo quando vai in un negozio e sulla porta ci trovi quello attaccato con lo scotch che dice “torno fra 10 minuti”. Tu lo sai benissimo che il tizio se n’è andato a farsi i cavoli suoi, e col cacchio che torna fra 10 minuti, quindi mentalmente ti dici “torno dopo” e invece vai da un’altra parte. Però sai che prima o poi il tizio torna, e va tutto bene. In altre parole, eccomi qui per dire che sono ancora vivo, e nella migliore tradizione degli “aggiornamenti dal fronte”, butto lì un paio di notizie su vita, amore e lavoro. Casomai qualcuno fosse curioso.

Vivo ancora nella casetta in montagna dove mi sono trasferito un paio di anni fa, e il posto è speciale come sempre. Siamo solo 238 abitanti, non ci arrivano né televisione né c’è campo per il cellulare, però ho internet, e questo basta e avanza. Dopo aver perso il vecchio cellulare, con rubrica e foto, sono passato ad uno di quelli di nuova generazione, quindi ho whatsapp, e il problema di sms e telefonate si è risolto da solo. La televisione non la  guardo da anni, però ho fatto Netflix. Gran lusso.

Per quanto riguarda il lavoro, a luglio dell’anno scorso ero abbastanza in crisi con la nuova attività, e mi hanno offerto un lavoretto di tutto riposo in una grande azienda, una di quelle con sedi negli angoli più sperduti del mondo. Sarebbe dovuto essere una cosa facile facile che mi lasciava tempo anche per l’attività privata, e invece in un anno e mezzo mi hanno caricato di compiti e responsabilità una dietro l’altra. Insomma, addio attività privata. Adesso pare che sono nel direttivo, “Responsabile qualità, ambiente e sicurezza”. Ho persino il biglietto da visita in inglese con scritto “QHSE Manager”, che sembra pure una cosa seria, mica pizza e fichi.

Perchè lo so che non sembra, viste le enormi cagate che sparo, ma sono bravo. E non è che abbia avuto molta voce in capitolo, su questa faccenda: io me ne volevo stare tranquillo per un po’, ma questi mi hanno promosso e basta, e a tempo di record. Per la serie “da domani fai anche questo”, e poche storie. Oh, mi pagano bene, intendiamoci, visto che promozioni e aumenti sono andati a braccetto. Però il lavoro è passato da “tutto riposo” a “tutta gastrite” in modo direttamente proporzionale al mio stipendio, e sempre più spesso mi scopro a pensare al mio famigerato piano C. Sole, mare, una ballerina di samba e il baracchino per i turisti. Chiamatemi scemo.

La questione soldi che mi preoccupava un paio d’anni fa si è risolta da sola in modo estremamente rapido. Considerato che vivo da solo e che sono ancora in modalità “austerity”, visto che quando ti pigli lo spauracchio dei soldi è difficile uscirne, il mio conto in banca è lievitato come un panettone. Non mi azzardo a toccarlo per paura di scoprire che in realtà è un sufflè, e magari mi si sgonfia fuori dal forno, però ogni tanto lo guardo e mi dà una certa sicurezza. Non ci faccio nulla, ma vedi mai, metti che ne ho bisogno.

Il che ci porta all’ultimo argomento, e cioè l’amore. Qui niente di nuovo, due anni e ancora calma piatta. Un paio di errori qualche sera che magari mi sono sentito solo, ma per l’appunto si parla di errori. D’altra parte la morosa prima la devi volere, e poi te la devi andare a cercare. A me non va nessuna delle due cose. Esco poco la sera, quando capita preferisco stare con gli amici, e mi va bene così. Attualmente sono indeciso fra abbracciare la vita dello scapolo, una lunga serie di compagne fino a 70 anni e niente di permanente, oppure fare un ultimo tentativo di accasarmi prima dei 40, ma ultimo per davvero. Entrambe le ipotesi mi sembrano poco attraenti, e quindi non faccio nulla.

In generale le cose vanno bene, tralasciando le incazzature furibonde che mi fanno venire al lavoro, e se non consideriamo la persistente sensazione di non avere una particolare direzione nella vita. Per quanto riguarda le incazzature è semplice, in un modo o nell’altro, mentre per la questione direzione nella vita è più complicato. Il che va bene, intendiamoci, se posso permettermi un pensiero del genere vuol dire che non ho niente di più serio di cui preoccuparmi, però a me piace sapere che c’è un senso in quello che faccio. Che c’è una strada da percorrere che mi porta da qualche parte. In questo momento non la vedo, e mi sento un po’ perso.

Speriamo nell’anno nuovo, e auguri a tutti!

 

 
 
 

Carry on wayward son

Post n°323 pubblicato il 04 Aprile 2014 da Mr.Nice.Guy
 
Foto di Mr.Nice.Guy

Ultimamente ho trascurato un po’ gli aggiornamenti su quello che mi succede nel quotidiano. La verità è che fra le difficoltà al lavoro, la situazione sentimentale e l’attacco di orsite fulminante, oggettivamente non mi andava di mettermi a fare il punto della situazione. Qualcosa tipo che se non ne parli, non è successo per davvero. Però non funziona così, quindi ecco un po’ di notizie in ordine sparso.

Chi mi legge da qualche tempo, si è accorto che da qualche mese non sono proprio al massimo della mia forma. Magari ogni tanto tiro fuori qualcosa di simpatico che fa sorridere, ma dubito seriamente che qualcuno si sia fatto una bella risata negli ultimi tempi. Il motivo, è che la bella risata non me la faccio nemmeno io, perchè tengo duro, ma non è che abbia poi tutta questa voglia di ridere. Che se ci pensate, è un po’ una fregatura, quella di non aver voglia di ridere. È tipo dormire su una sedia, lo fai se proprio devi, ma non è che la mattina ti svegli e fai i salti di gioia.

Il motivo, è che le cose mi vanno un po’ così e così. Vanno avanti, con difficoltà e impegno, ma per fortuna vanno avanti. Non così avanti però da farmi sentire una persona soddisfatta. Sarà che poi nessuno mi rompe le balle come la mia coscienza, vigorosamente spronata dalle aspettative che ho nei miei confronti, ma comunque il punto è che ancora non ci siamo. Questa cosa di tenere duro, tra l’altro, è pure abbastanza stancante. La mia esistenza è sempre girata intorno al lavoro, alla casa ed alla vita di relazione, per cui senza questi tre punti cardine giro un po’ a vuoto, e le energie mi si esauriscono in fretta. Che hai voglia a tenere duro, quando non hai un granché a cui aggrapparti.

Fortunatamente, la casa c’è, e non devo pagare l’affitto. Che solo per questo dovrei baciare per terra e ringraziare il Signore tutti i giorni che manda in terra. Ormai sono due mesi che sono qui, e da un paio di giorni finalmente dormo di nuovo in un letto matrimoniale. Dopo 6 mesi di letto singolo, mi ero scordato di quanto fosse bello. L’unico problema, è che non mi sento a casa mia, perchè oggettivamente non è casa mia. Dopo tutti gli anni in cui ho guardato le pareti delle mie case e ho pensato “questo è il frutto del mio impegno”, stare in una casa che non mi sono guadagnato, non mi fa sentire veramente a casa. Lo so che è stupido, ma sono fatto così.

Per quanto riguarda il lavoro, la bella notizia è che il famoso colloquio del 7 marzo è andato bene, per cui adesso sono un “consulente ufficiale dell’associazione”, ed è stata una gran soddisfazione. Purtroppo però come avevo anticipato, non è che i clienti hanno cominciato a fioccare a destra e a sinistra. Non è cambiato nulla, se non la soddisfazione. Per il resto, per tante cose sono fermo, per altre faccio due passi avanti ed uno indietro. Giro parecchio, e questo è un bene, sono in pari con le spese, e questo è già un traguardo, ma ancora le cose non si sono avviate come dovrebbero. Ogni tanto ci sono le giornate in cui ho delle belle notizie, ed ogni tanto mi arrivano brutte notizie. E quelle sono veramente brutte giornate.

Soldi, pochi. Prima di mettermi in proprio ho accantonato una piccola cifra da usare per l’avvio dell’attività e per il periodo iniziale. Attualmente l’attività si mantiene da sola, ma fino a quando non avrò visto come girano gli affari, dal conto non prelevo nemmeno i soldi per le mie spese quotidiane. Sostanzialmente mi gestisco la cifra che ho accantonato, e sono entrato in modalità “austerity” come non mi succedeva da tanti anni. Fortunatamente sono sempre stato abituato a fare economia, tanto che quello che gli altri giudicano necessario, a me sembra spesso superfluo. Casomai, il problema è che adesso mi sembra superfluo anche parecchio di ciò che io stesso giudico necessario.

