GRANDE CERVELLO

Mi sfogo scrivendo, quindi non aspettatevi niente da questo blog, se non di trovarci i miei pensieri (che spesso non hanno nè capo nè coda), stati d'animo e tutto quello che mi capita nell'arco della giornata! Sono molto impulsiva e tendo a tenermi per me le cose romantiche e belle, e a scrivere quelle che, invece, mi fanno piangere e arrabbiare. Quindi, sì, qui mi troverete più incazzata che felice...

Creato da nica2106 il 17/03/2008
         

 

VIAGGIO DI NOZZE

 

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Aprile 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 10
 

Ultime visite al Blog

CABIT1986catia.debiasierminiaschimmenticerco_piedi_romaWIDE_REDcorbani.decomaniagana2009gerberella88yk76Al_MauzcharmcharmSalvoArtinoce.dr.onadia_73unamamma1
 

Chi pu scrivere sul blog

Solo l'autore pu pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

CONTROLLO

Post n°260 pubblicato il 06 Ottobre 2010 da nica2106

Domani mattina ho la visita dalla ginecologa: speriamo che vada tutto bene! Spero anche che abbia lì l'ecografo come l'altra volta, così magari potrò avere una visione extra della mia piccola, altrimenti aspetterò l'ecografia "ufficiale" di venerdì 15.
Son troppo curiosa di sapere se si è girata o se è ancora podalica: sento i suoi colpi sia in alto che in basso quindi non riesco a capire...e poi, diciamola tutta, sono curiosa di sentire se mi confermano per la terza volta che ha la patatina e non il pistolino! Ma conoscendomi credo che in ogni caso mi convincerò al 100% solo dopo aver partorito! Certo adesso ci resterei un pò di cacca se mi dicessero che è un maschio e non solo per il fiocco rosa e le tutine (che finchè sono in casa sfrutterei ugualmente, con quello che sono costate!): mi sono troppo abituata a pensare e parlare al femminile...e non oso pensare al papy, che non ha mai nascosto di volere una bimba! Insomma l'importante è che vada tutto bene, ma incrociamo le dita per tutto!

 
 
 

SUPERSTIZIONI

Post n°259 pubblicato il 05 Ottobre 2010 da nica2106

Personalmente ho delle superstizioni abbastanza comuni: il gatto nero che attraversa la strada, il carro dei morti, il sale rovesciato, passare sotto al ponteggio quando stanno facendo dei lavori su un marciapiede, alcuni numeri o date che cancellerei dalla faccia della terra e altri che invece mi sono più simpatici...c'è da dire che comunque non sono esageratissima (lo divento solo di fronte ad un numero) e di certo non mi sono messa a piangere quando a giugno, partiti per il mare da circa 15 secondi, un gatto nero ci ha tagliato la strada. 
Mi ricordo che la mia ex capa dava fuori di matto se riceveva un fax che aveva i fogli al contrario, infatti quando mi capitava di portargli qualche documento controllavo 1000 volte che tutte le pagine fossero girate nel verso giusto. Oppure inorridiva se vedeva il simbolo "+" e, anche nei preventivi, scriveva sempre "più" in lettere.
Insomma ognuno ha le sue.
Sabato arriviamo a casa dei suoceri per la cena (e con la cena) e come sempre siamo i primi. Aiuto il suocero ad apparecchiare la tavola della sala e poi mi siedo in cucina di fronte a mia suocera, che sferruzza la lana con una pazienza che non so da dove le esca, poi vado a fare plin plin. Quando rientro in cucina mia suocera alza gli occhi dal maglioncino che sta facendo e si mette a urlare: "Toglilaaaa! Anna ma sei pazza, toglila subitoooo!!!!".
Ho fatto un salto per lo spavento e subito mi sono guardata e tastata ovunque in cerca di una cimice o qualche altro insetto da eliminare e nel frattempo il maritino corre a vedere cosa succede. Quando vedo che non ho niente addosso le chiedo:
"Scusi ma cos'è che dovrei togliere?"
"La catenina che hai al collo (un semplice cordino nero con un ciondolo a forma di cuore di Swarovsky regalatomi dal maritino)! Toglila subito!"
"Ma perchè?"
"Perchè porta male che una donna in gravidanza abbia qualcosa al collo, dicono che è paragonato al bambino che si strozza col cordone!"
"Eh mi ci mancava pure questa, grazie! Ma scusi l'ho sempre avuta, me l'ha regalata il maritino per il mio compleanno, gliel'ho pure fatta vedere! E comunque prima di questa ne avevo un'altra, ho sempre avuto qualcosa al collo!"
"...Si vede che al momento non ci ho fatto caso, adesso che me ne sono accorta però la togli!"
E togliamola. Che già ho il terrore di mio, non sia mai che debba anche colpevolizzarmi, o essere colpevolizzata, per aver tenuto la catenina.
Questa però non l'avevo mai sentita!

