Creato da Prisoner.Of.Soul il 05/04/2008

Prisoner Of Soul

Queste gioie violente hanno fini violente. Muoiono nel loro trionfo, come la polvere da sparo e il fuoco, che si consumano al primo bacio.

ULTIME VISITE AL BLOG

reiyel90ti_aspetto_al_farolittle.frogPrisoner.Of.Soulmagnetica711oo_Nikky_ooGiulia_Donofriojolie_inloveInsanamente_memareblu.sgaddeveraterichard1961sbrendyLookingForAngel
 

SOME WORDS

I think the highest and lowest points are the important ones. Anything else is just... in between. I want the freedom to try everything.

The body was the soul's prison unless the five senses are fully developed and open. He considered the senses the 'windows of the soul.' When sex involves all the senses intensely, it can be like a mystical experence.

Give me a reason, but don't give me a choice, 'cause I'll just make the same mistake... again.

 

 

« ...Vuoto »

You're amazing

Post n°48 pubblicato il 08 Maggio 2009 da Prisoner.Of.Soul

A volte ti osservo... e sento cose troppo grandi per riuscire a spiegarle a parole.

Se dovessi spiegare in due parole cosa rappresenti per me... beh, forse risponderei "La Vita". Alcuni mesi fa semplicemente sopravvivevo. Superavo ogni giorno soltanto perchè così doveva andare... ma senza entusiasmo... senza chiedermi cosa sarebbe stato domani... senza avere progetti.
Poi ti sei stabilita nei miei giorni. Mi hai fatto sentire che non desideravi qualcosa per poterti mettere in mostra, che dei giudizi delle persone non ti interessava. Mi hai aspettato per mesi. Hai  sopportato le mie indecisioni... le mie paure... i miei dubbi e le mie fughe.

A volte ti osservo... e ripenso alla mia vita.
Ripenso a quello che ho avuto... e a quello che ho perso. Ripenso alle persone che ho amato, a quelle che non mi sono mai andate a genio, a quelle che ho creduto di poter accettare, ma che poi ho capito non esserci speranza.
Ripenso a quante volte mi sono sentito diverso dagli altri. Ripenso ai Natali passati al lavoro. Ai Natali passati solo a casa, a guardare vecchie foto... immobili, come immobili sono i ricordi di quei momenti. Immobile, come sono stato per anni, rinchiuso in una voragine dalla quale non sapevo risalire.
Ripenso a alle persone più importanti della mia vita. Persone delle quali non riesco a ricordare la voce. Non riesco a ricordare il profumo. Non riesco a ricordare niente di concreto, a parte immagini mute e inconsistenti.

Ripenso a quelle poche persone che mi hanno fatto stare bene. A quelle che mi sono state vicino Sempre. Ripenso a chi mi ha accompagnato negli anni più difficili. Ripenso a chi ho voluto bene in quegli anni.
Ripenso a chi ho ferito in quegli anni.

Ripenso al mio desiderio di essere un altro. Al mio desiderio di essere una persona con qualità migliori. Ad essere una persona senza tutti i problemi che dovevo affrontare ogni giorno.

Ripenso alle notti di lavoro ed ai giorni insonni... al raccimolare le monete dai pantaloni per avere qualcosa da mangiare, per non spendere i soldi per pagare l'affitto del mese. Ripenso alle mie giornate con il frigo vuoto.
Ripenso alle notti stanche e bagnate dalle lacrime. Ripenso alla voglia di un corpo da stringere, ad una spalla su cui appoggiarmi.

Ripenso alla rabbia contro tutto... contro tutti... contro chi non mi capiva e contro chi si sforzava di capirmi. Contro chi mi evitava, e contro chi mi allungava una mano. Contro chi se ne fregava della mia situazione, e contro chi mi forniva un aiuto.

Ripenso alla mia voglia di sparire. Alla mia voglia di invisibilità.

Ripenso alla stanchezza... stamchezza nei confronti della vita. A quella vita che mi ha dat e poi tolto... poi dato e tolto ancora di più, fino ad arrivare a togliermi quello per cui vivevo.
Ripenso ad ogni mattino... ad ogni giorno ed ogni notte spesa a chiedermi cosa ci fosse che meritasse la mia presenza.

Ripenso a come ho visto ogni via di uscita svanire... una dopo l'altra.

Ripenso al salto nel vuoto... al nulla.

Poi ti osservo... e capisco che ogni cosa, dalla più bella alla ferita più profonda... capisco che tutto è servito per arrivare a te. Ora non ho bisogno di cercare un senso per affrontare il giorno, perchè il senso della mia vita è al mio fianco quando vado a dormire ed al mattino quando mi alzo.
Non ho distrazioni da cercare, perchè non c'è modo migliore di distrarmi dello stare con te, di passare ogni momento possibile con te.

Non so per quale motivo, ma sento che non mi scotterò questa volta. Sento che c'è qualcosa... di diverso. Sento di stare bene...

... grazie a te.

Prisoner.Of.Soul

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/PrisonerOfSoul/trackback.php?msg=7028330

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: Prisoner.Of.Soul
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Etą: 39
Prov: EE
 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

... almeno qui sei ricomparso ...
Inviato da: little.frog
il 04/02/2010 alle 21:27
 
Ti abbraccio forte... con un sorriso tra le tue parole ti...
Inviato da: anima_2009
il 07/05/2009 alle 23:53
 
Goditi ogni singolo attimo di vita insieme a Lei... te lo...
Inviato da: s_h_a_d_0_w
il 20/04/2009 alle 20:52
 
Uhm ... cos'hai combinato sto giro ?
Inviato da: little.frog
il 06/04/2009 alle 08:46
 
Notte Shout! Baci. Ker
Inviato da: kerstin2
il 28/03/2009 alle 23:35