Adenia

http://blog.libero.it/Adenia

 

Preferisco i punti interrogativi ai punti esclamativi. Il dubbio permette di esprimere con calma le proprie idee e aiuta a cambiarle se queste non sono ottimali. Non è forse il dubbio che dà origine a non importa quale curiosità?

 

OUT OF TIME

Where's the love song to set us free
too many people down, everything turning the wrong way round
And I don't know what love will be
but if we stop dreaming now, lord know we'll never clear the clouds

And you've been so busy lately
that you haven't found the time
to open up your mind

And watch the world spinning gently out of time
Feel the sunshine on your face
It's in a computer now
gone are the future (?) way out in space

And you've been so busy lately
that you haven't found the time
to open up your mind
and watch the world spinning gently out of time

And you've been so busy lately
that you haven't found the time
to open up your mind
and watch the world spinning gently out of time
Tell me I'm not dreaming
but are we out of time 

 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 13
 

TAG

 

TIME IS RUNNING OUT

 

I'M YOURS

 

IL DUBBIO

Quando sulla strada vi imbattete nei punti interrogativi allora andate sicuro che sono tutte brave persone, quasi sempre tolleranti, disponibili e democratiche. Quando invece incontrate punti esclamativi, i paladini delle grandi certezze, i puri della fede incontrollabile, allora mettetevi paura perché la fede molto spesso si trasforma in violenza.

Il dubbio è una divinità discreta, è un amico che bussa con gentilezza alla vostra porta. Il dubbio espone con calma le sue idee ed è pronto a cambiarle radicalmente non appena qualcuno gli mostrerà che sono sbagliate. 

(frasi prese dal libro "Il dubbio")

 

ESSER TRISTI È NECESSARIO

A cura de Il Pensiero Scientifico Editore
16/01/2009 12.27.00

 

 

La tristezza è parte della condizione umana ed è funzionale e necessaria per godere della felicità e per un corretto sviluppo emotivo. "Quando si individua un tratto così profondamente conservato nella biologia dell'uomo, bisogna presumere che è un tratto selezionato dall'evoluzione e come tale necessario alla sopravvivenza", ha dichiarato Jerome Wakefield della New York University e coautore del libro "The loss of sadness: how psychiatry transformed normal sorrow into depressive disorder", la cui traduzione in italiano sarebbe "La perdita della tristezza: come gli psichiatri hanno trasformato il normale dolore dell'anima in malattia depressiva". Wakefield e altri psicologi che sostengono l'importanza di vivere ogni emozione, anche quelle più negative, sono stati intervistati sull'ultimo numero della rivista NewScientist.

Nella società moderna la tristezza è diventato uno stato d'animo da evitare. In tutti i modi possibili. Ci si può distrarre evitando di pensare e riempiendosi la giornata di appuntamenti e di cose da fare. Molti scelgono anche, in maniera incauta e superficiale, di usare pillole che stabilizzano l'umore agendo direttamente sui centri nervosi di produzione e regolazione dei neurotrasmettitori.

Eppure è esperienza comune di ciascuno come, nei momenti di difficoltà o di tristezza, la percezione del mondo è diversa e talvolta più profonda. Non è un caso, infatti, che gli artisti esprimono il meglio della loro produzione proprio nei momenti di maggiore difficoltà più che quelli di felicità. Secondo alcuni neurologi vi è un motivo biologico che spiega il legame tristezza-creatività: la riduzione dei livelli di cortisolo tipica dei momenti di tristezza attiva i centri nervosi della creatività mentre riduce l'attività di quelli che stimolano la socialità, la fame e l'attività fisica.
La tristezza, l'introspezione e i momenti di solitudine, quindi, sono funzionali a guardarsi dentro e fare il punto su di sé, per poi riprendere e andare avanti. Attenzione, però, se una sana dose di tristezza è necessaria, tutti gli esperti sono d'accordo nel dire che se si è di fronte ad una diagnosi di depressione allora è necessario sottoporsi a terapie adeguate.

Fonte: Marshall J. Is it really bad to be sad? NewScientist 14 gennaio 2009.

 

NEW YORK NEW YORK

 

I COLORI DEGLI ALIMENTI

Dietro ai vari colori degli alimenti si nascondono nutrienti diversi che devono essere assunti per avere un'alimentazione completa. Per ogni colore esiste un diverso beneficio, come una pelle giovane, delle ossa forti, una memoria da elefante e un sistema immunitario ben funzionante. Per mangiare "colorato" si intende assumere ogni giorno degli alimenti appartenenti a cinque diverse categorie di colore, giallo/arancione, verde, blu/viola, rosso e bianco, alle quali corrispondono dei nutrienti specifici.

Ecco alcuni esempi: i cibi gialli/arancioni come carote, zucca, mais, melone sono ricchi di carotenoidi che svolgono una funzione antiossidante; gli alimenti verdi, tra cui spinaci o broccoli, sono ricchi di luteina che fa bene alla vista; i blu/viola come more e mirtilli, fonte di antocianine, proteggono dalla fragilità capillare, dai processi infiammatori e dai tumori; pomodori e cocomero fanno parte dei cibi di colore rosso che hanno un grande contenuto di licopene, che può avere una funzione protettiva contro il cancro e le malattie cardiovascolari; infine, sono considerati alimenti bianchi il cavolfiore, con proprietà anticancerogene, e le patate, buona fonte di sali minerali e vitamine, ma anche le carni bianche, il pesce e i formaggi magri che sono fonte di proteine.

I nutrienti contenuti in questi alimenti lavorano meglio in squadra, questo vuol dire che dovrebbero essere assunti contemporaneamente cibi appartenenti a categorie di colore diverse. Questa abitudine aiuta a mantenere un'alimentazione variata e completa ed è estremamente semplice da realizzare: ad esempio grazie ad insalate e macedonie di frutta, facili da essere consumate anche durante i pasti fuori casa.

