LA MAESTRA ONLINE

E' tanto difficile far amare la scuola? Non ho la bacchetta magica ma...Ci proverò lo stesso!

 

OCCHIO AI COLORI!

Ad ogni gruppo tematico corrisponde un colore. Dal titolo si potrà capire con facilità a quale gruppo appartiene il post che state consultando.

AZZURRO: TEMI DI ATTUALITA' - PROBLEMATICHE SCOLASTICHE
ROSSO: HELP GENITORI 
VERDE: HELP STUDENTI
ARANCIO: PROPOSTE DIDATTICHE - LAVORI - SPUNTI
NERO: CURIOSITA' - VARIE ED EVENTUALI - UMORISMO SCOLASTICO

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 7
 

 

« GLI AGGETTIVI DELL'INSEGNANTECAMPANELLO D'ALLARME »

IL GOVERNO E' CADUTO...

Post n°13 pubblicato il 26 Gennaio 2008 da Maestra_Gio
 

CHE NE SARA' DI NOI?

E’ caduto il governo: che ne sarà ora della scuola? Da diversi anni a questa parte, più o meno, sono accadute cose che hanno via via rovinato una scuola che è stata sempre meno tutelata dallo stato e sempre più in balia  dell' incertezza.  Ci siamo trovati a vivere in una società divisa, con pochi validi riferimenti esterni alla famiglia. La stessa istituzione famiglia si è trasformata in un’entità assente, che latita pur di evitare di risolvere i problemi.
Abbiamo avuto un evoluzione in negativo a livello generazionale, con ragazzi che fanno riferimento a modelli volgari o illusori e che mostrano una fragilità a livello umano sempre crescente, mascherata sottoforma di bullismo o disturbo affettivo - relazionale.
Abbiamo assistito all’avvento di tutta una serie di riforme e di adeguamenti, più o meno nefasti. Abbiamo avuto sotto gli occhi una parata di cambi, stravolgimenti, ripensamenti che non hanno fatto altro che incrementare la confusione e gettare l’intero corpo docente nello sconforto più totale. E ora cosa ci aspetta? Per amor d’informazione faremo un breve excursus nella storia della scuola italiana dal 1900 ad oggi. Ognuno poi tragga le riflessioni più opportune. Se ad esempio, tanto per utilizzare una frase fatta, andavamo meglio quando andavamo peggio..

1904 LEGGE ORLANDO: Viene prolungato l’obbligo scolastico fino al dodicesimo anno di età. Viene prevista l’istituzione di un "corso popolare" formato dalle classi quinta e sesta. (L'istruzione viene diffusa). 

1911 LEGGE DANEO – CREDARO: La scuola elementare diventa un servizio statale, così da poter disciplinare l’obbligo in modo più efficace. (L'istruzione viene tutelata).

1923 RIFORMA GENTILE: Vengono previsti cinque anni di scuola elementare uguale per tutti, con scansione 3+2,  con un grado preparatorio di tre anni (scuola materna). Viene introdotta la scuola media inferiore, con diversi percorsi (avviamento professionale di tre anni, il ginnasio con scansione 3+2 e i corsi inferiori, solitamente di quattro anni, degli istituti tecnici, istituti magistrali, istituti d'arte e conservatori). La scuola media superiore prevede corsi di tre anni per il liceo classico, di quattro per il liceo scientifico, di tre o quattro anni per i corsi superiori dell'istituto tecnico, dell'istituto magistrale e dei conservatori.  La riforma Gentile porta l'obbligo a 14 anni di età, ma di fatto questo resterà lettera morta per la stragrande maggioranza delle ragazze e dei ragazzi italiani fino al 1962-63, quando viene avviata la riforma dell'unificazione della scuola media. I programmi delle elementari ripristinano l'insegnamento della religione cattolica, salvo richiesta di esonero, e valorizzavano il canto, il disegno, le tradizioni popolari. La struttura del sistema scolastico italiano ed i programmi della scuola elementare non subiranno variazioni significative per oltre quarant'anni. (L'istruzione viene garantita e la scuola viene organizzata).

