Creato da scricciolo68lbr il 17/02/2007

Pensieri e parole...

Riflessioni, emozioni, musica, idee e sogni di un internauta alle prese con la vita... Porto con me sempre il mio quaderno degli appunti, mi fermo, scrivo, riprendo il cammino... verso la Luce

 

 

« IL NO AL MES NON È UNA TRAGEDIA!ROMA È TROPPO SPORCA: GU... »

CANCELLARE GESÙ NON SIGNIFICA INTEGRAZIONE E MULTICULTURALISMO!

Post n°1702 pubblicato il 23 Dicembre 2023 da scricciolo68lbr
 

CI RISIAMO. QUANDO ARRIVANO LE FESTE I FANATICI DEL GLOBALISMO CI PROVANO SEMPRE.

Anche quest’anno come ogni anno da un po' di tempo a questa parte, riparte l'attacco e si registrano manifestazioni di intolleranza nei confronti delle tradizioni religiose del nostro Paese, indebitamente fatte passare per possibili lesioni di altrui convincimenti oppure azioni atte a non urtare la sensibilità altrui: stupidaggini! E c’è pure chi vuole la profanazione del Santo Natale, trasformandolo in "festa dell’inverno" oppure registriamo chi decide in autonomia, di sostituire in una recita natalizia (accade a Padova) Gesù con un anonimo «cucù».

Costoro devono avere l’onestà intellettuale di ammettere che si tratta di una scelta propria e non scomodare altre religioni, perché con questi sistemi l’Italia conferma la sua debolezza nel difendere tradizioni che hanno valenza anche di natura culturale.

Tuttavia, al di la delle buone intenzione o della malizia in certe scelte, quando in una scuola si arriva a cancellare dalla canzoncina di Natale, destinata ad un pubblico composto di bambini senza malizia, la parola Gesù sostituendola con «cucù» (la cometa viene giù non per annunciare Gesù ma per fare cucù), come è successo ad Agna, in provin-
cia di Padova, significa che certi individui sembrano senza speranza. In nome di un malinteso multiculturalismo, in nome dell’accoglienza, in nome dell’integrazione, finiamo per dimenticare chi siamo. Io mi domando da anni: come si fa a dialogare con qualcuno se
smettiamo di essere noi stessi? Come si fa a integrarsi con qualcun altro se distruggiamo tutto quello che siamo? Se cancelliamo la nostra storia e le nostre tradizioni? Stiamo fa-
cendo di tutto per tagliare le nostre radici. Eppure dovremmo sapere che le civiltà sono come gli alberi: senza radici, risecchiscono e muoiono.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

RADIO DJVOCE

 

PAROLE

   

     IL TIBET NASCE LIBERO

  LASCIAMO CHE RESTI TALE

                             i

Le parole.

                       I

Le parole contano
dille piano...
tante volte rimangono
fanno male anche se dette per rabbia
si ricordano
In qualche modo restano.
Le parole, quante volte rimangono
le parole feriscono
le parole ti cambiano
le parole confortano.
Le parole fanno danni invisibili
sono note che aiutano
e che la notte confortano.
                                  i
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

scricciolo68lbrcassetta2norise1there0perla88sQuartoProvvisoriom12ps12Kanty0ssurfinia60Rico65moroPenna_MagicaThirteen13daniela.g0starluci
 

I LINK PREFERITI

DECISIONI.

 

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

IMMAGINI DI TE

 

 

 

 

 

CONTATTO

 

 

PASSIONE

immagine


 

 

LIBERTÀ.

 

 

Affrontare ciò che ci spaventa

è il modo migliore per superare

ciò che ancora non si conosce.

 

 

 
 

ATTIMI

 

 

 

UN GIOCO!

 

 

EMOZIONI

 

 

 

 

 

PASSAGGI

Contatore accessi gratuito

 

 

ABBRACCIO

 

  

 

 

BOCCA

 

 

 

 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963