 
 
 

POST SFOGO/DELIRIO

Post n°258 pubblicato il 02 Ottobre 2010 da nica2106

Si vede che NON sto con Infostrada: "Fiorello a 50 anni non ha una ruga e le sue difese naturali giocano sempre in attacco"; io a 27 anni inizio a dubitare seriamente anche della sola esistenza delle mie difese naturali. Non è possibile che appena c'è uno sbalzo di temperatura o mi trovo accanto a qualcuno colpito da S.A.R.S. fulminante poi la prenda anch'io. Gli sbalzi di temperatura qui sono iniziati a fine agosto, e con sbalzi intendo che un giorno ci vogliono le maniche corte e il giorno dopo il maglione di lana, infatti subito ai primi di settembre mi sono sparata una settimana di tosse no stop. Poi sono guarita, o così credevo. Infatti settimana scorsa ho ricominciato a svegliarmi con la gola tutta infiammata e dolorante, ma pensavo di scamparla. Lunedì il colpo di grazia: avevo in braccio la mia toro-nipote e ad un certo punto mi arriva un suo starnuto in pieno viso. L'istinto è stato quello di lanciarla perchè già sono ossessionata dai microbi di mio, figuriamoci adesso che sono incinta e non posso prendere farmaci. Ma del resto, basterà mica uno starnuto per distruggere l'effetto dell'actimel che prendo ogni mattina e delle vitamine che assumo tramite succhi di frutta, frutta e verdure che trangugio a forza? Certo che basta. Infatti da 3 giorni sono completamente intasata, con una tosse che appena faccio l'atto di stendermi mi abbraccia "teneramente" la gola e non mi fa chiudere occhio. A niente servono le caramelle di menta, il latte e miele, la pappetta fatta di miele e limone e i fumenti con acqua, sale, camomilla e bicarbonato e chi più ne ha più ne metta. Aggiungiamoci anche il male alle costole che mi sta perseguitando da luglio e che non so se c'entra qualcosa con la posizione della bimba o no...una meraviglia! Poi se non dormo inizio a pensare e la mente va in un'unica direzione: mi lamento del raffreddore e di 'sto doloraccio alle costole...come farò a partorire? Allora vado completamente in panico e inizio a camminare su e giù per la sala rosicchiandomi la pelle delle dita mentre la ragione mi abbandona. "E se prendessi in seria considerazione l'epidurale? Sì ma anche quella è garantita solo da lunedì a venerdì dalle 08.00 alle 20.00...intelligente come cosa! Perchè si sa che di notte o durante il week end i bambini si rifiutano di nascere, vero?" Poi se esprimo le mie paure al maritino mi sento dire: "ma non ti preoccupare, ci sarò io vicino a te" (grazie al ca... tanto sono io che mi ammazzo di dolore, mica tu! E poi calcolando che svieni a fare un prelievo di sangue ho seri dubbi che sarai al mio fianco) e se mi sfogo con mia mamma o mia suocera le risposte che mi arrivano sono sempre quelle: "Uff, pensa che tutti siamo nati così/Vedrai che DOPO quando ce l'avrai in braccio ti dimentichi tutto/POI quando la sentirai piangere sarai talmente felice che non penserai più a niente" Sì sì DOPO, POI...ma DURANTE?? Insomma ho il TERRORE e, se da una parte sono curiosa di vedere Ilaria, dall'altra vorrei che queste settimane non passassero mai e poi mai e poi mai. Poi magari sono qui a tirarmi le storie sul dolore del travaglio/parto e alla fine mi faranno un cesareo perchè è rimasta podalica.
Altro fattore che scatena le mie lamentele odierne è il maritino. Per lui l'undicesimo comandamento è: vietato stare male. Non dico di essere moribonda, ma decisamente non mi sento bene e il mio unico desiderio è quello di starmene avvolta nella coperta di pile con un brodino caldo caldo per cena. Invece sia stasera che domani... cena dai suoceri per festeggiare in anticipo l'onomastico di suo papà! Ma che bella cosa. Oggi perchè ci sono suo fratello con moglie imbecille e bambina, domani perchè ci saranno gli altri 2 cognati che non possono esserci stasera. E provate a indovinare chi deve cucinare? Bravi. Io tante volte mi rifiuto di capire: se invito qualcuno per cena è ovvio, matematico, scontato che cuciniamo io e il maritino; se siamo invitati...è uguale perchè salta fuori la scusa che il maritino ha fatto il cuoco per tanto tempo, è più bravo, si diverte ecc. Insomma cucinerà anche lui ma alla fine pure io mi ritrovo a collaborare e, soprattutto, a pulire il cimitero che lascia in cucina e oggi proprio non ne ho la minima voglia. Gliel'ho anche detto senza troppi, inutili giri di parole che vorrei stare a casa, la risposta è stata: "Lo sai che non si può" "No, non lo so che non si può, il discorso è che non vuoi perchè non te ne frega un tubo se sto male, questo è!" E lui si è incazzato e se n'è andato per funghi, non senza avermi detto che sono incapace di reagire (Ma và? Avrei così tanta paura del parto se ne fossi capace?) Meglio così, almeno per un altro pò mi godo il silenzio, il divano e la copertina di pile. Però che palle! Il discorso è che io sono senza anticorpi, mentre lui ce li ha d'acciaio INOX: da 3 anni e 7 mesi che abitiamo sotto lo stesso tetto non mai perso una, e dico UNA, notte per raffreddore/tosse/vomito/squaraus/mal di schiena o dolori vari. E con questo non gliela sto tirando, anzi, spero tanto che Ilaria prenda le difese naturali montanare del papy: io, alla faccia di chi dice che in montagna c'è l'aria buona, credo di esserci allergica a quest'aria, che ho preso più schifezze da che sono qui che in 27 anni di vita complessivi! Dico solo che è facile dire a una persona di reagire se sei uno che non sa cosa vuol dire stare male e che vorrei un minimo in più di comprensione!

 
 
 

RIFLETTEVO...

Post n°257 pubblicato il 27 Settembre 2010 da nica2106

Io non sono una casalinga, sono una disoccupata. E quindi riconosco che in tante cose mi trovo a ragionare da disoccupata e non da casalinga. E' diverso. Perchè la casalinga è quella che per scelta (sua o del marito, dipende dai casi!) passa la vita tra lavori domestici, educazione degli eventuali figli e commissioni varie e alla sera se ne va a letto distrutta ma soddisfatta. Io non sono e, credo, mai sarò così. Io ho perso il lavoro e due settimane dopo ho scoperto di essere incinta, ma non per questo mi vedo a casa per il resto della vita. Primo perchè una volta che la bimba è grande e va all'asilo/scuola mi romperei le palle come in effetti me le sto rompendo da marzo a oggi, secondo perchè star dietro alla casa in tutto e per tutto non mi dà la minima soddisfazione, terzo per un discorso di soldi. E non solo perchè il maritino fa il muratore ma proprio per una questione di orgoglio: per come sono fatta non mi sento a posto con me stessa se so che non riesco a contribuire economicamente al mantenimento di nostra figlia. Fosse anche un part part part time, ma spero di rimettermi in pista.
Mia cognata invece (quella della bambina) è casalinga: non ha mai lavorato, non ne ha mai sentito la necessità e ieri ha espresso il suo desiderio: "Io VOGLIO almeno 4 figli a tutti i costi. Dovessi anche ricorrere all'inseminazione artificiale ma io DEVO averne tanti perchè VOGLIO che la mia famiglia sia bella numerosa. Beh dai, una ce l'ho già, uno arriva ad aprile, poi subito subito VOGLIO mettere in cantiere il terzo..."
 C'è da dire che vivono in un appartamento di 50 mq con una cameretta che è troppo piccola per farci stare UN lettino, comunque mi tolgo il cappello, le faccio l'inchino e le bacio pure i piedi se riescono a starci in 6 in quel contesto. Noi abitiamo in 70 mq e, sarà che sia io con i miei che il maritino con i suoi vivevamo in una villetta su 2 piani, già ci sentiamo stretti. Ma a parte questo c'è qualcosa che non mi torna. Perchè non puoi farmi un discorso simile e poi ogni volta lamentarti del fatto che non ci stai dentro con i soldi o che non riesci a pagare il bollo della macchina perchè con uno stipendio devi gestire: mutuo, bambina, 2 gatti, 1 cane, 1 cavalla con tutte le spese che comporta (affitto maneggio, cibo, veterinario). E mio cognato non fa il politico ma carica e scarica camion col muletto e prende come o poco più del maritino quando gli concedono qualche ora di straordinario.
Comunque ammetto di aver strabuzzato gli occhi a quell'affermazione e le ho detto: "Ammazza! Ma come fai? Cioè io dopo questa non penso di farne un altro, o comunque non subito, perchè sinceramente non so se con uno stipendio solo sarebbe così facile mantenerne due...insomma non restano piccoli per sempre, crescono, i vestiti, ci saranno le spese scolastiche e..."
Apriti cielo.
"Ma cosa dici!! Ma non lo sai che dove mangia un figlio mangiano anche altri 3? E poi cosa credi, che non ci ho pensato? R. (suo marito) già adesso dopo il lavoro va a spaccare legna e dare una mano nel bosco di un signore, poi ha fatto domanda per fare il buttafuori da mezzanotte alle 4.00 nelle discoteche X e Y, se no è CHIARO che non ci stiamo dentro!"
Alla mia faccia sempre più sconvolta ha sparato l'ultima cartuccia: "E' suo dovere, no? Lavorare per mantenere i figli, così come è mio dovere curarli ed educarli!"
Sarà.
Contenti loro. Basta che non vengano a chiedere soldi a noi poi ne possono fare anche 10.
Sarà che io della vita non c'ho capito un tubo.
Però mi chiedo: è giusto? E' giusto che per un mio desiderio di plurimaternità mio marito dorma 4 ore per notte e passi le altre 20 saltellando da un lavoro all'altro? E' giusto che i miei figli non vedano praticamente mai il papy? Non sarebbe meglio dare il poco che ho ai figli che ho (e non che DEVO avere per forza) ed educarli CON il maritino al mio fianco? E comunque no: sarò anche ignorante ma non lo so che dove mangia uno mangiano anche altri 3, anzi, già ho paura di non essere in grado di soddisfare quell'uno...

Usciamo dalla casa dei suoceri e, dopo un attimo di silenzio, il maritino:
"Amore..."
"Mmm"
"Ti amo"
"Anch'io ti amo"
...
"Grazie"
"E di cosa?"
"Di non ragionare così. E di essere come sei. Te l'ho già detto che ti amo?"

 
 
 

STRALCIO DI CONVERSAZIONE MAMMIFERA

Post n°256 pubblicato il 24 Settembre 2010 da nica2106

...
"Allora domani vieni...?"
"Mmm"
"Poi basta, non ti faccio più venire perchè preferisco che gli ultimi mesi stai lì in zona, non si sa mai..."
"Beh ho il controllo tra 2 settimane comunque grazie per la gufata (se avessi le palle me le toccherei!)"
"Macchè gufata, comunque verremo noi, magari all'ultima domenica di ottobre"
"Aha. (così presto?) Dai vado, ci vediamo domani"

INSPIRA...ESPIRA.
INSPIRA...ESPIRA.
INSPIRA...ESPIRA.
INSPIRA...ESPIRA.

OOOOHMMMMMMMMM
OOOOOOOHHHHMMMMMMMMMMMMMM
OOOOOOOOOOHHHHHMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMMM

Perchè da che ho riattaccato ho la testa bombardata da quella canzoncina: "PINOCCHIO MA DOVE VAI, PINOCCHIO MA COSA FAI, PINOCCHIO...." ???

 
 
 

CORRUZIONE FALLITA!

Post n°255 pubblicato il 23 Settembre 2010 da nica2106

Pensavo che questo week end non ci sarebbero state le partite: un pò perchè si parlava di sciopero dei calciatori, un pò perchè ieri c'è stato il turno infrasettimanale e quindi pensavo che il tutto slittasse ai primi sabato e domenica di ottobre. Invece ieri sera durante l'anteprima di Lazio-Milan (si capisce che abbiamo una sola tv?) ho appreso che il 25 e 26 settembre ci saranno normalmente le partite e in particolare che sabato alle 18:00 giocherà il Milan e alle 20:45 l'Inter contro la Roma.......

Io: "Ah il Milan gioca sabato...vuoi stare a casa amore?"
Maritino: "Perchè dove dobbiamo...no."
I: "Sei sicuro sicuro?"
M: "Sicurissimo, perchè?"
I: "No così...sai pensavo...dato che neanche a farlo apposta sabato ci sono le due partite che per te sono più belle magari...una bella cenetta a casina nostra e poi divano...coccole..."
M: "No. Lo sai che per me TUTTE le partite sono belle, mica solo 'ste due. E non provarci neanche: sabato andiamo dai tuoi. E se ti va vi chiarite, se no fai come vuoi ma ci andiamo."
I: "Chiarire cosa, non c'è un cavolo da chiarire. A parte il fatto che se da 2 mesi a questa parte, ININTERROTTAMENTE, dico che vorrei vederli qui più spesso non capisco in che modo potrei essere più chiara. O accetto la loro assenza strafarcita di scuse o non l'accetto. E sai che non l'accetto. E sai anche che se ci vado contro voglia non può andare bene. E che dopo 2 mesi che li sto supplicando e loro fanno orecchie da mercante non ce la faccio a far finta di niente. E che non sono capace di tacere e se parlo faccio male."
M: "Lo so amore."
I: "E poi mi era sembrato di capire che su questa cosa la pensavi come me, specie in vista del fatto che tra un pò avranno una nipote"
M: "Infatti sono d'accordo"
I:  ... ... ... ... Allora, stiamo a casa?"
M: "No"
I:

FACCIO CAGARE ANCHE COME CORRUTTRICE!

 
 
 

MOMENTI MAGICI

Post n°254 pubblicato il 22 Settembre 2010 da nica2106

- Svegliarsi al sabato mattina alle 06.00 e sapere che oggi non devi andare a lavorare

- Passare una serata in compagnia dei suoceri ma a casa nostra

- Correre di domenica pomeriggio al centro commerciale per prendere le pastiglie per la lavastoviglie di tua mamma (andare al supermercato del paese che la domenica è aperto no?) e poi...vederti entrare nel negozio per bambini. Spiarti di nascosto mentre accarezzi le tutine e alla fine, dopo averle studiate tutte, vederti scegliere con un sorriso quella con "La carica dei 101", rigorosamente rosa, non ha veramente prezzo. Ovviamente le pastiglie per la lavastoviglie di tua mamma sono rimaste al loro posto sullo scaffale...

- Farti sedere sul divano vicino vicino a me pensando che vuoi farmi o ricevere un pò di coccole...invece tu ti diverti ad osservare i movimenti della mia pancia! Poi le dai un bacino e inizi a parlare con Ilaria dicendole, tra le tante cose, che quando sarà più grandicella la porterai a vedere il Milan ()

- Vederti tornare a sorpresa per pranzo, anche se solo per 20 minuti

- Sentire la tua mano che si appoggia sulla mia pancia quando ti infili a letto

- Intrecciare la mia mano nella tua e appoggiarle entrambe sulla pancia mentre la nostra piccola mi riempie di "botte"

- Addormentarsi insieme così, con il sorriso sulle labbra.

 
 
 

SAGGE DECISIONI

Post n°253 pubblicato il 20 Settembre 2010 da nica2106

Non so se oggi ho il nervoso più del solito o cosa, comunque mentre pranzavo ho sentito una notizia al TG che m'ha fatto saltare dalla sedia e mandare a cagare pure la giornalista. E ditemi pure che sono egoista e ingiusta ma io certe cose proprio non le approvo e soprattutto eviterei di pubblicizzarle:

1) Omar, quel dolce ragazzino di Novi Ligure che non so quanti anni fa ha aiutato la sua dolce fidanzatina ad uccidere mamma e fratello di lei, qualche mese fa è uscito dal carcere (o ha qualche permesso speciale, mò non mi ricordo) e gli hanno trovato lavoro come giardiniere ;

2) Renato Vallanzasca esce dal carcere per andare a lavorare in una fabbrica che fa borse ;

3) Da Studio Aperto delle 12:30: "Amanda Knox, in carcere per il delitto di Perugia, presto farà il suo debutto sul palcoscenico: la bella americana ha infatti una magnifica voce da soprano e il suo maestro di canto, che la segue da che è stata arrestata, promette che avrà un enorme successo. Dunque presto sentiremo di nuovo parlare di lei e sarà nuovamente sotto i riflettori, ma per motivi non legati al delitto"

Ho capito che non ho capito niente: un sacco di chilometri macinati a piedi e in macchina per distribuire non so quanti curriculum e per farmi conoscere...tsè, povera illusa!!
Perchè sprecare tanto tempo quando basta accoppare qualcuno?

 
 
 

ALTRO GIRO ALTRA CORSA

Post n°252 pubblicato il 17 Settembre 2010 da nica2106

Altra mezza discussione telefonica con mia mamma.
Evidentemente c'è un problema di fondo, dato che ormai la cosa si ripete quotidianamente e so anche di cosa si tratta: io più o meno gentilmente cerco di farle capire delle cose e lei fa il classico sordo che non vuol sentire.
Mi sono stufata.
E se mettessi fine anche alle telefonate? Tanto di sentirmi chiedere cos'ho mangiato, com'è il tempo e se ho novità ne ho piene le scatole. Cos'ho mangiato? Vieni a pranzo da me e lo scopri. Com'è il tempo? Idem come sopra. Ho novità? No, a parte il fatto che oggi oltre al pane ho comprato anche i biscotti ai cereali.
Io ci mando il maritino a ritirare il tagliandino dell'assicurazione.

AGGIORNAMENTO DEL 20/09 ORE 16:30
Va sempre peggio.
Perchè, tra le tante cose, non vogliono capire che non mi sento a mio agio a uscire di casa per sentirmi dire da chi incontro che non ho pancia? Se iniziassi a dire che sono di 5 mesi e non di 7 metterei a tacere un pò di gente?
Perchè non vogliono capire che il giorno semi-giusto per venire a trovarmi è il sabato, quando la maggior parte dei turisti si ferma qui e quindi troverebbero meno casino a tornare indietro e non i soliti ingorghi della domenica?
Ho capito che la mamma lavora e il sabato è dedicato alla spesa, a cambiare i fiori al cimitero e pulire le lapidi ecc., ma calcolando che mio papà è in pensione e mio fratello ha finito la scuola e fanno a gara a chi cazzeggia di più, non lo potrebbero fare loro in settimana?
Perchè mia suocera non perde mai l'occasione di chiedermi quando vengono a trovarmi i miei o, ancora meglio, se non ci tengono proprio a venire a trovarmi? Sabato le ho risposto che sì che verranno, certo, quando partorisco...FORSE.
Perchè anche da incinta sono fatta talmente male da avere il culo un pò troppo grande per una taglia L e decisamente troppo piccolo per una XL?
Perchè la mia ultima tuta sta decidendo di abbandonarmi?

 
 
 

SLURP!

Post n°251 pubblicato il 17 Settembre 2010 da nica2106

L'ho appreso con la prima gravidanza di mia cognata e probabilmente, se non fossi praticamente costretta ad averla di fronte a tavola ogni santa domenica sera, l'avrei ignorato fino alla mia gravidanza: le donne incinte non possono mangiare carne cruda o cotta male. E chissenefrega! A me la carne cruda non piace nella maniera più assoluta, non mangio mai manco quella rossa cotta perchè mi sembra sempre di sentire odore e un retrogusto di sangue...peccato che nel gruppo della carne cruda siano inclusi anche il prosciutto crudo, il salame crudo e la bresaola. Nooooo!!!! Alla bresaola posso dire addio facilmente, al prosciutto un pò meno, al salame NO!! Però sono stata bravissima: da subito l'ho catalogato come "intoccabile" e il mio cervello l'ha praticamente archiviato senza farne la minima tragedia. Diverso sarebbe stato se mi avessero tolto i dolci, lì avrei sul serio ucciso qualcuno...ma fortuna vuole che dagli ultimi esami è saltato fuori che ho la glicemia bassissima e, soprattutto, finora non mi hanno cazziato per l'aumento di peso (siamo a + 5 kg) quindi quelli me li concedo senza sentirmi troppo in colpa.
Il "problemino" è sorto un mesetto fa quando, in occasione della famosa Sagra, il maritino ha comprato due bei salami e li ha appesi in cantina per "farli stagionare fino a Natale, così potrai mangiarli anche tu e saranno belli secchi come piacciono a te." C'è di buono che io in cantina non ci vado spesso, ma quando lo faccio e apro la porticina...loro sono lì che penzolano e mi guardano. E vogliamo parlare del profumo??
Poi domenica il fattaccio: il maritino, che fino a quel momento aveva abolito il salame dalla sua vita per solidarietà, viene colpito da una voglia improvvisa e mi chiede se può aprirne uno. "Ma certo amore, non devi neanche chiedermelo! Se io non posso mangiare una cosa non vuol dire che anche tu debba rinunciarci". Azz...!! Appena ininzia ad affettarlo io mi allontano (occhio non vede...) e lo prego di coprirlo bene bene perchè se apro il frigo e, oltre ad averlo davanti, devo sentire anche il profumo è la fine. E lui, da bravo maritino amoroso, lo fa.
Oggi mi torna a pranzo a sorpresa e lo tira fuori per farsi un panino: credo di essere andata in trance !
Ero letteralmente ipnotizzata dal coltello che piano piano scendeva ad affettarlo, dalle mani del maritino che lo infilavano nel pane e poi portavano il tutto alla bocca...e io lì di fronte a lui con un tristissimo arrosto di tacchino e fagiolini al burro nel piatto . Credo di aver avuto anche la bava alla bocca. Poi la crudeltà: "Amore ne vuoi una fetta?" e me lo allunga sotto al naso! E poi "Ops! Scusa, non mi ricordavo più che non puoi!"
La cosa peggiore è che sembrava davvero dispiaciuto, così ho dovuto reprimere l'istinto di strozzarlo con tantissimo amore e ho bofonchiato un "Fancl" a denti stretti.
Adesso chi me la toglie la voglia di aprire il frigo e farmi un paninazzo? O di andare a prendere la Golfetta che ogni mattina al supermercato mi guarda quando passo davanti al banco del salumiere? O di uno sfilatino croccante bello pieno di salame piccante??
Mannaggia a me, mai una volta che mi venga voglia di minestrone, carne o frutta!