Blog
Un blog creato da pigilli il 06/10/2006

PIERLUIGI LUPO

RACCONTI

 
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

awtom60daniele_tavianigianp.mazzilli2010giusidda66cassetta2jessicamarinoniada81_2Recreationpipe76amaryllis6padryaenailaadribrandihattori_hanzo1975onofrisandropigilli
 

ULTIMI COMMENTI

Grazie per articolo È troppo bello. Piu Grandi Film
Inviato da: Recreation
il 08/02/2018 alle 13:34
 
Ciao, e grazie.
Inviato da: pigilli
il 22/03/2014 alle 11:28
 
bella storia :)) un saluto e complimenti.. sasà
Inviato da: informatore66
il 01/03/2014 alle 19:51
 
Beh, naturalmente le lezioni sono indirizzate a coloro che...
Inviato da: pigilli
il 29/04/2013 alle 11:05
 
Consapevolmente qualche mezzo ce l'avrei,mi manca il...
Inviato da: melen.me
il 28/04/2013 alle 21:17
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 44
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Follie d’amoreUNA MORTE VIOLENTA »

C’E’ QUALCUNO?

Post n°6 pubblicato il 27 Ottobre 2006 da pigilli
 

immagineLa domanda è sempre la stessa: Siamo soli nell’Universo? 

L’occasione nasce dal film andato in onda ieri sera su Raitre, “Signs” con Mel Gibson. Il protagonista è un ex pastore che abita in una fattoria, in Pennsylvania, situata nel mezzo di uno sterminato campo di mais. Improvvisamente sul terreno appaiono giganteschi e inquietanti cerchi (i cosiddetti "crop circles"), e la sua vita e quella dei suoi familiari viene sconvolta…

Sono i famosi “cerchi nel grano”. Il fenomeno risale agli anni settanta (anche se ci sono testimonianze antecedenti), quando alcuni piloti scoprirono, sotto i loro occhi, cerchi meravigliosi e perfetti tracciati sui campi di grano maturo dell’Inghilterra meridionale.

Si cercò subito di capire da dove venissero questi strani segni. Tra le tante ipotesi si parlò di turbini di vento o addirittura di animali in amore. Ma secondo gli ufologi si tratta di oggetti volanti (navicelle spaziali) che sorvolando rapidamente sopra i campi di grano produrrebbero questi straordinari disegni. Gli scettici, invece, sono più inclini a pensare alla mano dell’uomo. Ma quanti uomini ci vorrebbero? Eppoi nei campi in questione non ci sono impronte umane, e le spighe non sono mai spezzate, ma piegate delicatamente e tutte nella stessa direzione, a volte anche intrecciate. Inoltre, gli insetti tra le spighe sono tutti morti, come esplosi, come se fossero stati esposti ad un forte calore. Insomma, un lavoro sopraffino, da extraterrestri! 

Dunque, tutto lascia pensare agli UFO! Io ci credo e voi?

 
 
 
Vai alla Home Page del blog