Blog
Un blog creato da Ganimede.76 il 14/05/2007

Parole non dette...

"la vita è uguale a una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti capita!" (Forrest Gump)

 
 

PREGHIERA DELL’OMOSESSUALE

di Fr. Angelo (Sud  Italia) 

il discepolo che gesù amava

Padre dell’umanità, come figlio mi rivolgo a te con fiducia: aiutami a sentirmi amato da Te, dalla Tua Chiesa, dalle persone a  me care e da tutti coloro che mi circondano. Non mi facciano sentire un verme, un errore della natura, un mostro da nascondere. Donami la forza di accettarmi  per come mi hai creato, di non vivere da ipocrita, nascondendo a me e agli altri  la mia tendenza sessuale. Aiutami a capire che sono anche io Tuo figlio prediletto, che Gesù è morto in croce anche per me. Metti davanti al mio cammino persone sagge che sappiano consigliarmi, che sappiano aiutarmi ad accettarmi. Molte volte, a causa dei pregiudizi e delle paure, sono tentato di  farla finita su questa terra, ma poi sapendo che “tu ami tutte le cose esistenti  e nulla disprezzi di quanto hai creato; se avessi odiato qualcosa, non l`avresti  neppure creata”(Sapienza 11,24) mi riprendo e vado avanti. Dona ai miei  genitori la rassegnazione e la serenità che sono sempre loro figlio, anche se  non potrò mai dargli la gioia di essere nonni, potrò donargli l’affetto di un figlio  che sa amare e vuole essere amato. Aiutami a non fare scelte sbagliate, matrimonio o vocazione di copertura, ma a fare scelte vere e libere. Se qualche volta ho bisogno di essere abbracciato e amato da uno del mio stesso  sesso…. Stammi vicino e abbracciami forte e fammi sentire la tua infinita misericordia e le tue lacrime che scendono sul mio capo, per dirmi che mi comprendi e mi ami per quello che sono. Ti voglio bene Gesù.

 

BIBBIA E OMOSESSUALITÀ

Nel tentativo di approfondire tale tematica e, soprattutto, di individuare con esattezza i testi della Bibbia ed interpretarne correttamente il contenuto, ho ritenuto opportuno leggere due libri che affrontano l'argomento sul piano esegetico e che hanno come punto di riferimento la Bibbia nella sua interezza.

I libri che ho provveduto a leggere e ai quali mi riferirò nella presente trattazione sono:

- Bibbia e Omosessualità, Ed. Claudiana

- l'Omosessualità nella Bibbia, Ed. San Paolo

bibbia

 Introduzione (>)

I testi nei loro contesti antichi

Antico Testamento:

1) Genesi (>)

I resoconti della Teologia della Creazione

2) Sodoma e Gomorra (>)

C'è Omosessualità in questi racconti?

3) Gionata e Davide (>)

Si può parlare di Omosessualità?

(continua)

 

UN PÒ DI ME...

volto

"Omosessuale e credente"  di Alessandra Del Re:

LiberoBlog/Storie

MI RACCONTO...

"Essere o non essere..."

Una pagina del mio Diario su: Gionata.org

UNA MIA ESPERIENZA...

"Non guaritemi in nome di Cristo"

sul Blog: 1, 2, 3... Liberi tutti dell'Unità di Delia Vaccarello

"Una cristoterapia per guarire dai pregiudizi" su: gaynews

 

LA MIA MAIL:

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

AGEDO

AGEDO

L’A.GE.D.O. è costituita da genitori, parenti e amici di uomini e donne omosessuali, bisessuali e transessuali che si impegnano per l’affermazione dei loro diritti civili e per l’affermazione del diritto alla identità personale.

Vogliamo essere di aiuto e sostegno a quei genitori che hanno saputo dell’omosessualità della propria figlia o figlio e ne soffrono perché per loro è difficile comprendere e accettare. Pensiamo di poter condividere il loro disagio offrendoci come interlocutori per un dialogo su una situazione che noi abbiamo vissuto e superato.

 

DISCLAIMER

Questo Blog non rappresenta una testata giornalistica e viene aggiornato senza alcuna periodicita'. Pertanto, non puo' essere considerato in alcun modo un prodotto editoriale ai sensi della L. n. 62 del 7.03.2001. Gli articoli e le immagini inseriti in questo Blog sono tratte in massima parte da Internet; qualora la loro pubblicazione violasse eventuali diritti d'autore, vogliate comunicarmelo e saranno subito rimossi.

 

Visitor Map

 

Web stats powered by www.clubstat.com

 

Registra il tuo sito nei motori di ricerca

 


 

IL MIO BLOG ADERISCE AL PROGETTO:

 

 

Padre Scordato, un prete “speciale”: “I gay? Dove c’è amore c’è Dio”

Articolo tratto da: www.palermotoday.it di Piera Zagone – 12 ottobre 2012

Il parroco della chiesa San Francesco Saverio all'Albergheria, nel centro storico della città, ha parlato in occasione della presentazione del progetto "Prospettiva Queer" prendendo le distanze dalle canoniche posizioni della Chiesa cattolica.

