Creato da ballolentodelcuore il 26/02/2008

ballo lento

il mio ballo

 

« POST N° 168POST N° 171 »

POST N° 169

Post n°169 pubblicato il 10 Marzo 2010 da ballolentodelcuore

Non ti sogno. Non ti sento. Ma ogni volta che muovo un passo, sei in me. Non ti amo più come una volta, forse non ti amo affatto. Ma sei nelle mie vene. E le mie vene hanno voce, voce alta e rimbombano le sue parole. Porto a casa gli ultimi pezzi di te, trovo un posto per ogni cosa che ti rappresenti e questa casa felice, dove sembra che tu non dimori, muore di un’apparenza. Accanto al letto c’è qualcosa che parla di te, che ho messo per te. In sala, insospettabile, c’è qualcosa che mi porta a te. Il profumo ha il sapore di notti con te. Ti faccio entrare nel mio mondo, silente. Nessuno vede, ma io ci sbatto la faccia ogni santissimo giorno. La mia pelle si marchia ancora, sembra che tu non viva, ma io non posso fare a meno di guardare. Forse perché ci circondiamo solo di quello che abbiamo dentro, forse per ricordarci chi siamo, forse perché lì, ci riconosciamo. Radici. Tu sei le mie radici. Quando una pianta è tanto forte possono nascere intorno i fiori più belli , ma quell’albero è così alto e così pieno di primavere, che fiori nascono tutti i giorni e neanche la vicina, splendida pianta che annaffiamo tutti i giorni, curata, vissuta, distoglie l’attenzione dall’immensa bellezza che si staglia, inconscia, sublime, dietro di lei. Non una goccia d’acqua, ma c’è. Non una coperta nei giorni freddi, ma c’è. E anche quando lì cade la neve, la sagoma rimane impassibile, stagliata verso il sole, ad aspettare che un raggio, un gesto, li scopra.
Sei talmente grande che è impossibile non notarti.
Io accetto tutto questo, in me. É benedizione perché ogni benedizione non accettata, diventa una maledizione. Ma soprattutto è una benedizione perché deve essere veramente meraviglioso l’amore, se mi trova ancora legata a te, e ai tuoi splendidi rami. Non posso neanche toccarli, non ci sei, non ti vedo, ma tu sei mio, lo sei sempre.

Un bacio a tutti voi miei amici…. giorni fragili mi hanno accompagnata e poi la vetta, verso piani di possibilità più alte… ma l’amore, quello ho scoperto che è immutabile. O almeno questo, è quel che mi dimostra la vita.

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 

I NOSTRI BALLI

Ti ricordi...quando ci davamo appuntamento qui sotto...???

 

SE MI UCCIDI, TI UCCIDO

"Quell'uomo aveva ucciso la cosa che amava,
E pertanto doveva morire.

Eppure ogni uomo uccide la cosa che ama,
Che questo lo sentano tutti:
Chi lo fa con uno sguardo amaro,
E chi con una lusinga,
Il codardo con un bacio,
Il coraggioso con la spada

Chi uccide il suo amore da giovane,
E chi lo uccide da vecchio;
Chi lo strangola con le mani della lussuria,
Chi con le mani dell'oro:
I più pietosi usano un coltello, perché
I morti si freddano così presto.

C'è chi ama troppo poco, chi troppo a lungo,
C'è chi vende e c'è chi compra;
Chi compie l'atto con molte lacrime,
E chi senza un sospiro:
Perché tutti uccidono la cosa che amano,
Anche se dopo non tutti muoiono."

Ballata del Carcere di Reading - Oscar Wilde

 
 

AREA PERSONALE

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 47
 

ULTIME VISITE AL BLOG

a1r3x0dusbrividosognantesupercevifranco_cottafaviairexodusWindnessPerturbabilegiancarlolangiugelatoalcioccoPrivate.LettersPerturbabiIeCleo412tittithorlumil_0domenicomariabruni
 

QUANTI SIAMO?

hit counter

 

ULTIMI COMMENTI

 
 
 
 
 

 

NO!!!!


NON C'E' SCUSA CHE VALGA!

 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.