Dèmone

 

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Agosto 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 8
 

pianeta terra

 

 

rose

 
Creato da: Lyonnesse il 21/02/2010
L'Oracolo di Lyonnesse

 

 

ECCLESIASTICO, CAP.6 : 5-17

Post n°26 pubblicato il 26 Giugno 2010 da Lyonnesse
 

L'AMICO FEDELE

L'AMICO FEDELE.

Una parola dolce moltiplica gli amici, un linguaggio cortese attira i saluti. Sian pur molti i tuoi amici, ma uno solo fra mille diventi il tuo confidente. Se vuoi guadagnarti un amico, acquistalo con la prova, e non t'affrettare a fidarti di lui, poichè vi è l'amico che varia secondo il suo interesse, e non perduta nel giorno della prova. Anzi, v'è l'amico che si cambia in nemico, e scopre beghe a tuo disonore. Come vi è l'amico che ti è compagno a mensa, ma non lo trovi più nei giorni della sventura. Durante la tua fortuna è un altro te stesso, e osa parlare liberamente ai servi tuoi; ma se la sventura ti colpisce, si volterà contro di te, ed eviterà persino la tua presenza. Stà lontano dai tuoi nemici e sii guardingo con i tuoi amici.

Un amico fedele è un sostegno prezioso, e chi lo trova, possiede un tesoro. Un amico fedele non si può valutare, e inestimabile è il suo valore. L'amico fedele è un balsamo nella vita, e chi ha timor di Dio lo troverà. Chi teme il Signore è fedele nell'amicizia, e quale egli è, tale sarà l'amico suo.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

PAPA'

Post n°25 pubblicato il 18 Giugno 2010 da Lyonnesse
 

Papà

Carissimo, sei stato un uomo molto sensibile, forse troppo. Eri solo,  ed hai sofferto parecchio.
Chi ti ha conosciuto e ti era vicino diceva che eri n uomo riservato, schivo. Ho vaghi ricordi di te, ma un fatto mi è rimasto impresso nel tempo nel mio inconscio e ad un certo punto della mia vita è riemerso...eh sì perché si sa che i bimbi soprattutto, tendono a rimuovere ciò che li rende tristi o cheli fa soffrire; mi ricordo che io ero stesa con mia mamma sul suo letto, e tu eri fermo immobile davanti alla porta, quel momento è stato il più terribile..sei rimasto in piedi senza proferire parola,sembravi di ghiaccio, quando la mamma ti disse che io ero tua figlia. Naturalmente posso immaginare come ti sei sentito; sei rimasto per mesi a letto da solo in profonda depressione,finché un giorno sei uscito nel cortile con le valigie in mano ed hai detto ad una vicina:"partovado a cercar lavoro" e te ne sei andato. Quanta sofferenza, la scelta di andartene lontano da tuttoe da tutti per cercare di ricostruire qualcosa di tuo. Quella donna ti ha dato una terribile sofferenza, non solo ti ha tenuto nascosto per 5 anni una figlia, ma ti ha costretto ad andartene. Non potevi di sicuro confessare a tuo fratello la verità. Negli anni a venire però rimanesti in contatto con 
alcuni dei tuoi amici del paese; ritornasti anche alcune volte, ma non da tuo fratello, non da noi, non era possibile...anzi ora so che di nascosto mi sei venuto a vedere alcune volte mentre giocavo a tennis, ma non potevi farti riconoscere.

Chissà quanta sofferenza ti sei portato dietro per tutto il resto della tua vita, tant'è vero che stranamente a 53 anni andasti nella casa di riposo..eh già, scelta drastica nel pieno della vita, un uomo prende questa decisione, un segno questo che la ferita era rimasta indelebile nella tua Anima, nel tuo cuore...sei rimasto solo fino al giorno della tua morte.

Mamma non sa nulla di ciò che so, anche perché io iniziai a cercare di avere notizie tue nel 2001 e lei mi fece desistere; dopo due anni ripresi le ricerche, ma oramai non c'eri più.

Ebbi anche in quel caso notizie brevi e stringate, solo che eri morto l'8 novembre 2001.

Ed appunto in quel giorno l'8 novembre dell'anno scorso (2009), iniziasti a raccontare un po' di cose  per bocca del mio dolcissimo e caro marito, e a confessarmi tra l'altro, appunto, di essere tu il mio vero padre biologico. Ciò nulla toglie della mia gratitudine verso il papà che mi ha cresciuta come se fossi sua, e senza dubbio ne era convinto, perché mamma era riuscita a coprire tutto.

Povero papà quanto hai sofferto! ...Ora una cosa è certa avrai sempre due persone che ti ricorderanno e ti ameranno, io con mio marito...Non sarai più solo!

Per  ciò che ha fatto la mamma, non la condannerò, perché tocca a Dio giudicare, ma non dimenticherò di sicuro..proverò solo compassione per lei.

Carissimo PAPA', voglio dirti ancora una volta e a gran voce TI VOGLIO TANTO BENE, rimarrai sempre nel mio cuore, nella mia Anima.

                        TUA FIGLIA ANNA MARIA!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LIBRO DELL'ECCLESIASTICO, CAP. 2; 17-24

Post n°24 pubblicato il 04 Giugno 2010 da Lyonnesse
 

UMILTA'

Sii umile. - Figlio, compi con mitezza le opere tue e sarai amato più dell'uomo munifico. Quanto più sei grande, tanto più stà umile, e troverai grazia presso il Signore, poichè sublime è la sua potenza, e agli umili svela i suoi segreti. Non ricercare ciò che per te è troppo difficile, nè pretendere di scrutare ciò che supera le tue forze. Pensa a quanto è proporzionato al tuo ingegno, e non preoccuparti di ciò che ti è inaccessibile. Non ti ostinare in cose per te troppe alte, anche se hai ricevuto insegnamenti superiori a quanto puoi capire. Molti, infatti, si smarrirono per la loro presunzione e una pretesa colpevole deviò i loro pensieri.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LA COMPASSIONE

Post n°23 pubblicato il 29 Maggio 2010 da Lyonnesse
 

 compassione

La compassione, è un passo che ci viene chiesto da Dio verso qualcuno.
Non è di facile attuazione e per molti praticamente impossibile da fare. Da essa può nascere il perdono, che in alcuni casi va di pari passo, ma non necessariamente, perché il perdono è quello Divino.
Potremmo aver compassione per il  nostro più grande delatore..cosa assai difficile, ed appunto per questo viene visto agli occhi di Dio come gesto molto nobile; perché è facile essere compassionevole verso coloro che ci sono amici, e che mostriamo compassione per una leggerezza fatta contro di noi.
E' una prova di grande coraggio d'Anima, molto più grande di una qualsiasi donazione.
Ah...ci tengo a precisare; non è il compatire colui/lei che è meno abbiente di noi, o coloro che più semplicemente non ci capiscono, che fa di noi dei compassionevoli. E' un gesto assai più forte e più vasto....per esempio essere compassionevoli con coloro che ci recano grande dolore sia esso fisico o morale, con gesti di grande delazione.

Quindi, prendendo spunto da un detto di un famoso Santo...."Se proprio devi fare qualcosa, allora prova a fare del bene, ti sarà restituito cento volte". 

Lyonnesse
L'Oracolo

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

I FIGLI

Post n°22 pubblicato il 21 Maggio 2010 da Lyonnesse
 

Sguardo magico

Una donna che reggeva un bambino al seno domandò: parlaci dei Figli,
Ed egli disse:
I vostri figli non sono i vostri figli,
Sono i figli e le figlie della fame che in se stessa ha la vita.
Essi non vengono da voi, ma attraverso di voi,
E non vi appartengono benché viviate insieme.

 

Potete amarli, ma non costringerli ai vostri pensieri,
Poi che essi hanno i loro pensieri.
Potete custodire i loro corpi, ma non le anime loro,
Poi che abitano case future, che neppure in sogno potrete visitare.
Cercherete d'imitarli, ma non potrete farli simili a voi,
Poi che la vita procede e non s'attarda su ieri.

Voi siete gli archi da cui i figli, le vostre frecce vive, sono scoccati lontano.
L'Arciere vede il bersaglio sul sentiero infinito, e con la forza vi tende, affinché le sue frecce
vadano rapide e lontane.
In gioia siate tesi nelle mani dell'Arciere;
Poi che, come ama il volo della freccia, così l'immobilità dell'arco.

          (Gibran Kahlil Gibran)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

IL LIBRO DELLA SAPIENZA 3: 1-9 - FELICITA' DEI BUONI

Post n°20 pubblicato il 13 Maggio 2010 da Lyonnesse
 

IL SAGGIO

Le anime dei giusti sono nelle mani di Dio, e nessun tormento li tocca. Agli occhi degli stolti sembrarono morire, il loro trapasso fu stimato una sciagura, e la loro partenza da noi uno sfacelo; essi, invece, sono in pace. E se davanti agli uomini subirono tormenti, la loro speranza è piena d'immortalità; dopo aver per poco sofferto, saranno largamente premiati, perchè Iddio, che li ha messi alla prova, li ha trovati degni di sé. Li ha provati come l'oro nel crogiuolo e li ha graditi come un olocausto; anzi, nel giorno della loro ricompensa risplenderanno e correran come le scintille nella paglia. Giudicheranno le nazioni e domineranno sui popoli, mentre su di loro regnerà per sempre il Signore. Quelli che hanno fiducia in lui, intenderanno la verità, e quelli che gli sono fedeli, rimarranno nel suo amore, perchè verso i suoi eletti usa grazia e misericordia.

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SOLO UN SOFFIO

Post n°19 pubblicato il 09 Maggio 2010 da Lyonnesse
 

cuore

E' solo un sussurro…

E' solo un sussurro,
Una fresca brezza,
Una carezza
Che esalta l'anima
La fa levitare
Tra le braccia
Delle emozioni.

E' solo una farfalla
Che sfiora leggiadra
Un petalo di rosa,
Un lieve pensiero
Come brezza di primavera
Che mi annuncia il tuo arrivo.

Sola non sei più
Dama sublime.
Io sono il bacio che ti consola
Il braccio che ti difende
Io sono il cantore
Delle tue delicatezze.

(scritta da Caddwych)

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

INVITO ALLA SAPIENZA - LIBRO DEI PROVERBI 1:20-33

Post n°18 pubblicato il 04 Maggio 2010 da Lyonnesse
 

ALLEGORIA DELLA SAPIENZA

La Sapienza grida per le vie
e per le piazze leva la voce,
dall'alto delle mura ella chiama,
alle porte della città, per le strade
fa sentire la sua voce:
"Fin quando, semplici, amerete l'ingenuità,
i beffardi si diletteranno dello scherno,
e gli stolti sdegneranno la Sapienza?
Date ascolto alle mie esortazioni:
ecco, io apro a voi il mio cuore,
per farvi conoscere la mia dottrina.
Poichè io chiamo e voi non rispondete,
stendo la mano e nessuno ci bada.
Giacchè trascurate i miei consigli,
nè accogliete le mie rimostranze,
anch'io riderò della vostra sventura,
mi farò beffe del vostro spavento
quando piomberà su di voi, qual bufera,
il terroree, come turbine, la rovina,
quando s'abbatterà su di voi
la tribolazione e l'angoscia.
Allora mi chiameranno,
ma io non darò loro risposta,
mi cercheranno, ma non mi troveranno.
E poichè disprezzarono l'istruzione,
non vollero saperne del timor di Dio,
non si curarono dei miei consigli,
ma sdegnarono ogni mia esortazione,
mangeranno i frutti dei loro errori,
si sazieranno dei loro vani progetti,
chè l'orgoglio uccide gli sciocchi,
e la noncuranza rovina gli stolti.
Ma chi mi ascolta, vivrà tranquillo
e sicuro, senza temer la sventura".

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

L' INVIDIA

Post n°17 pubblicato il 28 Aprile 2010 da Lyonnesse
 

innamorati

Altro argomento ampio e un po' spinoso. Questo sentimento è stata causa, per millenni, di contese di vario genere.
L' invidia in molti casi porta a degli eccessi che sfociano persino nel rancore se non nell'odio.
Essa può nascere da piccolezze per poi diventare motivo di un sentimento sempre più negativo.
Molte volte mi chiedo se ne vale la pena stare a rodersi tanto l'Anima invece di cercare valide soluzioni che sarebbero molto più metabolizzate.
Da parte mia questo sentimento non sussiste, perché se qualcuno ha o fa qualcosa che io non ho o non posso fare, non me ne dolgo. Varie esperienze mi hanno insegnato che chi confida in Dio sarà premiato. In molte occasioni ho sentito e sento su di me, e sulla mia anima gemella che mi sta a fianco da un po' di anni, sentimenti d'invidia.
Non capisco perché, visto che non abbiamo grandi averi; le uniche cose che possiamo avere per suscitare cotanto ostilità è l'amore immenso che unisce le nostre anime, e i "DONI" che Dio ci ha dato. Dunque mi viene lecito pensare che alcuni di questi personaggi vorrebbero trovarsi al mio posto per diverse situazioni.

Spero che questo argomento faccia riflettere, per evitare, in futuro nel mondo, risvolti assai deleteri a causa sua. Invidia e le sue nefaste conseguenze; argomento di cui purtroppo se ne ha notizia quasi giornalmente. 

Lyonnesse
L'Oracolo  

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

SALMO 23

Post n°16 pubblicato il 24 Aprile 2010 da Lyonnesse
 

Gesù

Il Signore è il mio pastore:
non manco di nulla;
su pascoli erbosi mi fa riposare,
ad acque tranquille mi conduce.

Mi rinfranca,
mi guida per il giusto cammino,
per amore del suo nome.

Se dovessi camminare nella valle della morte,
non temerei alcun male, perché tu sei con me.
Il tuo bastone e il tuo vincastro mi danno sicurezza.
Davanti a me tu prepari una mensa
sotto gli occhi dei miei nemici; cospargi di olio il mio capo.
Il mio calice trabocca.

Felicità e grazia,
bontà e benevolenza
mi saranno compagne
tutti i giorni della mia vita,
e abiterò nella casa del Signore
per lunghissimi anni.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

dan440smdcbordigheracicoriablunerifotocolor2marchetta.luciaALEX_25Fforestales1958IndieLadyphilips83pietromctcmissisissipejorgeteveraloryLauraBruzichespsicologiaforense
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

fata con globo

 

cigni

 

fuochi d'artificio