Creato da: lontano.lontano il 22/01/2008
la poesia, la musica ed il loro contrario.

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

Ultime visite al Blog

lontano.lontanopuntoeacapodgl2cassetta2stufissimoassaiprefazione09WhatHopekaty_katthejumpingvita.perezstorico06debby.1971Lehabahwalter.statuaamistad.siempre
 

Contatta l'autore

Nickname: lontano.lontano
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 5
Prov: GE
 

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 

Ultimi commenti

My love...
Inviato da: puntoeacapodgl2
il 04/01/2023 alle 19:40
 
Che meraviglia.
Inviato da: cassetta2
il 01/01/2023 alle 11:07
 
Sorrido
Inviato da: lontano.lontano
il 16/06/2022 alle 17:43
 
...quelle due parole, le hai sempre dette:-)) anche...
Inviato da: puntoeacapodgl2
il 16/06/2022 alle 16:01
 
E non c'è un perché...
Inviato da: lontano.lontano
il 02/03/2022 alle 19:43
 
 

C'era una volta il west- Il mio sogno

 

Eravamo nel 1968 ed io
dodicenne mi guardavo intorno
per capire cosa stessi cercando,
cosa volessi ma soprattutto,
chi fossi.
Un adolescente che vedeva
intorno a sè un mondo
cambiare, forse in maniera
troppo rapida per capire, forse
in maniera troppo lenta per i
sogni che si hanno in mente a
quell'età.
Un mondo nuovo arrivato
addosso, che portava
con sè nuove parole, nuove
mode, nuova musica.
Ascoltavo come tutti in quegli
anni la prima radio "libera",
quella Radio Montecarlo che
si faceva preferire ai canali
Rai a cui per forza di cose
eravamo legati.
Ricordo tutte le canzonette
dell'epoca e non mi vergogno
nel dire che molte non mi
dispiacciono neppure ora.
Arrivavano i primi complessi
stranieri di una certa
importanza e i compagni
di scuola si buttavano a
comprare i loro dischi.
Io continuavo ad ascoltare
tutto ciò ma li ascoltavo solo,
non li sentivo, non mi
riconoscevo, nulla era ciò
che stavo cercando, ero solo
sballottato da sonorità che
non mi prendevano e poco
mi appassionavano.
Un giorno mi capita di
ascoltare questo tema, per
caso arrivato fino a me, una
musica che mi ha attirato a sè
o per meglio dire mi ha
attirato a me, una musica che
è stata lo specchio della mia
anima, una musica che è
diventata mia proprio come
io diventavo suo.
Non sapevo da dove venisse,
non immaginavo neppure fosse
una colonna sonora, non
sapevo dove andarla a ritrovare.
L'ho cercata, l'ho scovata ed è
con me da quarant'anni, non
potrei fare a meno di lei perchè
perderei la parte migliore di me,
sarebbe come specchiarsi e non
vedersi, sarebbe come mangiare
e non nutrirsi, sarebbe come
vivere senza pensare.
Io per mia natura non sono
geloso, perchè penso che la
gelosia, in fondo, non sia che
la nostra insicurezza che ci
fà credere di non esser
all'altezza di sostenere una
comparazione con qualcuno
che, diamo già per scontato,
esser meglio di noi.
Lo sono però verso questa
musica che sento mia e solo
mia e non mi fà molto piacere
se altri mi dicono di
riconoscersi in lei, sarebbe come
vedere all'improvviso spuntare
un nostro replicante mentre fino
ad oggi credevamo di essere unici.
La capisco e lei mi capisce, mi
prende per mano e mi porta in
posti tranquilli, mi asciuga
gli occhi dalle lacrime
dopo averli bagnati,
così senza neppure un perchè,
mi stringe forte la gola
togliendomi quasi il respiro,
facendomi male ma
riportandomi in vita.
Chi mi vede quando sto con lei
mi dice che cambio espressione,
che mi perdo in un mondo
lontano, che trattengo,
senza riuscirci, un'emozione che
raramente mi capita di avere.
E' vero, e non chiedetemi perchè,
non saprei rispondere,
non si motivano le sensazioni,
non si riescono a spiegare
i tumulti del cuore,
non si sà nulla degli
sconvolgimenti dell'anima,
non si razionalizza l'amore.
Una dolcezza infinita che
mi prende la mente e
se la porta con sè e non sono
più io, proprio quando sono
più io che mai,
mentre io divento lei e
lei diventa me, uniti in un sogno
che finirà solo quando
non avrò più la forza per sognare.

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

 

 

Portarti via.

Post n°443 pubblicato il 17 Novembre 2021 da lontano.lontano
 

Portarti via
e non domandarmi dove?
Portarti via
dalle lacrime che hai pianto,
da quel tuo sogno che la vita ha infranto a te
e sola sei, anche se,
c'è un mondo che è lì intorno a te.
Portarti via lontana da tutti i problemi
che il presente, nella sua complessità,
a te di sconti non ne fa,
e via veloce se ne va in un passato
che non è sconfitto da te e,
senza pietà, ti fa schiava di sé.
Portarti via dalla sveglia del mattino.
Portarti via dalle regole sbagliate,
dalle oppressioni che, senza più umanità,
sol voglion far di te una donna che,
di fatto, non c'è.
Portarti via lontano
da chi non sa nulla di te e,
solo ha giudicato,
da chi non ti ha capita mai,
da chi mai ha provato ad ascoltare
quello che i silenzi
che in te urlavano a chi sordo è.
Portarti via lontano,
dove il mio mondo sarai tu,
e, quando lo sognavamo
pareva un sogno e nulla più
ma, esistono dei sogni
che sanno giunger fin lassù
e capiamo perchè
tu sei con me
ed io, insieme a te.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Non avete capito.

Post n°444 pubblicato il 28 Novembre 2021 da lontano.lontano
 
Foto di lontano.lontano

E no, mi sa che voi non abbiate proprio capito.
Non avete capito che più siete arroganti, più siete crudeli e dispotici e meno ottenete.
No, questo modo di pensare non fa parte della vostra natura, verosimilmente perché voi avete un'altra natura e non siete come noi.
Non avete capita la storia del genere umano, per un motivo semplice, perché siete stati voi a scriverla e ve la siete scritta a modo vostro, credendo che effettivamente, sia andata come ci avete imposto di leggerla ma, non è andata così.
Vi siete illusi di avere vinto sempre e di aver "vinto facile" per cui, tale illusione non vi ha permesso di fare tesoro delle sconfitte che avete patite, perché è stato molto più comodo averle trasformate in vittorie.
Avete perso quando, con sadica soddisfazione, avete rinchiusi i vostri oppositori nei manicomi criminali o, quando avete fatti sparire nelle viscere della terra o trasformati in fumo bianco, che usciva da neri camini, chi mai si è piegato al vostro volere.
Non avete proprio capito che quelle erano le cocenti batoste che segneranno la vostra fine.
Non avete capito che la vostra fine è giunta proprio ora che pensate di darci il colpo di grazia.
Non avete capito che noi umani siamo fatti così: Quando siamo agonizzanti a terra, provati dalle più bieche angherie, troviamo la forza disperata che ci fa rialzare in un sussulto di orgoglio.
Non avete capito che possediamo una dignità a voi sconosciuta, o meglio, che non avete voluta vedere, confidando nel fatto che avendocela calpestata noi l'avremmo perduta.
Non avete capito che le vostre minacce non hanno presa su di noi, non avete capito che più duramente ci sfidate e più noi accettiamo la sfida.
Non avete capito che non ci arrendiamo e aspramente combattiamo orgogliosi del male che ci fate e persino di quello che ci farete, perchè non lo temiamo.
Non avete capito che quando crediamo in qualcosa lottiamo con tutte le nostre forze per difenderla.
Non avete capito che noi abbiamo dei sentimenti, abbiamo dei valori, abbiamo quel coraggio che ci permette di giocarci la vita senza il timore di perderla.
Non avete capito che le vostre restrizioni possono avere esito sui nostri corpi ma non nelle nostre menti, non avete capito che privarci della libertà non significa che saremo, per sempre, i vostri schiavi.
Non avete proprio capito nulla di noi, nonostante abbiate condiviso il nostro spazio e ci abbiate visti da vicino.
Non avete capito che chi state ammazzando sono quelli a voi più affini, quelli che si sono piegati ai vostri ordini e si sono messi in fila per esser da voi macellati.
Non avete capito che di loro avreste avuto bisogno perché i loro cervelli non hanno resistito alla vostra persecuzione e alle vostre false lusinghe. 
Non avete capito che vi avrebbero dato ascolto e si sarebbero fidati di voi fino alla loro fine naturale per cui non sarebbe stato utile per voi anticiparla.
Non avete capito che una volta tolti di mezzo loro, resteremo noi, quelli che non si sono fatti abbindolare e non sono stati vittime del contagio delle vostre menzogne.
Non avete capito che con noi non c'è nulla da fare e non ci prenderete mai vivi.
Non avete capito che perderete questa guerra e sarà la vostra definitiva sconfitta, saremo noi a vendicare quelli che non hanno avuta la possibilità o la forza di non arrendersi.
Saremo noi che renderemo giustizia alle vittime della vostra perfidia, della vostra vigliaccheria della vostra sete di potere e della vostra allucinazione.
Non avete capito che abbiamo capito e non ci fate paura, anzi da oggi in poi posso consigliarvi di rimanere in "vigile attesa" perché la resa dei conti è vicina.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Quella che non c'è.

Post n°445 pubblicato il 09 Dicembre 2021 da lontano.lontano
 


Sei quella che non c'è,
sei tu la sola che è qui vicina a me
in un tempo che non ha età
e concreto è ancorché nell'irrealtà.
Sei tu che troppo manchi a me
anche se sarai per sempre.
Tu sei la vita mia finché mi resterà.
Sei tu che del mio tutto sei di più,
sei tu che dai un senso alla realtà
sei tu che fai sperare in ciò che sarà
sei tu che non chiedi mai per te qualcosa in più
anche se tu sai
che mai avesti quello che non è nulla di più
d'un po' di serenità, per te.
Con te non c'è più il buio intorno a me
con te l'ora più nera se ne va
con te comprendo la felicità
con te tutti i miei "se" così
non sono più dentro me.
Non so se un'altra vita ancor vivrò
però ovunque sarò
lo sai io cercherò di te.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Non posso.

Post n°446 pubblicato il 11 Gennaio 2022 da lontano.lontano
Foto di lontano.lontano

Non posso salire su un autobus o su un treno,
non posso far visita ad una persona ricoverata,

non posso bere un bicchier d'acqua per strada a meno che non trovi una fontanella,

non posso mangiare in un locale,

non posso farmi tagliare i capelli

non posso entrare in uno stadio, e sono all'aperto,

a maggior ragione, non posso entrare in un cinema o in museo,

non posso recarmi presso un ufficio pubblico,

non posso andare in banca,

non posso acquistare un qualsiasi bene, se non di tipo farmaceutico.

Non posso neppure disporre del mio pensiero,
del mio corpo e della mia vita
.
E pensare che sono fisicamente sano ed in pieno possesso delle mie facoltà mentali.

Figuriamoci se fossi malato cosa mi farebbero.

Detto che io non voglio la concessione di un po' di libertà perché mi appartiene per diritto
naturale e tutta intera; di tutti i loro divieti non mi importa nulla.
Non potrò fare alcune cose, proverò a farle lo stesso e se non riuscirò avrò la pazienza
di aspettare la fine di coloro che me le hanno vietate.
Una cosa di certo posso fare... mandarli a fare in culo, ed è quello che faccio da ormai due anni.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Infami.

Post n°447 pubblicato il 25 Gennaio 2022 da lontano.lontano

Infame si nasce o infame si diventa?
Secondo me è giusta la prima ipotesi perché se si diventasse infami nel corso della vita, non si potrebbe essere infami in questa misura.

Sono nati così e così rimarranno fino alla fine dei loro giorni.

Sono nati così perché se una persona non infame, si accorgesse che lo sta
diventando, potrebbe fermarsi in tempo.
Questi invece lo sono a livello genetico e, non faccio riferimento ai loro avi naturali ma, ai loro progenitori innaturali.

Questi sono figli di entità malefiche che incarnano il male e lo impongono alle loro vittime.

Questi sono infami perché vogliono la sofferenza altrui per il gusto di vedere fino a dove possono arrivare nel dispensarla.

Non sono infami perché sono al governo, come non sono infami se fanno parte del
corrotto mondo dell'informazione, come non lo sono se vivono in ambiti di malaffare, sono infami perché nascono infami.
Se non fossero così, un manifesto come quello che vedete in foto. non sarebbe mai stato affisso.

Con premeditazione annunciano che saranno gli artefici della violenza sui bambini, non si nascondono neppure, lo affermano con tutta la perfidia di cui sono intrisi.

Sono infami perché sono consapevoli di ciò che fanno, vogliono punire senza mezze misure i loro oppositori, altre storie non ce ne sono,

Bisogna che gli schiavi ubbidiscano e, se non lo fanno saranno puniti in modo esemplare, è il come, che mostra la loro indole inumana.

Colpiscono i figli, si fanno scudo di loro per colpire i genitori ribelli.

Infami e vigliacchi perché solo il vile colpisce il rivale disarmato e senza possibilità di difesa.

Isolano un bambino con la soddisfazione di vederlo patire psicologicamente, traggono
energia dal dolore che provocano su creature innocenti.
Se pensate che io stia esagerando, riflettete sul fatto che migliaia di bambini scompaiono misteriosamente ogni giorno, chiedetevi come mai nessuno ne trovi neppure uno.

Informatevi su cosa sia l'adrenocromo, sul traffico di organi e, già che ci siete, vedete se trovate qualcosa circa delle cellule umane che finiscono negli "elisir di corta vita"

Personaggi infami che voi non riuscite ancora a ritenere tali perché siete le vittime della loro infamia.

Isolati o vaccinati, scegliete voi come morire, democraticamente vi fanno scegliere, non vi obbligano neppure, loro non si vogliono sporcare le mani, lasciano a voi la scelta.

In un Paese dove fosse ancora in essere la Costituzione e la democrazia non fosse stata uccisa, probabilmente, una voce si sarebbe alzata contro chi ha permesso che un
tale manifesto facesse bella mostra di se, voi avete udita questa voce?
E voi vi siete indignati o vi siete girati dall'altra parte?

O peggio ancora, avete apprezzato un tale messaggio perché intanto voi siete già punti per la terza volta e avete ceduta la vita di vostro figlio al regime?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Passa il tempo.

Post n°448 pubblicato il 30 Gennaio 2022 da lontano.lontano
 

Stretta in una vita che
più non si cura di te
come se non ti riconoscesse più
ti ha incatenata li
come dentro a un incubo, stai li.

Domani ancor verrà
come quel ch'è andato già
e il senso d'inutilità
fa passare il tempo che,
in modo inesorabile, non userà

 Forse sarà così
 ma la vita mia, sei tu

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Tu sei qui

Post n°449 pubblicato il 01 Marzo 2022 da lontano.lontano
 

Tu sei qui per me
e con me sarai per sempre.
Non mi accorsi che quella eri proprio tu.
Incredulo o inconsapevole, non mi pareva vero;
è meglio non illudersi, per non restar delusi.
Tu sei qui con me e ora so che è vero
dire ciò che è, così semplice non è.
Uno spazio che va oltre la logica
ci vede ormai uniti
e nell'imponderabile saremo insieme ancora.
E non c'è un perché.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Questa vita.

Post n°450 pubblicato il 01 Aprile 2022 da lontano.lontano
 


Vivo questa vita
e mi chiedo cos'è?
False, le parole di una scienza che non sa.
Forse, il tempo non c'è
forse, il mondo è di più,
non si sta a testa in giù.

Quello che non vedi,
del visto, è di più,
forse, è un'altra luna
quella accesa, ch'è lassù.

Imparar la vita,
un costo lo ha
ma son grato all'esistenza
ché mi ha dato te
e la mia vita sei tu.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Mamma, matrigna, RAI

Post n°451 pubblicato il 03 Maggio 2022 da lontano.lontano
 
Foto di lontano.lontano

Forse non ci avete mai pensato ed avete accettata una definizione, come avete sempre accettato ciò che veniva impartito dall'alto.
Cosa c'è dietro la definizione di un ente che mantenete da sempre e, da sempre è il parcheggio di raccomandati, leccaculo e pelandroni ruba stipendio?

La definizione a cui mi riferisco è: "Mamma RAI".

Perché una parola alta come "mamma" è affiancata ad un così basso acronimo?

Proprio perché hanno voluto dare l'accezione migliore, perché essendo appunto la migliore, nessuno mai potesse metterla in discussione.

Potete non fidarvi di vostra mamma?

Potrà essa mai tradirvi, raccontarvi balle o compiere azioni lesive nei vostri confronti?

E' persino banale la risposta, il vocabolo mamma esprime il concetto del bene e della protezione, mai e poi mai potrebbe dire o fare qualcosa che non fosse amore per voi.

Detto questo il gioco è fatto, da quel momento la cosa peggiore diventa automaticamente il massimo concepibile.

E' il mondo alla rovescia, quello distopico, menzognero e paradossale nel quale una guerra diventa umanitaria, una bomba è detta intelligente e la libertà è possibile soltanto a fronte di un permesso.

Mamma RAI, pertanto, è diventata utile a coloro che vi vogliono raccontare la loro realtà e, visto che ve la dice la vostra genitrice, non può che essere quella realtà della quale vi dovete
senza dubbi fidare.
E' un artifizio che parte da lontano, un progetto di anni che, instancabile e silenzioso è arrivato a fare di voi i sudditi perfetti dell'impero del male.

Oggi, come ieri, tanti in buona fede ma tantissimi no, pensate quello che una mamma, che in realtà è diventata una matrigna, vi impone di pensare.

Diciamola così com'è, non esiste la mamma in un organo dello stato, esiste, invece, la propaganda, esiste quel metodo di manipolazione mentale delle masse che, col sistema dolce, porterà alla dolce morte della vostra libertà.

Una volta si diceva che: "Non manca la libertà, mancano gli uomini liberi".

Oggi è solo in parte così, continuano a mancare gli uomini liberi ma, neppure libertà esiste più.

Abbiamo presa coscienza di molte cose, abbiamo persino capito che avere dei dubbi è il più
alto segno di intelligenza ma, non ci è consentito avere dei dubbi.
Se li hai, e li esprimi, sei messo all'angolo della società, sei marchiato a pelle con gli epiteti più ingiuriosi che accuratamente, gli uomini del regime, vanno a cercare nei meandri di una storia che non c'entra niente, e solo chi ha il coraggio di sopportarli non rientra docile nel gregge dei buoni
Quello che vi dice oggi quella mamma che mamma non è, è: Credere, obbedire e aggiungiamo pure quel "combattere" che fino all'altroieri pareva anacronistico ed invece oggi, come dice la "matrigna" è diventato un verbo di alto significato "pacifista".

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Dimmi perché.

Post n°452 pubblicato il 12 Maggio 2022 da lontano.lontano
 

Dimmi perché io penso a te
pur se non sto pensando a te.
Dimmi perché ti vedo qui
ma qui, è solo è un'immagine di te.
Sarà abitudine
una dolce fantasia,
sarà qualcosa che saprai spiegare a me?.
Dimmi cos'è
che può far vivere o morir
là dentro di me,
dimmi cos'è che ferma il tempo
e ferma il mondo intorno a me.
Sarà la nostalgia
di una notte magica,
sarà una notte troppo lunga senza te.
Dimmi se c'è
anche un solo attimo
che fu così anche per te
Dimmi se c'è una ragione,
s'è un sogno o un incubo per me.
Che mi fa vivere con te...
senza te

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Due parole

Post n°453 pubblicato il 15 Giugno 2022 da lontano.lontano
 

Quando mi perdo dentro i tuoi occhi...
Ma questo lo sai già...
C'è una cosa che non ti ho detta ancora,
chiusa, nascosta là dentro una favola.
C'è una cosa che non ti ho detta ancora,
che come il vento spazza via ogni nuvola.
C'è una cosa che non ti ho detta ancora,
che sposta le montagne un po' più in là.
C'è una cosa così preziosa
della quale io ti vorrei gelosa.
Poco ci vuole, per dirti due parole,
che trasformano il silenzio in una musica.
Poco ci vuole, per dirti due parole,
che fanno superare i più alti ostacoli.
Sono solo
solo due parole
ma io non ci riesco a dirle a te.
Dovresti prima dire al mio cuore
che il tuo cuore ascoltar le vuole.
Dimmi allora
ciò che non m'hai detto ancora,
ciò che tu fai tacer chiuso nell'anima,
Dimmi ora che tu sai da allora
che per me sei stata e sarai sempre l'unica.
Dimmi ora e poi dimmelo ancora
che anche per te sarà così.
Come ieri, come ora
e così per noi sarà per sempre...

                                        *****

Testo personale inedito.

Amapola è una canzone scritta nel 1920 dal compositore spagnolo José María Lacalle García, che più avanti assunse lo pseudonimo Joseph Lacalle. Ne scrisse sia le musiche che il testo, e negli anni a seguire sono stati scritti prima un testo alternativo in spagnolo, poi il testo in inglese. Una delle prime interpretazioni della canzone originale è quella che trovate qui sopra, eseguita dal tenore spagnolo Miguel Fleta. Negli anni ’40 la canzone finì in cima alle classifiche musicali statunitensi per la versione di Helen O’Connell e Bob Eberly. Negli anni la canzone è stata riadattata e reinterpretata da molti grandi artisti, tra cui i tre tenori Domingo-Carreras-Pavarotti, Spike Jones e Bing Crosby. La versione strumentale di Ennio Morricone è la più nota tra le versioni senza testo.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Io sono qua

Post n°454 pubblicato il 02 Luglio 2022 da lontano.lontano
 

Io sono qua e tutto è strano intorno a me
è una realtà
che un senso logico non ha più
Io sono qua coi miei 'perché'
mettendo in dubbio quello che
per tutti gli altri è il credo assoluto.
Io sono qua in questo mondo da me lontano
dove non c'è neppure un po' di verità ma solo falsità.
Io sono quae vedo ciò che altri non riescono a veder
per ideologia, interesse o paura.
Io sono qua con tutto contro ma con te
in un'altra realtà che presto un giorno
si vivrà e non tradirà.
Io sono qua e tu accanto a me
in questa vita o nell'altra se verrà
sarò con te.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Non so perché

Post n°455 pubblicato il 01 Agosto 2022 da lontano.lontano
 

Sai ch'io non so perchè sto con te
un motivo non ce l'ho una logica non c'è
con te senza un perchè
ma qualcosa c'è che non so capir cos'è.
Strano, può anche sembrar
ma giusto è così
la razionalità un limite è già
tu sei tutto ciò che ho
e per star con te altre ragioni non ho.
Se c'è ch'invece lo sa
ben presto capirà che finito tutto è già
perché non si può
l'amore analizzare il bene calcolare
e la magia svelare
ciò, non accade a me
che mai saprò perchè io sto  con te.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

In questo giorno.

