Creato da scricciolo68lbr il 17/02/2007

Pensieri e parole...

Riflessioni, emozioni, musica, idee e sogni di un internauta alle prese con la vita... Porto con me sempre il mio quaderno degli appunti, mi fermo, scrivo, riprendo il cammino... verso la Luce

 

Messaggi del 07/04/2024

TRUMP SI ESPRIME SU ISRAELE, TUTTAVIA IN MANIERA POCO CHIARA.

Post n°1802 pubblicato il 07 Aprile 2024 da scricciolo68lbr

QUARTA PARTE.

 

HH: No.

DJT: Non era la stessa cosa. Ma sì, molto orientato allo sport.

HH: Quindi niente I Love Lucy, niente Mayberry, RFD, niente del genere?

DJT: Un po', ma non tanto. No, non molto.

HH: Non ho mai visto una sua foto su uno yacht. Sembra che i miliardari amino molto gli yacht o la vela.

DJT: Sì.

HH: E lei non ci sale. Come mai?

DJT: Beh, io avevo uno yacht, e ho comprato lo yacht di Khashoggi, il Nabila, si chiamava. Era uno yacht incredibile. Ma il problema che ho avuto è che io gioco a golf, e non puoi giocare a golf e avere uno yacht, perché se vuoi giocare a golf, allora devi andare sullo yacht. Preferisci giocare a golf. Così ho avuto quello yacht per mesi e non l'ho mai visto. Alla fine l'ho venduto. Era uno yacht bellissimo, ma lo yachting non faceva per me, perché mi piaceva, se sei un golfista, non puoi essere un golfista e uno yachtista.

HH: Bene, questo mi riporta al Presidente Biden. Io lo chiamo "infermo". E la gente dice che ha più o meno la stessa età di Donald Trump. Io dico che l'età cronologica non è quella fisiologica.

DJT: Non lo è. Ha quattro anni, no, non li ha.

HH: Sì, lei, quanto spesso gioca a golf, perché voglio che la gente capisca che lei è là fuori a lavorare, a fare esercizio tutto il tempo. Quanto spesso gioca?

DJT: Lo faccio come forma di esercizio fisico. Gioco 3-4 volte a settimana. Corro sul campo. Gioco velocemente. Gioco bene. Vinco campionati di club, che è un po' come il nostro major, il nostro major è vincere campionati di club. Ho appena vinto il campionato regolare di club, dove in alcuni casi si gioca con ragazzi di 25 anni. Ma ho appena vinto il campionato di club regolare e quello senior in un grande campo in Florida. È un ottimo campo, il Trump International. È un ottimo campo con molti grandi giocatori. Ho vinto entrambi. Ho giocato bene. Voglio dire, è così, guardo lo swing di Biden. Non è riuscito a superare i 200. Secondo me, non riusciva a superare i 200 colpi. Ma l'ho visto sfidarmi. Oh, gli concedo tre colpi a lato. Questo tizio non riusciva a darne tre a nessuno. Se prendete una persona che non ha mai giocato prima, lo batterebbe. E sapete, è triste, perché può farla franca. Dice: "Gli darò tre colpi per lato". Non può giocare. Sa che non giocherebbe mai, Hugh, quindi può parlare in questo modo.

HH: Già. Pensi che possa davvero...

DJT: Ma no, io gioco a golf e lo faccio per allenarmi, perché a mio modo di vedere è un'ottima forma di esercizio.

HH: Certo. Sì, lo è. Pensa che il Presidente, se accettasse un dibattito, dovrebbe farlo da seduto? O potrebbe davvero stare in piedi per due ore e mezza e tre ore per discutere con lei?

DJT: Non credo che potrebbe stare in piedi. Non lo so. Spero che ci riesca, ma ehi, sentite, preferirei che fosse un grande presidente e che non facesse nemmeno questo. Preferisco che sia il peggior presidente nella storia del nostro Paese. Preferirei, e questo dovrebbe essere un bene per essere eletti, ok? Dovrebbe esserlo. Vi dirò una cosa. Mi sono candidato due volte, sono andato benissimo due volte. La seconda volta ho ottenuto milioni di voti in più rispetto alla prima, e sono successe molte cose brutte. Ma vi dirò una cosa. Non c'è mai stato uno spirito come quello che ho visto in questo periodo. La gente, lo spirito, l'amore, i pianti e le risate, non ci sono mai stati i raduni, vedete i raduni. Ho visitato il Michigan. Ho fatto, dovevate vedere...

HH: Wisconsin, sì.

DJT: Il Michigan è stato incredibile. Il Wisconsin è stato incredibile. E sa, mancano ancora sei mesi e mezzo, giusto? Il livello di amore, lo spirito e l'amore per il nostro Paese non l'ho mai visto. Le bandiere con la mia foto e le bandiere americane dappertutto, non ho mai visto nulla di simile. Più grande del '16 e più grande del '20, e lei lo sa, perché lo vede anche lei.

HH: Lo so. Ecco perché l'ho chiamata per questo. Grazie per essersi unito a me, signor Presidente. Ultima domanda. La disfatta dell'Afghanistan. Se fosse in Israele, accetterebbe qualche consiglio da Lloyd Austin, Joe Biden, o da chiunque sia collegato a quel gruppo - Tony Blinken? Accetterebbe qualche consiglio militare da loro?

DJT: No, non lo farei. Penso che siano grossolanamente incompetenti. Sai, avevo stabilito che saremmo usciti dall'Afghanistan con dignità e orgoglio, e che avremmo tenuto Bagram, che ora è occupata dalla Cina, perché era a un'ora di distanza da dove la Cina produce le sue armi nucleari. Un'ora. Pensateci. Ed era una base enorme. Era una delle piste di atterraggio più grandi e potenti del mondo e l'abbiamo ceduta per niente. Avremmo dovuto tenerla, non per l'Afghanistan, ma per la Cina. Avremmo dovuto tenerla e lui non l'ha fatto. Ma io ero pronto ad andarmene. Sono stato io a ridurre il numero di truppe a 2.500, e stavamo andando bene. Saremmo usciti con la stessa tempistica, credo addirittura prima di lui, ma con dignità e forza. E questo è ciò che è successo. Quando siamo usciti così male, lui ha fatto uscire i soldati per primi. I soldati vanno via per ultimi. Un bambino lo saprebbe. Non li avrei ascoltati. Non accetterei alcuna istruzione da loro. Israele sa cosa sta facendo. Ad ascoltare queste persone, quello che non hanno fatto non solo in Afghanistan, ma in realtà credo che l'Afghanistan sia stato il punto più basso nella storia del nostro Paese. Non credo che nella storia del nostro Paese ci sia mai stato un momento più imbarazzante di quello che è successo in Afghanistan. Tra la perdita di 85 miliardi di dollari di equipaggiamento, 13 grandi soldati, di cui conosco le famiglie e i genitori, 13 incredibili, e tra l'altro nessuno ne parla, 38 soldati decimati con le braccia, le gambe e la faccia. 38. Nessuno ne parla. Lasciando dietro di sé centinaia di persone. Non sappiamo nemmeno quale sia il numero, ma abbiamo molte persone che probabilmente a un certo punto diventeranno ostaggi. No, no, questo è stato il momento peggiore e più imbarazzante della storia. Se non fosse successo, non credo che la Russia sarebbe entrata in Ucraina. Penso persino che abbia avuto un impatto sul 7 ottobre.

HH: Penso che abbia ragione.

DJT: Ma la Russia, con me come presidente, non sarebbe mai entrata in Ucraina, ne sono sicuro al 100%, e anche i democratici lo ammettono. Putin non sarebbe mai entrato in Ucraina se io fossi stato presidente.

HH: Beh, visto che parla di Putin, avrebbe chiamato personalmente Putin? Sapevamo che l'attacco di Mosca della scorsa settimana sarebbe avvenuto. Evidentemente abbiamo avvertito qualcuno. Non credo che il Presidente Biden abbia chiamato Putin. Lei lo avrebbe chiamato personalmente, anche se è una persona terribile?

DJT: Hugh, l'avrei chiamato. L'avrei chiamato. Glielo avrei fatto sapere. È un Paese. Se si scoprono informazioni che, sai, quello che ho fatto con, se guardi all'ISIS, ho messo fuori gioco il 100% del califfato. 100%. Ma si riforma se sei debole. E può riformarsi. E queste persone non si fermano. Sono come una brutta malattia. Non puoi liberartene. E francamente, non si fermano. Ma ha messo fuori gioco il 100% del califfato dell'ISIS. Lo sa bene.

HH: Sì.

DJT: E li ho fatti fuori anche in fretta. Mi avevano detto che ci sarebbero voluti quattro anni. Mi ci sono voluti tre mesi, e abbiamo, devo solo lasciare ai vostri telespettatori questo. Mi sono reso conto di quanto sia grande il nostro esercito. Siamo andati lì e ho lasciato che facessero il loro lavoro, e l'hanno fatto come nessun altro. Abbiamo un grande esercito, e non è sveglio. Vogliono tentare di farlo diventare "woke", ma non riusciranno mai a far diventare queste persone "woke". Queste persone sono grandi patrioti. Sono persone forti e grandi combattenti. Ho spazzato via l'ISIS così velocemente che nessuno ci sarebbe riuscito, mi avevano detto che ci sarebbero voluti quattro anni. E invece l'ho fatto in un paio di mesi.

HH: Tre mesi. Tre mesi. Il vostro sostegno alle forze armate sarà importante, così come il vostro sostegno alla polizia. Grazie per aver partecipato al funerale e alla veglia dell'agente a New York. Ho pensato che fosse appropriato.

DJT: eh, grazie. No, è stata una cosa importante. È stata una cosa importante. Sono persone fantastiche. Dovevi conoscere la moglie, Stephanie. Incredibile. La famiglia era incredibile. Il padre è un poliziotto. Gli zii sono poliziotti. Ci sono tanti poliziotti in famiglia. C'erano migliaia di poliziotti. È stato tragico e per molti versi bellissimo guardare l'amore. L'amore era incredibile. C'erano 11.000 poliziotti, ma nel corso di quel fine settimana, credo che si siano presentati 50 o 60.000 poliziotti, non solo da New York, ma da tutto il Paese. La moglie è una donna incredibile. Le ho parlato a lungo. Siamo stati insieme davanti alla bara. Hanno apprezzato molto quello che ho fatto per la polizia. Non hanno apprezzato altre persone, questo posso dirlo.

HH: Signor Presidente, so di averle fatto perdere il doppio del tempo promesso, quindi la lascio andare.

DJT: Va bene.

HH: Lei è ancora la migliore intervista d'America. Continui a tornare durante la campagna elettorale.

DJT: Lo farò. Lo farò. Grazie mille, Hugh.

HH: Grazie a lei, signor Presidente. Stia bene

 
 
 

TRUMP SI ESPRIME SU ISRAELE, TUTTAVIA IN MANIERA POCO CHIARA.

Post n°1801 pubblicato il 07 Aprile 2024 da scricciolo68lbr

TERZA PARTE.

 

HH: Non vorrebbe mai giocare a golf con me.

DJT: Se ci sono camionisti, ascoltate questo, se ci sono camionisti, lui è un camionista. Se ci sono piloti di aerei, io ho fatto volare i piloti di aerei. Il tizio è solo, dobbiamo tirarlo fuori da lì. Dobbiamo tirarlo fuori da lì. Oltre a questo, ha armato il Dipartimento di Giustizia.

HH: Lei ha detto che lo affronterà ovunque e in qualsiasi momento. Pensa che accetterà un dibattito?

DJT: Sì, ovunque e in qualsiasi momento.

HH: Pensa che accetterà?

DJT: Non credo, ma spero che lo faccia. Penso che sia successo che quella roba bianca che hanno trovato, che si è rivelata essere cocaina, alla Casa Bianca, non so, penso che stia succedendo qualcosa, perché ho guardato questo State of the Union, e lui era tutto sballato all'inizio. Alla fine, stava svanendo rapidamente. C'è qualcosa che non va. Voglio discutere. E credo che i dibattiti, almeno con lui, dovrebbero essere sottoposti a un test antidroga. Voglio un test antidroga.

HH: Signor Presidente, sta insinuando che il Presidente Biden faccia uso di cocaina?

DJT: Non so cosa stia usando, ma non era, ehi, era più alto di un aquilone. E comunque, è stato il peggior discorso che abbia mai visto, lo Stato della Nazione. Vi dirò, lo Stato dell'Unione, quello non è lo Stato dell'Unione, perché non ci rappresenta correttamente. Questo lo posso dire. Ma è evidente che è stato aiutato in qualche modo, perché la maggior parte delle volte sembra che si stia addormentando. E all'improvviso è salito lì e ha fatto un pessimo lavoro. Ma era tutto sballato.

HH: Bene, signor Presidente, passiamo al Vicepresidente. Per la prima volta da anni, il vicepresidente potrebbe avere davvero importanza, perché la gente lo valuterà nel suo calcolo. Non vi farà guadagnare uno Stato, non vi farà guadagnare un dato demografico. La mia breve lista è composta da Cotton o Ernst o Mike Pompeo, o forse Doug Burgum. Avete stilato una lista di persone a cui state pensando? Ci sono questi quattro?

DJT: L'ho fatto. Voglio dire, ho una lista. Penso che, in realtà, è una domanda che ricevo spesso. La prima domanda è: come si fa? Come si fa con tutte queste false indagini? Come si fa. La seconda domanda che mi viene rivolta è: "Chi sarà il vicepresidente?". Chi sarà? E la terza domanda, che di solito è la seconda, è se lo faranno di nuovo, cioè se imbroglieranno? E questa è semplice. Ci proveranno con tutte le loro forze. E noi pensiamo di averli messi in scacco, ma vedremo cosa succederà. Ma è una vergogna. Un modo per vincere è quello di sommergerli, capite? Se li sommergi, non possono fare nulla. Ed è quello che penso accadrà con queste elezioni.

HH: Beh, questo era il titolo di un libro che ho scritto 20 anni fa. Se non è vicino, non possono imbrogliare. Quindi non fatelo diventare vicino. Ma anche il vicepresidente rientra in questo discorso. Chi aiuta di più il suo ticket, secondo lei?

DJT: Beh, voglio dire, ho delle persone molto valide. Lei ne conosce molte. Sono sempre nel suo programma e sono molto bravi. Ho persone molto brave. Ma non sono pronto a dirlo. Ho persone eccellenti, e abbiamo persone fantastiche. E sceglierò una persona che, soprattutto, sarà in grado di dire "buon presidente", se dovesse succedere qualcosa. Deve essere qualcuno che possa essere un buon presidente, cosa che Biden non ha. Biden ha una delle persone peggiori. La gente non riesce nemmeno a crederci. E penso che finirà per essere una parte importante della campagna, perché sarebbe sorprendente per me se riuscisse ad arrivare al cancello. Ma se lo farà, quanto resterà? Non lo so. Penso che diventerà una parte molto importante della campagna.

HH: Per questo penso che il suo vicepresidente verrà paragonato molto a lei, e quindi sarà molto interessante.

DJT: Sono d'accordo. Sì, sono d'accordo.

HH: Devo farle una domanda, ha appena parlato di cospirazione. Lo studioso del Watergate Geoff Shepard ha portato alla luce, tramite il FOIA, una serie di documenti che dimostrano la collusione illegale nel 1974 e che ha portato alle dimissioni del Presidente Nixon 50 anni fa. Collusione illegale tra i procuratori, il giudice, i democratici di parte, alcuni organi di stampa. Nessuno sta prestando molta attenzione a questi documenti trovati da Shepard. Pensa che Nixon sia stato la prima vittima del lawfare?

DJT: Beh, per molti versi, e sa, io ero un suo fan sotto molti aspetti, ok? E anche lei. Ma per molti versi è stato il suo peggior nemico. Ha fatto cose che non erano, non ha trattato bene le persone, alcune persone, e quelle persone hanno finito per tornare a prenderlo. Ma per molti versi era il peggior nemico di se stesso. È stato sicuramente, voglio dire, lo hanno perseguito come non hanno mai fatto con nessuno. Ha commesso alcuni errori, per usare un eufemismo. I licenziamenti sono stati un errore. Avete notato il modo in cui ho tenuto le persone che non sopportavo?

HH: Sì.

DJT: L'ho imparato da Nixon. Ho detto: "Lasciatemi vivere con queste persone per un po' prima di sbarazzarmene". Ma ho avuto alcune persone di cui, ah, perché vogliamo fare i nomi? Ma ho avuto persone terribili e persone fenomenali. E la buona notizia è che ora le conosco tutte. E sapete, quando sono andato a Washington, non l'avevo mai fatto prima. Non avevo mai pernottato a Washington. Non conoscevo le persone. Ho dovuto affidarmi alle raccomandazioni delle persone. E alcune raccomandazioni provenivano da RINO. E comunque, alcuni erano fantastici. Ho avuto persone incredibili. Ma anche persone che non avrei scelto se avessi saputo come erano. Ma Nixon sarà molto interessante. A proposito, non vedo l'ora di vedere quelle informazioni, per curiosità.

HH: Beh, probabilmente Geoff te le manderà. Ma l'azienda di famiglia del Presidente Biden, perché paragoniamo Nixon nel '72-'74, e poi le indagini a cui siete stati sottoposti, ha ricevuto il trattamento Checkers o Watergate o Whitewater o Russia, Russia, Russia?

DJT: No, credo che abbiano avuto un lasciapassare. Se ci fate caso, ora hanno cercato di dare un lasciapassare a Hunter, ma un giudice molto bravo si è rifiutato di accettarlo. Hunter era libero e pulito, e stava navigando come un uccello, e un giudice l'ha guardato e ha detto: "È mai stato fatto prima", e loro hanno detto di no. E non avevano mai fatto prima quello che gli avevano fatto, cioè in modo positivo per lui. E lei ha detto: "Beh, dobbiamo indagare". E poi l'ha fatto, beh, guarda, ha fatto emergere alcuni fatti che sono stati sorprendenti. Quindi l'avevano truccata a dovere, ma non ha funzionato e non so a che punto sia adesso. Ma è ovvio che non è più come prima. L'avevano, l'avevano truccata proprio come l'avevano truccata con Biden per la bufala dei documenti. Voglio dire, gli hanno dato un lasciapassare. Ma io devo passare al vaglio, e sono soggetto alla legge sui documenti presidenziali, mentre lui non lo è, perché non era presidente. Quindi sono soggetto al Presidential Records Act, che ti dà una protezione totale da tutte queste cose. È un caso che avrebbe dovuto, ho un procuratore squilibrato. Abbiamo queste persone, mentre, francamente, Biden aveva un pubblico ministero molto gentile, perché era colpevole di tutto, mentre io non lo sono. Non era colpevole del Presidential Records Act. Ha preso delle cose quando era senatore 45 anni fa, e la gente non riesce a crederci.

HH: Sì, il rapporto del consigliere speciale Hur è piuttosto schiacciante. Sono sicuro che se ne parlerà in un dibattito.

DJT: Oh, sì.

HH: Mi permetta di parlarle dei sondaggi. Lei è in vantaggio in quasi tutti i sondaggi in quasi tutti gli Stati, e spesso di molto. Andate meglio quando c'è RFK. Ma RFK ha detto che Biden, Robert Kennedy Jr, ha detto che Biden è peggio di lei per la democrazia. E i sondaggi continuano a mostrare che effettivamente, alcuni sondaggi mostrano che siete in parità. Crede che RFK l'aiuterà a partecipare al voto? O favorirà la presenza di Biden al ballottaggio?

DJT: Credo che in realtà danneggi Biden. È molto liberale e penso che probabilmente danneggerà Biden. Biden è, sa, non so se sia liberale, ma di certo sta giocando una partita migliore di quanto chiunque abbia mai fatto da questo punto di vista. Voglio dire, è così a sinistra, è diventato così a sinistra che fa ridere, Biden, perché non riesce a crederci. Ma non credo che capisca nemmeno cosa sta succedendo al Paese. Penso che non ne sia consapevole. È colpa delle persone che lo circondano in ufficio. Compreso il Dipartimento di Giustizia. Non credo che sappia cosa diavolo sta succedendo. Sta distruggendo il nostro Paese.

HH: Questa settimana c'è stato un altro omicidio di migranti a Cincinnati, in una città chiamata Hamilton, dove mi trovo in questo momento, dove lei sta parlando con loro. 10 milioni di persone hanno attraversato il confine. Cosa farà al riguardo se sarà eletto di nuovo presidente?

DJT: Avremo il più grande sforzo di deportazione della storia, più grande di Dwight Eisenhower. Eisenhower era un grande deportatore, come probabilmente sapete. La gente non lo sa. Ed era un duro. E lo avremo, perché nessun Paese può sostenere ciò che ci sta accadendo al confine. Non c'è nessun Paese nella storia che possa sostenerlo. Abbiamo persone che arrivano dalle carceri e dagli istituti psichiatrici. Abbiamo persone che entrano come terroristi. Se guardiamo al 2019, hanno fatto un rapporto. Non sono entrati terroristi. Ora non ci credo nemmeno. Ma hanno fatto zero. Questa è la Sicurezza Nazionale. Nessun terrorista è stato avvistato mentre entrava nel nostro Paese. Hanno dovuto passare l'inferno con me. E se guardate la mappa che è stata pubblicata, il giorno migliore in assoluto per quanto riguarda gli immigrati clandestini che entrano nel nostro Paese, cioè in modo positivo per il Paese, cioè non entrano, è stata la mia ultima settimana in carica, i miei ultimi giorni in carica. Sono stati i migliori, quei numeri erano scesi, li avevamo scesi. Sapete, quando questo tizio è andato in spiaggia, se fosse andato in spiaggia ogni giorno e avesse lasciato perdere, avremmo avuto il confine blindato. Ho costruito 571 miglia di muro. Ne avrei costruiti altri 200 nel giro di poche settimane. Era tutto costruito e pronto. Ho dovuto far intervenire i militari. L'ho definita un'invasione, perché non è stato possibile farla passare, francamente, attraverso alcuni repubblicani. Ora alcuni di loro mi hanno recentemente appoggiato, come Mitch McConnell. Riesci a crederci? Mitch McConnell mi ha appoggiato. Sono così felice. Ma Mitch McConnell mi ha appoggiato, e John Thune, e Cornyn, un sacco di gente mi ha appoggiato e molti hanno detto "Wow, che bello". Quindi devo essere molto bravo.

HH: Beh, i sondaggi lo dimostrano. Ma voglio dire che il Presidente ha cercato di usare il suo commento sul bagno di sangue contro di lei, e le si è ritorto contro. Ha portato molta attenzione al confine.

DJT: Sì.

HH: Crede che continueranno a cercare di travisare quello che ovviamente non è quello che sta dicendo, perché succede di tutto, voglio dire, deve aver investito il cane di Joy Behar o qualcosa del genere, perché le dà sempre addosso a View. Ogni volta che lo fa, le faccio ascoltare dei filmati. Insomma, è mai andato d'accordo con lei?

DJT: Sì, molto, molto bene. Anzi, ricordo che ero al Radio City Music Hall e lei è arrivata. Oh, per favore, fai lo spettacolo. Sai quante volte ho fatto "The View"? Devo avere quasi un record. Ho fatto "The View" così tanto. Ora è un pessimo programma. È terribile. Sai che Whoopi Goldberg mi ha chiamato e mi ha chiesto se volevi partecipare al mio film? Ha fatto un film sul basket. Mi ha detto: "Faresti un cameo? Per favore, per favore? Ho detto che non ho tempo. Lei disse per favore, e alla fine feci un cameo nel film di Whoopi Goldberg. Mi ha detto che sei bravissima. Non c'è nessuno come te al mondo. Non c'è nessuno come te. Joy Behar mi ha chiesto di venire allo show. Sono seduto lì con mia moglie, seduto lì con Melania. Per favore, per favore, fai lo show. Lei è così grande. Sei la persona migliore della televisione. Ti prego, fai lo show. E poi, quando mi candido, all'improvviso, è come se avessi la peste.

HH: Devo dire che perde il controllo quando inizia a parlare di lei. Tra poco mi chiamerà il suo team, quindi voglio concludere, signor Presidente. Ma voglio farle un paio di domande divertenti, come faccio sempre, perché voglio arricchire il materiale del biografo. Quando cresceva a New York e nel Queens e aveva un giorno libero da scuola o era malato, cosa guardava? Che tipo di TV spazzatura guardava?

DJT: Mi piaceva lo sport e mi piacevano i notiziari. Voglio dire, mi piace guardare le notizie, ma adoro guardare lo sport. Mi è sempre piaciuto lo sport. Sono stato bravo nello sport, molto bravo nello sport. E ho sempre amato guardare lo sport. Quindi direi che in gran parte, a quel tempo, più o meno. Amavo la storia, tutto ciò che aveva a che fare con la storia, ma non c'era come a quei tempi. Sai, c'erano tre reti.

 
 
 

TRUMP SI ESPRIME SU ISRAELE, TUTTAVIA IN MANIERA POCO CHIARA.

Post n°1800 pubblicato il 07 Aprile 2024 da scricciolo68lbr

SECONDA PARTE.

 

HH: Quindi è ancora al 100% con Israele? E qual è il suo consiglio a Netanyahu, oltre a quello di farla finita in fretta?

DJT: Beh, questo è tutto il consiglio che si può dare. Voglio dire, questo è il consiglio. Bisogna farla finita e tornare alla normalità. E non sono sicuro di amare il modo in cui lo stanno facendo, perché devi avere una vittoria. Bisogna ottenere una vittoria, e ci vuole molto tempo. E l'altra cosa che non sopporto è che pubblicano cassette in continuazione. Ogni sera, pubblicano i nastri di un edificio che crolla. Non dovrebbero diffondere nastri del genere. Stanno facendo, ecco perché stanno perdendo la guerra delle pubbliche relazioni. Israele sta assolutamente perdendo la guerra delle pubbliche relazioni.

HH: È così che ho letto la sua intervista. Ho letto la sua intervista come se dicesse che stanno perdendo la guerra delle pubbliche relazioni. Devono smetterla di rilasciare video scadenti e vincere la guerra entrando a Rafah.

DJT: Stanno rilasciando i più atroci e orribili video di edifici che crollano. E la gente immagina che ci siano molte persone in quegli edifici, o persone in quegli edifici, e non gli piace. E non so perché abbiano diffuso, sai, riprese di guerra come quelle. Immagino che li faccia sembrare dei duri. Ma per me non li fa sembrare duri. Stanno perdendo la guerra delle pubbliche relazioni. La stanno perdendo alla grande. Ma devono finire quello che hanno iniziato, e devono finirlo in fretta, e noi dobbiamo andare avanti con la vita.

HH: Signor Presidente, ieri sera il suo ex Segretario di Stato, Mike Pompeo, era in collegamento con Laura Ingraham. Hanno analizzato i numeri ed è davvero sorprendente. Nell'ultimo anno in cui lei è stato presidente, 342 cittadini cinesi hanno attraversato il nostro confine meridionale. L'anno scorso sono stati 24.000, e quest'anno finora 22.200. 46.000 cittadini cinesi in 18 mesi. Cosa pensa che stiano facendo?

DJT: Esatto. Beh, abbiamo avuto il confine più sicuro della storia, e avete visto il grafico pubblicato un paio di giorni fa in cui, letteralmente il giorno in cui ho lasciato l'ufficio, avevamo il numero più basso della storia. E subito dopo sembrava un razzo. Tutti hanno iniziato a riversarsi nel nostro Paese. Ha tolto tutte le sanzioni. Quello che ha fatto al nostro Paese, non solo i cinesi, ma anche quelli che arrivano da tutte le parti. Abbiamo il Congo, e in Congo l'indirizzo normale è la prigione. Dove si trovava in Congo? Non conoscono l'indirizzo, dicono. Noi pensiamo che sia questo il luogo. Era una prigione. Erano in prigione per omicidio, e abbiamo accolto queste persone, e le abbiamo accolte da molti altri Paesi. Non solo dal Sud America, li stiamo accogliendo. Siamo per le pari opportunità. Li abbiamo accolti da tutto il mondo, Hugh. Arrivano da tutto il mondo. E arrivano da Paesi in cui ci sono grossi problemi. E sono anche persone difficili. È gente tosta. Sono persone molto, molto dure.

HH: Cosa pensa che stiano facendo i cittadini cinesi? Secondo il Segretario Pompeo, non si esce dalla Cina senza autorizzazione. E potrebbero essercene uno o due che possono sfuggire...

DJT: No, probabilmente stanno costruendo un esercito. Probabilmente stanno costruendo un esercito dall'interno. Voglio dire, guardate cosa sta succedendo, perché sono giovani uomini molto sani per la maggior parte. E ora sono più di 30.000. Sono molte persone. Sono più di 30.000. Sono giovani e in buona salute. Vedo le loro foto. Li vedo anche nelle registrazioni televisive. Insomma, sono persone giovani e in salute.

HH: Stanno costruendo un esercito.

DJT: E lei dice cosa sta succedendo.

HH: Credo che questa sia una frase da prendere al volo. Passiamo al Partito Comunista Cinese. Stanno costruendo navi su navi. Sono a quota 395. Tra un paio d'anni arriveranno a 425.

DJT: Giusto.

HH: Scenderemo a 280. Se sarà di nuovo presidente, tornerà al piano di costruzione navale di 345 o 355 unità?

DJT: Sì, stavamo per farlo, eravamo sulla buona strada. Avevamo talenti incredibili, navi incredibili pronte per essere costruite. Poi è arrivato questo tizio e ha cancellato tutto. Prima di tutto, si tratta di posti di lavoro, ok? È molto importante, perché si tratta di posti di lavoro, di grandi posti di lavoro. Ma sapete, ho ricostruito l'intero esercito, e l'unica cosa è che le navi sono, sapete, più lunghe da fare. Eravamo pronti a fare qualcosa di grandioso. Abbiamo iniziato il processo. Abbiamo dato, come sa, i cacciatorpediniere, abbiamo dato al Wisconsin un enorme cantiere nel Wisconsin.

HH: Oh, sì. Le nuove fregate. Sì, le nuove fregate.

DJT: Un contratto molto grande per le fregate. Sembrano, voglio dire, erano bellissime. Sembrano, sì, perché io sono un amante della bellezza, ad essere sincero. Sembrano yacht con un sacco di armi a bordo, un sacco di armi. Ma sono venuti davvero bene. Ma stavamo distribuendo un sacco di navi, e poi è arrivato questo tizio, che non ha idea di quello che sta facendo. Non ne ha la minima idea. La Cina sta costruendo navi, sta lanciando un messaggio di costruzione navale che nessuno ha mai visto prima.

HH: Sono d'accordo, e dobbiamo invertire la rotta. Passiamo alla politica. Prima di tutto, così su due piedi, in Wisconsin ha pronunciato una frase sulla giornata di visibilità cristiana del 5 novembre che mi ha fatto ridere a crepapelle. Era nel gobbo? È stata improvvisata? Da dove è venuta fuori, perché era molto divertente?

DJT: No, non c'era. Non era nel gobbo. Pensavo a quanto fosse folle la giornata dei transgender a Pasqua. E ora va in giro a dire che non lo sapeva. Per tre giorni l'ha saputo e ora, all'improvviso, non lo sapeva. Questo tizio mente. La cosa su cui mente di più è il suo handicap nel golf. Non solo non è un 6, ma non è nemmeno un 36. 36 è il peggior handicap che si possa avere prima di qualificarsi. Lui non è qualificato per il 36.

HH: Sì, credo di essere nella stessa categoria.

DJT: E mente su tutto.

 
 
 

TRUMP SI ESPRIME SU ISRAELE, TUTTAVIA IN MANIERA POCO CHIARA!

Post n°1799 pubblicato il 07 Aprile 2024 da scricciolo68lbr

PRIMA PARTE.

 

In una intervista radiofonica, l’ex presidente Trump ha affermato che Israele "sta perdendo la guerra di comunicazione" a Gaza, e per questo, dovrebbe terminarla "in fretta". L'ex presidente degli Stati Uniti ha anche criticato Israele per aver diffuso video "atroci" degli attacchi aerei a Gaza. 

Stanno sollevando polemiche le parole di Donald Trump rilasciate nell’ultima intervista al conduttore radiofonico Hugh Hewitt. Da una parte i sostenitori di Trump che vedono nelle sue parole, una esplicita "critica" al sionismo; dall’altra i suoi detrattori hanno interpretato maliziosamente le sue parole come un "consiglio amichevole" nei confronti di Netanyahu, ad arrivare ad una soluzione finale in un tempo ragionevolmente breve, per non perdere ulteriori consensi. 

Entrambe le fazioni sostenitrici, potrebbero essersi fermate ai titoli rilanciati dalle varie agenzie di stampa, pro e contro il Tycoon, senza approfondire più di tanto. Che fare? Fondamentale diviene a questo punto, leggere quello che Trump ha realmente pronunciato, senza restare alla mercè di chi “aizza” i propri followers, dicendo loro proprio quello che vogliono sentirsi dire. 

I fatti hanno dimostrato incontrovertibilmente, che Donald J. Trump, al pari di tutti gli altri Presidenti USA, è sempre stato un sostenitore di Israele, al punto di riconoscere “ufficialmente” Gerusalemme come sua capitale, con un atto unilaterale contrario a quello che il diritto internazionale dal 1967 aveva sancito. Ricordo infatti che la Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est, è sotto controllo israeliano dal 1967: sono universalmente considerati territori occupati in cui è applicabile il diritto internazionale umanitario. L’illegale annessione di Gerusalemme Est da parte di Israele è stata formalizzata dalla legislazione nazionale nel 1980 ed è stata ripetutamente condannata dalla comunità internazionale attraverso varie risoluzioni del Consiglio di sicurezza.

D'altronde gli USA hanno sempre perseguito i propri interessi, sempre e comunque. Fanno sorridere e lasciano il tempo che trovano, i numerosi influencers che vedono nelle quasi certa elezione prossima di Trump, la soluzione di tutti i problemi del pianeta. Specialmente qui da noi, credo in molti immaginino un Trump che viene in Italia e risolve con uno schiocco di dita, tutte le problematiche crete in questi ultimi quarant'anni, da una classe politica, inetta, incapace, spesso e volentieri collusa coi poteri forti espressi dalle grandi famiglie kazhariane-sioniste-askenazite, che in lungo ed in largo, governano il Paese, soprattutto controllando la carta stampata, Tv e mezzi di comunicazione.

Ritirnando a Trump e le sue parole su Israele, dopo molti mesi di bombardamenti ed aggressioni feroci che hanno portato la "Corte Internazionale" a trattare l’attacco di Israele come ipotesi di “genocidio”, Trump ha espresso un concetto esclusivamente a seguito dell’attacco dell’IDF al convoglio umanitario della World Central Kitchen, attacco che ha causato la morte di sette operatori. Ha parlato di “guerra delle pubbliche relazioni” che Israele sta perdendo; questo lo si legge compiutamente nell’intervista.

Proteste veementi a supporto del Popolo Palestinese, divampano ormai in tutto il mondo, Stati Uniti compresi. Trump è in piena campagna elettorale, e si trova a barcamenarsi tra due fuochi, da una parte la potentissima lobby ebraica e dall’altra tra chi rigetta la sua propaganda. In gioco ci sono: da una parte milioni di finanziamenti, dall’altra milioni di voti. 

Sarà stato forse questo il motivo, per cui a domanda specifica di Hewitt se sostiene al 100% Israele, Trump ha cercato di rispondere in maniera  diplomatica, ma non sufficientemente chiara.

Il mio punto di vista è che dobbiamo sempre imparare a leggere ed ascoltare, osservare e ragionare personalmente le parole pronunciate effettivamente dai diretti interessati, evitando qualsiasi tipo di strumentalizzazione, propaganda e/o “fanatismo”.

Per questo motivo pubblico la trascrizione integrale dell’intervista, tradotta in italiano, ed invito chiunque fosse interessato a formarsi una opinione in completa autonomia, a verificare personalmente le parole dette, e a trarne la propria opinione. 

Resta sempre questo, alla fine, l’unico modo che ciascuno ha a propria disposizione, per evitare di cadere nelle trappole tese dalla propaganda, dalla cattiva informazione fatta a volte degli influencers,  e da una visione volutamente maliziosa esercitata dagli “operatori mediatici”, che siano in buona o in cattiva fede.

L’intervista è purtroppo lunga, la lettura idem, però a mio avviso, è necessaria. 

Ecco la trascrizione integrale dell'intervista rilasciata da Trump a Hugh Hewitt. 

*****

HH: Con il nostro ospite molto speciale, l'ex Presidente Donald Trump. Signor Presidente, bentornato. È sempre un piacere averla in trasmissione.

DJT: Beh, grazie mille.

HH: Vorrei iniziare con Israele, signor Presidente, perché domenica sono passati sei mesi dal 7 ottobre. Di recente lei ha rilasciato un'intervista a Israel Hayom, che è stata definita da molti a sinistra come critica nei confronti di Israele. Stamattina Jonathan Tobin ha scritto: "Aspettate un attimo, non è così". Trump è stato il presidente più amichevole di sempre per Israele. È stato descritto male nei suoi consigli a Israele?

DJT: Beh, con le fake news non si sa mai a cosa si va incontro. Puoi dire qualcosa di molto chiaro e loro lo rigirano. Ribaltano tutto. Ecco perché sono false. Ed è per questo che sono stati scoperti. Ecco perché si è scoperto che sono così, sapete, se guardate gli indici di gradimento, sono più bassi di quelli del Congresso ora, dei telegiornali. Erano negli anni '90 quando ho iniziato, e ora sono più bassi del Congresso. Quindi sono molto orgoglioso di questo fatto. Sono una cattiva notizia. Sentite, Israele non sarebbe mai dovuto accadere. Se fossi stato presidente, non sarebbe successo. L'Iran era al verde. Non avevano soldi. Non avevano nulla. E avremmo lavorato, un accordo con l'Iran sarebbe già stato fatto. Nel frattempo, avranno un'arma nucleare probabilmente entro 45 o 60 giorni. E allora sarà un po' più difficile parlare con loro. Ma il 7 ottobre non sarebbe mai successo. Non sarebbero mai e poi mai stati attaccati. Ma è quello che è, e questa cosa orribile è accaduta. E quello che ho detto molto chiaramente è di farla finita, di tornare alla pace e di smettere di uccidere le persone. È un'affermazione molto semplice. Farla finita. Devono finire quello che hanno finito. Devono portarlo a termine. Farla finita, e farla finita in fretta, perché dobbiamo, dovete tornare alla normalità e alla pace. Il mondo intero sta esplodendo con questo presidente idiota che abbiamo. È un idiota. È il presidente più stupido che abbiamo mai avuto. È il più corrotto e il più incompetente. È il peggior presidente che abbiamo mai avuto per un fattore... Lo sapete, dico io, e voi ne avete ascoltati parecchi. Se si sommano i dieci peggiori presidenti della storia, non hanno fatto i danni che ha fatto quest'uomo al nostro Paese. Quello che ha fatto alla frontiera, permettendo a 15 milioni di persone di entrare nel nostro Paese e ad altre in arrivo, è semplicemente folle. Quello che hanno fatto al nostro Paese in tre anni e mezzo è incredibile.

HH: Ma lei è ancora al 100% con Israele? Avete raggiunto gli Accordi di Abramo, che sono stati il primo accordo di pace dopo Sadat.

DJT: Esatto.

 
 
 

AREA PERSONALE

 

RADIO DJVOCE

 

PAROLE

   

     IL TIBET NASCE LIBERO

  LASCIAMO CHE RESTI TALE

                             i

Le parole.

                       I

Le parole contano
dille piano...
tante volte rimangono
fanno male anche se dette per rabbia
si ricordano
In qualche modo restano.
Le parole, quante volte rimangono
le parole feriscono
le parole ti cambiano
le parole confortano.
Le parole fanno danni invisibili
sono note che aiutano
e che la notte confortano.
                                  i
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

scricciolo68lbrDesert.69cassetta2norise1there0perla88sQuartoProvvisoriom12ps12Kanty0ssurfinia60Rico65moroPenna_MagicaThirteen13daniela.g0
 

I LINK PREFERITI

DECISIONI.

 

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 

IMMAGINI DI TE

 

 

 

 

 

CONTATTO

 

 

PASSIONE

immagine


 

 

LIBERTà.

 

 

Affrontare ciò che ci spaventa

è il modo migliore per superare

ciò che ancora non si conosce.

 

 

 
 

ATTIMI

 

 

 

UN GIOCO!

 

 

EMOZIONI

 

 

 

 

 

PASSAGGI

Contatore accessi gratuito

 

 

ABBRACCIO

 

  

 

 

BOCCA

 

 

 

 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963