Un blog creato da pocorumorepertutto il 23/06/2009

NIENTE DI PERSONALE

Oddio... proprio niente forse no

 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 

TAG

 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 

I MIEI BLOG AMICI

- GRANDE CERVELLO - nica2106
- Il nulla... - giammy35
- Ophelias Madness - Shy8
- Pensieri e parole - intensobleu
- I HATE CENERENTOLA - SlowSwan
- VITA DI DONNA - uvasuccosa
- MI ASCOLTI? - scricciolin
- 40 anni spesi male!! - bionda66
- XYZ - MaChisseeeee
- IoStoConGliHippo!! - Impazzescion
- lieve - pollon131.e
- A_lex - el_desaparecido
- La Sdraio - Taniello
- quando non ci sarò... - kainz
- Semper Adamas - auburnautumn
- LA FATA IGNORANTE - EasyTouch
- MammaMatta - terrygianniemati
- SENSI & CONTROSENSI - nowstrong
- arcobleno blu - kora69
- DELIRIO MENTALE - onlyvirtuale
- Vita da.... - Cucu05
- Un po di me - stefs123
- Bloggando bloggando - libellulafragile
- Al maschile - personale_maschile
- La Tana... - LupoSolitairo
- viaggiando... meno - poison.dee
- Excerpta - excerptum
- Cielostupito - confetto1
- TRA ME E ME - barracudaebambolina
- TU COME TI VUOI - carrie82
- PENSIERI... - kiss.fn
- quagliareturns - quagliaribelle
- Le-Ali Al Cuore - merendina1976
- GIORNI DISPARI - rmayfair
- i-ronica
- A Change of Seasons - sunrise.1
- parolando in libertà - sonograssamapiaccio
- IO SCRIVO - teorema.ve
- il cartolibrateo - piandeloa
- Do it better - quelchenonmimanca
- Sesso nella coppia - cosaportodabere
- Una goccia nel mare - lujeky
- Le cose nascoste.- arvalius
- Choke - Artchoker
- Vita da 1 matrimonio - Sposadigiugno
- withlover - Chanel
- ..La Pink.. - Lady.Bugs
- Nuovi Inizi - Nuovinizi
- noi, M&Ms! - Mika
- squoterti lanima - Rucolina
- faicosi - Tropposola
- Abissi dincoerenza - only4words
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
 
 
 
 
 
 

 

 

FORSE CHIUDO

Post n°103 pubblicato il 28 Ottobre 2010 da pocorumorepertutto

Forse chiuderò questo blog, tra pochi giorni, il tempo di salvare i miei post.

Già mi mancate, ma se faccio fatica a seguirne uno, di blog, figuriamoci due... 

Chi vuole seguirmi, mi chieda l'indirizzo del nuovo blog in privato, e sarà accontentato.

E' un periodo di assestamento, ma so di aver bisogno di uno spazio in cui poter scrivere quando voglio, e qui con il blocco del login dalla postazione dell'ufficio non mi godo la bellezza di avere un blog.

Chiedo scusa se non sono stata quella che IO avrei voluto, ma forse le scuse le devo solo a me. Forse avrei potuto dire di più. Forse cambiare aria mi farà bene.

Bye bye, continuerò a leggervi eh!!

 
 
 

PARAINFLUENZA

Post n°102 pubblicato il 22 Ottobre 2010 da pocorumorepertutto

Ho una cosa che pare influenza, ma dicono che è troppo presto perchè lo sia... Quindi para-influenza, va curata con antibiotici e tutto il resto, ma non azzardatevi a dire che è influenza, che il mio medico vi ride in faccia...

Sto scroccando la connessione a qualche vicino, invierò prima di finire il post, almeno vi saluto. Ma è truffa? Sì che è truffa... Pazienza, la prima volta che passo da una chiesa confesserò anche questo.

Stare in casa con l'imitazione precisa di una malattia è una gran palla.  A parte Forum che mi diverte sempre, ci sono solo programmi per ritardati mentali. Di notte però fanno dei gran bei film, stare sveglia a tossire per due ore ogni notte almeno è servito a qualcosa...