1947 COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA: Viene stabilita l'istruzione pubblica, gratuita e obbligatoria per almeno otto anni. (L'istruzione viene garantita e formalizzata con la legge).

1955 NUOVI PROGRAMMI PER LA SCUOLA ELEMENTARE: La scuola viene strutturata in due cicli, corrispondenti all’età evolutiva del bambino (1°ciclo: I e II classe / 2ª ciclo: III, IV e V). essi hanno come centro d’interesse il discente e la sua struttura psicologica. I punti cardini di questa scuola sono l’insegnamento individualizzato, il globalismo, il gioco-lavoro, il mondo concreto del discente, le sue intuizioni, fantasie, sentimenti. (L'istruzione di base si evolve in base ai tempi e migliora la propria qualità). 

1962 QUARTO GOVERNO FANFANI: Viene prevista la scuola media unificata che permetta l’accesso a tutte le scuole superiori. (Viene istituita la scuola media che rende più chiaro il percorso a livello d'istruzione).

1985 NUOVI PROGRAMMI DIDATTICI PER LA SCUOLA ELEMENTARE: La scuola elementare viene strutturata dal punto di vista didattico (nelle varie discipline) e non solo. Scompare la figura dell’insegnante unico e viene introdotto il modulo. È il numero di classi condotto dallo stesso gruppo di docenti. Esso può essere di base (3x2): tre insegnanti su due classi; composto (4x3): quattro insegnanti su tre classi; orizzontale (3x2 o 4x3), disposto su classi dello stesso livello; verticale: disposto su classi successive; a scavalco: disposto su classi distanti; interplesso: classi distaccate in plessi diversi. Oltre alla compresenza, o meglio contemporaneità, viene introdotto anche il rientro: uno, due o tre ritorni pomeridiani. La vecchia pagella e anche i giudizi scritti vengono sostituiti dalla scheda di valutazione (fogli con innumerevoli voci e sottovoci), concepita per informare dettagliatamente la famiglia dell’alunno. (La scuola elementare compie l'ennesima evouzione a livello didattico, iniziano però a generarsi i conflitti e le difficoltà relativi all'organizzazione dei moduli).

1997 RIFORMA BERLINGUER: il governo presenta la "Legge Quadro in materia di Riordino dei Cicli dell'Istruzione", con la quale viene stravolto il sistema scolastico italiano, con l’introduzione di due cicli scolastici. Si pensa ad un ciclo primario, di sei anni di durata, diviso in tre bienni (con la scomparsa della distinzione tra scuola elementare e scuola media inferiore), e ad un ciclo secondario anch’esso della durata di sei anni. Viene riformato l'esame di maturità. L'esame di Stato comprende tre prove scritte e un colloquio. La prima riguarda la Lingua Italiana, la seconda una delle materie caratterizzanti l'indirizzo di studio e la terza, multidisciplinare, è una serie di quiz a risposta multipla. Il colloquio si verte su argomenti multidisciplinari. Il punteggio di valutazione, passa dai sessantesimi ai centesimi e viene introdotto il credito formativo. I commissari saranno membri interni alla scuola. Il presidente della commissione è esterno. La riforma viene avviata con l'anno scolastico 1998-99. (La scuola viene stravolta, i programmi si rivelano piuttosto caotici, così come i metodi di valutazione. Viene chiesto ai docenti di compiere una pazzesca rivoluzione interna. Tutto finirà in una bolla di sapone: mesi e mesi di lavoro sprecati, con inutile produzione di scartoffie).  

2001 RIFORMA MORATTI: Il mondo della scuola viene nuovamente stravolto. Nella scuola materna della durata di tre anni viene permessa l'iscrizione ai bambini con 28 mesi compiuti, non ha carattere di obbligatorietà. Nella scuola elementare di cinque anni è prevista l'iscrizione di un bambino a partire dai 5 anni e mesi 4 compiuti. Fino dal primo anno viene previsto l'insegnamento di una lingua straniera e dell'uso del computer e di una valutazione biennale. Nella scuola media di tre anni, è prevista una valutazione dopo il secondo anno, mentre al termine del terzo l'esame di Stato. La durata dell'anno scolastico viene ridotta a ventisette settimane e si riducono da tre a due le ore di insegnamento della lingua inglese; viene prevista l'introduzione del cosiddetto "portfolio", un dossier che documenta le esperienze, scolastiche o meno, tramite le quali ogni studente acquisisce le varie "abilità". Nei licei di cinque anni è previsto un primo biennio e un secondo biennio al quale si aggiunge un ulteriore anno. La maturità è necessaria per accedere all'Università degli Studi. Nelle scuole professionali è prevista una durata graduata nel corso degli anni con periodi di alternanza fra scuola e lavoro. Al termine di tre anni viene consegnato un diploma di qualifica. La riforma dà inizio all'adeguamento agli altri Stati Europei (con l'alternanza scuola-lavoro appunto e prevedendo la laurea, almeno in 'Scienze della Formazione Primaria',obbligatoria per i docenti di scuola primaria). (La scuola viene messa nuovamente sottosopra. I docenti si ritrovano a dover cambiare ancora per adeguarsi ai nuovi obiettivi proposti. La scuola finisce nel caos per la sparizione del documento di valutazione ufficiale, malamente sostituito dal portfolio. Non si sa come valutare e soprattutto con cosa: altro lavoro sprecato e altra inutile burocrazia aggiunta. La scuola perde credibilità).

2006 GOVERNO PRODI: La Riforma Moratti viene accantonata e sostituita con nuove indicazioni. Il governo elimina la strutturazione in otto licei della scuola superiore proposta dalla precedente riforma. Da allora ad oggi si perdono mesi e mesi vagando nel nulla. (La scuola finisce un'altra volta nel caos. Viene distribuito l'ennesimo libretto con le nuove indicazioni degli obiettivi: un'accozzaglia di parole prodotte con ben poca cognizione di causa. Sembra più una ripicca contro il precedente governo che non un serio tentativo di migliorare l'istruzione. La scuola affonda: i nostri studenti sono il fanalino di coda a livello europeo. Il ministro Fioroni pensa che basti reintrodurre gli esami di riparazione per porre rimedio a tale sfacelo). 

2008 ????????: Che facciamo? Attendiamo nuove istruzioni? Ci aspettano  totali sconvolgimenti portati avanti da nuovi ministri “del cui cervello fanno trombetta” (tanto per non citare Dante)? Avremo un nuovo fare e disfare? Avremo il requiem definitivo della scuola? E come al solito staremo fermi a guardare?  

In principato commutando saepius nil praeter nomen domini mutant pauperes  (Molto spesso, quando cambia il governo, i poveri non cambiano nulla eccetto il nome del padrone)

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/MAESTRAGIO/trackback.php?msg=3985695

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
PROF.PIER
PROF.PIER il 26/01/08 alle 19:03 via WEB
Cara Maestra_Giò Conosco molto bene il disagio che si prova a scuola da alcuni anni per i continui cambiamenti di direzione....con il tempo ho imparato che la vera rivoluzione nel nostro lavoro è quella di continuare a fare bene la nostra parte giorno per giorno. Un caro saluto
 
 
Maestra_Gio
Maestra_Gio il 27/01/08 alle 13:04 via WEB
Hai ragione, ma quando è troppo anche i santi perdono la pazienza. Buona domenica :-)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 27/01/08 alle 08:04 via WEB
Ci fossero insegnanti con questa intelligenza e con queste doti di scrittura! Mi complimento con lei. Purtroppo nella mia esperienza di genitore ho dovuto fare i conti in più di un'occasione con professori letteralmente incapaci di parlare correttamente l'italiano e incapaci di correggere gli errori di grammatica e ortografia dei propri alunni. Secondo me anche questo è un grosso problema da affrontare e non sarei contrario se si decidesse di fare un controllo su chi opera nella scuola. E' vero: i governi hanno fatto del loro meglio in questi anni per distruggere più che per costruire, ma sarebbe utile verificare anche all'interno degli istituti. Se ne vedrebbero di tutti i colori. Mi faccia una cortesia: non getti la spugna e continui a svolgere il suo lavoro con la professionalità che traspare da queste righe. Le posso garantire che lei è un esempio piuttosto raro. La saluto cordialmente. Luciano Sandri
 