Padre Scordato, un prete “speciale”: “I gay? Dove c’è amore c’è Dio”Un sacerdote (è proprio il caso di dirlo) "diverso". Spesso, anzi quasi sempre, la chiesa cattolica prende le distanze dalla prospettiva degli omosessuali e considera i rapporti fra persone dello stesso sesso come "peccati contro natura". Diversamente -appunto - la pensa, invece, padre Cosimo Scordato, parroco della chiesa San Francesco Saverio all'Albergheria, un quartiere nel centro storico della città, che ha parlato in occasione della presentazione del progetto "Prospettiva Queer", una rassegna cinematografica Glbt che si svolgerà da venerdì prossimo a Palermo, con incontri e dibattiti, sul tema dell'omosessualità: "Dove c'é amore c'é Dio - dice Padre Scordato - per questo la Chiesa, soprattutto ai più alti livelli, dovrebbe cambiare radicalmente il proprio pensiero". Il riferimento è al Vaticano e al Pontefice che, secondo il sacerdote, "ancora stentano ad accettare senza pregiudizi gli omosessuali". Poi aggiunge: "I gay vengono trattati con diffidenza se non addirittura con paura. Devo ammettere che anch'io quando ero seminarista, li guardavo con terrore, ma poi frequentandoli ho imparato a vedere le cose dal loro punto di vista e mi sono reso conto che non c'é nulla di sbagliato in loro".
Per il parroco dell'Albergheria "sbaglia piuttosto, chi li considera come peccati contro natura e 'anormali'. Sono semplicemente persone che amano e che chiedono di essere amati: l'amore è uno dei principi fondamentali del sentimento cristiano. Per questo la Chiesa sbaglia a non accettarli".


 
 
 

Storia di un’anima che non si sentiva amata da Dio

Post n°584 pubblicato il 13 Ottobre 2012 da Ganimede.76
 

Testimonianza di Riccardo tratta da: www.gionata.org 

Storia di un’anima che non si sentiva amata da Dio

“Una volta il nostro buon Signore disse: «Ogni specie di cosa sarà bene». […] Perché Egli vuole che sappiamo che anche la cosa più piccola non sarà dimenticata”. Sono queste le parole che Cristo disse a S. Giuliana di Norwich, mistica e reclusa inglese vissuta dal 1342 al 1430 circa. Parole che prima di essere dette a lei, vennero proclamate ad ogni popolo ben prima, ad alta voce e dall’alto di una montagna.
In passato non avrei mai creduto a questo, anzi, pensavo che l’amore di Dio fosse solo per i buoni, per coloro che sono perfetti e senza macchia alcuna. Ma ora ho compreso che Cristo, anche a me, dice: «Guarda quanto ti amo»! Una certezza a cui sono giunto solo dopo un percorso di sofferenza. Esattamente come il Profeta Giona, che dovette attendere il suo tempo all’interno del ventre del pesce. Solo dopo rivide la luce.

Lo ricordo come se fosse ieri, il giorno in cui compresi la mia natura omoaffettiva. Alla scuola materna c’era un compagnetto che fra tutti i bambini della mia classe era certamente il più bello, con i suoi riccioli dorati, gli occhi chiari e le lentiggini sul viso. E
ra il più forte e tutti andavamo da lui per farci aprire i vasetti di plastilina. Ci difendeva sempre dai soprusi dei bambini più vivaci e, se non erro, fu lui la prima persona che suscitò in me sentimenti di affetto innocente.
A tre anni non potevo riconoscermi nella condizione dell’omosessuale, ma per me era spontaneo provare quelle sensazioni. Ero un bambino molto vivace, allegro, sorridente, educato ai valori evangelici, poiché per la mia famiglia la carità doveva avere il primato su tutto.

Mia madre è sempre stata con noi tenera e amorevole, pronta a farsi prossima di chiunque; mio padre, invece, seppur poco propenso ad esprimere le sue emozioni e sempre molto impegnato con il lavoro, era per me un esempio di dedizione e sacrificio. Guardavo con ammirazione ogni persona che portava avanti il fine principale per il quale Dio ci chiama e ci riunisce: onorare Nostro Signore Gesù Cristo come la sorgente e il modello di ogni carità, servendolo corporalmente e spiritualmente nella persona dei poveri e degli oppressi. Il Vangelo è stato per me il nido dove sono cresciuto e che mi ha insegnato a stare attento alle sofferenze altrui.

I miei problemi, in quanto omosessuale, iniziarono alla scuola elementare, quando divenni il bersaglio di molti bambini a causa dei miei modi, dei miei giochi e della mia immaginazione incline alla sensibilità femminile. “Donna”, “frocetto”, “finocchio”, erano solo alcune delle offese che mi venivano rivolte di tanto in tanto.
Ricordo che nell’altra classe c’era un altro bambino, probabilmente anche lui omosessuale, il quale ritornava spesso a casa piangendo dopo essere stato apostrofato con questi soprannomi. Un giorno suo padre venne in classe in lacrime, affranto e confuso per la cattiveria che veniva rivolta al figlio, di cui anche io ero complice.
Infatti, in modo immaturo, prendevo parte ai soprusi contro di lui, così da accentrare l’attenzione anche su di lui e non solo su me. Ero stanco di cancellare dal mio zaino scritte quali: “frocio” o “ricchione”. Ricordo che intervenni dicendo: «Sì, è vero, si porta dietro i trucchi e le bambole!».
La Maestra, che aveva intuito la mia omosessualità, quel giorno mi impartì una lezione che potrebbe apparire forte, ma che invece sortì un effetto positivo in me. Da grande educatrice quale era disse davanti a tutti: “E tu? Non giochi forse sempre con le bambine? Non ti piacciono forse le stesse cose del tuo compagnetto?”.
Rimasi in silenzio, come impietrito e fu così che compresi che era giunto il momento di battermi per quelli come me, ma non solo, anche per coloro che si sentono emarginati, discriminati, a causa della loro condizione esistenziale.

Questa presa di coscienza divenne nel tempo una vocazione, che si radicò in me con l’inizio della formazione catechistica.
La nostra catechista era un donna nubile, piuttosto schietta e scortese, ma ci seppe guidare verso i sublimi valori del Vangelo.
Quando ci raccontò che Gesù proclamò “Beati quelli che sono nel pianto, perché saranno consolati” (Mt 5, 4), compresi che Cristo si stava riferendo anche a me, a quel bambino che si chiudeva nella sua stanza per inventare giochi solitari al riparo da bambini insensibili. Intuii che le Beatitudini non dovevano essere interpretate come ricompense ultraterrene, ma piuttosto come opere d’amore di chi si pone alla sequela di Cristo e alle quali consegue l’amore fedele di Dio. Io ero difatti nel pianto e, sentendo quella Beatitudine, sapevo nel profondo che sarei stato consolato ben presto.
Al contempo, sapevo che se avessi consolato un altro amico o un’altra amica omosessuale, anche loro avrebbero sperimentato questo stato di beatitudine.
Le Beatitudini, a mio avviso, sono una dinamica di amore comunitario, fulcro del Vangelo della Montagna, stella polare a cui ogni cristiano dovrebbe sempre far riferimento. Innamorato della figura di Gesù di Nazareth, iniziai a leggere il Vangelo senza l’aiuto di nessuno, ma al contempo, iniziai a provare sgomento per la miriade di pagine violente narrate nella Bibbia. La mia attenzione però era fissa su Cristo, sul suo modo di interagire con gli altri, gli ultimi, i poveri e i peccatori. Sapevo che Lui mi avrebbe donato“una sorgente d'acqua che zampilla per la vita eterna” (Gv 4, 14).

Non ricordo il momento in cui presi coscienza dell’esistenza di Dio, non avevo bisogno di credere, poiché ogni qualvolta mi soffermavo ad osservare una rosa fiammante, fregio della terra e splendore ammaliante di stupendi giardini, i miei occhi vedendo la sua eccellenza, stupiti dalla sua bellezza, riconoscevano l’intervento di un dito divino. La meraviglia, infatti, è per me la madre della fede, una fede che da bambina diventa adulta, diventando consapevolezza dell’esistenza di Dio.

Penso che i bambini possano insegnarci ad aver fede, perché di fronte ad un tramonto, ad un mare in burrasca, alla nascita di una farfalla, si meravigliano e concludono ingenuamente che tutto ciò sia un mistero irreperibile.
I bambini hanno un animo limpido e Gesù è chiaro a tal proposito: “Beati i puri di cuore perché vedranno Dio” (Mt 5, 8). La consapevolezza dell’esistenza di Dio è, a mio avviso, la dimensione a cui dovremmo tendere. Credere a priori è un atto privo di esperienza, dobbiamo invece sperimentare Dio, attraverso la capacità di meravigliarci ancora del Suo Creato e delle Sue Creature, allora la nostra fede si tramuterà in consapevolezza e smetteremmo di dire «Io credo in Dio», per affermare infine con fermezza che «Dio c’è». Non più fede in Lui, ma consapevolezza di Lui.

La mia esistenza e la mia fede, tuttavia, vennero messe alla prova durante la frequentazione della scuola media inferiore. Gli atti di bullismo divennero insopportabili e incessanti. Spesso, sui muri della scuola o sui banchi, si poteva leggere il mio nome affiancato alla parola “frocio”.
Avevo sempre paura di andare alla lavagna, era infatti l’occasione opportuna per additarmi, ed è così che in alcune materie (dove era richiesto l’esercizio alla lavagna) i miei voti precipitarono. Qualcosa si incrinò in me e si insidiò nella mia mente il pensiero del suicidio e della morte, come fuga estrema da un mondo che consideravo crudele e immutabile. Desideravo le peggiori cose per coloro che mi facevano del male. Ho sperato perfino che la loro vita finisse.

Il clima delle superiori, a parte qualche velata allusione, fu radicalmente più sereno perché avevo imparato ad apparire più maschile, a fingere interessi verso precisi argomenti e verso le ragazze. Quando si finge indossando una maschera che copre il nostro vero volto è tutto più facile. Mia madre mi iscrisse agli scout e anche lì fu terribile.
I giochi attorno al fuoco, smisero di essere giochi di gioia, diventando vere e proprie torture, perché le parole venivano modificate per adattarle a me, che per tutti era “lo scout frocio”. Ricordo che successivamente ad una riunione, dopo l’ennesima presa in giro, scappai a casa in lacrime chiudendomi in bagno per quasi un’ora. I capi vennero a cercarmi spaventati per la mia reazione e chiesero ai miei genitori delle spiegazioni, ma io inventai delle scuse per mandarli via e così se ne andarono senza aver conosciuto la verità. Dopo quella volta, ribellandomi a mia madre che desiderava che continuassi il percorso scoutistico, decisi di andarmene da quell’ambiente per non soffrire più.