Post n°456 pubblicato il 28 Agosto 2022 da lontano.lontano
 

Qui, tu sei qui
ora qui, di fronte a me
io guardo te
e ancor non so se vero è.
Troppo tempo abbiamo aspettato
e nell'attesa immaginato
senza riuscire a immaginare
questo giorno, in cui sei qui
insieme a me
con la voce che non c'è,
con gli occhi che brillan di pioggia
sol perché sei qui, tu qui
Mano dentro la tua
labbra a un centimetro da te,
ho davanti a me quel sorriso che sognai,
un nodo stretto dentro la gola
fa del sorriso una parola
che restava li da sola senza te...
ma sei qui...

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Che senso ha.

Post n°457 pubblicato il 24 Settembre 2022 da lontano.lontano
 


Che senso ha questa realtà
inventata da schiavo ti fa
e condannato sei all'infelicità
credendo che, la tua, sia libertà.
Che senso ha il tuo rimandare
dir ch'è domani che, forse, vivrai
dimenticandoti che
il passato certo è ma, oltre l'ipotesi,
il futuro mai non va.
Che senso ha lasciare lei
per un'incomprensione o stupidità
e non sarà una lacrima su una fotografia
che, per magia, te la riporterà.
Dovessi perderti anche un solo attimo
questa mia vita
un senso non avrebbe più.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Sopra le nuvole.

Post n°458 pubblicato il 30 Ottobre 2022 da lontano.lontano
 


Che cosa c'è oltre quello che posso veder
e neppure ho la certezza di quello che so.
tempo è che non debba crederci più
non accetto più menzogne ipocrite.
Se guardo su, oltre e più in là,
non so che c'è oltre quel blu,
forse, è là dove i sogni vanno a nascondersi
là dove un dì andrai a riprenderli,
là dove tutto sarà possibile.
La realtà lassù saranno le favole,
più non penserai all'incredibile
là nel mondo sopra le nuvole.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Il tuo rimpianto.

Post n°459 pubblicato il 01 Dicembre 2022 da lontano.lontano
 

Passa il tempo sul tuo tormento, sul disincanto,
sei sgomento per quel momento di fatalità,
Ed è rimpianto.
Culla il vento quel desiderio,
quel tuo sogno infranto,
spazza il vento quella tua idea di felicità.
Non ti serve guardarti dentro
per non capire,
se fu paura o se il coraggio fu ancor di più.
Nella vita, certo, è importante
avere accanto la persona
ch'è quella giusta, quella per te
ma è vitale, per te essenziale,
che la sbagliata
mai non riesca ad incontrarti a imbattersi in te
sulla tua strada.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Inconsciamente tu

Post n°460 pubblicato il 01 Gennaio 2023 da lontano.lontano
 


Ora che sei qui, qui accanto a me,
sembra che sia normalità.
Di incontrare te ormai non ci pensavo più,
ho cercata te per una vita, inconsciamente,
sapevo che saresti stata tu per me
ma non sapevo che tu fossi tu
tu che non eri solo un sogno della mente
ma di più, molto più, eri tu
Avermi li, li accanto a te
mai sarà per me normalità.
Ora che ho te non ho da chiedere di più,
hai dato un volto a quel mio sogno di una vita,
è tua la voce che silenzio era per me
All'improvviso tu senza un perché
prendi possesso di quel posto che la vita ha dato a te
senza mai  dirlo a te.
Ma ti aspettava lì da sempre

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Per non dimenticare.

Post n°461 pubblicato il 28 Gennaio 2023 da lontano.lontano
Foto di lontano.lontano

E' bello, comodo, rende bene e rende buoni fare i buonisti ipocriti e retorici.
Porta consensi dare del fascista a chi la pensa diversamente, attribuendo loro la colpa di esserlo.
Essere democratici e libertari quando si chiedono i diritti che ci convengono è cosa buona e giusta ma diventa cosa orrenda se tale richiesta è avanzata da coloro ai quali si vogliono negare anche quelli elementari che sono intrinsechi alla persona in quanto tale.
E' giustissimo ricordare la violenza, i soprusi e il procedere nazista, a patto che non si vogliano forzatamente dimenticare quelli che al regime fa comodo ignorare.

                                          *****

Campi di sterminio per chi non si vaccina 
Giuseppe Gigantino – cardiologo
Mi divertirei a vederli morire come mosche
Andrea Scanzi – giornalista
Se fosse per me costruirei anche due camere a gas
Marianna Rubino – medico
I cani possono sempre entrare. Solo voi, come è giusto, resterete fuori
Sebastiano Messina – giornalista
Vagoni separati per non vaccinati  -Mauro Felicori – assessore
Escludiamo chi non si vaccina dalla vita civile
Stefano Feltri – giornalista
I no vax fuori dai luoghi pubblici -Eugenio Giani – Pres. Reg. Toscana
Potrebbe essere utile che quelli che scelgono di non vaccinarsi andassero in giro con un cartello al collo
Angelo Giovannini – sindaco di Bomporto
Stiamo aspettando che i no vax si estinguano da soli
Paolo Guzzanti – giornalista
Verranno messi agli arresti domiciliari, chiusi in casa come dei sorci
Roberto Burioni – virologo.
Non chiamateli no vax, chiamateli col loro nome: delinquenti
Alessia Morani – deputato
Vorrei un virus che ti mangia gli organi in dieci minuti riducendoti a una poltiglia verdastra che sta in un bicchiere per vedere quanti inflessibili no-vax restano al mondoSelvaggia Lucarelli – giornalista
I rider devono sputare nel loro cibo.   -David Parenzo – giornalista
I loro inviti a non vaccinarsi sono inviti a morire.
Mario Draghi – Presidente del Consiglio
Gli metterò le sonde necessarie nei soliti posti, lo farò con un pizzico di piacere in più.    -Cesare Manzini – infermiere
Gli bucherò una decina di volte la solita vena facendo finta di non prenderla   -Francesca Bertellotti – infermiera
Provo un pesante odio verso i no vax    -J-Ax – cantante
Se riempiranno le terapie intensive mi impegnerò per staccare la spina
Carlotta Saporetti – infermiera
Non siete vaccinati? Toglietevi dal ca**o!
Stefano Bonaccini – Presidente Regione Emilia Romagna
Un giorno faremo una pulizia etnica dei non vaccinati, come il governo ruandese ha sterminato i tutsi -Alfredo Faieta – giornalista
Il greenpass ha l’obiettivo di schiacciare gli opportunisti ai minimi livelli                -Renato Brunetta – ministro
E’ giusto lasciarli morire per strada  -Umberto Tognolli – medico
Prego Dio affinché i non vaccinati si infettino tra loro e muoiano velocemente   -Giovanni Spano – vicesindaco
Bisogna essere duri e discriminare chi non si vaccina, in ospedale, a scuola, nei posti di lavoro   -Filippo Maioli – medico
Serve Bava Beccaris, vanno sfamati col piombo
Giuliano Cazzola – giornalista
Mandategli i Carabinieri a casa    -  Luca Telese – giornalista
Gli renderemo la vita difficile, sono pericolosi
Piepaolo Sileri – Viceministro
E’ possibile porre a loro carico una parte delle spese mediche, perché colpevoli di non essersi vaccinati -Sabino Cassese – costituzionalista
Non sarà bello augurare la morte, ma qualcuno sentirà la mancanza dei novax?    -Laura Cesaretti – giornalista
Se arrivi in ospedale positivo, il Covid ti sembrerà una spa rispetto a quello che ti farò io   -Vania Zavater – infermiera
I novax sono i nostri talebani - Giovanni Toti – pres regione Liguria
Sono dei criminali, vanno perseguitati come si fa con i mafiosi
Matteo Bassetti – infettivologo

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Qui nel cuore

Post n°462 pubblicato il 01 Febbraio 2023 da lontano.lontano
 

Se tu hai nel cuore
un po' di me
lo sai dire che cos'è?
Io qui nel cuore
da sempre ho te
e tu si, sai che cos'è

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »