RADIO REBELDE

Una sola religione, una cultura unica, un'unica lingua e un'unica verità, e di tanto in tanto spade messianiche si levano per ripetere le gesta della redenzione

Creato da Darksideblues il 27/08/2006

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 

Ultime visite al Blog

alphabethaarolveronafugadaipiombimax_6_66ninokenya1stefgamberiniborrezzocuorediselvaggialo_snorkiVEDO.TUTTOdan.andreaclaudio.olenasexylillaluigisalvi97centauro55_2011
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« VACANZA MERITATA?I-DOSER. FREGNACCIA O SU... »

IL SOLE SPLENDE SUGLI STUDI DI REPORTERS

Post n°251 pubblicato il 02 Luglio 2008 da Darksideblues

Arieccoci qui. Appena tornato dall'avventurosa vacanza e subito proiettato in un torrido ufficio. Un'altra gioiosa esperienza della mia lunga improduttiva carriera. Stavolta è uno stage dedicato alla regia  e allo speakeraggio  per radio. Un lavoro che si fa per passione mica per i soldi! Nel frattempo non so come pagarmi gli spostamenti, per quanto brevi, da un luogo all'altro. Anche perchè da queste parti i mezzi pubblici sono ridicoli.

Il costo della benzina è veramente assurdo e nessuno cerca di porci un rimedio. Sembra un male di quelli incurabili... eppure molti economisti continuano a ripetere che questa non è altro che una maledetta speculazione, poichè, la domanda di combustibili come il petrolio, non è aumentata ultimamente così come non è diminuita affatto la produzione. Allora, qui i conti non tornano. Chi si é comprato l'ennesimo castello d'oro?  Lo sceicco di sti cazzi o il suo amico petroliere? O forse è  il governo italiano che è solo capace di pensare a quei poveracci di immigrati e non pensare a quei poveracci di italiani. Sempre più rognosi, sempre più incazzati. Fra una legge ad personam e l'altra, qualcuno dovrebbe ricordarsi anche di noi, non solo per chiamarci "vitelloni". Ci diamo da fare, gratis, ma ci diamo da fare. Non tutti hanno le rendite al sole e gli amici con le mani in pasta, con il petrolio o che so io. 

Ah, gli italiani (con i minuscola per quelli che votano il loro padrone) sono anche più ignoranti. Non so se avete letto dei tagli sul personale alla scuola. Un'altra razionalizzazione in un settore rimaneggiato e senza risorse. Poi qualcuno si chiede perché  la gente sta scappando dall'Italia a gambe levate.

Bah, come ritorno non c'è male. Beh... ora via che domani ho una registrazione.

 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Amur/trackback.php?msg=4996986

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
silvia.to
silvia.to il 18/07/08 alle 21:20 via WEB
per l'aumento della benzina è colpa nostra che non siamo andati a piedi al lavoro o in autobus, se lo avessimo fatto per un solo giorno, avrebbero abbassato subito i prezzi. Vabbe! Ho fatto un post sulla patent a sedici anni se ti interessa.
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 20/07/08 alle 10:04 via WEB
Certo. Passo volentieri. Credo però che per la storia della benzina sia una questione un po' più complicata di questo. Secondo molti economisti, sembrerà strano, ma la domanda di benzina non è aumentata negli ultimi anni. I prezzi sì. Perchè? Perchè il consumatore come te o me non ha alcun potere su questo mercato. Si tratta di pura e semplice speculazione. Siamo finiti nel braccio di ferro tra Stati-Uniti - Europa - Paesi dell' OLP. Senza considerare che sulla scena mondiale sono presenti ora Cina e India: pensi che faccia qualche differenza se noi (poco più di 20 milioni di automuniti) rinunciamo alla macchina rispetto a quel miliardo di persone che ogni giorno chiedono benzina ad Oriente di qui? Però è un buon inizio quello che suggerisci. E ha soprattutto un' impronta ecologista molto molto molto importante! Un saluto! Darksideblues
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.