Creato da fedechiara il 14/11/2014
l'indistinto e il distinto nel suo farsi
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

liffcecaloiarosalvatoresvagatelloantomar4fedechiaraalf.cosmosHurakanVirgigalloceramiche.1997frachecco77ioragazzo32ric_arrigboicellia0danadileQuartoProvvisoriocavalieridellaregina
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
I commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Messaggi del 02/01/2021

Il metodo della follia

Post n°1462 pubblicato il 02 Gennaio 2021 da fedechiara
 

Il metodo della follia. 01 gennaio 2019
Non ho visto il Mattarella in tivù, la sera di san Silvestro. Troppo prevedibili le sue esternazioni e le reprimende e le geremiadi di rito del pane azzimo di una sinistra che si prepara al lungo esilio e alla fuga in Egitto decisa dal vittimismo che la possiede e la scuote come un inarrestabile sintomo di Parkinson. Leggetevi il delirio organizzato di Flores D'Arcais su Micromega e le sue predizioni per il 2019 e vi sarà chiaro che c'è del metodo nella follia sinistra che dà fuoco alla pira su cui brucerà il suo corpo semi agonico.
E la stampa e le televisioni amiche (tutte, tutte!) ci dicono, invece, che dieci milioni di italiani pendevano dalle sue labbra – e non è chiaro se fosse curiosità di gente che si interrogava su cosa possa dire un prigioniero politico in terra di occupazione giallo/verde o se torna la voglia di melassa buonista e quei dessi, la sinistra dei barconi e dei porti spalancati e tappeto rosso alle amatissime o.n.g., torneranno a vincere alle prossime europee, chi vivrà vedrà.
E se Mattarella è il palo costituzionale messo nella vigna italica da Renzi al tempo dei suoi effimeri trionfi, giova sottolineare che quella vigna vigilata a vista e manu militari dalla 'libera stampa' e 'libere televisioni' (sic) ha dato uve asprigne nell'ultimo raccolto, che mal sopportano una vigilanza occhiuta e il malanimo berciante delle Opposizioni Riunite – che ogni provvedimento governativo osteggiano a prescindere ed escono dal parlamento schifate prima dei voti di fiducia.
Ed è quel loro stolido Aventino l'unico avvenimento storico che ci ricorda, da lontano, il fascismo delle origini, ma è suggestione indotta da loro stessi, autogol clamoroso di un partita persa per abbandono del campo e chi è causa del suo mal pianga se stesso. E non c'è verso di immaginare un rinsavimento dell'ultim'ora tra squadre politiche che parlano lingue diversissime dentro al cantiere della Torre di Babele tutt'ora aperto e che si avvita in effimere altezze nell'attesa del suo prevedibile crollo.

Nessuna descrizione della foto disponibile.