Fonte: Perry M. Colors of health. Prevention 9 novembre 2007

 

LE ONDE

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Post N° 75

Post n°75 pubblicato il 16 Aprile 2006 da Adenia
Foto di Adenia

AUGURI SINCERI A TUTTI. BUONA PASQUA OVUNQUE VOI SIATE. IO ANDRO' AL LAGO PER IL GIORNO DI PASQUETTA, MA OGGI PRANZERO' IN FAMIGLIA E POI POMERIGGIO CON AMICI. BEH, ANCHE SE LE CONDIZIONI CLIMATICHE DI DOMANI NON SARANNO DELLE MIGLIORI... IO AL LAGO CI VADO LO STESSO... SARA' PURE IL MIO COMPLEANNO DOMANI ED UNA GITA PER ALLONTANARMI DALL'AMBIENTE SOLITO MI CI VUOLE. ANCORA AUGURI A TUTTI!

 
 
 

Post N° 74

Post n°74 pubblicato il 10 Marzo 2006 da Adenia

Un amico mi ha inviato una e-mail davvero carina ed io ho pensato di pubblicarla qui.

 Un giorno, un uomo non vedente stava seduto sui gradini di un edificio con un cappello ai suoi piedi ed un cartello recante la scritta:
"Sono cieco, aiutatemi per favore".
Un pubblicitario che passeggiava lì vicino si fermò e notò che aveva solo pochi centesimi nel suo cappello. 
Si chinò e versò altre monete, poi, senza chiedere il permesso dell'uomo, prese il cartello, lo girò e scrisse un'altra frase.
Quello stesso pomeriggio il pubblicitario tornò dal non vedente e notò che il suo cappello era pieno di monete e banconote.

Il non vedente riconobbe il passo dell'uomo: chiese se non fosse stato lui ad aver riscritto il suo cartello e cosa avesse scritto. Il pubblicitario rispose: "Niente che non fosse vero, ho solo riscritto il tuo in maniera diversa". Sorrise e andò via.
Il non vedente non seppe mai che ora sul suo cartello c'era scritto: "Oggi è primavera ed io non la posso vedere...".


Cambia la tua strategia quando le cose non vanno bene e vedrai che  sarà per il meglio.

Forse io avrei scritto un'altra frase ed un'altra frase ancora... insomma, spazio alla fantasia. Credo sia una mossa strategica validissima quella di utilizzare un po' di creatività per cercare di ribaltare un concetto non gradito o un contesto non considerato interessante inizialmente, rendendolo più accattivante e meritevole di attenzione. 

 
 
 

ADENIA PARLA CON L'ALDILA'...

Post n°73 pubblicato il 19 Febbraio 2006 da hawk67
Foto di Adenia

Io Adenia,principessa di Digiland e regina dei blog,tra i miei tanti poteri ho anche quello di poter parlare con gli spiriti dei morti. Questo potere l'ho solo verso gli spiriti di quelle persone che amo,non verso tutte. Se a volte è sembrato che odiassi colui che si faceva chiamare Falco si è trattato solo di atteggiamenti dettati dal mio modo di concepire con distacco il virtuale. Hawk  mi manca in modo incredibile: non riesco ad avere interlocutori validi,se non un manipolo di personaggi volti a cercare un'originalità inesistente o vittime di paranoie dialettiche. Hawk provo ad evocarti...rispondimi ti prego...

ADENIA: Fachetto mio adorato,ti prego rispondimi,mi manchi troppo!

HAWK: Possibile che non mi lasci in pace neppure ora che faccio parte dei più?

ADENIA: Come stai mio unico tesoro?

HAWK: (Questa è fuori come un davanzale!). Bene a parte che se non pagavo le bollette arretrate qua non si vedeva una mazza.Mi han messo  a quadrare dei conti pure qua. Nulla di che come vedi.E tu? Perchè non scrivi più?

ADENIA: Sai da quando non ci sei più la mia vena creativa si è prosciugata. Senza di te non mi sento di scrivere post o rispondere a commenti di personaggi che non sono al tuo livello.

HAWK: Beh dai non dire così.C'è pieno di gente in gamba in giro e....

ADENIA: Falco,io voglio solo te!Ti prego...

HAWK: Adenia ma sei tu?Non ti riconosco: hai fatto un bagno nel miele? Mi hai sempre trattato come una pezza da piedi e ora che mi sono tirato una fucilata in testa ti metti a fare la dolce...

ADENIA: Sì lo sò,tesoro meraviglioso...non ti ho mai manifestato nulla perchè non volevo metterti in imbarazzo con i tuoi amici della stanza Woodstock,ma senza di te proprio non riesco a stare.

HAWK: Adenia cara,sai che non posso tornare indietro:ci sono cose che non si possono cancellare e dalle quali non si può tornare indietro. Tu adesso stai parlando con un'ombra, lo sai...

ADENIA: Meglio parlare con la tua ombra che non sentirti per nulla. Lo sai che mi manchi e che il mio blog si è fermato visto che tu non ci sei più..

HAWK: Dammi retta:hai un periodo tosto da sostenere. Prendi il blog come palestra mentale per scaricarti. Concentrati e butta giù tutto quello che ti passa per la testa. Senza correggere e senza titolo....quei personaggi che ti frequentano virtualmente ne hanno bisogno. Fallo per loro.

ADENIA: Sai Falchetto mio,mi sono resa conto che spesso ti ho dato addosso anche quando non ce n'era motivo;non ho mai preso le tue difese una volta e vorrei dirti che...

HAWK: Adenia lascia perdere,il passato non torna (anche se qualcuno dei tuoi interlocutori psico-filosofo-dialettici potrebbe sostenere il contrario) e qual che è stato è stato. Non preoccuparti, tutto ok!

ADENIA: Ma io voglio dirti che mi manchi e che ho bisogno della tua presenza. Io...

HAWK: Tu puoi evocarmi quando vuoi e se posso mi faccio riesumare spiritualmente molto volentieri. Ora scappo: qua non comando e ci sono dei diavolacci che pretendono relazioni puntuali circa il mio operato. A prestooooooo (risucchiato dalle tenebre)!!!

ADENIA: Noooooooooooo!!!!!!!

Bene, ho ottenuto ciò che volevo. La prossima volta dovrò studiare una strategia per trattenere il mio adorato Falco...Se qualcuno conosce il modo per imprigionare uno spirito, che me lo dica: non resisto senza questo straordinario personaggio che ho sempre trattato male,con sufficienza e in modo duro. Bastava che gli mandassi un bacetto....Sigh!

 
 
 

Post N° 72

Post n°72 pubblicato il 03 Febbraio 2006 da Adenia

Ultimamente sono un po' latitante in questo mondo dei blog, ma noto che vi è meno movimento per quanto riguarda questo spazio, quindi non credo che si avverta molto la mancanza di un mio intervento. Sono completamente immersa nelle questioni professionali e ho davvero scarso tempo per gli aspetti più piacevoli e rilassanti ai quali prima riuscivo a dedicare maggior tempo. So che è solo un periodo e che poi riuscirò ad organizzarmi meglio. Lo spero vivamente in quanto mi sto esaurendo. In questi giorni splende il sole e le temperature sono aumentate... ecco questo è già stimolante per programmare uscite e distrarmi un po'. Un saluto a tutti e buon fine settimana.

 
 
 

Post N° 71

Post n°71 pubblicato il 28 Gennaio 2006 da Adenia
Foto di Adenia

IL BIORITMO

Bioritmo significa ritmo della vita.
Le nostre vite sono governate da cicli che iniziano dalla nostra ora di nascita.
La teoria dei bioritmi è stata applicata in passato per la prevenzione dagli incidenti; infatti tante compagnie hanno studiato i bioritmi e i loro effetti sui piloti di aerei e sui team sportivi.
Ci sono tre cicli che influenzano la nostra vita, il nostro umore ed il nostro temperamento: Il ciclo emotivo ha una durata di 28 giorni e regola ed influenza il nostro temperamento; Il ciclo intellettuale dura 33 giorni e influisce sul nostro intelletto e la nostra capacità di pensare e di riflettere; il ciclo fisico di 23 giorni influenza le condizioni del nostro corpo.

CICLO EMOTIVO
Il ciclo emotivo influenza il nostro sistema nervoso.
Il periodo positivo dura 14 giorni ed è il periodo dell'abilità creativa e dell'energia morale. Questo è un periodo in cui siamo pieni di energie, buoni propositi ed energia morale e propensi per quei lavori in cui è necessaria una colaborazione con gli altri. Anche il periodo negativo dura 14 giorni ed è un periodo in cui si ha un forte calo di ambizione, si tende ad essere intrattabili e di cattivo umore quindi si deve cercare di comportarsi con estrema cautela con gli altri.

IL CICLO INTELLETTUALE
Il ciclo intellettuale influenza il nostro intelletto, la nostra adattabilità, la logica, il giudizio e la concetrazione. Il periodo positivo dura 16 giorni e mezzo ed è il miglior periodo per lo studio, fare progetti, sostenere esami e prendere delle decisioni importanti.. Anche il periodo negativo dura 16 giorni giorni mezzo ed è il periodo in cui siamo propensi ad errori di valutazione.

IL CICLO FISICO
Il ciclo fisico influenza la nostra vitalità e la nostra forza. Il periodo positivo dura 11 giorni e mezzo e in questi sono giorni di vitalità fisica, forza e prestanza. E' un periodo in cui si ha molta fiducia in noi stessi, coraggio e spirito combattivo. Gli atleti in questo periodo danno il loro meglio nelle competizioni sportive. Il periodo negativo dura 11 giorni e mezzo ed è caratterizzato da una diminuzione delle energie. Ci si stanca con più facilità, si è soggetti a contrarre delle malattie. Questo è il periodo di ringiovanimento in cui il corpo sembra ricaricarsi; un buon momento per riposarsi e rilassarsi.

GIORNI CRITICI
I giorni critici sono quelli in cui un ciclo passa da positivo a negativo ( o da negativo a positvo). Il termine critici è relativo: è un periodo di cambiamneti in cui il nostro sistema è in uno stato di mutamento continuo.

RICERCHE STATISTICHE
La ricerca statistica per oltre 50 anni sembra aver scoperto che durante i giorni critici, specialmente quelli fisici ed emotivi, siamo più inclini ad ammalarci, siamo meno coordinati e manchiamo di giudizio e di prontezza.Durante un giorno emotivo critico si è propensi a commettere lapsus linguistici, a parlare in modo irresponsabile, a disquisire e litigare. Un giorno intellettuale critico può causare mancanza di memoria o commissione di errori.

 
 
 

Un giochino tra bloggers

Post n°70 pubblicato il 10 Gennaio 2006 da Adenia

E' da un po' che tra i vari blog vi è un giochino che assomiglia un po' ad una catena di S. Antonio, ma l'idea di essere nominata per esprimere qualcosa che mi riguarda non me la lascio sfuggire. A parte che se ho voglia di comunicare qualcosa la comunico anche senza giochino, ma è pur vero che spesso si elencano delle proprie caratteristiche e si ha come la sensazione di esprimere qualcosa di sè senza che altri abbiano chiesto nulla. Ecco, CieloSenzaLuna mi ha nominato tra le persone scelte per continuare questo giochino. Bene...

Regolamento GIOCHINO-INO:
Il primo giocatore di questo gioco inizia il suo messaggio con il titolo "cinque mie strane abitudini" e le persone che vengono invitate a scrivere un messaggio sul loro blog a proposito delle loro strane abitudini devono anche indicare chiaramente questo regolamento.
Alla fine dovrete scegliere 5 nuove persone da indicare.

Ed ecco le mie 5 abitudini strane:

  1. Non nominare personaggi famosi, artisti o soggetti particolari nel corso di una argomentazione per me importante, nella quale solo le mie idee e quelle di eventuali miei interlocutori contano: non dono spazio ad inutili comparazioni con chi nel discorso non agisce.
  2. Disporre gli oggetti non in funzione del loro utilizzo, bensì in base al loro colore.
  3. Pensare in positivo alla giornata che sta per arrivare poco prima di entrare nel mondo dei sogni.
  4. Lavarmi le mani di continuo.
  5. Fumarmi una sigaretta dopo un rapporto sessuale.

Passo la parola a:

  • Maheo
  • hawk67
  • caoscalmo
  • BB e basta
  • antrace72
Buon divertimento. Ok, ma quando il gioco diverrà più entusiasmante? Ci vorrebbe un altro tipo di giochino. Ci penso. Pensateci. Vi lascio con una domanda... LA VITA E' UN GIOCO? SECONDO ME, SI.

 
 
 

Felice Anno Nuovo

Post n°69 pubblicato il 01 Gennaio 2006 da Adenia
Foto di Adenia

UNO SPLENDIDO ANNO NUOVO PER NOI TUTTI. GLI EVENTI SOLO SE AFFRONTATI AL MEGLIO PORTANO AL SUCCESSO E ALLE CONQUISTE IMPORTANTI. CREDIAMO NELLE NOSTRE POTENZIALITA', PENSIAMO A NOI STESSI, INCOMINCIAMO AD ESSERE EGOISTI, IN MODO SANO, PER DONARE A NOI STESSI FORTI EMOZIONI IN MODO DA ESSERE PIU' RICCHI D'ANIMO NEL MOMENTO IN CUI OCCORRE COINVOLGERE NEL NOSTRO OTTIMISMO O NELLE NOSTRE LOGICHE VITALI ANCHE CHI MENO POSITIVO O PROPOSITIVO E'. AGIAMO IN FUNZIONE DEL NOSTRO VOLERE E NON IN FUNZIONE DI UN EVENTUALE NECESSITA' ALTRUI, IN QUANTO NELLA TESTA DEGLI ALTRI NON CI ENTREREMO MAI NELLA MISURA DA POTER COMPRENDERE OGNI ALTRUI VOLERE. I PROTAGONISTI DELLA NOSTRA VITA SIAMO NOI E NON GLI ALTRI. LA NOSTRA VITA E' DATA A NOI E SOLO NOI POSSIAMO DEDICARCI CON AMORE AD ESSA. AMIAMO NOI STESSI PRIMA ANCORA DI AMARE GLI ALTRI. FANCULO A CHI CONSIDERA L'ALTRUISMO COME UNA QUALITA'... ANNULLARSI PER GLI ALTRI E' SOLO DI CHI NON AMA SE STESSO ED ALLA FINE BEN POCO POTRA' DARE SE NON AGISCE PER PROPRIO PIACERE PERSONALE. FANCULO ALLA STERILE DIPLOMAZIA, AI CONSIGLI GRATUITI NON RICHIESTI, ALL'AFFETTO DATO IN MODO DOVUTO, ALLE GENTILI FRASI DI CIRCOSTANZA. A MIO MODO, BUON ANNO A TUTTI! FUORI LA RABBIA QUANDO OCCORRE PERCHE' CERTE SITUAZIONI O CERTI ATTEGGIAMENTI MENTALI NON VANNO BENE ED ALLORA E' NECESSARIO INCAZZARSI!!! 

 
 
 

Candida neve

Post n°68 pubblicato il 28 Dicembre 2005 da Adenia
Foto di Adenia

IN UN GIORNO COME QUESTO, CON LA VISIONE DI PAESAGGI CANDITI GRAZIE ALLA BIANCA NEVE E CON I RITMI RALLENTATI NEL CAMMINARE E NELLA CIRCOLAZIONE... EMOZIONANTE E' L'ASCOLTO DI UN BRANO CHE PER LA SUA CADENZA E' STRAORDINARIO E L'IDEALE PER SCOPRIRE L'EMOZIONE DI UN MOMENTO PRIVATO CON SE STESSI.
It's a mystery to me, the game commences for the usual fee, plus expenses.Confidential information, it's not a public inquiry. I go checking out the reports, digging up the dirt. You get to meet all sorts in this line of work. Treachery and treason, there's always an excuse for it and when I find the reason I still can't get used to it. And what have you got at the end of the day? What have you got to take away? A bottle of whisky and a new set of lies blinds on the windows and a pain behind the eyes. Scarred for life... nocompensation. PRIVATE INVESTIGATIONS.

 
 
 

Post N° 67

Post n°67 pubblicato il 27 Dicembre 2005 da Adenia

Spesso, nei miei momenti difficili, ho la tendenza a chiedere aiuto alla mia famiglia, all'uomo che mi è accanto o alle mie amiche; ma quando si tratta di affrontare una situazione davvero ricca di tensione, delicata e notevolmente importante per me... ecco che d'abitudine non mi rivolgo alle persone che mi stanno più vicino per evitare coinvolgimenti emotivi controproducenti: mi concentro solo su di me tirando fuori tutta l'energia che ho per agire esclusivamente in base alle mie forze ed al mio volere SENZA DISTRAZIONI. Se un ostacolo è posto nel mio andare è perché io e solo io devo superarlo... non un'altra persona. Questo mese di dicembre è stato per me difficile ed ho dovuto tirare fuori tutta la rabbia, la determinazione e la lucidità mentale per affrontare da sola una circostanza nuova e complessa. Mi sono fidata di me ed ho seguito quello che volevo io. Ho vinto. Ho ottenuto quello che volevo ed anche di più. Finalmente ho reso noto a mio padre tutto ciò che mi è accaduto, in campo professionale, pur sapendo che egli non avrebbe apprezzato il mio avergli tenuto il tutto rigorosamente nascosto. Beh, la sua reazione è stata meravigliosa e la frase che mi ha donato dopo il mio discorso mi ha commosso: "Tu, tu hai portato avanti tutto questo da sola ed io non mi sono reso conto di nulla? Sei davvero eccezionale, l'ho sempre saputo, ma ora... ora mi rendo conto della tua forza. Sei in gamba... il non avermi coinvolto per evitare tensioni e quello che sei riuscita ad ottenere in un contesto così difficile anche per chi ha ben più esperienza di te è... commovente." 

 
 
 

Buone Feste

Post n°66 pubblicato il 23 Dicembre 2005 da Adenia
Foto di Adenia

AUGURI DI BUONE FESTE A TUTTI, MA IN MODO PARTICOLARE A CHI NELL'ANIMO SERENITA' NON HA.

AUGURI A CHI NON CREDE IN QUALCOSA, AUGURI A CHI SI SENTE CATTIVO, AUGURI A CHI DIVIENE TRISTE IN QUESTO PERIODO DI FESTA, AUGURI A CHI NON HA ANCORA CONCRETIZZATO I PROPRI SOGNI, AUGURI A CHI SI SENTE SOLO, AUGURI A CHI NON VUOLE DARE AUGURI, AUGURI A CHI, COME ME, STA PER INTRAPRENDERE QUALCOSA DI NUOVO DANDO UNA FINE AD ALTRO. SEMPLICEMENTE... AUGURI. IO NON HO ALCUNA FEDE RELIGIOSA, MA AMO TUTTE LE FESTE CHE VOGLIONO LANCIARE UN MESSAGGIO DI AMORE. ANCHE QUEST'ANNO SONO RIUSCITA A NON SPENDERE TROPPI SOLDI IN SCIOCCHI REGALI... IHIH, MA SO CHE CHI MI VUOLE BENE MI ACCETTA ANCHE SE IN REGALO DONO SOLO IL MIO ESSERCI CON TUTTO L'ENTUSIASMO POSSIBILE.
 

 
 
 

Come è la scrivania?

Post n°65 pubblicato il 21 Dicembre 2005 da Adenia
Foto di Adenia

DIMMI CHE SCRIVANIA HAI E TI DIRO' CHI SEI.
E' divertene capire cosa si nasconde dietro il più piccolo dei gesti... scopri quali sono i tuoi!!!

UNA PIANTA VERDE: chi non può fare a meno di avre un vaso di fiori o una piantina esprime un buon rapporto con il lavoro e vuole rendere l'ambiente più accogliente... il messaggio intrinseco è se qui cresce bene la pianta, posso starci bene pure io. SNACK NEL CASSETTO: soddisfa il bisogno di atmosfera domestica, è un segnale di apertura verso colleghi ed estranei... una condivisione di una qualcosa di buono. LA FRASE SULLA PARETE: i brevi aforismi sono messaggi che sevono a rafforzare le identità, a sottolineare i propri principi a esprimere le proprie idee senza parlare. SALVASCHERMO: paesaggi--> indica il desiderio di evasione ma anche un istinto ad allargare i nostri orizzonti; i nostri cari---> rafforza le nostre sicurezze. ORDINE: sempre in ordine indica un grande rigore e il bisogno di tenere tutto sotto controllo, chiudere a chiave i cassetti invece indica una forte insicurezza e la paura di un giudizio altrui. OGGETTINI: pupazzi, candele, foto... per chi cerca di estendere la propria fisicità e l' emotività all'esterno. GRAFFETTE: per chi le usa con ostentazione tenta di esprimere questo messaggio ora niente può sfuggirmi. RACCOGLITORI: creano una sorta di barriera, imprimono un messaggio chiaro: sono occupato non ho tempo, ma spostarlo all'arrivo di colleghi o altri indica un segnale di disponibilità. BORSETTA: chi la tiene aperta, dimostra la voglia di portare un po' di vita privata in ufficio, condividendola con gli altri. Chi la chiude nel cassetto tende a tenere ben separato privato e pubblico.

BEH, IO AMO TENERE UNA PIANTINA IN UFFICIO ED HO SEMPRE LA MIA BORSA SEMIAPERTA. PERO' NON HO NULLA PER QUANTO RIGUARDA OGGETTINI, SALVASCHERMO E ALTRE CAGATINE VARIE. AGGIUNGO... SONO STRAMALEDETTAMENTE ORDINATA FUORI (IL CAOS REGNA DENTRO DI ME).

 
 
 

Agitazione

Post n°64 pubblicato il 15 Dicembre 2005 da Adenia

CHE AGITAZIONE CHE SENTO IN CORPO. QUESTO PERIODO DI VITA LO RICORDERO' COME UNO DEI MENO TRANQUILLI. DA UNA PARTE STA PER CONCLUDERSI LA MIA ATTIVITA' LAVORATIVA CHE DA ANNI HA CARATTERIZZATO LE MIE GIORNATE, DALL'ALTRA PARTE POTREBBE INIZIARE UNA BEN STIMOLANTE PROFESSIONE. NON VI E' ANCORA NULLA DI CERTO E FINO A CHE NON SI AVVIA IN MODO CONCRETO LA MIA NUOVA ATTIVITA' NUTRIRO' TENSIONE ALLE STELLE. E' COSI' LA VITA: QUALCOSA CHE TERMINA COINCIDE CON QUALCOSA CHE INIZIA. MA E' POSSIBILE CHE IO DEBBA ESSERE SEMPRE TANTO EMOTIVA E IN ANSIA PER OGNI NOVITA'? NON RIESCO AD AFFRONTARE IN MODO SERENO GLI EVENTI. SPERIAMO BENE E CHE TUTTO CONTINUI A PROCEDERE NEL VERSO GIUSTO. FII CHE AGITAZIONE!!! 

 
 
 

Atmosfera che avvolge la terra

Post n°63 pubblicato il 14 Dicembre 2005 da Adenia
 

L'atmosfera che avvolge la nostra Terra rappresenta un efficace schermo che protegge gli organismi viventi, e quindi anche noi, dalle intense radiazioni ultraviolette, dai raggi X e da altre radiazioni penetranti che vengono emesse in grande quantità dal Sole e dagli altri corpi celesti. Solo le onde radio, la luce visibile e una piccola frazione della radiazione infrarossa riescono ad arrivare fino al suolo... questo è il motivo per cui a terra abbiamo solo telescopi che raccolgono la luce e antenne radio. Ma per registrare i raggi ultravioletti, i raggi X, i raggi Gamma e il lontano infrarosso dobbiamo lanciare al di fuori dell'atmosfera terrestre dei satelliti con a bordo strumenti capaci di vedere tali radiazioni. Essi così raccolgono una grande quantità di nuove informazioni e ci aiutano a comprendere meglio l'universo che ci circonda.

LA RADIOASTRONOMIA.
Le onde radio sono radiazioni elettromagnetiche, proprio come la luce visibile, ma rispetto a questa hanno frequenza milioni di volte piu' bassa, circa tra 100 e 100.000 MHz ossia con lunghezze d'onda dal chilometro fino al millimetro. L'inizio della ricerca radioastronomica risale all'anno 1933, quando nei laboratori della Bell Telephone, in America, si rilevarono segnali radio di indubbia origine cosmica provenienti dal centro della nostra Galassia. Per capire la novità di tale scoperta si pensi che nelle onde radio NON si vide il Sole o la Luna ma il centro della Via Lattea! Il grande sviluppo della Radioastronomia risale agli anni successivi alla seconda guerra mondiale, quando la tecnologia derivata dalle telecomunicazioni e dalla scoperta del radar permise la costruzione di radiotelescopi precisi e sensibili. Con la radioastronomia si è rivelato all'uomo un panorama in gran parte inaspettato. Si va dalla scoperta delle emissioni dell'idrogeno sino a quelle di molte molecole, ivi incluse molecole organiche estremamente complesse, che hanno portato a una visione completamente nuova del gas interstellare, di enorme importanza per lo studio della struttura ed evoluzione delle galassie e dei problemi relativi alla formazione delle stelle e forse anche della vita.

L'INFRAROSSO. Le stelle hanno dei colori che non vediamo. Come non riusciamo per esempio a vedere la luce emessa sotto forma di raggi X o di raggi gamma così non riceviamo nemmeno gli infrarossi che sono in gran parte schermati dall'atmosfera e non raggiungono la superficie terrestre. Il satellite ISO dell'ESA, alto più di 5 m per 3 di diametro e dal peso di quasi due tonnellate e mezzo, è incaricato di una missione speciale: svelare il cielo dell'invisibile, ovvero quello della radiazione infrarossa, luce troppo fredda per essere vista dall'occhio umano ma rivelatrice di avvenimenti cosmici straordinari. ISO (Infrared Space Observatory) è un telescopio spaziale che vede l'infrarosso grazie a quattro rivelatori che lavorano a temperature bassissime (-271 gradi). Dal suo lancio, ISO ha prodotto risultati di eccezionale qualità: alcune galassie, per esempio, apparentemente insignificanti nella luce visibile, si sono rivelate, nell'infrarosso, un luogo di fervente attività dove prende vita una moltitudine di nuove e scintillanti stelle.

 
 
 

Post N° 62

Post n°62 pubblicato il 09 Dicembre 2005 da Adenia
Foto di Adenia

Tutto ciò che si ama in modo costruttivo può diventare una luce che guida alla serenità e alla felicità. Più luci vi sono nella vita più facile è vivere. Perché una luce non si spenga o non si trasformi in un fuoco che divora occorre amare nel modo giusto. Il passo fondamentale è la conoscenza. Può sembrare ovvio, ma non c'è amore dove c'è superficialità. Ci sono persone che si occupano di tutto e scambiano la conoscenza con una banale comprensione degli aspetti più importanti dell'oggetto. In realtà, chi ama apprezza i dettagli, le finezze, i continui miglioramenti che può dare solo una partecipazione intensa a ciò che si sta vivendo. Chi ama diventa un esperto di ciò che ama, non gli basta accontentarsi di una sommaria conoscenza. Del resto, se si ama una persona non si desidera forse conoscerla a fondo? Alla conoscenza si può collegare la curiosità, una caratteristica neutra dell'animo umano. Può essere positiva quando è conseguenza dell'amore, quando porta sempre più in là nella conoscenza; ma è uno stupido difetto quando si limita ad una morbosa attenzione per qualcosa di cui tutto sommato non ci importa più di tanto e che comunque non può cambiare la nostra vita. Quindi... conoscere, conoscere, conoscere. Dove si osserva qualcosa di positivo perché rimanere superficiali? E' bene approfondire le cose, chiedersi i perché e gustare ciò che si capisce e si scopre.

 
 
 

Post N° 61

Post n°61 pubblicato il 08 Dicembre 2005 da Adenia
Foto di Adenia

Questo giorno di festa mi è sempre piaciuto in quanto l'ho sempre vissuto come una anticipazione di quella che è l'atmosfera del periodo natalizio. Ahimè, questo mese lo sto vivendo con tensione: la mia vita sta subendo uno stravolgimento in campo professionale notevole. Da ora in poi sarò super impegnata per affrontare una situazione entusiasmante sì, ma anche nuova e difficle. Dedicherò questo giorno di festa al lavoro ed allo studio di alcune materie. Saranno, però, ben gradite pause di relax per stare con la famiglia nel preparare l'albero, il presepe e per collocare lucine, oggettini brillanti e festosi un po' in tutta casa. Buona festa dell'Immacolata a tutti. 

Sto ascoltando  una famosissima aria: Aria sulla 4ª corda di Johann Sebastian Bach... l'ascolto spesso nei miei momenti di inquietitudine e da sempre mi dà una sensazione di armonia incredibile.  

 
 
 

Sorridere con i segni

Post n°60 pubblicato il 04 Dicembre 2005 da Adenia
Foto di Adenia

Mi è arrivata una e-mail carina che ora rendo pubblica. Non credo ai segni dello zodiaco, ma queste frasi mi hanno strappato un sorriso.

Quanti Ariete sono necessari per cambiare una lampadina?  Solo uno, però ci vogliono molte lampadine.
Quanti Toro sono necessari per cambiare una lampadina? Nessuno, al Toro non piace cambiare niente.
Quanti Gemelli sono necessari per cambiare una lampadina?  Due, probabilmente. Aspettano fino al weekend, ma alla fine la lampadina è al centro dell'attenzione, parla francese e dà luce del colore preferito a chi  entra nella stanza.
Quanti Cancro sono necessari per cambiare una lampadina?  Solo uno, ma
dovrà mettersi in terapia per superare il trauma.
Quanti Leone sono necessari per cambiare una lampadina?  Un Leone non cambia lampadine, al massimo le tiene ferme mentre il mondo gira intorno a lui. 
Quanti Vergine sono necessari per cambiare una lampadina? Vediamo: uno per preparare la lampadina, un altro per prendere nota di quando  la lampadina si è fulminata e della data in cui fu acquistata, un altro per decidere di chi è la colpa se la lampadina si è bruciata, dieci per ripulire  la casa mentre gli altri cambiano la lampadina.
Quanti Bilancia sono necessari per cambiare una  lampadina? In realtà non saprei... penso che dipenda da quando la lampadina  ha smesso di funzionare. Forse uno solo è sufficiente se si tratta di una  lampadina qualsiasi, due se la persona non sa dove trovare una lampadina  nuova. E quale sarà la migliore? Molti dubbi e molte ansie!
Quanti Scorpione ci vogliono per cambiare una lampadina?  E chi può saperlo? Perché volete saperlo? Siete forse della polizia?
Quanti Sagittario sono necessari per cambiare una  lampadina? Il sole brilla, c'è bel tempo, abbiamo tutta la vita davanti e voi  vi preoccupate per una stupida lampadina?
Quanti Capricorno sono necessari per cambiare una  lampadina? Nessuno. I Capricorno non cambiano lampadine perché con una buona e  sana chiacchierata la lampadina capirà che è più logico che si cambi da sola.
Quanti Acquario sono necessari per cambiare una  lampadina? Arrivano frotte di Acquario, in competizione per stabilire chi di  loro sarà l'unico capace di ridare la luce al mondo.
Quanti Pesci sono necessari per cambiare una lampadina?  Perché, è forse mancata la luce?

Mi piace l'idea di come una stessa situazione possa essere intesa ed affrontata in modo differente in base non solo alle possibilità di una persona, bensì anche in funzione alle sue caratteristiche caratteriali. Un semplice cambio di lampadina è solo un esempio per comunicare quanto diverso è l'approccio ad una certa questione da soggetto a soggetto.

 
 
 

Post N° 59

Post n°59 pubblicato il 29 Novembre 2005 da Adenia
Foto di Adenia

Come deve essere una persona perché entri nelle mie grazie o perché desti il mio interesse? Credo di non essere esigente... sono tremendamente esigente! Forse sto esagerando, comunque una persona, uomo o donna che sia, per piacermi deve avere almeno tre delle seguenti caratteristiche: ambiguità, ironia, vena artistica, mente matematica, propensione alla riflessione, sguardo cupo e malinconico, coraggio, determinazione, portamento elegante e linguaggio accattivante. Mentre caratteristiche che poco mi piacciono sono: risata facile, sguardo dolce con non importa chi,  spensieratezza, rigidità nelle logiche mentali, indifferenza ed eccessivo buon umore costante. Sì, forse sono un po' particolare nei gusti, ma non ho stabilito questi canoni in pochi minuti: si tratta di sensazioni avvertite nell'interagire con diverse tipologie di soggetti che poi ho valutato e compreso nel tempo. A volte mi capita di chiedermi anche "Simo e con te chi è che si sente bene e a proprio agio?" ed allora la risposta è un po' più complicata... ihihih 

 
 
 

Post N° 58

Post n°58 pubblicato il 28 Novembre 2005 da Adenia
Foto di Adenia

Per chi ha seguito il mio blog dall'inizio avrà notato che spesso ho modificato la skin di questo. Se qualcuno pensa che io sia un soggetto poco deciso ed incostante... beh, non sbaglia. E' che con il trascorrere del tempo ogni cosa tende a piacermi meno se non riceve delle modifiche, degli aggiornamenti, delle innovazioni. Sento la necessità di apportare novità nel mio modo di pormi, nel mio look, nell'interpretazione del mio ruolo di vita, nel mio disegnare la realtà, nel collocare i colori degli oggetti circostanti. Però le skin possibili dei vari blog potrebbero essere più seriose, monocolore e senza fiorellini o cagatine varie. In realtà alcune skin sono più seriose, ma non hanno le pagine come fosse un diario. Insomma, non ce n'è una che mi piace per davvero. Bene... buona giornata a tutti.

 
 
 

Una canzone francese

Post n°57 pubblicato il 24 Novembre 2005 da Adenia
Foto di Adenia

UNE CHANSON FRANCAISE TRES CONNUE... "NE ME QUITTE PAS" (testo parziale di un brano del 1959)Il faut oublier, tuot peut s'oublier, qui s'enfruit déjàOublier le temps des malentendus et le temps perdu à savoir commentOublier ces heures qui tuaient parfois à coup de pourquoi le coeur du bonheurMoi je t'offrirai des perles de pluie venue de pays où il ne pleut pasJe ferais un domain où l'amour sera roi, où l'amour sera loi...où tu seras reine... ne me quitte pasJe t'inventerais des mots insensés que tu comprendrasJe te parlerais de ces amants-là qui ont vu deux fois leur coeurs s'embraserOn a vu souvent rejaillir le feu d'un ancien volcan qu'on croyait trop vieuxDes terre brulée donnant plus de blé qu'un meilleur avril...Je ne vais plus pleurer, je ne vais plus parlerJe me cacherai là à te regarder danser et sourireet à t'écouter chanter et puis rireLaisse-moi devenir l'ombre de ton ombre... ne me quitte pas. Un brano triste, romantico. Non esistono più uomini che regalano simili parole d'amore per una donna. Non esiste più il corteggiamento, il romanticismo. Ahimé è colpa soprattutto del ruolo sociale, politico ed economico più forte che oggi ha la donna a discapito della sua femminilità e del suo ruolo in famiglia.

 
 
 

La pedofilia

Post n°56 pubblicato il 22 Novembre 2005 da Adenia
 

La pedofilia è attualmente contemplata dal DSM IV [Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali, Milano 2000, Masson] tra i disturbi mentali nella categoria delle Parafilie che appartiene al gruppo dei Disturbi Sessuali e della Identità di Genere. La pedofilia costituisce, insieme al Voyerismo e all’Esibizionismo, la maggior parte dei crimini sessuali. La via giudiziaria, difatti, è l’unica via attraverso la quale i pedofili giungono a contatto con una istituzione psichiatrica. La pedofilia è caratterizzate da fantasie, impulsi sessuali, o comportamenti ricorrenti e intensamente eccitanti sessualmente che riguardano bambini in età prepuberale (prima dello sviluppo fisico delle caratteristiche sessuali di genere). Il pedofilo, infatti, è un soggetto che non ha sviluppato una identità sessuale adulta per cui è rimasto sostanzialmente indifferenziato (per questo non distingue tra vittima maschile o femminile). La pedofilia, statisticamente, insorge nell’adolescenza. Nell’adolescenza la persona sta cercando di definire la propria identità sessuale e tutto e tutti sembrano concordi nel rendergli la vita difficile, il più delle volte con effetti notevoli. Se per un soggetto “normale” questo può significare semplicemente qualche problema più o meno grave, ma superabile in età adulta (magari con l’aiuto di un sessuologo); per chi vive in una situazione difficile (abuso sessuale, maltrattamenti, famiglia problematica, promiscuità sessuale etc) può essere l’avvio di una serie di complicazioni che si possono concludere con una parafilia conclamata in età adulta. Difatti molti pedofili dichiarano di non aver avuto preferenza per i bambini fino alla mezza età: quanti di loro hanno avuto un processo di sviluppo psicosessuale difficoltoso? Quanti di loro avrebbero potuto avere uno sviluppo psicosessuale sano se ci fosse stato qualcuno ad ascoltarlo? Si conosce ancora poco delle storture psicopatologiche sottese alla pedofilia, ma mi sembra doveroso porsi domande simili, se abbiamo coscienza dei danni sociali, oltre che individuali, prodotti dalla pedofilia. La prevenzione è la strada principale per ridurre una serie innumerevole di problematiche (tossicodipendenza, criminalità minorile, stupro, etc.) che pesano sulla società intera, sebbene questa sembri volerle rimuovere.

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: Adenia
Data di creazione: 02/09/2005
 

 

EVERY BREATH YOU TAKE

Every breath you take
Every move you make
Every bond you break
Every step you take
I'll be watching you

Every single day
Every word you say
Every game you play
Every night you stay
I'll be watching you

O can't you see
You belong to me
How my poor heart aches with every step you take

Every move you make
Every vow you break
Every smile you fake
Every claim you stake
I'll be watching you

Since you've gone I been lost without a trace
I dream at night I can only see your face
I look around but it's you I can't replace
I keep crying baby please

Every move you make
Every vow you break
Every smile you fake
Every claim you stake
I'll be watching you

 

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 

IO CAMMINO DI NOTTE DA SOLA

Io cammino 
di notte da sola
poi piango poi rido
e aspetto l’aurora
Ed è una realtà
tutta mia
e una strana atmosfera
pervade la mente
di sera
Io vivo
a volte infelice
a volte gaudente
talvolta vincente
o perdente
Ed è una vita d’artista
così altalenante
ma quello che creo
è importante per me
Io cammino
di notte da sola
poi piango, poi rido
poi parlo, poi rido
poi grido... 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

THE BLOWER'S DAUGHTER

 

SEI PARTE DI ME

E per ogni giorno mi prendo un ricordo che tengo nascosto lontano dal tempo...
Dentro c'è un bisogno di ridere...
Immagini che passano e restano...
E se ti fermassi soltanto un momento...
Sei parte di me, sei parte di me... lo tengo per me.

 

IL ME DIT QUE JE SUIS BELLE

Et quand le temps se lasse
De n'être que tué
Plus une seconde passe,
Dans les vies d'uniformité
Quand de peine en méfiance,
De larmes en plus jamais
Puis de dépit en défiance
On apprend à se résigner
Viennent les heures sombres
Où tout peut enfin s'allumer
Ou quand les vies ne sont plus qu'ombres
Restent nos rêves à inventer

Il me dit que je suis belle
Et qu'il n'attendait que moi
Il me dit que je suis celle
Juste faite pour ses bras
Il parle comme on caresse
De mots qui n'existent pas
De toujours et de tendresse
Et je n'entends que sa voix

Eviter les regards, prendre cet air absent
Celui qu'ont les gens sur les boul'vards
Cet air qui les rend transparents
Apprendre à tourner les yeux
Devant les gens qui s'aiment
Eviter tous ceux qui marchent à deux
Ceux qui s'embrassent à perdre haleine
Y a-t-il un soir, un moment
Où l'on se dit c'est plus pour moi
Tous les mots doux, les coups de sang,
Mais dans mes rêves, j'y ai droit

Il me dit que je suis belle
Et qu'il n'attendait que moi
Il me dit que je suis celle
Juste faite pour ses bras
Des mensonges et des betises
Qu'un enfant ne croirait pas
Mais les nuits sont mes églises
Et dans mes rêves j'y crois

Il me dit que je suis belle...
Je le vois courir vers moi
Ses mains me frôlent et m'entraînent
C'est beau comme au cinéma
Plus de trahison, de peines
Mon scénario n'en veut pas
Il me dit que je suis reine
Et pauvre de moi, j'y crois
Hmm, pauvre de moi, j'y crois
 

LA MANCANZA DI PASSIONE

La passione è il fuoco alchemico che cuoce i fluidi spirituali e rende conciliabili gli opposti. Chi non si lascia coinvolgere dalla passione e dal desiderio perché attento a trovare solo sicurezza e vantaggi è immorale. La mancanza di passione è immorale.

 

EVERY BREATH YOU TAKE

 

INDIFFERENZA

Penso che alla base di ogni male vi sia l'indifferenza. Combattere l'indifferenza è difficile perché ci si scontra con il nulla, con il vuoto, con l'appiattimento, con la non sensibilità. E' più facile avere un dialogo con chi odia che non con chi è indifferente. Odio, rabbia, gelosia, invidia, depressione, dipendenze dannose e altro ancora, a mio parere, nascono con il dilagarsi dell'indifferenza umana. Avere un parere contrario a qualcosa è costruttivo, non averlo affatto è espressione di morte delle idee.

Credo che la provocazione finalizzata a se stessa sia sciocca e controproducente, ma non mettersi in gioco, non andare contro corrente per partito preso, o meglio, per paura di uscire dai canoni accettati dalla massa, beh questo è un freno alla fantasia, al coraggio, alle innovazioni, allo sviluppo. Chi sceglie l'indifferenza sceglie la via più facile per non sentirsi responsabile di qualcosa che non conviene o per pigrizia o per vigliaccheria.

hkhgkj

 

INVINCIBLE

 

 

SUPERMASSIVE BLACK HOLE

 

STARLIGHT

 

THE FUNERAL OF HEARTS

 

 

MADNESS

 

 

 

 

 

 

 

FA CHE NON SIA MAI

 

 

 

 

 

 

 

ULTIME VISITE AL BLOG

KiuryHoghartVirginiaG65francescacapomagiandrew_mehrtensSibilliasAdeniagalantre2011ruiumariagonariolory.gydiletta.castellisexydamilleeunanotteambrosiadossi88menotabu