L’amore, ne ho già parlato questa settimana, per cui non mi sembra il caso di approfondire ulteriormente. So che dovrei trovarmi della compagnia femminile, perchè io sono uno di quelli che concepisce la vita soltanto come parte di una coppia, e certe volte ne ho addirittura voglia. Il mio problema è che non vado con una donna se non ne sono innamorato, e intorno a me non è che ci siano tutte queste donne interessanti. O forse sono io, che non sono della disposizione d’animo giusta per innamorarmi di nuovo. Però c’è sempre quella storia che l’amore capita quando meno te lo aspetti, per cui facciamo finta di niente, e aspettiamo.

Insomma, resistiamo.

There’ll be peace when you are done.

 

 
 
 

Una coltellata dritta nell'infanzia

Post n°322 pubblicato il 03 Aprile 2014 da Mr.Nice.Guy
 
Foto di Mr.Nice.Guy

Quando ero bambino io, non c’erano le fiabe della Disney. O meglio, c’erano, ma le vedevi al cinema, perchè a casa non avevamo il videoregistratore. Al massimo avevo il mangiadischi, quello a 45 giri, ma principalmente me le raccontavano. E le fiabe che raccontavano a me, erano in una versione decisamente diversa da quella della Disney. Del tipo che se le racconti ai bambini di adesso, quelli cominciano a piangere dopo 30 secondi.

Tanto per dirne una, la versione che conosco io della Sirenetta prevede che la povera disgraziata sentisse un dolore lancinante ogni volta che camminava, tanto che le sanguinavano i piedi. Senza contare che il principe si sposa un’altra, la sirenetta muore, e non si trasforma in schiuma di mare soltanto perchè si rifiuta di sgozzare il principe durante la prima notte di nozze. Sempre per stare sui grandi classici, le sorellastre di Cenerentola si tagliano le dita dei piedi e i talloni per entrare nella scarpetta di cristallo, e la Regina matrigna di Biancaneve, invitata inconsapevolmente al matrimonio della figliastra, viene costretta a danzare con delle scarpe di ferro incandescenti fino a che muore stecchita.

Sarà che mi hanno dato del brontolone e del misantropo un paio di volte, in questi giorni, ma non posso fare a meno di domandarmi se tutto il buonismo dilagante con cui inzuppiamo le nuove generazioni, non stia sortendo un effetto deleterio. Insomma, la piccola fiammiferaia muore di freddo, ma se glielo racconti ad un bambino oggi, va a finire che ti accusano di averlo traumatizzato. Mentre io credo che la lettura buonistica di tante fiabe, in realtà possa portare a delle conclusioni errate. Quindi dopo averci pensato un po’, con la mente di un adulto, mi sono accorto che in versione Disney alcune fiabe veicolano un sottotesto decisamente sbagliato.

Bella e la Bestia, in versione originale, parla di una ragazza che si sacrifica per salvare il padre, viene tradita dalle sorelle nella speranza che la bestia se la mangi viva al ritorno, e si innamora di un mostro orribile, ma che la tratta come una principessa, e che a momenti muore di crepacuore quando non la vede tornare. Nella versione Disney, dimostra invece che persino quando sei brutto come la fame e hai un carattere di merda, se hai un castello e sei sfondato di soldi, ti porti a letto la più sventola del villaggio. Però c’è il rischio che ti becchi una coltellata alla schiena nel frattempo, perchè quella fa la smorfiosa col bellone di turno.

Ne La bella addormentata in versione originale, lei dorme per 100 anni, poi passa un principe che se la spupazza mentre dorme e la lascia incinta, e si sveglia solo dopo aver partorito nel sonno, quando uno dei due gemelli le succhia il dito dove si era punta col fuso. Per poi scoprire che il principe era sposato, che la sua attuale moglie è un orco, e rischiare di finire mangiata viva insieme ai suoi figli. Nella versione Disney, invece, viene fuori che se sei abbastanza sventola, il principe si innamora di te pure se ti crede una contadina ed è già fidanzato con la principessa. E poi ci domandiamo come mai le ragazze vogliono fare le veline.

Il punto è che la Disney si dimentica che le fiabe sono racconti popolari, la cui origine condivide le radici con la mitologia e le leggende. I racconti popolari, così come miti e folklore, parlano di comportamenti reali che sono lo specchio della realtà, e mostrano comportamenti sia meschini che eroici. Dove non è sempre detto che le cose vadano bene, soprattutto nelle versioni originali più antiche, ma dove è ragionevolmente sicuro che se qualche torto è stato commesso, viene vendicato in modo atroce. Che è la realtà. Se gli levi la realtà, alle fiabe, perdono di significato, e diventano una stupida storiella dove nessuno si becca la punizione che si merita.

Perchè a farci caso, private della giusta violenza e crudezza, snaturate di quello spirito realistico che comunque permea un racconto di fantasia, le fiabe non dispensano più giustizia. Va bene la storia del Mago di Oz è quella di una ragazzina che uccide una persona appena arrivata in un nuovo paese, e poi si allea con altre tre figure per continuare ad uccidere, o che Cenerentola sottolinea che se sei una sventola pazzesca, pure se sei una morta di fame, con un po’ di trucco e parrucco ti sposi il principe. Basta che non gliela dai al primo appuntamento. Però è la verità, e quindi ha un suo perchè.

Insomma, la lampada di aladino è la storia di un arabo che trova un oggetto magico, e ci sovverte l’ordine costituito per il proprio tornaconto personale. Che voglio dire, pare una cosa che si legge sui giornali. Ma soprattutto, non c’è nessun cacciatore che salva Cappuccetto rosso e la nonna all’ultimo momento, tirandole fuori dalla pancia del lupo. C’è solo un lupo bello grasso, con la pancia piena, giustamente soddisfatto. Troppo comodo che fai la cavolata, fai ammazzare pure la nonna, e poi arriva il cacciatore a salvarti. Te l’aveva detto la mamma, di non parlare con gli sconosciuti.

E ti sta bene, stupida ragazzina del cacchio.

 

 
 
 

Le due metà del letto

Post n°321 pubblicato il 02 Aprile 2014 da Mr.Nice.Guy
 
Foto di Mr.Nice.Guy

Tutti gli uomini di questo mondo sanno alla perfezione che il letto matrimoniale è un campo di battaglia. Una lotta per le risorse e per il territorio, combattuta durante la notte, che si conclude inevitabilmente sempre allo stesso modo. Ogni volta che dormi con una donna, va a finire che ti trovi su un fianco, a bordo del letto, senza le coperte. E guai a protestare. Il fatto che esistano due metà del letto, per la mente femminile, è pura fantascienza.

Una cosa che ogni brava femminista si sentirà in dovere di contestare, è che le donne sono decisamente carenti per quanto riguarda l’elaborazione degli spazi tridimensionali. Insomma, basta guardare una donna che legge una cartina, che quando si mette a girarla per capire da che parte andare, sai già che la catastrofe è in arrivo. Tipo che devi pregare che succeda in città, così al massimo puoi chiedere a qualcuno, perchè se succede senza nessuno intorno, è la fine. Dispersi, morti per fame, freddo, disidratazione, e sbranati dai lupi, tutto contemporaneamente. Garantito al 100%.

Tuttavia, l’esempio più lampante di questa caratteristica, è a letto. Un letto matrimoniale è fatto per due persone, e quindi si può dire che sia teoricamente costituito di due metà. Una metà destinata all’uomo, ed una alla donna. Coperte incluse. Per qualche incomprensibile motivo, l’estrema semplicità di questo concetto, risulta assolutamente incomprensibile. La realtà è sotto gli occhi di tutti, e basta osservarla. Quando si tratta di dormire, per prima cosa una donna occupa il centro del materasso, e poi nottetempo espande la sua proprietà fino ai bordi estremi del letto. Roba che se non ti butta giù a pedate, è per Grazia ricevuta.

In ogni caso, limitare tutta la questione ad una semplice incapacità di elaborare gli spazi tridimensionali, mi sembra quantomeno riduttivo. Voglio dire, quando passi anni ed anni a ripetere che vorresti almeno un terzo del letto e un pezzetto di coperte per non farti venire la polmonite durante la notte, il concetto dovrebbe passare. Se dopo tanti anni ancora non ottieni il minimo risultato, è chiaro che il motivo deve avere ragioni diverse. Dopo aver elaborato questo problema per anni, purtroppo non sono arrivato a nessuna soluzione. In compenso però ho maturato alcune ipotesi, ed anche se non è niente di conclusivo, ciascuna ha il suo perchè.

La prima ipotesi, è la mia ben nota teoria del Tocco del Gelo Paralizzante. In pratica la fisiologia femminile è così diversa da quella maschile, da conferire ad alcuni soggetti la possibilità di congelare un uomo con il solo tocco. Che generalmente avviene di notte, sotto le coperte, sotto forma di piede gelido che tentativamente si avvicina all’ignaro uomo di turno, per sondare la sua disponibilità a condividere il suo calore corporeo. Causando paralisi e surgelamento immediato, stile super poteri, seguiti da lento scongelamento durante la notte come un merluzzo fuori dal freezer.

La seconda ipotesi, è quella della Teoria Collettivista dello Stato Sociale, declinata al femminile ed in versione domestica. I beni e le superfici di casa sono quindi in perfetta condivisione, e il tutto si riassume nel motto “ciò che è mio è tuo, e ciò che è tuo è mio”. Che nella mente femminile continua con “quindi mi prendo il tuo lato del letto e le tue coperte”. Il che dimostra tra l’altro che il collettivismo e il comunismo in generale, difficilmente arrecano gli stessi benefici a tutte le parti coinvolte, come nel caso di esempi storici quali URSS e Cina, tra l’altro. Che non è la stessa cosa, ma ci si avvicina parecchio.

La terza ipotesi, è la teoria dell’Atavismo. Durante la notte la donna ripercorre inconsciamente le fasi dell’evoluzione umana, risalendo fino ai rettili ed adottandone il comportamento istintivo. Esattamente come un serpente che si infila nel sacco a pelo del campeggiatore per cercare calore, durante la notte la donna si avvicina all’uomo per riscaldarsi, e si avvolge nella coperta come un involtino per simulare la muta della pelle. Questa teoria è inoltre supportata dal fatto che, esattamente come un serpente, se per caso svegli una donna per riprenderti un po’ di coperte, quella come minimo ti morde, e in ogni caso diventa velenosa.

Per fortuna, vuoi per la selezione naturale, che ha ucciso tutti gli uomini incapaci di resistere ai rigori di una notte senza le coperte, vuoi per anni di esperienza che hanno temprato il fisico, o forse semplicemente per pura rassegnazione, alla fine gli uomini si sono abituati a sopportare. Meglio quello, di una che ti frega le coperte e basta. Perchè siamo onesti, una che di notte non ti si avvicina nemmeno per fregarti il calore corporeo, però ti leva tutte le coperte, è veramente la cosa più terribile da gestire. Ti frega le coperte, e non ci caga per tutta la notte.

Il peggio del peggio.

 

 
 
 

Tutta colpa della Miss

Post n°320 pubblicato il 01 Aprile 2014 da Mr.Nice.Guy
 
Foto di Mr.Nice.Guy

Come qualcuno più attento di me ha notato, in tutti questi mesi non ho mai detto qualcosa di negativo sull’ultima donna di cui mi sono innamorato. Il motivo, è che non avevo niente di negativo da dire. Tuttavia, anche alla luce delle considerazioni di ieri, una cosa la devo ammettere per forza: se sarò costretto a saltare da un letto all’altro per i prossimi anni, sarà tutta colpa della Miss.

In questo periodo di singletudine, il pensiero di “come sarebbe potuto essere” l’ho fatto fin troppo spesso, inutile nasconderlo. Ormai però me la sono messa via, e sono più concentrato sul come sarà in futuro. Quindi nel momento in cui mi rendo conto che le mie prospettive di matrimonio, figli e famiglia sono sfumate, e che ragionevolmente passerò i prossimi anni ad andare a letto con un imprecisato numero di sconosciute, un po’ mi girano le balle. Perchè la Miss ha tutta la mia comprensione sul fatto che si merita di meglio, tuttavia il prezzo di questa comprensione lo pago io, e tutto ha un limite.

Ad esempio, io capisco che passare le ore a far l’amore con una persona che venera te e il tuo corpo, possa essere una cosa particolarmente fastidiosa. Soprattutto se c’è la prospettiva di continuare a farlo per tutta la vita, e a maggior ragione quando questa persona che ti venera non solo lo vuole fare di continuo, ma ha già messo in chiaro che sarà come minimo tre volte a settimana. Io lo capisco, che certe cose stancano. Quando poi il tizio in questione non è uno che si sbriga in 20 minuti, e ha letteralmente un’enciclopedia del sesso nella testa, come prospettiva dev’essere veramente allucinante.

Capisco anche che quando lavori 11 ore al giorno, compreso il sabato mattina, e sei una donna super impegnata, hai delle esigenze particolari. Quindi se uno ti dice che vuole sposarti e fare dei figli, e ti assicura che farà di tutto per guadagnare abbastanza da permetterti di lavorare part time e occuparti della famiglia, può essere dura anche solo da concepire. Voglio dire, chi mai vorrebbe lavorare di meno, soprattutto se ci sono abbastanza soldi, solo perchè in questo modo ha più tempo per crescere ed educare dei figli? Non siamo mica negli anni ’50, questo ragionamento è puro maschilismo retrogrado, fallocrate ed androcentrico. Quindi capisco anche questa cosa, ci mancherebbe altro.

Però quando hai 33 anni, sei divorziata, e un bel single di 36 anni ti offre tutto quello che ha e ti dice che sei la donna della sua vita, è un discorso leggermente diverso. Non dico che se non ti mena e non ti tradisce, tu te lo tieni e ringrazi il Cielo. In particolar modo se dopo 6 mesi già vuole vivere con te. Non dico nemmeno che gli devi dare una seconda occasione, perchè se ha commesso qualche torto irreparabile, tipo che ti ha ammazzato il cane o ti ha rubato i gioielli, ‘fanculo pure alla seconda occasione. Nemmeno se il single di 36 anni sono io. Però almeno ci parli e vedi di capire. Non passi il tempo ad offenderlo persino quando ti manda un sms.

Ma soprattutto, se lui ti ha detto che se fossi stata l’ultima donna della sua vita, sarebbe stato l’uomo più felice del mondo, hai delle responsabilità. Quindi vorrei sapere con che coraggio lo condanni ad andare a letto con una lunga fila di sconosciute. Lì è proprio non averci cuore, e nemmeno un briciolo di pietà. Perchè vedete, fra le tante cose che mi ha detto la Miss, è che sono talmente pessimo che mi vorrebbe solo una russa. E la cosa che mi spaventa, è che probabilmente mi sposerò una russa per davvero. Seriamente, è un’opzione che non dico di aver considerato, ma che sicuramente non mi sento di scartare.

Chiaramente, il motivo non sarà certo perchè sono così pessimo che le italiane non mi vogliono. Anche alla luce degli avvenimenti di questi ultimi mesi, è chiaro che alle italiane piacevo prima, piaccio adesso, e ragionevolmente piacerò anche in futuro. Quindi il mio primo problema è che andrò a letto con innumerevoli italiane, e già qui andiamo decisamente male. Il secondo, è che fra tutte le italiane che ci saranno nel mio futuro, rischio di trovarne un’altra che mi fa un tiro così. Questo pensiero mi fa venire i brividi sulla schiena. Perchè se la trovo, va a finire che mi arrendo e la smetto di andare con le italiane. Quella è la volta che prendo mille euro, vado in agenzia matrimoniale, e mi sposo una russa sul serio.

In entrambi i casi, sarà tutta colpa della Miss.

 
 
 
Successivi »
 

CHI È IL MISTER

Mr Nice Guy: espressione inglese per indicare il "classico bravo ragazzo".

Il mio punto di vista è quello di una persona assolutamente normale. Sono il classico bravo ragazzo. Se ci fosse una definizione di bravo ragazzo medio, nel dizionario, beh, ci sarebbe la mia foto di fianco. Ma nella mia esperienza, essere un bravo ragazzo non ha vantaggi di sorta. Solo sfighe.
E questo è il mio punto di partenza.

 

 

TAG

 

IL MISTER IN PILLOLE

BLOG DEL GIORNO!

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

marta.zaninanimapersa1978ciaolaurapinguchanaldebaran630sonnomeccanicoi_cinque_sensiramona.cozzaPeter.Pan7marcoaurelio78cris7tinaLibertys1teke93Narciso_Aleax71
 

ULTIMI COMMENTI

Citazioni nei Blog Amici: 82
 

DICONO DI ME





Inviato da venus.veronensis il 30/10/08 @ 12:39 via WEB
Scendi tra noi umani qualche volta.

Inviato da marematite il 21/10/08 @ 10:45 via WEB
ma vaffanculo...

Inviato da  mr.controcorrente il 18/09/08 @ 13:15 via WEB
... e, aggiungo, da perfetto cattolico quale sei, dovresti sapere che uno dei 7 peccati capitali è la SUPERBIA.

Inviato da vargoli il 01/09/08 @ 16:31 via WEB
Beh, sai, forse hai trovato solo stronze egoiste perché, come si dice, "similes cum similibus congregantur".
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2016 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30