Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

nastassia66diegorenadafedechiaraNikandrofranco.darosLalla3672bojaboo0220amorino11aramar1959rita.zaninidquartaimpelgioermiolivieroprojectecnologie2010pacebuona
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 27/03/2020

Il metodo della follia

Post n°1194 pubblicato il 27 Marzo 2020 da fedechiara
 

La follia che si accompagna al metodo

'C'è del metodo in quella follia', dice Shakespeare di Amleto. E' da allora, da quei tempi lontani e tragedie ambientate in un castello danese che sappiamo che 'c'è del marcio in Danimarca' - e oggi in Germania perché 'tutto è il mondo è paese', da che le frontiere si sono aperte o sono state scardinate di forza dai milioni di nuovi barbari inurbati, - e l'orizzonte di futuro prossimo e remoto è un melting pot indistinguibile e umana melassa ed eventi sempre più caotici e non governabili.

E che la follia di Lubitz (il pilota tedesco suicida) si trascini dietro il senso di onnipotenza di far morire insieme 149 persone e abbuiarne e disintegrarne le storie è mistero che gli psichiatri si incaricheranno invano di spiegarci, perché in quella follia – come in quella di Amleto – siamo trascinati tutti a forza. 
Al punto da dirci tutti 'anormali' e mettere in discussione il concetto stesso di normalità, considerata la perdita e l'orphanage collettivo di ogni valore riconosciuto e limite e 'norma' universalmente riconosciuta e coralmente rispettata. 
E Basaglia, bravamente, ce li ha restituiti, i matti, e li ha detti normali al nostro pari - con qualche picco di confusione e marasma controllabile chimicamente e socialmente accettabile – e, per proprietà transitiva, siamo diventati tutti un manicomio a cielo aperto e dobbiamo elaborarla a forza, la follia, e riconoscere che si accompagna di buon grado al metodo; è lucida e 'ragionata' con la freddezza di chi mette mano ai comandi di una aereo e lo porta con regolarità programmata a bassa quota e infine lo schianto.

Ma altre follie metodiche mi sovvengono – come quella di un tale Kabobo, 'l'uomo nero' mal integrato e perciò reso 'folle', che alle quattro del mattino, armato di piccone, fracassava i crani dei poveri cristi indifesi che incontrava nel silenzio dell'ora, uno via l'altro. La morte che cammina, l'hanno detto, evocando figure simboliche dell'immaginario medioevale esploso prepotentemente nel terzo millennio delle mille sciagure e conflitti permanenti.

E che dire della costituzione di un 'califfato', con arruolamenti via internet di 'cittadini' rinnegati di seconda generazione, al tempo della tecnologia onnipotente e che apre scenari di conquiste del cosmo e i meravigliosi anelli sotterranei dove i postmoderni stregoni fanno girare vorticosamente la 'particella di Dio', vulgo 'neutrino'?

La storia che va col passo del gambero ci consegna, ad ogni nuovo giorno, il suo 'fatto del giorno' malato e sciagurato di una 'nave dei folli' umana che si stupisce della sua follia metodica e programmata e lucida perché, da sempre, aspira a scoprire il 'disegno di Dio' dietro le caotiche cose del suo vivere e andare e moltiplicarsi conflittuale finché 'morte non ci separi' e, di là della morte, è il nulla delle buie origini. L'ultima e prima 'follia' che spingeva il poeta a chiedersi: 'Ma perché dare al sole / perché reggere in vita / chi poi, di quella, consolar convenga? / Se la vita è sventura, / perché da noi sì dura?'

Tale è la vita mortale.

L'immagine può contenere: 1 persona
Nessuna descrizione della foto disponibile.
Nessuna descrizione della foto disponibile.
Nessuna descrizione della foto disponibile.
Nessuna descrizione della foto disponibile.

L'antefatto.

Non aprite quella porta.

Alzi la mano chi non se l'era fatta un'idea di come sono andate le cose in quei maledetti ultimi minuti di vita delle 150 persone morte nello schianto dell'Airbus della Germanwings. 
Perché è vero che le 'dietrologie' postmoderne sono fastidiose quanto i 'complottismi' da un tanto al chilo che tracimano in Rete – e tuttavia l'animo umano, da sempre, ha formulato predizioni su tutto quanto ci avviene intorno perché è nella sua natura l'essere ansioso per tutto quanto può 'cambiarci la vita'.
E, di tutti i 'gialli' che avviliscono e incarogniscono le nostre vite, questo della caduta 'pilotata' dell'Airbus e del suo schianto contro la montagna ha tutti i caratteri di un altro '11 settembre' della strenua lotta al terrorismo che facciamo, senza grossi risultati, ormai da un quindicennio a questa parte - e chissà quanti altri morti dovremo lasciare sul terreno.

Ed è il N.Y.Times, nientemeno, a rompere l'ansioso silenzio e a darci l'avviso orrendo de: 'Non aprite quella porta!', - raccontandoci l'audio che viene dalla 'scatola nera': di un pilota che tenta di sfondare la porta della cabina di pilotaggio e, di là della porta, forse c'è un pilota suicida devoto alla causa dei 'foreign fighters' islamisti. 
'Forse si è solo sentito male', avanza un tale che non ama le dietrologie ed è ottimista sul futuro del laborioso e conflittuale 'melting pot' in cui viviamo immersi e propende per le cose più semplici, e il suo bicchiere, beato lui! è sempre mezzo pieno. Può essere, ma se uno si sente male perché mai dovrebbe chiudersi a chiave la porta alle spalle e impedire al pilota titolare o al secondo di entrare?

Perciò prepariamoci al peggio di quando si aprirà l'altra scatola nera (che nera non è) e, forse, avremo conferma che 'il nemico è tra noi' - e dovremo farcene più di una ragione e attrezzarci a vivere coll'orrendo sospetto che il viaggiatore dietro o davanti a noi ai cancelli di imbarco, con sembiante mediorientale o di sponda arabo-africana, possa nascondere l'orribile segreto di una 'serpe in seno' che attenta alle nostre vite.
E dovremo tornare allo spirito dell'11 settembre 2001 – con i controlli esasperanti e meticolosissimi in fase di imbarco che mai saranno in grado di darci la certezza che tutto andrà per il verso giusto perché possiamo esorcizzare l'imponderabile delle nostre vite, ma mai avere certezze e distendere gli animi se non ad atterraggio avvenuto.

Sarà per questo nostro 'animus' di occidentali a rischio della vita che, su molti voli, scoppia un liberatorio applauso, una volta avviata la decelerazione e premuto il pedale dei freni?