Creato da: Led_61 il 23/01/2011
Internet: mie riflessioni

Netiquette

Nei limiti del possibile cerco una sana convivenza con chi intrattengo rapporti in questa area virtuale, non sempre è possibile ...

Non sono in cerca dell'anima gemella o di avventure ma mi fa piacere scambiare opinioni sui più svariati argomenti con persone aperte di qualsiasi razza, sesso, religione o credo politico che non nutrano pregiudizi di sorta.
La perodicità dei post e la risposta ai commenti è influenzata dai miei impegni.
Non cancello mai i miei post al limite effettuo qualche restyling riguardo a parole ed immagini senza stravolgerlo troppo e sono disposto a farlo solo se violo il copyright di qualche utente.
I commenti sono liberi senza alcun filtro.
Bannare è un termine che non fa parte di questo codice, perchè la vedo come una misura di ritorsione che non ha senso in un mondo così etereo e impalpabile ed in cui è facile occultarsi dietro improbabili profili.
Sono diretto rispondo con post, che talvolta hanno un linguaggio ermetico ma fanno comprendere il mio disagio di fronte a situazioni e persone che non hanno desiderio di un sano confonto, ma preferiscono celarsi e giocare sugli equivoci giocando troppo con le parole mentre lo scrivente pur amando l'ironia rimane una persona con saldi principi maturati nel suo mezzo secolo di vita.
Come non sono stato protagonista attivo nell'attività di bannaggio, allo stesso modo non ne sono stato oggetto (fino ad oggi), indice che i miei post o racconti sono moderati e non urtano troppo la sensibilità dei lettori, anche perchè questo è un luogo di riflessioni personali anche abbastanza intime aperto ai commenti di chiunque.

 

Are you with me

 

Silbermond: Das Beste

 

Lana del Rey

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 33
 

Ultime visite al Blog

dolcesettembre.1Led_61OPIUMPASSIONElorifuRavvedutiIn2slavkoradicnilsiaannaincantoWeb_Londonpa.ro.lesagredo58Luxxilandreabrandellicall.me.Ishmael
 

Paul Wex: Seychelles

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

AVVERTENZE

I testi qui pubblicati sono opera mia e solitamente se cito qualcosa di non mio, riporto l'autore della suddetta frase o perifrasi.

Gran parte delle immagini qui visualizzate sono realizzate con il mio cellulare (non é di ultima generazione).
Vi sono anche immagini reperite in rete, di dominio pubblico e comunque se ne conosco l'autore lo cito.
Se qualcuno ritenesse che abbia leso un suo diritto d'autore me lo faccia sapere e l'immagine o testo verranno rimossi.

L'argomento e il tenore di certi post sono adatti ad un pubblico adulto e la lettura ai minorenni è sconsigliata.

 

Marteria Lila Wolken

 

 

 
« L'arena i gladiatori, l...Tribute band per gli Abba »

Una donna piangeva

Post n°223 pubblicato il 20 Agosto 2015 da Led_61
 

 

C'era solo il marciapiede che esalava l'afa di agosto, e carte sparse e bustine e un donna inginocchiata con capelli grigi e biondi che di spalle singhiozzava perché si piange sempre con la faccia rivolta al muro.

Non era un pianto liberatorio ma un pianto di una disperazione desolante per accompagnare il fardello pesante attraverso un'altra lunga notte di luci e ombre e odori maleodoranti liquefatti dall'afa nella stazione, che perdeva i suoi connotati di punto di transito per far emergere facce bianche e consunte che la notte riuniva in gruppi amorfi e asfittici.

La pelle si mescolava per lasciare il posto agli occhi voraci e ansanti che cercavano una parte nel teatrino oscuro e anonimo che si crea ogni notte per trascinare corpi magri e asciutti fuori dai propri tormenti.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://gold.libero.it/Interriflessioni/trackback.php?msg=13261152

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
fugadaipiombi
fugadaipiombi il 28/10/15 alle 09:09 via WEB
C'era solo il marciapiede che esalava l'afa di agosto, e carte sparse e bustine e una donna inginocchiata con capelli grigi e biondi che di spalle singhiozzava perchè si piange sempre con la faccia rivolta al muro. Non era un pianto liberatorio ma un pianto di una disperazione desolante per accompagnare il fardello pesante attraverso un'altra lunga notte di luci e ombre e odori maleodoranti liquefatti dall'afa nella stazione, che perdeva i suoi connotati di punto di transito per far emergere dalle bianche e consunte che la notte riuniva in gruppi amorfi e asfittici. la pelle si mescolava per lasciare il posto agli occhi voraci e ansanti che cercavano una parte del teatrino oscuro e anonimo che si crea ogni notte per trascinare corpi magri e asciutti fuori dai propri tormenti.
(Rispondi)
 
 
fugadaipiombi
fugadaipiombi il 28/10/15 alle 14:43 via WEB
Nel leggerla adesso mi è venuto su il pensiero che potrebbe trattarsi di una poesia di Magari è, un poeta che ho scopert0 da poco e di cui ho subito amato la lirica....
(Rispondi)
 
 
 
fugadaipiombi
fugadaipiombi il 28/10/15 alle 14:44 via WEB
Scusa, non è venuto il nome del poeta, Kavafis
(Rispondi)
 
 
 
 
Led_61
Led_61 il 31/10/15 alle 21:04 via WEB
Stazione di Francoforte in una serata trascorsa ad aspettare un autobus: la visione di quello che succede nelle stazioni di grosse metropoli mi lascia un amaro in bocca perchè anche se volto gli occhi da un'altra parte non posso ignorare certi spettacoli che offre la società "civilizzata" in cui viviamo.
(Rispondi) (Vedi gli altri 1 commenti )
 
 
 
 
fugadaipiombi
fugadaipiombi il 02/11/15 alle 22:53 via WEB
Sono molto d'accordo, anche se poi mi dico che questo fa parte dell'essere umani, che vuol dire essere imperfetti, per cui, in ogni epoca, qualcosa di negativo deve venire fuori. É una legge alla quale non si sfugge, e qui si che la perfezione esiste...un saluto
(Rispondi)
 
RavvedutiIn2
RavvedutiIn2 il 11/04/18 alle 21:25 via WEB
Secondo me... ma no!, è cosa pessima dire " secondo me ", provo a dire che i frutti della coercizione continua, addolcita mediante regole che prima o poi saltano, questi frutti si vedono. E più diventiamo, più ci mescoliamo, cosa giusta ed inevitabile per carità, più diventiamo " padroni " di nuove forme di applicazione della follia, follia vista come odio verso l'altro. Bisogna fermarsi, siamo ancora in tempo.
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.