Maestra_Gio
Maestra_Gio il 27/01/08 alle 13:09 via WEB
La ringrazio molto per le belle parole rivolte nei miei confronti. Io sono un'insegnante che cerca di fare il proprio dovere e che ha studiato e studia ancora per farlo al meglio delle sue possibilità. Come me ci sono tanti colleghi, ma non le nascondo che anche io provo una certa amarezza quando mi trovo a fare i conti con persone completamente impreparate dal punto di vista della cultura di base. Tutti noi docenti siamo passibili di errore, perchè in fondo siamo esseri umani, tuttavia è pur vero che ci sono persone che sembrano essersi diplomate o laureate per corrispondenza. Comunque, se mai un giorno dovessero proporre degli accertamenti per gli insegnanti, io non mi tirerei di certo indietro. Grazie di nuovo e buona domenica
 
 
rustyprof
rustyprof il 29/01/08 alle 23:39 via WEB
Nemmeno io, anzi: sono ansiosa di sottopormi a verifiche e accertamenti di efficacia, e sarei contenta che queste ci fossero, insieme - ma non diciamolo a voce troppo alta - con dei correttivi nei confronti di coloro che dimostrano di non conoscere a sufficienza la materia, di non essere insegnanti efficaci, di non sapersi relazionare con i ragazzi, di non saper gestire una classe, e via dicendo. Certo, sono (quasi) tutte abilità che si imparano e affinano, ma non è neanche giusto tenere in classe persone clamorosamente problematiche, clamorosamente "burn out" o clamorosamente incapaci, e poi protestare che la scuola non insegna niente.... PS: Non sto parlando di entità astratte, sto parlando di persone e casi che conosco personalmente.
 
freddy00dgl
freddy00dgl il 27/01/08 alle 15:51 via WEB
Credo che a noi peones dell'educazione toccherà continuare a fregarcene di disposizioni ministeriali e cose del genere, e provare a fare ancora un lavoro decente in classe. Buona domenica!
 
 
Maestra_Gio
Maestra_Gio il 29/01/08 alle 18:31 via WEB
Ma quando è troppo, è troppo! E fregarsene non basta più!
 
   
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 30/01/08 alle 22:10 via WEB
Finchè non mi metton un carabiniere in classe a controllare continuo a fare di testa mia ;) salutoni freddy
 
     
Maestra_Gio
Maestra_Gio il 30/01/08 alle 23:29 via WEB
Ah beh...Quello anche io! Finchè so di essere nel giusto, vado avanti cascasse il mondo! Ciao!
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 27/01/08 alle 20:02 via WEB
Mi servivano giusto delle informazioni sulla storia della scuola con dei commenti. Li ho bisogno per una tesina: ti offendi se prendo qualcosa? Grazie. Saretta
 
 
Maestra_Gio
Maestra_Gio il 29/01/08 alle 18:31 via WEB
Prendi spunto, ma non copiare di sana pianta. Se ne accorgerebbero subito...Ciao!
 
pelorsim
pelorsim il 02/02/08 alle 12:17 via WEB
cara Maestra_Gio, hai perfettamente ragione, io ho due bambini di anni 7, che frequentano la 2^ elementare, fortunatamente hanno maestre che ormai insegnano da più di 20 anni, e quindi delle varie modifiche ministeriali "se ne fregano" ed io come gli altri genitori siamo contenti. Io ho lavorato nelle scuole per 10 anni fino a 10 anni fà, e purtroppo anche i sindacati hanno messo del loro per portarla in questo stato. L'unica cosa che posso dirti per consolarti è che con il lavoro che faccio adesso non devo aspettare la caduta di un governo, ma ai vari codici che uso, fanno una modifica mensile. E quindi anche noi siamo più che incasinati. Ho capito che non riesci più a sopportare tutte queste modifiche, ma continua con il tuo tipo d'insegnamento e vedrai che nessuno si lamenterà. Scusa per tutti gli errori. Ciao
 
 
Maestra_Gio
Maestra_Gio il 02/02/08 alle 13:15 via WEB
Grazie per il tuo intervento. Che dire? per forze e soprattutto per amore dei bambini non getto la spugna e tiro avanti nonostante le prese in giro che regolarmente arrivano dal Ministero. C'è solo da sperare che prima o poi si presenti qualcuno di serio ad aggiustare lo sfacelo. Ma si sa che chi vive sperando, muore... Buona giornata
 
atapo
atapo il 02/02/08 alle 18:55 via WEB
Anch'io sono molto preoccupata per le ripercussioni che questa nuova crisi politica avrà sulla scuola. Anche se ne sono uscita (e il burn-out c'entra non poco...), vedo con apprensione che si stanno riaddensando sempre di più nuvoloni tempestosi intorno alla scuola italiana. Una scuola valida per tutti guidata da un ministro "che se ne intende" dovrebbe essere una delle principali preoccupazioni per qualsiasi governo!
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 10/03/08 alle 00:09 via WEB
Vorrei consigliare la lettura del romanzo di O.D. MAESTRONI "Solstizio d'inverno" pubblicato presso IL FILO (www.ilfiloonline.it), 2008. Quando il burnout diventa tragedia familiare!
 
rlily
rlily il 15/04/08 alle 10:47 via WEB
Quando si è aperta la campagna elettorale, dopo la caduta del governo, mi sono totlta una soddisfazione: ho scritto alcune righe di richieste sulla scuola e le ho inviate via mail ai politici di cui ho trovato mailbox. Chissà che qualcuno non ascolti?! Tentar non nuoce. Vi elenco alcuni punti: - formazione riconosciuta e permanente per qualunque docente (ruolo e precari), per evitare stazionamento di persone in graduatoria solo in virtù di "antica laurea" - i corsi di formazione devono rilasciare sempre attestazione di frequenza e di superamento di verifica finale, per evitare di premiare chi è presente ma fa cruciverba, uncinetto, sudoku,... - visite mediche periodiche a carico del datore di lavoro come in tutti i mestieri usuranti - maggior serietà nel rilascio di certificato di idoneità psico-fisica all'insegnamento: occorre elenco di patologie ed eventi che definiscano meglio lo status di inidoneità - maggiori misure per la tutela della continuità didattica - stabilizzazione delle cattedre - copertura obbligatoria di pensionamento con ruolo (salvo perdita di cattedra per calo studenti) Aggiungo una cosa, a posteriori delle elezioni: rabbrividisco al solo pensiero di ri-riforma Moratti. Penso che farò qualunque sciopero, qualunque cosa possibile, per dire basta con questi continui sconvolgimenti! Io resterò coerente con me stessa e su questo nessuna riforma può far nulla. Buon lavoro a tutti!
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: Maestra_Gio
Data di creazione: 04/12/2007
 

DISCLAIMER

Questo è un Blog dedicato ai bambini, alle famiglie e ai colleghi che come me credono che si possa ancora fare una buona scuola. Come insegnante di scuola primaria utilizzerò questo spazio per pubblicare lavori, spunti, suggerimenti. Sarò ben contenta di rispondere a domande inerenti la scuola e cercherò, nel mio piccolo, di aiutare chi avesse bisogno una mano per compiti e ricerche.

Chiaro che non accetterò nella maniera più assoluta intrusioni volgari e inutili, quindi provvederò a cancellare immediatamente i commenti ritenuti offensivi o non adatti ai potenziali utenti di questo spazio.

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

fatinaebullbenedettamoccianeni1977giorgio.cavinabratta08marco_cara1978bobbybrownbellesinicamilla98mammengiuseppe65ctluigiccnomariangelaburdinocittadella.infanziasofia_carboneLOSTSPIRIT
 

ULTIMI COMMENTI

Ciao,insegno da una diecina d'anni in una scuola...
Inviato da: snemo
il 24/11/2014 alle 12:04
 
Grazie!
Inviato da: chris
il 26/01/2014 alle 10:51
 
Grazie!
Inviato da: ursula
il 26/01/2014 alle 10:51
 
Grazie!
Inviato da: Samie
il 26/01/2014 alle 10:50
 
Grazie!
Inviato da: coralie
il 26/01/2014 alle 10:50
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom