Creato da tantiriccirossi il 02/01/2008

*Incedere Silente*

In punta di piedi in silenzio ti cerco...in silenzio sparisco. Affinchè le notti non abbiano l'unico suono del sospiro di chi soffre e tace, ora quel sospiro avrà una voce...e l'avrà qui.

 

« TEMPESTELe Filastrocche di Streg... »

BRINA

Post n°111 pubblicato il 16 Ottobre 2009 da tantiriccirossi

Era uno scintillio irreale,quello della brina sfiorata appena dai tiepidi raggi del sole del primo mattino.
Sarebbe durata poco! Un manto incantato, steso sui sogni di una natura pronta al riposo.
Riprendeva piano spessore il mondo circostante, e in silenzio usciva delicatamente e senza fatica alcuna,  dalle ombre che sembravano  lacerarsi nel vano tentativo di trattenerlo dopo aver creduto di essersene appropriato, di averlo ingoiato,sminuendolo, pigiandolo nel buio.
Dolce e leggero era il lento scivolare delle foglie ingiallite che si lasciavano trasportare dal vento in un delizioso Valzer. Dolcemente vibravano, scivolavano, volteggiavano disegnando spirali e al fine, posandosi al suolo.
Sembravano feriti i rami, che s’allungavano spogli, come mani rinsecchite e sterili, lasciandoti dentro la sensazione che non potendo più donare, fossero pronte a portarti via l’anima.
Ed era il gracidare fastidioso ed insidioso della rana dalla bocca larga, che nascosta sotto le foglie di nifea, adescava, ricoperta dai bianchi petali della sfioritura del  fiore, ignari insetti in cerca di una sosta tra i pistilli color oro.  Non aveva increspatura l’acqua,  se non quella data dal movimento dei cigni che s'avvicinavano a mangiare il pane donato dalla manina di un bimbo ricciuto.
Tra il fitto del bosco, s’intravedeva appena la sagoma di una baita e si faceva forte il desiderio di calore, di caffè caldo da bere davanti al fuoco di un camino.
Ha smesso per un attimo il suo gracidare, quella rana... giusto il tempo per mostrare la sua lingua smisurata, nell’atto d’afferrare una libellula… un breve volo, che ha conosciuto il mattino di un giorno e non ne vedrà il tramonto. Restano sull’ acqua le piccole ali iridescenti che si allontanano come barchette pronte ad affondare ed in quel dolce mattino….il triste gracidare…

Giuly

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

 

 

 
 

 

GRAZIE VINCE

 

La purezza delle tue parole, dei tuoi sentimenti...

 

questo è per Giuly

Per te, che ti fai i cavoletti tuoi ma che ti preoccupi sempre dei cavoletti altrui.

Giuly


.Sai...io lo leggo dai tuoi post e dai commenti che lasciano i tuoi amici

Potevo forse non far incidere che sei una forza della natura?

...e cos'altro dire?

Ogni altra parola sarebbe solo banale.
Ciao, carissima amica!
Grazie Theo "ogni altra parola sarebbe solo banale" se detta ad un amico che sa leggerti nel cuore.

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 19
 

FACEBOOK

 
 

T

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom