Creato da beppenovara il 16/02/2007

Mina 1958 - 2011

Il tempo non passa mai con la musica della più grande cantante italiana

AREA PERSONALE

 

LA FOTO

 

TV SORRISI E CANZONI

 
SORRISI E CANZONI N°44 DEL 2002

 

IL CD DELLA SETTIMANA

MINACELENTANO (1998)

Acqua e sale
Brivido felino
Io non volevo
Specchi riflessi
Dolce fuoco dell'amore
Che t'aggia di'
Io ho te
Dolly
Sempre sempre sempre
Messaggio d'amore 

 

TUTTA MINA IN LINK

- Introduzione al blog
- 1959
- 1960
- 1961
- 1962-1963-1964
- 1965
- 1966 prima parte
- 1966 seconda parte
- 1967
- Sito ufficiale di Mina
- Mina Fan Club
- 1967 Sabato Sera
- Delirio spagnolo
- 1968
- 1968 Canzonissima
- 1969
- 1970 prima parte
- 1970 seconda parte
- 1971 prima parte
- 1971 seconda parte
- 1972 prima parte
- 1972 seconda parte
- 1972 terza parte
- 1972 La più imitata
- 1973 prima parte
- 1973 seconda parte
- 1974 prima parte
- 1974 Milleluci - presentazione
- 1974 Milleluci 1a puntata
- 1974 Milleluci 2a puntata
- 1974 Milleluci 3a puntata
- 1974 Milleluci 4a puntata
- 1974 Milleluci 5a puntata
- 1974 Milleluci 6a puntata
- 1974 Milleluci 7a puntata
- 1974 Milleluci 8a puntata
- Lo sconquasso universale
- 1974 Milleluci conclusioni
- 1974 Filo diretto con la Carrà
- 1975 prima parte
- 1975 seconda parte
- 1975 terza parte
- 1975 Curiosità
- 1976 prima parte
- 1976 seconda parte
- 1976 terza parte
- 1976 Curiosità
- 1977 prima parte
- 1977 seconda parte
- 1977 Curiosità
- Link foto
- 1978 prima parte
- 1978 seconda parte
- 1978 terza parte
- 1978 quarta parte
- 1978 L'intervista a Radio Taranto
- 1978 Curiosità e conclusioni
- Il sito di Rita Madaro: l'intervistatrice di Mina
- 1979 Nascita di una copertina
- 1979 Attila
- 1979 I singoli
- 1980 Singolo
- 1980 Kyrie
- Scuola di recitazione Dedalo - Milano
- 1981 I singoli
- 1981 Salomè
- 1982 Singolo
- 1982 Italiana
- 1982 Curiosità 1
- 1982 Curiosità 2
- 1983 Singolo
- 1983 Mina 25
- 1983 In spagnolo
- 1984 Intervista a Bernardini del 1991
- 1984 I singoli
- 1984 Catene
- 1984 La copertina di Catene
- Lo stupro della verità
- 1984 Sogno
- 1985 Singolo
- 1985 Finalmente ho conosciuto il Conte Dracula
- 1985 Mina, Dracula e la copertina
- 1986 Singolo
- 1986 Sì buana
- 1986 L'Africa di Sì buana
- Sanremo, la musica è finita
- 1987 Proprio come sei
- 1987 Rane Supreme
- 1987 Titolo e copertina
- 1988 Oggi ti amo di più
- 1988 Ridi Pagliaccio
- 1989 Uiallalla
- 1990 Ti conosco mascherina
- 1991 Caterpillar
- 1992 Singolo
- 1992 Sorelle Lumiére
- 1992 Curiosità
- 1993 Mina racconta i Beatles per NOI
- 1993 Lochness
- 1994 Mazzini canta Battisti
 

FACEBOOK

 
 

 

« 1960Messaggio #7 »

1961

Post n°6 pubblicato il 21 Febbraio 2007 da beppenovara

Il 1961 è un anno che comincia molto duramente per Mina: cominciano ad affiorare nei suoi confronti le prime cattiverie dettate dall'invidia per un successo così repentino: i giornalisti sono pronti a saltarle addosso per tentare di buttarla giù dal piedistallo su cui loro stessi hanno contribuito a innalzarla. Il momento arriva all’inizio del 1961 con il Festival di Sanremo. Mina ci va da primadonna, tutti le sorridono, danno la sua vittoria per scontata. Si presenta con due canzoni “Io amo tu ami”, canzone romantica, e la spiritosa “Le mille bolle blu”, che canta con un vestito di chiffon bianco a pois blu e facendo uno sberleffo con le mani sulla bocca. Per il pubblico conservatore è troppo, per il giornalisti l’occasione giusta per attaccarla e opporle subito un’altra cantante, Milva: una opposizione in realtà inesistente ma che diventa il tormentone del Festival facendo sprecare tonnellate di inchiostro. Finito Sanremo, Mina è in crisi e come prima conseguenza giura (mantenendo) che non parteciperà mai più a Sanremo e ad altra gare canore. I suoi rapporti con la stampa si raffreddano: ha capito che non ci si può fidare di tutti. Da allora diminuirà gradatamente i rapporti con i giornalisti, e la stampa alternerà l’osanna al pettegolezzo più bieco. In una intervista Mina stessa raccontava: “Da quella volta, a Sanremo non sono più voluta tornare. E’ stata un’esperienza che mi ha lasciato il segno. E’ una competizione accesa e crudele. In apparenza, una sfilata di cantanti in passerella, dovrebbe essere la più innocente delle manifestazioni. Ma non lasciamoci ingannare dalle musiche e dalle parole sdolcinate. Dietro le luci del festival si svolge una gara di miliardi, un gioco condotto senza esclusione di colpi. Quando mi presentai per interpretare “Le mille bolle blu” e “Io amo tu ami”, la verità mi apparve in tutto il suo aspetto più crudele. La parola d’ordine era: distruggere Mina a tuti i costi. E quasi ci riuscirono. Uscii da Sanremo a pezzi, logorata dentro e fuori. Sentivo che non avrei avuto più il coraggio di presentarmi davanti al pubblico. Mi convinsi che la mia carriera era finita, perché quella forza che fino allora mi aveva sorretta si era improvvisamente spenta. Fu Elio Gigante, il mio manager, a ricaricarmi, a ridarmi fiducia. (…) Elio con molta umanità, ma anche con molta decisione, mi costrinse a tornare alla ribalta. Mi condusse in Giappone, e là, davanti a un pubblico in delirio, d’incanto ritrovai me stessa”. Dunque il crollo di Sanremo intacca solo momentaneamente la sua popolarità:  prima fa la tournée in Giappone e nell’ottobre dello stesso anno è protagonista del nuovo show televisivo “Studio Uno”. Assieme alle gemelle Kessler e a Don Lurio, Mina oltre a cantare, recita e balla dimostrando la sua professionalità poliedrica e le sue interpretazione dei classici napoletani e americani le tolgono definitivamente di dosso l’etichetta dell’urlatrice.

 

Apparizioni Tv di quell’anno:
XI Festival della Canzone Italiana: si classifica al quarto posto con “Io amo, tu ami” e al quinto con “Le mille bolle blu”
Carnevale dei Piccoli: (febbraio 1961) in collegamento con Viareggio propone “Le mille bolle blu”.
Tempo di musica (29 marzo 1961): Mina è ospite con Nilla Pizzi, Umbro Bindi e Ornella Vanoni. Presenta “Tintarella di luna” ed esegue una fantasia di canzoni melodiche contrapponendosi a Nilla Pizzi che si improvvisa urlatrice.
Musicomania (trasmissione della Televisione Svizzera Italiana del 9 maggio 1961): canta “Il cielo in una stanza e “Coriandoli”.
Studio Uno con Mina, Emilio Pericoli, Renata Mauro, il Trio Mattison, Marcel Amont, Don Lurio, il Quartetto Cetra e le gemelle Kessler:

1 puntata: Mina balla e propone una fantasia di successi
2 puntata: Mina balla con Don Lurio e canta “Anata to watashi” in kimono
3 puntata: Mina canta “Bum ahi.. che colpo di luna!” e “Fascinating rhythm”. Brinda alla nascita del Secondo canale
4 puntata: Mina esegue una fantasia dedicata a Gershwin e canta in versione integrale “Summertime”
5 puntata: Mina canta “Chi sarà” e una fantasia di canzoni napoletane
6 puntata: Mina canta e balla con le gemelle Kessler
7 puntata: Mina e il Trio Mattison cantano e ballano una tarantella. Poi canta “Quando ti stringi a me” (I’m in the mood for love).
8 puntata: Mina e Caterina Valente imitano le gemelle Kessler in “Dadaumpa”
9 puntata: Mina e il Quartetto Cetra propongono una parodia musicale di “Tribuna politica”(
http://www.youtube.com/watch?v=bixn03BfVgg ) . Mina lancia “Moliendo cafè” e canta “Amado mio”.
10 puntata: Mina canta “Cubetti di ghiaccio” e dedica una lettera di Natale ai telespettatori sulla musica di “Lettera a Pinocchio”. Nel final propone “Tu scendi dalle stelle” con l’intero cast.
11 puntata: Mina canta “Un tale” e “Giochi d’ombre” e ospita Franca Valeri. Augura in musica “Buon anno” ai telespettatori.
12 puntata: Mina canta “I believe” ed esegue una fantasia riepilogativa dei pezzi presentati nelle varie puntate.
 
La sigla di coda è “Sabato notte” in cui Mina canta senza apparire.
Veglione tascabile (trasmissione della Televisione Svizzera Italiana del 31 dicembre 1961) Mina canta “Buon anno”. 

Nel corso dell’anno Mina registra una serie di Caroselli perla Pasta Combattenti e una prima serie per l’industria Italiana della birra.

Alcune canzoni del 1961: Io amo tu ami, Come sinfonia, Le mille bolle blu, Che freddo, Bum, ahi... che colpo di luna!, Prendi una matita, Sciummo, Cubetti di ghiaccio, Anata to wuatashi, Moliendo cafè, Chi sarà, Summertime, Un tale.

Fonti dati: Paolo Belluso, Flavio Merkel,  Unicamente Mina”Gammalibri, 1983
              Alberto Imparato, "MINA IN TV"
             

 

 
 
Vai alla Home Page del blog

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

QUESTA CANZONE (2011)

Video realizzato da Mauro Balletti

 

MINA: COME S E IO FOSSI LI'(2010)

 Il video realizzato da Fernando: come sempre il migliore!

 

 

MINA: LA CLESSIDRA (2010)

 

STO LEGGENDO:

 

FILM E DVD. IN QUESTI GIORNI HO VISTO...


 

PROPRIETA' FOTO

Le foto contenute in questo blog sono il frutto della fatica e della proprietà intellettuale di persone che fanno di questa arte un lavoro serio e rispettabile. Mi tengo ovviamente a disposizione di queste persone per eliminare le immagini usate, qualora la pubblicazione possa arrecare loro danno o fastidio.

Grazie, in ordine alfabetico, a Anna (per lo scanner), Andrea "Raffles306", ClaudioNA, Fabio, FedericoB, Francesco (Fortunato), MarioB,  MadameX e Maxbg per le foto.
E un grazie particolare a Loris per i preziosi suggerimenti iniziali.

 

ULTIME VISITE AL BLOG

Palermo4androma.pnpampeziodariodatarantoarmandoarpajaisacco9aromantinijerry742009King.s_Pubnonsonosolomassaggimarziodgl13sudpacificoisp.spinelligiannipiciuccorossivenus
 

VISITE

free counter

 
 

ULTIMI COMMENTI

Insisto:ne fanno un segreto dell'intervista 78 a Mina...
Inviato da: melinat
il 06/07/2011 alle 17:49
 
è uscito in contemporanea mondiale il CD Elena Ravelli: 50...
Inviato da: Simone
il 06/05/2011 alle 08:40
 
Ringrazio lei, maestro Bacchetta, della sua visita in...
Inviato da: beppenovara
il 28/03/2011 alle 21:10
 
Ringrazio l'autore della recensione per i lusinghieri...
Inviato da: Victor Bach
il 21/03/2011 alle 18:22
 
....ma le parole del testo chi le ha scritte????? STUPENDE
Inviato da: angela
il 13/11/2010 alle 09:51
 
 

FONTI

Le importanti fonti che mi permettono di portare avanti questo blog sono:

Paolo Belluso, Flavio Merkel: “Unicamente Mina” Gammalibri, 1983
Alberto Imparato: "MINA IN TV"
Loris Biazzetti, Antonio Bianchi: Le fanzine del Mina Fans Club
Fernando Fratarcangeli: "Mina talk", 2005
Romi Padovano: "I mille volti di una voce", 1998
Mina Disegnata Fotografata
TV Sorrisi e Canzoni

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30