Creato da carmen46c il 27/06/2007

CARMEN AULETTA

I ricordi, certi ricordi, sono come tatuaggi, non vanno più via, sono parte della tua anima, della tua vita.

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

fosco6giusto1962carmen46cgaet.sinagrasocrate52cassetta2MITE_ATTACHET_2papomamma2013Maicolm52io.venerebagninosalinaroarteastecostanzatorrelli46dominjusehellahpoeta.sorrentino
 

ULTIMI COMMENTI

 

 

« Mia figlia si è sposataA mia sorella »

La famiglia napoletana

Post n°19 pubblicato il 07 Luglio 2007 da carmen46c

Oggi mi sento un pò giù e poichè non voglio annoiarvi con la mia tristezza vi posterò una pagina del mio diario ospedaliero intitolato

"I miei 20 giorni al Cardarelli"

6° giorno

Lunedì 22 maggio 2006

 

 

 

              Oggi è lunedì, ho una vicina di letto, una donna di 70 anni che mi racconta tante cose e un po’ alla volta mi ha fatto conoscere tutti i suoi parenti. Tra marito, figli, nipoti, sorelle e cognate ho capito com’è la tipica famiglia napoletana.

               I familiari sono molto  uniti tra loro, appena sanno che qualcuno è all’ospedale fanno a gara a chi deve arrivare per primo. Quando arrivano, di solito con una borsa piena di ogni ben di Dio, cominciano a domandare lo stato di salute dell’ammalata e poi s’informano su quale parente le ha fatto visita.

                Se nel caso, c’è qualche parente che ancora non si è visto, allora gli si fanno critiche di ogni genere, tipo: “ A fatt semp chest!” oppure:” Può essere che non poteva venire in ospedale? Che gli costava?” e il processo continua a non finire.

                La cosa buffa è che ognuno comincia a raccontare i suoi guai all’ammalata che al confronto sembra più sana dei parenti che la vanno a trovare. E così vengono fuori le rivalità tra cognati, i disaccordi tra padre e figlio, tra suocera e nuora e quando finalmente vanno via, la vecchia signora mi racconta il resto, anzi, mi dà anche delle delucidazioni in caso di domande curiose da parte mia.

 

                  Eh si, perché a questo punto io, che in televisione non vedo neanche una telenovela, sono invece molto curiosa di conoscere le storie di vita vera, e quindi per mettere bene a fuoco i personaggi  mi tocca fare domande supplementari.

 

                    <<Ah! Allora vostra nuora era quella brunetta carina che si era seduta vicino alla finestra?>> chiedo io e la signora: << Si, e se sapeste………sua sorella, che è ancora più carina, si è innamorata di un mulatto che ha conosciuto tramite il computer e volete sapere com’è andata a finire?>>

  

                    A questo punto io curiosissima: << E com’è andata a finire?>>  La signora con un sospiro di sofferenza continua: << la ragazza ha perso completamente la testa per quest’uomo che vive a Londra, ha speso duemila euro per trasferire i suoi mobili in Inghilterra, si è licenziata, aveva un ottimo lavoro e guadagnava anche bene, ma dopo 5 mesi è rimasta incinta e lui ha cambiato completamente atteggiamento, voleva farla abortire ed ha cominciato anche a maltrattarla. Così finalmente la ragazza ha capito che in quella storia d’amore ci aveva creduto solo lei ed è ritornata in Italia, ha speso altri duemila euro  per riportare i mobili in Italia, ora si ritrova senza un lavoro e con un figlio in arrivo. >> 

                << Allora ha deciso di tenerselo il figlio?>> domando e lei : << Si, lei il figlio lo vuole ma a lui ha fatto sapere di avere abortito e  di non voler sapere più niente di questa storia. >>

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963