Mi annoio. Tossisco, mi soffio il naso, mi misuro la febbre, e poi ricomincio (anche in ordine diverso), ma mi annoio. Ma come si fa a passare intere giornate in casa? Come hanno fatto le nostre mamme, prima di diventare le nostre mamme? Forse è per questo che molte casalinghe non vedevano l'ora di avere un figlio, la giornata non passava più...

Ok, ok, forse sto vaneggiando, ma è colpa della febbre e delle goccine all'oppio che sto consumando in dosi massicce per non morire con i polmoni scoppiati. La cosa buona è che ce la metterò tutta per smettere di fumare, la cosa cattiva è che ho già smesso di fumare da 4 giorni e mi sono buttata sulla nutella che mi ha fatto passare, tra le altre sfighe, anche due giorni in bagno... Ma almeno mi è passato il tempo... Ora la nutella è finita, e anche tutte le altre golosità che avevo e che non toccavo per le varie intolleranze... Ma si può essere così sfigate???

Mi hanno chiamato in 10 tra aziende di energia elettrica, aziende telefoniche e fornitrici di gas, per suggerirmi di cambiare operatore... Per un po' li facevo parlare, almeno mi facevano compagnia, ma appena dicevo che non ero interessata, cordialmente mi salutavano e chiudevano... Maledetti!!!

Sto leggendo molto, da 'Se una notte d'inverno un viaggiatore', a 'Q', a '1984', ma con la febbre non sono molto ricettiva, e mi tocca rileggere spesso le stesse pagine perchè non ci capisco niente... E per me che in genere divoro ogni cosa che sia stata scritta nel mondo (e tradotta in italiano) è un grande dramma. Ma accetto i miei limiti momentanei, sperando che tutte le medicine che sto prendendo (e il meritato riposo) portino a buoni risultati.

Spero che voi stiate bene, ora passo da voi se non mi segano la connessione.

Ciao ciao, alla prossima!!!

 
 
 

Cronaca di una cena di mezzo autunno

Post n°101 pubblicato il 14 Ottobre 2010 da pocorumorepertutto

Martedì sera, cena.
Sì, lo so che la cena è un evento quotidiano, e non varrebbe la pena farci un post... Ma la cena con i suoceri, per me che faccio anche fatica a scrivere la parola "suoceri" (mi è venuta un'irritazione ai polpastrelli...) è un evento eccezionale, di quelli che se avessi un diario scriverei sul diario, e visto che il diario non ce l'ho ma ho un blog, scrivo sul blog.
La preparazione è cominciata ben prima delle 20. Alle 17 ho chiuso baracca e burattini, al lavoro, e simulando un malore misto ad un gravissimo evento miserioso misto ad abbassamento di pressione e secchezza delle fauci, mi sono defilata ad occhi bassi lasciando tutti con il dubbio che per caso non mi fossi scolata un'intera bottiglia di Verduzzo nell'ultima pausa in bagno.
Il percorso in autobus è durato l'ora più lunga della mia vita, mi tranquillizzava SOLO il fatto che avrei portato dei dolcetti presi dalla pasticceria più rinomata e valida della città (che è anche la più vicina a casa mia, nonchè l'unica... uhm...) e che già solo per quelli mi avrebbero amato. Il mio sogno si è infranto miseramente di fronte alla saracinesca chiusa per turno, maledetto martedì!! Un nuovo panico si è aggiunto al vecchio. Come caxxo faccio adesso? Risalto in autobus e mi dirigo verso un'altra pasticceria buona ma non ottima, e dopo 15 minuti scopro che è chiusa... Ma porc! Ormai in preda ad istinti omicidi, visto anche l'orario che incalzava, mi fiondo in un bar e imploro il barista di aiutarmi a fare bella figura, per cena, con delle persone che mi hanno odiato per anni e che da solo 10 giorni hanno deciso di non odiarmi più, almeno dichiaratamente (che poi nel loro intimo c'è ancora tanto odio, oltre a Chilly, è un altro discorso). Con uno spirito frizzante mi risponde che per certa gente forse servirebbe qualche goccia di Guttalax, e non delle cose buonissime... In un altro momento avrei riso molto alla battuta, e replicato di gusto, ma non questa volta. Con sguardo al veleno gli chiedo: "Insomma, mi può aiutare o no???". La bestia stava venendo fuori... Va bene va bene, capisco che non sia il momento di scherzare.Insomma, con una confezione di cioccolatini fatti a mano (solo25€... 'Tacci tua!!) vado a casa e mi butto letteralmente nella vasca da bagno. E' tardissimo. Ripasso mentalmente tutto il mio guardaroba, mi sembra di non avere niente di adeguato, è tutto o troppo poco, o troppo troppo, così il bagno invece di tranquillizzarmi, mi innervosisce ancora di più. Solo una cosa può aiutarmi. Yoga e meditazione. Ok, son due, ma vanno insieme. Cado sul tappetino come corpo morto cade, e aspetto che la pace dei sensi mi rapisca. Macchèèèèè!!! Ho il respiro corto, la tachicardia, il diaframma contratto, e ancora la secchezza delle fauci... 15 min e sono già in piedi, sto un pochino pochino meglio ma niente di esaltante.
Apro un'anta dell'armadio. La richiudo. Ne apro un'altra. Chiudo anche quella. Mi ci vorrebbero 24 stagioni, altro che 4... Riapro la prima anta, tiro fuori 4 pantaloni e 4 gonne. Poi dal cassetto tiro fuori 5 maglie e due cardigan, da un altro scomparto dell'armadio prendo 3 camicie. E poi raccimolo cinture, collane, orecchini, braccialetti, spille, scarpe, stivali, giacchini. Il letto è un campo di battaglia. Provo tutti gli abbinamenti possibili e immaginabili, non mi sento mai adeguata, mi sembro sempre o troppo stile colloquio di lavoro, o troppo stile discoteca, o troppo stile trasandato, o troppo stile matrimonio, o troppo stile sembralaprimacosachecapitamainrealtàcihomessodueoreaconciarmicosì. Opto per l'ultimo stile, più che altro per sfinimento. Rinuncio a tutti gli accessori, tranne la cintura e gli orecchini. Non ci crederete, ma finalmente mi sento un gnocca esagerata. Se non fosse tardi, mi salterei addosso. Se ci fosse SF lì accanto a me, mi sarebbe già saltato addosso al primo cambio d'abito, confondendolo con uno spogliarello...
Sentirmi attraente mi calma.
Io non bado MAI a queste cose, nè in me nè nelle persone che frequento e che amo, ma con i familiari di SF devo essere ineccepibile ed inappuntabile, altrimenti si attaccherebbero a qualsiasi cosa per distruggermi (sia un capello fuori posto, una cucitura storta, la tonalità di nero della cintura di poco differente da quella delle scarpe... Caxxate, lo so, che però mi hanno già distrutto la vita in passato).
Con i capelli perfettamente stirati ed un trucco leggero e naturale, alle ore 20.00 suono alla porta di casa di SF.
Alle ore 20.02 arrivano i suoi genitori.
E sua madre e suo padre, quando mi vedono, mi fanno un sorriso (che ricambio senza fatica).
La cena è andata benissimo, mi sono rilassata, (ho controllato le mani e nemmeno tremavano), e sono stata me stessa. Non mi pareva vero che alle 23 eravamo ancora lì a chiacchierare come le persone normali. La normalità può essere una cosa così tragicamente meravigliosa!!
Devo essere sincera: un po' sto cominciando a credere che le cose, piano piano, possano sistemarsi. Però ho anche paura che, in caso non sia così, avendo già abbassato un po' le difese, una eventuale 'caduta' mi faccia molto, molto male, e mi lasci completamente squarciata.
Ma un'altra possibilità la devo, a me e all'amore che mi unisce ad SF, oltre che ai progetti che abbiamo fatto insieme.
Forse in questo caso le questioni di principio devono essere messe un tantino da parte. Forse.
La vita di coppia è anche questo.
O no???

 
 
 

LEGGETE I COMMENTI

Post n°100 pubblicato il 08 Ottobre 2010 da pocorumorepertutto

Dopo pranzo l'aggiornamento del mio blog proseguirà giu' tra i commenti... Restituisco l'i-phone al collega che me l'ha prestato. A dopo.

 
 
 

NON VA

Post n°99 pubblicato il 30 Settembre 2010 da pocorumorepertutto

A dire il vero, la verita' e' che non vado granche' io...
Ho aperto i commenti a tutti, cosi' finalmente dal lavoro potro' rispondere con la cura e la precisione che meritate. E scrivero' anche un po' di piu' su questa faccenda, senza contraddittorio mi sembra tutto troppo riduttivo...
Grazie a chi passa di qui nonostante la mia scarsa presenza negli altri blog.

 
 
 

SFOGO

Post n°98 pubblicato il 23 Settembre 2010 da pocorumorepertutto

Son notti e notti che dormo almeno otto ore e mezzo. Che meraviglia!! Eppure ho sempre sonno, e lo so benissimo che non ve ne frega niente ma ci tenevo a dirvelo. Il week-end scorso (trascorso già da un po', a dire il vero...) è stato fantastico. Un mio carissimo amico, una persona a cui voglio un gran bene e a cui auguro tutta la felicità del mondo, si è sposato sabato ed era così felice, così splendidamente sereno, che mi sono commossa... Anche lei era raggiante, splendida nel suo abito bianco da favola, e il loro sguardo, occhi negli occhi, mi ha riempito di emozioni bellissime, ma anche bruttissime.
Temo che a me non succederà mai.
Anzi, più passa il tempo, e più ne sono sicura.
SF mi tranquillizza, dice che presto ci sposeremo, che non vuole vivere senza di me, che mi ama da morire... ma ci sono molte cose che non vanno, e che soprattutto non mi fanno vedere la luce.
La famiglia di SF, tutta, mi odia. E mi odia con una cattiveria e una durezza che al solo pensiero scoppierei a piangere. Dopo cinque anni, e non dico cinque giorni o cinque mesi, ma parlo di ANNI, sono per loro ancora 'quella lì', da tenere lontana come la peste bubbonica. Non mi parlano, non mi permettono di mettere piede in casa loro (nè i genitori, nè suo fratello), non mi permettono di conoscere il mio nipotino nato in inverno, non mi calcolano, non mi considerano, diciamo che proprio non esisto. E ovviamente dicono a SF di lasciarmi (e in passato ci sono anche riusciti, a farci lasciare..).
Ora, io potrei bestemmiare in tutte le lingue del mondo, per urlare tutta la cattiveria e la durezza di questo comportamento, perchè non me lo merito, perchè non ho mai fatto niente di male a nessuno in vita mia, perchè non ho niente che non vada, perchè (come dicono i miei colleghi) ci sono madri che si bacerebbero i gomiti per avere una nuora come me... ma tanto non servirebbe a niente. Non serve a niente. Li detesto di rimbalzo, tutti, e non credo che questa situazione sia ricucibile, nemmeno se ci dovessimo sposare, nemmeno se dovessimo avere un figlio, nemmeno succedesse qualsiasi evento che vi viene in mente... Mi hanno dato solo pugnalate enormi e gratuite, togliendomi l'unica cosa a cui proprio non riesco a rinunciare: l'affetto di una famiglia, e nella fattispecie della famiglia dell'uomo che amo.
SF non ce la fa più. E' uomo, e in quanto uomo non riesce a prendere una posizione netta. Vorrebbe salvare capra e cavoli, e non si accorge che non prendendo posizione rischia solo di perdere tutti. O almeno me.
Sono così sfiduciata... Al solo pensiero di questa situazione di me.rda, mi si annebbia il cervello e non ci vedo più.
Al solo pensiero di tutte le altre ragazze che si lamentano delle suocere per delle caxxate immani ma che sono state accettate e sono benvolute, mi scatta un nervoso!!
Perchè? Cosa ho fatto di male? Perchè? C'è chi ha la suocera che tra un po' gli lava anche le mutande e si inzerbina, e io ne ho una che a mala pena sa il mio nome... E non mi stupirei se non lo accompagnasse sempre ad epiteti poco edificanti...
Perchè?
Perchè?
Perchè?
Come si potrà mai risolvere una situazione del genere, se ho paura che la prima volta che si degneranno gentilmente di incontrarmi, io sarò così carica di rancore represso da sputare in faccia a tutti con l'intensità dello sfiato della pentola a pressione?
Vi prego, ditemi che migliorerà e che non si può buttar via l'amore per queste cose e che con il tempo non mi ricorderò più di queste lacrime che ho buttato nel cesso... e provate ad essere moooolto convincenti, perchè, altrimenti, rischio di fare qualcosa di cui potrei pentirmi...
PS: Se solo vedessero quanto siamo felici insieme... Se solo mi permettessero di mostrarmi per quella che sono... Se solo sapessero quantp adoro il loro figlio... Se solo...

 
 
 

MANGIA CHE E' BBUONO

Post n°97 pubblicato il 16 Settembre 2010 da pocorumorepertutto

Non so quando riuscirò a pubblicare questo post, mi hanno messo il bavaglio e mi sento fuori dal blog-mondo, un mondo che a dire il vero mi piaceva, e non poco... Sono seduta alla mia scrivania, in ufficio, e nella postazione accanto alla mia si è seduto un supercapogalattico che mi impedirà per tutta la giornata di navigare liberamente su internet, rendendo ancora più insulsa questa mia giornata lavorativa che è cominciata con il pc impallato e che si concluderà con una succulenta cena nella supervillagalattica di un altro supercapogalattico.... Ed io non potrò mangiare niente... Da un paio di mesi mi sono riesplose tutte le mie ennemila intolleranze alimentari, che mi obbligano ad un regime ristrettivissimo pena rapporti dolorosi, prolungati e ravvicinati del primo tipo con il water di qualsiasi posto io mi trovi... Piuttosto il digiuno...
A questo proposito ieri ho anticipato al gentile ospite che sarei stata presente alla cena (organizzata addirittura da maggio!) ma solo per la simpatia (?!?!?!?) dei colleghi, perchè non avrei potuto sicuramente toccare cibo... E lui, dall'alto dei suoi 15.000 euro al mese, mi ha detto dandomi una pacca sulla spalla: "Non ti preoccupare, cara... Portati qualcosa da casa... " Ora, secondo voi, cosa avrei dovuto rispondere, visto che anche in questo caso per 'ricambiare' la gentilezza dell'invito ci toccherà sborsare 20 euro di regalo??!?!?!??! Soffocati tra i denti mi si sono formati insulti in aramaico antico (e in endecasillabi sciolti), ma con il sorriso più grazioso che potevo (quello con le fossettine nelle guance, che mi si formano o quando sono veramente felice o quando sono veramente incaxxata) ho sentito la mia voce che diceva: "Grazie mille, sei davvero gentile. Ottima idea!!"... E' così che si diventa capi, orquindi? Connivenza fra loro scarsa galanteria e nostra estrema dabbenaggine? Sì, secondo me sì. Che poi mi sono anche chiesta cos'altro avrebbe potuto dirmi, se gli arriva una scassaminkja che fi ffi ffffi non può mangiare niente in casa sua, ma insomma... io avrei saputo cosa rispondere in maniera un po' più 'accogliente'...
E non è ancora finita! Sabato si sposa un mio carissimo amico, vicino al lago Maggiore... Io ed SF, con tutti gli altri amici, abbiamo deciso di trascorrere lì l'intero week-end, a partire da venerdì, e quindi si preannunciano almeno quattro dico quattro pasti al ristorante... Di cui uno pagato, e gli altri tre da dover condividere con altra gente che si dispiace tanto quando vede che tu ordini sono delle zucchine grigliate ed un caffè d'orzo, ma si dimentica subito tutto il dispiacere quando, all'arrivo del conto, si passa alla divisione del totale in parti uguali!!! In agosto ho pagato, per 5 fette di bresaola e un piattino di carote julienne, la bellezza di 40 eurini... Quando si dice "Viva la condivisione"... ;)
Va bene, cmq a parte il fatto che praticamente non mangio quasi niente da due mesi, per il resto va tutto a gonfie vele. (Mentre scrivevo questa frase, mi sono venute in mente almeno due cose che invece non vanno per niente, ma, come dire, voglio vedere il bicchiere mezzo pieno!) Prima di chiudere il post, ci tengo a precisare una cosa che forse non tutti sanno. Le intolleranze alimentari sono una cosa seria, e fortemente invalidante. Ne so qualcosa, visto che per otto mesi ho sofferto le pene dell'inferno a causa di problemi intestinali fortissimi che mi hanno fatto temere il peggio. E dopo otto mesi di analisi, accertamenti, visite più o meno invasive (mi hanno controllato da ogni 'pertugio') in cui non risultava nulla che non andasse, sono rinata dopo l'esame delle intolleranze alimentari fatto senza crederci troppo, anzi non credendoci affatto. Non sopporto chi afferma che siano tutte caxxate, mi indigno profondamente perchè non augurerei a nessuno lo stato di debilitazione a cui ero arrivata io a furia di vomitare e stare male ed essere in preda a dissenteria violenta ed eterna... Prima di sputare sentenze (che spesso nei blog che leggo è una pratica molto comune e, a mio parere, fastidiosissima) bisognerebbe sapere bene di cosa si sta parlando, oppure anteporre un 'per quanto ne sappia io', o 'ad intuito' o 'mi pare che'. E questo vale per tutte le volte in cui si apre la bocca, anche nella vita reale... Bene, con questa frase mi sono giocata la simpatia di mezzo parco blogger-amici, ma spero di no, perchè l'attenzione nella comunicazione in fin dei conti giova poi a tutti, mica solo a me!!
A presto, spero!!

