Creato da VentoDiPoesia il 27/04/2011

Lost in a book

Blog letterario

 

 

« Blacksun, di Nicol LynneFIERE: Milano Book Fair 2012 »

Norwegian Wood (Tokyo Blues), di Haruki Murakami

Post n°49 pubblicato il 20 Ottobre 2012 da VentoDiPoesia
 

 

norwegian wood

 

"La morte non è qualcosa di opposto ma di intrinseco alla vita. Che questo fosse vero era fuori di dubbio. Nel momento stesso in cui viviamo, cresciamo in noi la morte"

Appena atterrato ad Amburgo, Watanabe Toru sente una canzone dei Beatles, Norwegian Wood, ed essa lo spinge a ricordare il suo passato: studente universitario nella Tokyo di fine anni '60, Toru era anche un giovane incapace di fare delle scelte, perché attanagliato dalla paura di sbagliare, e sentimentalmente diviso fra due donne, Naoko e Midori...

Avvertimento: evitate di leggere la premessa di Amitrano, il traduttore. Contiene troppe anticipazioni sulla trama.

Ed evitate anche di leggere questo libro se vi trovate in un periodo critico della vostra vita; Norwegian Wood è un romanzo di formazione impregnato di sensazioni negative, una storia completamente inzuppata di solitudine, dolore, malinconia ed inquietudine. E tutte queste sensazioni si amplificano pian piano, ramificandosi e dando vita ad una serie di trame secondarie, che sembrano racconti autoconclusivi (come la storia di Reiko, per fare un esempio). A portare un po' di ottimismo e freschezza, ci pensa Midori, personaggio estremamente vitale e bizzarro, ma anche un po' irritante e, a volte, infantile. Indubbiamente lei, Naoko e Toru sono figure di spessore, descritte con maestria e con grande sensibilità, ma, per quanto mi riguarda, ho apprezzato maggiormente i personaggi secondari, quindi Reiko e, in modo particolare, "Sturmtruppen", il compagno di stanza di Toru. Verso di loro è scattato subito qualcosa. "Sturmtruppen", tra l'altro, mi ha ricordato me stessa alcuni anni fa. 

Ho gradito parecchio i numerosi riferimenti musicali che fanno da colonna sonora ai dubbi di Watanabe, ai tormenti di Naoko e alle stravaganze di Midori.

Un bel libro, direi. Coinvolgente e intenso. 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

TAG

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

POST PRECEDENTI

- Tutto su Stephen King, di Bev Vincent
- Il diavolo nella cattedrale, di Frank Schatzing
- Lo Hobbit o la Riconquista del tesoro, di J.R.R. Tolkien
- L'Adepto, di Robert Finn
- La volpe e il sipario, di Alda Merini
- La Trilogia di Shannara, di Terry Brooks
- Dieci piccoli indiani, di Agatha Christie
- Prendimi l'anima, di Argeta Brozi
- La sedicesima notte, di Margaret Gaiottina
- Dona Flor e i suoi due mariti, di Jorge Amado
- Fahrenheit 451, di Ray Bradbury
- Il cerchio si è chiuso, Loredana La Puma
- Fiume Pagano, di Laura Costantini e Loredana Falcone
- L'acchiapparatti, di Francesco Barbi
- L'ultima profezia. 2012: il testamento maya, di Steve Alten
- Siddharta, di Hermann Hesse
- L'uomo che dipingeva coi coltelli, di Marco Mazzanti
- Lolita, di Vladimir Nabokov
- Anime Impure-La Rivelazione, di Cristiano Signorino
- Blodeuwedd, di Alberto Buechi
- Questo corpo mortale, di Elizabeth George
- Niente, tranne la pioggia, di Sergio Paoli
- Angelology, di Danielle Trussoni
- Jurassic Park, di Michael Crichton
- 22/11/'63, di Stephen King
- Il Pendolo di Foucault, di Umberto Eco
- La Faida dei Logontras, di Fabrizio Valenza
- Noi, i ragazzi dello zoo di Berlino, di Christiane F.
- Il profumo delle foglie di limone, di Clara Sanchez
- Io confesso, di John Grisham
- La bambina con il basco azzurro, di Daniele Nicastro
- La città e le stelle, di Arthur C. Clarke
- Per non aver commesso il fatto, di Michele Navarra
- Il bambino con il pigiama a righe, di John Boyne
- Arancia meccanica, di Anthony Burgess
- Uccelli di rovo, di Colleen McCulluogh
- Il buio oltre la siepe, di Harper Lee
- Lotteria dello spazio, di Philip K. Dick
- Tre topolini ciechi e altre storie, di Agatha Christie
- Hunger Games, di Suzanne Collins
- Il collezionista di ossa, di Jeffrey Deaver
- La Talpa, di John Le Carré
- Trilogia della città di K, di Agota Kristof
- Non è un paese per vecchi, di Cormac MacCarthy
- Cinquanta sfumature di grigio, di E. L. James
- Orlando, di Virginia Woolf
- Blacksun, di Nicol Lynne
- Norwegian Wood (Tokyo Blues), di Haruki Murakami
- FIERE: Milano Book Fair 2012
- La bambina dei sogni, di Carlo M. di Preussenthal
- Il Giornalino di Gian Burrasca, di Vamba
- La leggenda del vento, di Stephen King
- Amabili resti, di Alice Sebold
- Un canto di Natale, di Charles Dickens
- Tre uomini in barca, di Jerome K. Jerome
- L'eleganza del riccio, di Muriel Barbery
- L'ultimo sopravvissuto, di Sam Pivnik
- Un cadavere al giorno, di Charlotte Armstrong
- Il Suono Sacro di Arjiam, di Daniela Lojarro
- Proibito, di Tabitha Suzuma
- Revolutionary Road, di Richard Yates
- Anime Impure - L'asilo delle ombre, di Cristiano Signorino
- Biancaneve deve morire, di Nele Neuhaus
- Due, di Irene Nemirovsky
- The Help, di Kathryn Stockett
- L'iniziativa della Newton Compton: La colla Live. Libri a 0,99 cent
- L'ultima tentazione di Cristo, di Nikos Kazantzakis
- Sotto un sole nero, di Ivano Mingotti
- Il Seggio Vacante, di J.K. Rowling
- Joyland, di Stephen King
- Io sono Helen Driscoll, di Richard Matheson
 
Citazioni nei Blog Amici: 29
 

ULTIME VISITE AL BLOG

rosselladf79cavaseccoJORGECARLOSuldy26sols.kjaerrosanna.miranda68Silvia_M86dnbarbaraNicamonstrong_passionmariagraziaceteraimaginaryloveleovoxabuechi
 

ULTIMI COMMENTI

RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

CHI PUŅ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

LA MIA CANTANTE PREFERITA.

 

IL MIO LIBRO PREFERITO.

marquez

 

IL MIO FILM PREFERITO.

Million dollar baby