Creato da Mr.Nice.Guy il 07/07/2008

Mr Nice Guy

Trovati un bravo ragazzo!

 

« Il SUV e la compensazioneTeoria e tecnica dell'a... »

Il supplizio del raffreddore maschile

Post n°157 pubblicato il 24 Aprile 2013 da Mr.Nice.Guy
 
Foto di Mr.Nice.Guy

È opinione diffusa e ampiamente condivisa fra le varie fasce d’età del popolo femminile, che gli uomini, quando si ammalano, diventano delle lagne spaventose. Che mentre una donna è in grado di sopportare tutti i dolori della terra senza fare un lamento, un uomo per un banale raffreddore ne faccia una questione di vita o di morte. Che si senta pronto a rassegnare l’anima al Creatore, e si comporti di conseguenza.

Le sostenitrici di questa teoria, di solito tirano fuori i dolori del parto. Una donna è comunque in grado di sopportare il travaglio e un dolore straziante, arrivando addirittura a definirlo “il momento più bello della loro vita”, e tutto senza farne un affare di stato. Per cui, a detta di molte, già questo dovrebbe chiudere la discussione. Ed effettivamente, far uscire un melone attraverso un posto progettato per le banane, non dev’essere proprio una passeggiata. Quindi ogni volta che ci penso, ringrazio tanto di essere uomo. Però la questione non è chiusa affatto.

È stato infatti ampiamente dimostrato che un calcio sui gioielli di famiglia, anche soltanto per la quantità di terminazioni nervose coinvolte, è molto più doloroso del parto. Si tratta infatti di uno dei pochi dolori che possono causare la perdita di conoscenza e l’arresto cardiaco. Così, tanto per dirne una. E non è che il cuore ti si ferma perché sei un frignone.

In ogni caso, le argomentazioni a sostegno della teoria femminile sono molte, dettagliate e ben strutturate. Ma anch’io ho una mia teoria a riguardo. Per come la vedo io, tutto dipende dal fatto che le donne ne hanno sempre una, mentre gli uomini generalmente stanno sempre bene, e questo causa una distorsione delle percezioni. Ecco che allora quando il loro uomo sta male, e per la prima volta magari in anno si lamenta, alle donne sembra che si senta pronto a fare testamento. Quindi si convincono che mentre loro non si lamentano mai, nonostante tutti i dolori che le affliggono, il loro lagnosissimo moroso/compagno/consorte sta facendo una storia che non finisce più per un banale raffreddore.

Quello che magari gli sfugge, è che la realtà è un’altra.  Le donne si lamentano di continuo.

Intendiamoci, è assolutamente incontestabile che una donna debba fronteggiare tutta una serie di acciacchi che sono quasi una maledizione. A partire dal mal di testa da sindrome premestruale per arrivare ai dolori da ciclo, praticamente per 2 settimane al mese ha qualcosa che la fa stare male. Per tutti gli altri giorni, ci sono il mal di schiena, le gambe gonfie ed i dolori a spalle, polsi, caviglie e ginocchia. Praticamente non c’è un solo giorno al mese, in cui non capiti qualcosa degno di essere menzionato. Se succedesse a me, mi sparerei domani. Quindi giustamente le donne se ne lamentano.

Tristemente costretta ad un tormento quotidiano sempre diverso, con una rottura nuova ogni mattina che le accompagna dal buongiorno alla buonanotte, non passa giorno che Dio manda in terra, senza che una donna non abbia qualche dolore di cui lamentarsi. Allora la lamentela diventa come un mantra, ripetuto ogni giorno, tutti i giorni, per tutto l’anno. Di continuo.

Chiaramente le donne non se ne accorgono, perché probabilmente hanno cominciato a lamentarsi a 14 anni, e da allora non hanno più smesso. E lo sappiamo tutti che quando una cosa la fai di continuo, smetti di rendertene conto. Come respirare, o ricordarsi se hai chiuso la macchina in parcheggio.

Si lamentano talmente tanto, che nemmeno gli uomini se ne accorgono più, perché si sono abituati. Sono stati abituati prima dalla madre, dopo dalle amichette, poi dalle fidanzate e infine dalle mogli. Tutte a lamentarsi di continuo, al punto che le lamentele smettono di essere addirittura percepite. Semplicemente diventano un rumore di sottofondo.  Tipo il traffico o la televisione accesa.

In sostanza, è vero quindi che gli uomini quando hanno il raffreddore si lamentano, intanto perché non sono abituati a stare male, e poi perché il raffreddore è veramente una tortura, però non è altrettanto vero che le donne non si lamentano mai. Anzi. Si lamentano così tanto, che intere generazioni di uomini hanno perfezionato la nobile arte di ignorarle completamente. E questa, va detto, è senza dubbio un’impresa notevole.

Se ci riuscissero anche con il “non sai cosa mi è successo oggi”, sarebbe il paradiso. Se fosse possibile estendere l’arte di ignorare completamente la propria compagna anche ad altri ambiti della relazione, probabilmente si getterebbero le fondamenta di un futuro radioso per il genere umano. Un futuro dove le donne possono parlare liberamente e sentirsi ascoltate, mentre gli uomini continuano a guardare la partita indisturbati, senza rischiare la crisi di coppia. Un traguardo per l’umanità.

Tuttavia, anche se sono abbastanza fiducioso nella mia teoria, in coscienza non mi sento di incoraggiare le donne a raccontare più spesso “non sai cosa mi è successo oggi” di ritorno dal lavoro, né di spingere gli uomini a domandarlo tutte le sere. Ci potrebbe volere molto tempo, ed in quel caso si corrono gravissimi rischi. Ad esempio, la fine della relazione.

O peggio, un omicidio.

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

CHI È IL MISTER

Mr Nice Guy: espressione inglese per indicare il "classico bravo ragazzo".

Il mio punto di vista è quello di una persona assolutamente normale. Sono il classico bravo ragazzo. Se ci fosse una definizione di bravo ragazzo medio, nel dizionario, beh, ci sarebbe la mia foto di fianco. Ma nella mia esperienza, essere un bravo ragazzo non ha vantaggi di sorta. Solo sfighe.
E questo è il mio punto di partenza.

 

 

TAG

 

IL MISTER IN PILLOLE

BLOG DEL GIORNO!

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

pietro747Kaonashi2018tipografiamasi1960wolfang0giancarlo.pugliesemarioumberto.grilloalessandro.congiamarybambubucanevedgl6califfo9dglcarboneadvertisingBit82prudenza66iasmina53marcella_io
 

ULTIMI COMMENTI

Sicuro di essere etero?
Inviato da: dio
il 02/11/2022 alle 22:13
 
Non si sono impegnati di più...
Inviato da: VSPMHEB
il 29/10/2022 alle 20:30
 
Impegnatevi di più con i post non posso essere l'unico...
Inviato da: cassetta2
il 21/10/2020 alle 10:34
 
Si sei zoccola, ma non vuol dire niente, anzi sei meglio di...
Inviato da: Gio
il 11/10/2019 alle 11:30
 
Ragazzo mi manchi tantissimo!
Inviato da: solfamy
il 27/09/2017 alle 13:00
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 79
 

DICONO DI ME





Inviato da venus.veronensis il 30/10/08 @ 12:39 via WEB
Scendi tra noi umani qualche volta.

Inviato da marematite il 21/10/08 @ 10:45 via WEB
ma vaffanculo...

Inviato da  mr.controcorrente il 18/09/08 @ 13:15 via WEB
... e, aggiungo, da perfetto cattolico quale sei, dovresti sapere che uno dei 7 peccati capitali è la SUPERBIA.

Inviato da vargoli il 01/09/08 @ 16:31 via WEB
Beh, sai, forse hai trovato solo stronze egoiste perché, come si dice, "similes cum similibus congregantur".
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29      
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963