Finalmente le cose iniziarono a cambiare positivamente verso la terza superiore, perché incontrai nuovi amici e amiche che mi accolsero positivamente pur intuendo la mia natura omoaffettiva. Un’amica si innamorò di me, ma feci finta di niente perché con lei potevo condividere la mia passione per la musica, la poesia e la scrittura.
Fu lei il primo angelo che il Signore mise sulla mia strada. La spiaggia era il luogo preferito dove poter scrivere e qui, davanti ad un bellissimo tramonto, le rivelai la mia omoaffettività. Fu la prima persona a cui dissi di me.
Soffrì profondamente, ma si comportò come un vero e proprio angelo: fu la prima persona a portarmi il lieto annuncio che anche un omosessuale è degno di amore e stima.

Iniziò così la mia rinascita. La mia fede però era ormai tiepida e stremata, non c’era per me nessun Dio pronto ad accogliermi. Il Magistero della Chiesa, le perentorie parole dell’allora Cardinale Joseph Ratzinger e di Papa Giovanni Paolo II, non mi aiutarono affatto: potevo essere omosessuale, ma non potevo amare un altro uomo con il mio corpo.
L’omosessualità diventava così una sorta di prova da superare mediante uno stile di vita casto e sobrio. Non riuscivo ad accettare questa menomazione e fu in quel momento che chiusi Cristo e il Suo Vangelo in un angolo segreto del mio cuore.
Andai così alla ricerca di nuove forme di spiritualità più soddisfacenti: dal neopaganesimo, alle filosofie orientali, fino ai filosofi dell’illuminismo.

Chiamavo Dio lo “Spirito dell’Universo” e a Lui rivolsi la mia preghiera più profonda: desideravo incontrare l’amore umano migliore per me. Ero solito ripetermi: «Là fuori c'è qualcuno che mi cerca, come io cerco lui».
Tale speranza si avverò in breve tempo, poiché incontrai il ragazzo che tuttora, da circa otto anni, è il mio compagno e il mio amore prezioso. I miei sogni potevano finalmente realizzarsi: mi sarei addormentato fra le sue braccia, avrei ricevuto le sue carezze, passeggiato con lui, litigato con l’intento di far pace subito dopo, regalandogli i cioccolatini per la festa di S. Valentino. Solo una cosa la mia Chiesa mi vietava: non potevo fare l’amore. Disobbedii, perché ritenevo questa proibizione un’assurdità.

L’emorroissa (Matteo 9,20-22) ritornò a vivere disobbedendo ad una Legge che le impediva l’incontro con Dio, a causa del male che l’affliggeva e la rendeva impura agli occhi umani ma non a quelli divini.
Sono felice di aver disobbedito e di essermi dato l’opportunità di amare e di essere amato dal mio compagno. Mi fa sorridere leggere o ascoltare opinioni secondo le quali il mio non sarebbe un vero amore, in quanto sterile e non basato sul dono reciproco di sé.
Il mio compagno ed io ci doniamo ogni giorno, talvolta spogliandoci di noi stessi, mettendo da parte la nostra persona, pur di renderci felici.
Colui che amo mi ha perdonato, mi è stato accanto, è stato presente in ogni mio passo come un angelo custode e tutto ciò non è forse un dono di sé? Non siamo fecondi biologicamente, è palese, ma affettivamente sì, perché sognare una vita con lui, una casa in comune, fino a quando i nostri capelli non saranno bianchi, per me significa vivere in modo fecondo e donarsi reciprocamente. Io ho messo la mia vita nelle sue mani e lui la sua nelle mie, facendo di ciò un’offerta di ringraziamento a Dio Padre.

Tutti sappiamo che la Chiesa Cattolica non odia gli omosessuali aprioristicamente, poiché desidera la salvezza di tutti i suoi figli. Ciò a cui ci chiama da sempre deriva dalla Tradizione e   da precisi passi biblici che, decontestualizzati e interpretati in modo letteralistico, generano una prigione dogmatica che non tiene conto del nostro diritto di amare e di essere amati. Cristo, infatti, ci “ha resi capaci di essere ministri di una nuova alleanza, non della lettera, ma dello Spirito; perché la lettera uccide, lo Spirito invece dà vita” (2Cor 3,6).
Per quanto mi riguarda, io non ho scelto di essere omosessuale, sono così da sempre. L’orientamento sessuale e affettivo è una realtà scientificamente comprovata e non possono chiederci di reprimere la nostra natura, perché io non penso di essere “contro natura”, ma bensì, di essere una natura all’interno di una Natura più grande.
Chiederci di vivere a metà, senza sessualità e affettività, “sarebbe come dire a una pianta: puoi crescere ma non puoi fiorire”, disse notoriamente Padre Alberto Maggi, biblista, esegeta e angelo prezioso.
La sessualità, all’interno di una coppia stabile che si ama, non è riducibile ad un mero atto fisico, essendo la trasmissione dell’amore spirituale mediante il proprio corpo. E’ un processo che va dallo spirito alla carne, ed io, ritengo che sia l’amore a santificare l’atto sessuale.

Questa idea ora è parte fondante della mia vita, ma dopo la morte di una mia cara zia dovetti affrontare un periodo di messa in discussione di ogni certezza.
Cedetti al desiderio di provare nuove emozioni al di fuori del mio amore prezioso, non avendo prima di lui vissuto alcuna esperienza sentimentale o sessuale.
Tradii così il mio amore diventando poi schiavo dei sensi di colpa. Invocavo su di me la peggiore delle punizioni per aver sfigurato il dono prezioso della mia relazione.
Dopo la morte della mia cara zia, intrapresi un cammino di farisaica religiosità, nell’incolmabile desiderio di rimediare ai miei peccati e ai miei sensi di colpa verso Dio e verso il mio compagno.
Decisi così di lasciarlo e pensai che forse la Chiesa aveva ragione: l’omosessualità è intrinsecamente disordinata e conduce a tutto ciò. «L’omosessualità – pensavo - porta con sé i semi del male e se non posso guarire - non essendo una malattia - posso almeno privarmi della mia sessualità».

Emerse il mostro che avevo dentro: la paura dell’inferno. Mi chiusi in una prigione fatta di riti esterni al cuore, rassicuranti, poiché è più facile pascolare in uno stretto recinto, piuttosto che in una valle rigogliosa e ampia.
Informai il mio ragazzo della mia decisione di lasciarlo e di vivere senza più nessuno accanto. Non meritavo nessuno, non volevo finire all’inferno e la castità sarebbe stata l’opzione migliore.
Lui accettò perdonandomi e desiderando di vivere con me castamente. Chiesi a Dio un segno e di inviarmi degli angeli che mi aiutassero a capire quale fosse la scelta migliore da intraprendere.
Non ricordo come avvenne, ma approfondendo il tema della fede e dell’omosessualità mi imbattei in un mondo teologico ben diverso da quello che avevo conosciuto, più ricco e rigoglioso; costituto da persone che rendono testimonianza di quel bellissimo passo del libro della Sapienza (Sap 11, 24) dove si dice che Dio, se avesse odiato qualcosa, non l'avrebbe neppure creata, perché niente potrebbe sussistere se Lui non lo volesse. O, addirittura, conservarsi se Lui non l'avesse chiamata all'esistenza.
Molti obietterebbero affermando che questo passo non possa considerarsi a favore dell’omosessuale, perché significherebbe dire che anche la pedofilia o l’omicidio, in quanto esistenti e sussistenti, sono dimensioni accettabili.
I sostenitori di questa tesi ritengono che l’omosessualità, come l’omicidio, la violenza, la pedofilia, siano la conseguenza del  peccato originale, dimenticando però una differenza sostanziale che vale la pena rimarcare, nonostante la sua ovvietà: io, in quanto omosessuale, amo e rispetto la libertà del mio compagno, gli esprimo il mio amore, desidero il suo bene; il pedofilo o l’omicida, invece, attuano una violenza, un sopruso, sfigurano la libertà e calpestano la vita.
Come possiamo paragonare una relazione d’amore libera e responsabile, alla dimensione patologica della pedofilia, basata sulla sopraffazione? La Chiesa e parte della società dovrebbero sempre porsi questo quesito.

Scoprii tramite dei veri angeli in terra un Signore che risparmia tutte le cose, perché tutte son sue. Un Signore amante della vita.
Entrai in contatto con una nuova esegesi, liberante, illuminante, che finalmente spazzava via la polvere che copriva il volto del Dio buono testimoniato da Suo Figlio. Il vero nome e il vero volto di Dio è appunto l’amore, come sta scritto nella I Lettera di Giovanni (4:8): “Dio è Amore”. Non a caso la parola greca tradotta qui con amore è “agape”, un tipo di amore elargito con abbondanza e incondizionatamente, indipendentemente dal merito altrui.
E’ un amore che potremmo paragonare alla luce del sole: possiamo impedire al sole di splendere? No! Al massimo possiamo ritirarci nel buio e non ricevere più la sua luce, ma il sole continuerà a spandersi comunque e ovunque, aspettando di scaldare il viso di ogni persona.

Questo è il criterio che mi aiuta a capire chi è veramente Dio, sole "che è nei cieli" e che sorge "sui cattivi e sui buoni" (Mt 5: 45). Credo che Gesù, unica stella polare, non abbia la verità, ma sia la Verità: "Io sono la via, la verità e la vita” (Gv 14, 6).
Gesù è il Figlio di Dio, ossia assomiglia a Dio e compie la missione affidatagli in un atteggiamento di obbedienza, diventando quindi il primo testimone del Padre.
Perciò chi è Dio? Dio è Amore abbiamo detto (1Gv 4, 8) e, in virtù di questa somiglianza, anche Gesù è tale, dunque dichiarandosi Via, Verità e Vita, Gesù proclama che l’Amore è la Via, la Verità e la Vita. E, se la Verità è l’Amore, noi dobbiamo rimanere in esso poiché “chi rimane nell'amore rimane in Dio e Dio rimane in lui.” (1Gv 4, 16).

E’ così difficile sentirsi amati da Dio. Spesso siamo noi a misurare quanto amore meritiamo. Per fortuna lo Spirito di Dio parla per bocca dei suoi umili inviati; uno di questi mi disse: «Sei partito dal giudizio severo su te stesso, cercando di essere tu il Padre Eterno, parti piuttosto dalla sua Misericordia e lascia che sia Lui il solo a giudicare».

Come possiamo dunque ascoltare “la voce di uno che grida nel deserto” (Mc 1, 3) se non facendo della nostra anima un deserto? Io ho messo a tacere molti pensieri ereditati da altri, ascoltando non più un grido, ma un sussurro, come quello di una mamma che legge una fiaba al suo amato figlio.
Io ho smesso di odiare la mia Chiesa e l’ho fatto proprio ascoltando Gesù e il suo accorato appello di perdono. Se avessi continuato ad odiarla (anche se le perplessità sono ancora tante), sarei come quegli scribi e quei farisei che condussero a Gesù “una donna sorpresa in adulterio, la posero in mezzo e gli dissero: "Maestro […] Mosè, nella Legge, ci ha comandato di lapidare donne come questa. Tu che ne dici?" (Gv 8, 1,5).

Questa domanda l’ho posta anche io a Cristo ed io non desidero che Lui si chini a “scrivere col dito per terra” (Gv 8, 6) il mio nome nella polvere, affianco a quelli che“hanno abbandonato il Signore, fonte d’acqua viva” (Ger 17, 13).
"Neanch'io ti condanno” (Gv 8, 11), mia Chiesa, desidero infatti, rimanendo in te, aiutarti ad andare e a non peccare più verso di noi, figli di Dio in cammino come lo sei tu. Noi omosessuali, a causa del dolore che la Chiesa ci causa, ci dimentichiamo che nessuno di noi è “senza peccato” e gettare per primi “la pietra contro di lei” significherebbe negarle una possibilità di riscatto, di crescita, rallentando così i tempi in cui un giorno anche noi saremo accolti integralmente, come esseri che possono amare spiritualmente e corporalmente.

La Chiesa, nei confronti di noi omosessuali non si pone forse come “nemica” del nostro anelito di vita e di amore? Gesù, a noi omosessuali, non compresi ancora dalla nostra Chiesa dice: «amate i vostri nemici, fate del bene a quelli che vi odiano, benedite coloro che vi maledicono, pregate per coloro che vi trattano male» (Lc 6, 27-28).

Vorrei concludere questa mia testimonianza con un suggerimento che potrebbe apparire presuntuoso: ricordiamoci sempre che la “lettera uccide”, mentre lo “Spirito dà la vita” (2Cor 3,6). Sappiamo che nella Bibbia l’omosessualità è deplorata, ma ogni passo biblico a discapito di essa è comprensibile alla luce della storia, della scienza e dell’esegesi.
La Bibbia, a mio avviso, contiene la Parola di Dio, la quale si trova sepolta sotto una montagna di parole umane. A noi, quindi, spetta il compito di dissotterrarla e di rivelarla al mondo.
La Parola di Dio nella Bibbia è come l'oro che si trova in un fiume e che per essere separato dalla sabbia del suo letto necessita di un setaccio.
Non è forse Cristo-Amore il nostro setaccio? Egli è morto anche per noi omosessuali, perché non fossimo ritenuti degni di morte da una legge costituita da “dottrine che sono precetti di uomini” (Mt 15,9).

Dio è amore, ricordate? Chi ama può forse comandare che coloro i quali hanno “rapporti con un uomo come con una donna […]”, debbano “essere messi a morte” affinché “il loro sangue ricadrà su di loro”?. Eppure sta scritto nel libro del Levitico 20,13! Dare credito a ciò significherebbe rendere vano il sacrificio di Gesù, che prima di essere Figlio di Dio, come crediamo noi figli della Chiesa Cattolica, fu il profeta di Nazareth talmente innamorato della vita da non aver paura di perderla per i propri amici (Gv 15,13).

Quando leggete la Bibbia, sia il Vecchio che il Nuovo Testamento, tenete sempre a mente – come scrisse Adriana Zarri, teologa e poetessa, che “la Parola di Dio, in senso stretto, è il Verbo del Padre”, ed essendo il Verbo inafferrabile e non pienamente percepibile, “per rendercelo comprensibile, è stato travasato, per così dire, nelle parole umane della Bibbia”.
Oggi sappiamo bene che l'autore, anche se ispirato, “presta a Dio assai più della mano, gli presta tutto se stesso, con i suoi limiti, errori, pregiudizi che si vanno a sommare alla Rivelazione in un groviglio non facilmente districabile.
La Parola di Dio, detta dall'uomo, è anche la parola dell'uomo, e dell'uomo assume tutti quei condizionamenti (Adriana Zarri, Il Dio che viene. Il Natale e i nostri natali, La Piccola Editrice, Celleno, 2007, pp. 14-17).

Mio amico omosessuale, mia sorella omosessuale, a te voglio dedicare la poesia di S. Teresa d’Avila:

“Nulla ti turbi,
nulla ti spaventi;
 tutto passa,
Dio non cambia;
la pazienza ottiene tutto;
chi possiede Dio non manca di nulla.
Solo Dio basta.”

Insieme a S. Teresa anche io ti dico: “Nulla ti turbi, nulla ti spaventi”, poiché  Il Signore è amante della vita, quindi anche della tua e della nostra.

 
 
 

Il Comune di Palermo nomina un consulente contro l'omofobia: è Carlo Verri

da: palermo.repubblica.it del 12 agosto 2012

Dopo l'aggressione a un giovane gay in un pub della Vucciria, l'amministrazione decide di affidare un incarico per lanciare una campagna di sensibilizzazione

Il Comune di Palermo nomina un consulente contro l'omofobia: è Carlo Verri

(nella foto: Fulvio Boatta, un giovane gay aggredito qualche giorno fa nel centro di Palermo)

Dopo l'aggressione a un giovane gay avvenuta qualche giorno fa in un pub del centro, il Comune di Palermo nomina un consulente contro l'omofobia: è Carlo Verri, ricercatore di Storia all'Università di Palermo e attivista del movimento Lgbt del capoluogo siciliano. "Episodi di omofobia come quello avvenuto qualche giorno fa nel quartiere della Vucciria, non possono lasciare indifferenti - dice l'assessore comunale al decentramento Giusto Catania - e per questo motivo l'amministrazione comunale ha accolto con favore la proposta, avanzata dalle associazioni omosessuali Arci Gay e Articolo 3, di promuovere una campagna cittadina contro simili manifestazioni di intolleranza e nominare un consulente, a titolo gratuito". La nomina sarà ufficializzata nei prossimi giorni con una determinazione del sindaco.

Venerdì scorso un giovane omosessuale è stato picchiato in un pub nel quartiere storico della Vucciria a Palermo da un uomo che si è poi allontanato. A denunciare l'episodio di omofobia è stata l'Arcigay, che ha messo a disposizione il suo ufficio legale per assistere la vittima.

"Sono andato nel bagno del locale -racconta il giovane aggredito, Fulvio Boatta, in un comunicato- e una volta uscito un uomo di circa 60 anni ha iniziato a insultarmi, insinuando che non avessi risposto mentre lui bussava alla porta, segnalando in tal modo che il bagno era occupato perché, essendo gay, volevo che lui entrasse in bagno mentre c'ero io. Al mio diniego ha iniziato a insultarmi urlando, e dato che
cercavo di allontanarmi, mi ha schiaffeggiato, uscendo poi dal locale e facendo perdere le sue tracce".

Boatta sollecita norme contro l'omofobia: "Deve per forza scappare il morto, affinché vi sia una legge?".

 
 
 

La Vucciria contro l’omofobia. Centinaia per il flash mob – VIDEO

La comunità LGBT non è rimasta a guardare. Al grido di “Palermo libera tutta”, centinaia di persone hanno partecipato al flash mob organizzato da Arcigay e Articolo Tre all’indomani dell’aggressione omofoba alla Vucciria. Poco prima delle 23 piazza Caracciolo, nel cuore del mercato storico del capoluogo siciliano, è stata invasa in segno di solidarietà per Fulvio Boatta, schiaffeggiato all’uscita dal bagno di una taverna perché gay.

“Mi sento confortato dal sostegno di tante persone. Questa è la dimostrazione che Palermo non è la città violenta che a volte si manifesta – dice Boatta – Palermo è la città delle 40 mila persone in piazza per il Pride, è la città delle persone che vogliono cambiarla”.

Il flash mob è cominciato con il suono improvviso di una sirena antiaereo. A tutti i partecipanti è stato chiesto di accovacciarsi come per proteggersi da un pericolo. La voce narrante ha raccontato la storia di Fulvio e altre storie di ordinaria violenza. Poi, tutti in piedi al grido di “Palermo libera tutta!”.

“Non denunciare la violenza fisica che si subisce è la normalità – dice Fulvio – Questa mentalità deve essere cambiata. Siamo qui per questo ma anche per far sapere a tutte le vittime della violenza che non sono sole, che c’è una rete sociale e che devono denunciare, uscire allo scoperto senza paura”.

All’interno della Taverna azzurra, teatro dell’aggressione di giovedì, adesso c’è la bandiera multicolore di Arcigay.

 
 
 

Palermo, ragazzo gay picchiato "Voglio una legge contro l'omofobia"

di Redazione

Palermo, ragazzo gay picchiato 10 agosto 2012 - E’ stato insultato e schiaffeggiato perché gay. L’ennesima violenta aggressione ad un ragazzo ritenuto “diverso”, si è consumata ieri sera nel cuore della movida palermitana, in un noto locale della Vucciria.

Lo rende noto Arcigay Palermo. Racconta Fulvio Boatta, la vittima dell’aggressione: “Sono andato nel bagno del locale, e una volta uscito un uomo di circa 60 anni ha iniziato a insultarmi, insinuando che non avessi risposto mentre lui bussava alla porta, segnalando il tal modo che il bagno era occupato perché, essendo gay, volevo che lui entrasse in bagno mentre c’ero io. Al mio diniego ha iniziato a insultarmi urlando, e dato che cercavo di allontanarmi, mi ha schiaffeggiato, uscendo poi dal locale e facendo perdere le sue tracce”

Continua Fulvio:”Il punto è che queste cose non devono più succedere! Queste cose, nel 2012, sono inconcepibili. Lui non ha diritto di pensare che dal momento che sono gay, può picchiarmi in pieno volto, in un locale pubblico solo perché, a detta sua sono gay. Lui non può farlo, non ha il diritto! Questa si chiama OMOFOBIA… non ha altro nome. Deve per forza scappare il morto, affinché vi sia una legge? Devo per forza avere un occhio nero e il naso rotto (per fortuna sto bene grazie all’intervento dei miei amici) per urlare allo scandalo? Ma lo vogliamo capire o no, che picchiare una persona non è consentito? Ancora di più non è consentito se il movente è l’odio ed il disprezzo verso le persone LGBT, odio e disprezzo che ti spinge a pensare che tanto lo puoi fare… tanto “quelli” (I FROCI) non valgono niente… Voglio una legge contro questi atti di violenza continui e costanti, verbali e fisici, voglio una legge che faccia sentire le persone padrone di uscire per la propria città senza dovere temere di essere aggrediti per il proprio orientamento sessuale o identità di genere, voglio una legge che non consenta più al politico/religioso di turno, di dire tutto quello che gli/le passa per la testa sulle persone LGBT, perché tanto loro non valgono niente… voglio una legge che renda Palermo una città un po’ più civile. Siamo PERSONE, abbiamo gli stessi doveri delle altre, quindi dovremmo avere anche gli stessi diritti delle altre, anche quello di stare alla Taverna Azzurra (il locale dove è avvenuto il pestaggio, ndr) senza paura di subire aggressioni e/o attacchi.”

Articolo Tre e Arcigay Palermo stanno organizzando un flash mob per domani sera alle 23.00 (con incontro alle 22.30) a piazza Caracciolo, nel cuore della Vucciria.

“Per ribadire – scrive Arcigay Palermo – non ci stiamo, non ci facciamo intimidire. Questi episodi nascono dall’idea che le persone LGBT, ed in generale i “diversi” siano deboli, senza difese, che siano delle vittime predestinate. Invece c’è una comunità, e non solo formata da persone LGBT che non ci sta, che reagisce, denuncia, vive gli spazi senza paura e senza nascondersi. Ovviamente la Vucciria, e quel locale in particolare sono dei posti in cui ci sentiamo a casa, frequentati liberamente da persone LGBT: vogliamo che continuino ad esserlo, così come il resto della città e d’italia.

L’episodio verrà denunciato alle forze dell’ordine. Fulvio Boatta verrà assistito dall’ufficio legale di Arcigay Palermo.

ve.fe

 
 
 
Successivi »
 
 

no pedofilia

 

IL VANGELO DEL GIORNO

(clicca qui)

vangelo

"Lampada per i miei passi è la tua parola, luce sul mio cammino." (Salmo 118,105)

 

CRISTIANI OMOSESSUALI DI PALERMO

"ho sollevato voi su ali di aquile e vi ho fatti venire fino a me” (Esodo 19,4)

Gruppo"Ali d'Aquila"

 Email: gruppoalidaquila@libero.it

Chiesa San Francesco Saverio

piazza San Francesco Saverio all'Albergheria

PALERMO

Gruppo

Il gruppo "Ali d'Aquila" nasce nel Natale 2008 col desiderio di creare un luogo di accoglienza e di preghiera per le persone omosessuali, per favorire una riconciliazione con se stessi, con Dio e con la Chiesa.

Ci incontriamo nell'ascolto reciproco, nella condivisione delle nostre esperienze, nell'accettazione delle nostre umane diversità, con l'amore dei fratelli, mettendo a frutto quei talenti, doni e carismi che Dio ha donato a ciascuno per la crescita del gruppo.

Poniamo Cristo al centro della nostra stessa esistenza, lasciandoci interrogare dalla Sua Parola per la nostra crescita, umana e spirituale, in una continua e instancabile ricerca della Verità che ci rende liberi.

Vogliamo percorrere un cammino di riconciliazione con la Chiesa, attraverso il dialogo, il confronto e la conoscenza reciproca, nella consapevolezza che la dimensione omoaffettiva è un valore e può ben costituire un percorso di crescita e di approfondimento per vivere, senza pregiudizi, una relazione autentica con l'altro. 

 

AREA PERSONALE

 

SUGAR BABY LOVE

Il video racconta con ironia il percorso sentimentale di un ragazzo diventato uomo, che, dopo aver scoperto di essere Gay, vive la sua identità sessuale benchè vittima di alcune disavventure ... 

 

Criteri di discernimento vocazionale di persone a tendenza omosessuale per l'ammissione al seminario e agli ordini sacri (2005)

Sempre nostri figli Un messaggio pastorale ai genitori di figli omosessuali e suggerimenti ai collaboratori pastorali (1997)

- La Pastorale nei confronti degli omosessuali a Innsbruck (1998)

 

PUBBLICITÀ PROGRESSO

Dio non odia chi è gay

 

DIRITTI NEGATI

bandiera arcobaleno

"Ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà, senza distinzione alcuna, per ragioni di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica o di altro genere, di origine nazionale o sociale, di ricchezza, di nascita o di altra condizione." (Art. 2 della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo - 1948)

"Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali." (Art. 3 della Costituzione Italiana - 1948)

 

LIBRI, RIVISTE, OPUSCOLI...

Fede e Omosessualità

Omosessualità e Vangelo 

 

CINEMA, FILM, DVD...

L'altra metà dell'amore

 

no omofobia

 

OMOCAUSTO

omocausto 

"...Considerate se questo è un uomo Che lavora nel fango Che non conosce pace Che lotta per mezzo pane Che muore per un sì o per un no..." (Primo Levi)

 

QUANTI SIAMO A ...

visitor stats

 

ULTIME VISITE AL BLOG

Cersarinimariarosaonim69sauloeb.nunziatabfuriofallarinialandgl15MAVAF7marimil95ioeternamenteiodarko040scugnizza63vivianotabormusciannalauraserena_sonzognivaleria.climaco
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIMI COMMENTI

ottimo post http://www.onlinecasino.onweb.it
Inviato da: alexpix1975
il 26/07/2014 alle 21:07
 
thank you
Inviato da: ramazan diyeti
il 02/07/2014 alle 08:25
 
Thanks
Inviato da: oyunu
il 29/06/2014 alle 12:19
 
thank you
Inviato da: diyet
il 29/06/2014 alle 12:18
 
thank you
Inviato da: diyetler
il 29/06/2014 alle 12:17
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 28
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom