Creato da Mr.Nice.Guy il 07/07/2008

Mr Nice Guy

Trovati un bravo ragazzo!

 

« Non è una commedia romanticaCome far scappare un uom... »

Misurare la vita in chili e pagnotte

Post n°167 pubblicato il 13 Maggio 2013 da Mr.Nice.Guy
 
Foto di Mr.Nice.Guy

Ogni tanto mi capita di incontrare delle persone così piene d’amore, di ideali e buoni sentimenti, che probabilmente scoreggiano arcobaleni. Avete presente quelli che se una cosa vale veramente la pena, bisogna dare l’anima, che la felicità è saper apprezzare ogni meraviglioso attimo della vita, e che l’amore fa girare il mondo? Ecco. Tutte le volte che mi trovo a discutere con queste persone dai toni struggenti e melodrammatici, io ci faccio la figura di quello cinico e gretto, che parla di fatti e di cose, di numeri e di statistiche. Di quello che misura la vita in chili e pagnotte.

Per cercare di cancellare quest’immagine di me, potrei raccontare la solita storia che una volta ero un sognatore, e poi la vita mi ha cambiato. Potrei dire che una volta ero pieno di ideali, poi la durezza della realtà mi ha fatto diventare un’anima disillusa, così mi sono protetto con un’armatura di cinismo, in modo da difendere il mio cuore sensibile e non essere più ferito nel profondo. Però sarebbe una stronzata cosmica. Tutti siamo più o meno sensibili, e tutti ce la gestiamo in qualche modo, ma il punto è che la realtà se ne frega e rimane esattamente uguale, indipendentemente da come la vedi. Quindi tanto vale vederla per come è fatta veramente.

La realtà fa abbastanza schifo, e non è pessimismo, è la verità. La realtà è piatta, banale, ripetitiva, e piena di bollette. È per questo che mi piace così tanto la fantascienza. Intanto non si parla di bollette, e se c’è una bolletta, è quella del teletrasporto, poi le storie d’amore sono sempre più divertenti quando ci sono di mezzo le astronavi, e infine se il libro ti fa cagare, lo puoi sempre buttare fuori dal finestrino. Se la realtà ti fa cagare, puoi provare a cambiarla nel tuo piccolo, ma non è che puoi buttarla dal finestrino. Al massimo ti butti tu, ma come alternativa tenderei a scartarla.

Però il fatto che la realtà faccia abbastanza schifo, non mi impedisce di apprezzarla quando ne ho l’occasione. La apprezzo per quella che è, nel bene e nel male. Di sicuro non mi metto a negare tutte le difficoltà della vita, infondendole di un’aura romantica, nobilitata dalla bellezza delle difficoltà e dallo spirito di sacrificio. La realtà è davanti agli occhi di tutti, e soprattutto i fatti sono corroborati da una solida verità oggettiva.

A me piacciono le cose misurabili, non le disquisizioni sui sentimenti. Io sono per l’approccio oggettivo, non quello soggettivo. Quando sento gente che mi parla di un fuggevole incontro d’amore, intenso e carico di passione, un unico atto irripetibile che ha impresso un marchio a fuoco nei loro cuori, indimenticabile per il resto della vita, mi girano le balle. È stata una sveltina, no cazzate! Tra l’altro con una persona che poi non ti caga più, perché sennò era ripetibile. A me piacciono i rapporti sessuali regolari, fatti come dio comanda, e senza tante stronzate di contorno. Io ti amo, tu mi ami, quindi facciamo l’amore. Tutti i giorni, se possibile, o almeno tre volte a settimana.

Quando alcuni uomini mi fanno i discorsi sull’importanza dell’amore, o sull’incantevole complessità del genere femminile, sulla loro delicata fragilità e intima dolcezza, io vorrei strozzarmi con la tastiera. Seriamente, ma che donne hanno conosciuto? Ho visto più vipere assassine io in 36 anni, di uno studioso di rettili in tutta la sua carriera. Poi ho anche avuto la benedetta fortuna di incontrare tante donne meravigliose, amiche e compagne, ma ho visto certe serpi in grado di ingoiarsi un uomo per antipasto o di andare fuori di testa come un tossico di metamfetamine, altro che incantevole complessità e intima dolcezza.

Poi ci sono quelli che mi snocciolano la manfrina del “non mollare mai”. Quelli che ti dicono che se una cosa è importante, nella vita e nelle relazioni, ci devi provare fino all’ultimo respiro che ti resta in corpo, perché il vero scopo della vita è seguire i propri ideali e dare l’anima per un traguardo meritevole. Quelli che non bisogna mai darsi per vinti, mai rinunciare, se ci tieni per davvero, perché alla fine ce la farai sicuramente. Seriamente, è come se li sentissi dire che “il mondo è bello e gli uccellini cantano”, non ho nemmeno parole per rispondere.

Infine, ci sono quelli che mi tirano fuori la storia del “cogliere l’attimo fuggente”. Quelli che bisogna sempre cercare la felicità, perché la vita è breve e va vissuta senza sprecare un momento, alla ricerca di quel piccolo e fulgido granello di gioia sublime che dà senso all’esistenza. Perchè tutti ci meritiamo la felicità. Che posso dire. La felicità è una truffa, gli unici felici sono quelli che stanno al manicomio o i fabbricanti di antidepressivi. Chi parte per la ricerca della felicità, in fondo alla strada trova soltanto il Prozac e il trattamento sanitario obbligatorio. L’unica cosa per cui vale veramente la pena di sbattersi, è la serenità. Quella è un miraggio, ma se uno ci si impegna per davvero, magari alla fine ci arriva. E allora se la merita.

Insomma, il mio non è cinismo, è realismo. Non si tratta di misurare la vita in chili e pagnotte, si tratta di avere i piedi per terra e guardare il mondo senza i paraocchi. Con lo struggimento interiore e con l’attimo fuggente non ci paghi le bollette, gli ideali li danno in saldo, l’amore spesso è una fregatura e la felicità è una truffa. Però comunque se ti impegni di tanto in tanto vinci pure, la serenità è lontana ma non è irraggiungibile, e se hai culo, magari fai pure la strada con una persona accanto. Questo non vuol dire essere gretti o disillusi, vuol dire essere oggettivi.

Un tanto al chilo, ma oggettivi.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

CHI È IL MISTER

Mr Nice Guy: espressione inglese per indicare il "classico bravo ragazzo".

Il mio punto di vista è quello di una persona assolutamente normale. Sono il classico bravo ragazzo. Se ci fosse una definizione di bravo ragazzo medio, nel dizionario, beh, ci sarebbe la mia foto di fianco. Ma nella mia esperienza, essere un bravo ragazzo non ha vantaggi di sorta. Solo sfighe.
E questo è il mio punto di partenza.

 

 

TAG

 

IL MISTER IN PILLOLE

BLOG DEL GIORNO!

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

marta.zaninantonwarerombodituonorossoivasabalchiarodiluna.bross.garaorientipalma978PParsifalQuartoProvvisorioextrememotormaka10dolce.melodia1danubioblu78topomigio
 

ULTIMI COMMENTI

Impegnatevi di più con i post non posso essere l'unico...
Inviato da: cassetta2
il 21/10/2020 alle 10:34
 
Si sei zoccola, ma non vuol dire niente, anzi sei meglio di...
Inviato da: Gio
il 11/10/2019 alle 11:30
 
Ragazzo mi manchi tantissimo!
Inviato da: solfamy
il 27/09/2017 alle 13:00
 
Sono stata con più di 100 ragazzi ( soprattutto sesso orale...
Inviato da: Ilaria
il 25/06/2017 alle 12:48
 
è proprio interessante sentirsi infinitamente...
Inviato da: zep
il 13/04/2017 alle 19:09
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 79
 

DICONO DI ME





Inviato da venus.veronensis il 30/10/08 @ 12:39 via WEB
Scendi tra noi umani qualche volta.

Inviato da marematite il 21/10/08 @ 10:45 via WEB
ma vaffanculo...

Inviato da  mr.controcorrente il 18/09/08 @ 13:15 via WEB
... e, aggiungo, da perfetto cattolico quale sei, dovresti sapere che uno dei 7 peccati capitali è la SUPERBIA.

Inviato da vargoli il 01/09/08 @ 16:31 via WEB
Beh, sai, forse hai trovato solo stronze egoiste perché, come si dice, "similes cum similibus congregantur".
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30