Ah... anche se non partecipo alle varie discussioni e non posso lasciare un segno del passaggio, vi leggo sempre TUTTI!!!

 
 
 

HO LE BALLS GIRATE

Post n°96 pubblicato il 03 Settembre 2010 da pocorumorepertutto

Ho le palle girate. Uh, nemmeno immaginate quanto...
Devo smettere di sperarci, se alcune situazioni non evolvono subito, forse sono destinate a non evolvere mai.
Pero' sono stufa, e non va bene, perche' se poi mi rassegno e' la fine per me...
Ma non esiste una valvolina da qualche parte che ci permetta di smettete di soffrire sempre per le stesse identiche cose? Almeno un dolore nuovo ha il fascino della scoperta...
Voi avete l'esempio di una situazione che senza che voi faceste nulla (perche' nulla dipendeva da voi) si e' sistemata al 100%? A me certe presunte soluzioni sanno tanto di patteggiamento con se stessi... E lasciano l'amaro in bocca.

 
 
 

STRANI AMORI

Post n°95 pubblicato il 31 Agosto 2010 da pocorumorepertutto

A volte io non capisco. Oddio, spessissimo non capisco una beneamata mazza, ma alle volte il mio stupore raggiunge livelli imbarazzanti anche per i miei standard di stordimento. Quello che sto per raccontarvi non nasconde un giudizio, solo una richiesta di aiuto per spiegarmi cosa mi sfugge.
Allora, un mio carissimo amico e' fidanzato con la sua donna da circa 15 anni, e convive da sette. E' una persona a cui voglio molto bene, nonostante alcuni suoi difetti, e credo che la cosa sia reciproca visto che la perfezione siamo ben lungi dal raggiungerla... Insomma, in inverno il mio amico ha conosciuto una ragazza ed ha letteralmente perso la testa per lei. Allo stesso tempo, si e' accorto che con la ragazza di sempre non e' mai stato realmente felice, ma se l'e' fatta andar bene per pigrizia, e cose cosi'. Non entro nel dettaglio, diciamo che ho raccolto le sue confidenze dicendo l'unica cosa che dalla mia bocca possa mai uscire in questi casi: parla con la tua donna di quello che stai attraversando, aiutala a capire che alla vostra relazione manca qualcosa, e prova a dirle cosa ti servirebbe per essere felice. Questo, se vuoi recuperare il rapporto. Se no, dille piu' o meno le stesse cose, ma lasciala libera di trovarsi un altro uomo che la ami davvero e che non le trova tutti i difetti che le trovi tu. Ma per alcuni uomini chiedere di essere sinceri e' un po' come chiedere di prendersi a calci sugli zebedei, quindi nulla e' successo finche' lei non ha scoperto tutto. E cos'ha fatto, oltre ad averlo insultato e maledetto??? Niente di niente. Se escludiamo il fatto che ha tentato di suicidarsi con me impotente al telefono che ho provato il senso di inutilita' piu' forte della mia vita... Praticamente, se lui la molla, lei si uccide. Dopo questa scena madre, in cui lei e' stata salvata solo perche' ho chiamato il mio amico e tutti quelli che conoscevo e che abitavano nei suoi pressi, che si sono precipitati, lei non ha piu' parlato dell'accaduto, con un processo di rimozione del dolore tanto immediato quanto miracoloso...
Ed io solo al pensiero di quanto sono stata male per lei tremo ancora... Lui mi ha detto, in lacrime, che non sa cosa fare, se dovesse capitarle qualcosa non se lo perdonerebbe mai, forse e' condannato ad essere infelice, forse l'amore che ha provato e prova per quella ragazza e' stato un regalo del cielo quando aveva perso ogni speranza di conoscere la felicita'.
Io non so cosa pensare, non voglio pensare niente, vorrei solo che stessero bene entrambi perche' sono miei amici, sono persone in gamba e meritano serenita' e gioia... Ma forse io della vita non c'ho capito un cazzo... Forse a volte la felicita uno se la deve prendere come meglio puo', col tradimento o con il ricatto, perche' come nella giungla vince il piu' forte o il piu' scaltro.
E chi non e' cosi', e' destinato al buio...
E dopo giorni passati a chiedermi perche' dev'essere sempre tutto cosi' dannatamente complicato nelle relazioni, e' arrivato SF, che con un lungo abbraccio silenzioso mi ha fugato ogni dubbio... E poi abbiamo fatto l'amore come se fosse l'ultima, quasi morendo uno nelle braccia dell'altra. E sono rinata.
L'unico vero segreto e' vivere quello che c'e'. Il resto, si vedra'.

 
 
 

MA VOI?

Post n°94 pubblicato il 26 Agosto 2010 da pocorumorepertutto

Ma voi ce l'avete un'amica che tutte le volte che non sa cosa fare vi cerca, e che quando invece ha mille impegni fatica a ricordarsi il vistro nome? Che quando vi vede vi dice che siete proprio la sua migliore amica, la migliore di sempre, e che senza di voi proprio non puo' vivere, ma non vi tiene mai in considerazione quando organizza qualcosa? Che quando vi incontra vi vomita addosso tutta la sua vita compreso il numero di volte che caga in un giorno, ma non vi ha mai chiesto come state voi? Che appena aprite la bocca si ricorda che ha un ultimo fatto da raccontarvi e ovviamente di quello che stavate per dire voi non sara' piu' detta nemmeno una sillaba? Che continua a lamentarsi che e' povera e che deve risparmiare per farsi offrire pranzi, cene e vacanze, ma che e' piena di soldi e ha un padre presidente di una grande societa' che finanzia tutti i suoi capricci? Che era piena di nuovi potenziali amici, ma che con il suo modo di fare e' rimasta sola in pochissimo tempo facendo terra bruciata intorno a se', e non capisce come mai invece le stesse persone a voi vogliano ancora un sacco di bene, mentre a lei la schifino come la peste? Eppure e' cosi' bella, intelligente, sensibile, affabile, disponibile e c'e' sempre per tutti e non ha mai fatto un torto a nessuno.. E mentre lo dice pensate a quella volta che ha cercato di soffiarvi il fidanzato da sotto al naso, dicendo e facendo cose per cui le avreste molto volentieri spaccato la faccia...
Quindi, ce l'avete?
Io si'... Che culo, eh?!?!?!
Qual e', secodo voi, la sottile linea che divide l'essere buoni dall'essere emeriti coglioni??
Pocorumore cogliona vi saluta. Credo che il mio livello di sopportazione abbia superato il punto di non ritorno. Vederci per tre ore e non lasciarmi dire tre parole di fila e' un abuso a tutti gli effetti... E ieri lei mi ha abusato. Chiamo il telefono di qualche colore che non so per le molestie da finto rapporto di amicizia??

 
 
 
Successivi »
 
 
 
 
 
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

blankshinearjentovyvoraf360mary.dark35ALDABRA72curreri.robertolaura19754nadia_73DIAMANTE.ARCOBALENOBeppeMontanariBrandyDaisystefs123solotropposolacristi86mariomancino.m
 
 
 
 
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

 
 
 
 
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti possono pubblicare commenti.
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom