Creato da sarahbb il 09/07/2011
L'angelo caduto per gustare l'infernale sapore e memorare il sibilo del paradiso
 

 

remore

Post n°124 pubblicato il 27 Gennaio 2022 da sarahbb
 

E l’ho fatto, è una sera di gennaio. C’era quella voce dentro me, mi parlava di te. Oggi si è fatta forte: cammina in quegli angoli, quelle strade, quei luoghi; goditeli, calati in quelle emozioni. Quanti mesi. Ora osservo. Ho il magone, vorrei sedermi a guardare, pensare a tutto quello che oggi non c’è più. Mi faccio strada e cammino, è un camminare senza meta, guidato dall’istinto; ed è quello stesso istinto che mi spinge ad andare ancora una volta lì, da te: a guardarti, a provare ancora una volta la delicatezza del tuo saluto, a sentirti ancora vicino in questa vastità, sentire, solo sentire. I nostri sguardi si rincorrono, ci cerchiamo in lontananza, è buio. Sono dinanzi a te: tento disperatamente di evitare; forse tento di evitare me stessa. Fallisco. Sono tradita dall’emozione, mossa da quel bisogno che mi parla spesso di te. Ho freddo. Ti saluto con la mano, tu anche. In lontananza ti fermi, indugi, indugiamo. Sono dall’altra parte della strada. Siamo inerti come due idioti. Due idioti diretti verso strade opposte. D’improvviso si rompe il silenzio. Vuoi sapere se vada tutto bene. Urli, vuoi farti sentire. Aspetti un secondo. Poi il silenzio. Silenzio parlante. Guardarci in silenzio. Faccio per andarmene. Ero lì per te. Avrei voluto. Desideravo. Se solo avessi. Ero lì per te. So che lo sai. Lo sa tutto il tuo essere. Lo sapevi profondamente in quell’attimo, lo sapevi in quell’indugio. Remore.

 
 
 

sola

Post n°123 pubblicato il 16 Settembre 2021 da sarahbb
 

A volte siamo pericolosamente, dannatamente, incondizionatamente fragili. In quella quotidianità ove si fanno strada così tanti sguardi persi, distratti; dove l'anonimia prevale senti il mondo così freddo, sei un puntino tra la folla, parli: ti udiscono poco, ascolti: non riesci a comprendere, ricerchi la mimica; i volti rivelano l'inconsistenza del loro qui ed ora; 

 
 
 

Sete di emozioni

Post n°122 pubblicato il 15 Aprile 2021 da sarahbb

E mi chiedo se quelle emozioni, quelle sensazioni, possano di nuovo riapparire. Forse se non me le avessi fatte conoscere non ne sarei stata così maledettamente dipendente. O forse tutto accade solo nella mia mente? Dovrei lottare contro me stessa? Sentivo il bisogno, non c'era niente di più importante di quei minuti trascorsi insieme. Volevo i tuoi occhi su di me. Forse erano solo briciole ma in quel momento ne avevo bisogno. Anche quel pochissimo era sufficiente. 

 
 
 

Semplicemente una carezza

Post n°121 pubblicato il 03 Febbraio 2021 da sarahbb

 

Un tocco, uno sfioramento.

Un risveglio, uno scuotimento dentro, un volere ancora, un indugiare, andare via, un ricordare, un bramare, volerne ancora.  

Giorni che passano, tempo che non è mai abbastanza, attimi che si imprimono nel corpo, che frastuonano nella mente, ti trascinano, pensieri, desiderio e ancora l'attesa. 

 
 
 

......

Post n°120 pubblicato il 01 Giugno 2014 da sarahbb

triste addio

Ora permane solamente il vuoto

Mi mancherai .. Tanto ..

 

 

 
 
 
Successivi »
 

 

Impavidamente rischiando

nella profondità 

dei meandri

cechi

 

 


Carnale, ingenua,

plasmabile,

libidinosa


 

Inno alla bellezza

Vieni tu dal cielo profondo o sorgi dall'abisso, Beltà? Il tuo sguardo, infernale e divino, versa, mischiandoli, beneficio e delitto: per questo ti si può comparare al vino.

Riunisci nel tuo occhio il tramonto e l'aurora, diffondi profumi come una sera di tempesta; i tuoi baci sono un filtro, la tua bocca un'anfora, che rendono audace il fanciullo, l'eroe vile.

Sorgi dal nero abisso o discendi dagli astri? Il Destino incantato segue le tue gonne come un cane: tu semini a casaccio la gioia e i disastri, hai imperio su tutto, non rispondi di nulla.

Cammini sopra i morti, Beltà, e ti ridi di essi, fra i tuoi gioielli l'Orrore non è il meno affascinante e il Delitto, che sta fra i tuoi gingilli più cari, sul tuo ventre orgoglioso danza amorosamente.

La farfalla abbagliata vola verso di te, o candela, e crepita, fiammeggia e dice: "Benediciamo questa fiaccola!" L'innamorato palpitante chinato sulla bella sembra un morente che accarezzi la propria tomba.

Venga tu dal cielo o dall'inferno, che importa, o Beltà, mostro enorme, pauroso, ingenuo; se il tuo occhio, e sorriso, se il tuo piede, aprono per me la porta d'un Infinito adorato che non ho conosciuto?

Da Satana o da Dio, che importa? Angelo o Sirena, che importa se tu - fata dagli occhi vellutati, profumo, luce, mia unica regina - fai l'universo meno orribile e questi istanti meno gravi?

-Charles Baudelaire-

 

FACEBOOK

 
 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

 

 

  Le rose…

rapiscono nella loro scarlatta figura


affogherai

nella loro 

bellezza

...

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

 

 

 

 

Ultimi commenti

gli addii sono sempre tristi
Inviato da: Corpo_Di_Rosa
il 06/06/2014 alle 11:16
 
eccitante....
Inviato da: zanzy90
il 15/04/2014 alle 14:56
 
in sintonia
Inviato da: Corpo_Di_Rosa
il 06/03/2014 alle 18:36
 
preveggenza
Inviato da: Corpo_Di_Rosa
il 25/02/2014 alle 18:08
 
estensione evolutiva
Inviato da: gocceinvisibili
il 03/02/2014 alle 22:47
 
 

Ti ammiro nel tuo fluttuare,

metafora della tua

volubilità

Famelicamente saziata

"Un'arte assai eccitante dell'eros
per una vera dominatrice.
Identifica l'essere la Padrona"

 

 


 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultime visite al Blog

sarahbbwilliamCars1loredana_popapasquale.pato7Blackbloods_SpawnFuroreNero.XOPIUMPASSIONEmephistodgl7NefesAnimaChildOfMurderil_ramo_rubatodas.silviaPerturbabilepinnamariafranc.m1orchidea72dgl0
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

PROFUMO ESOTICO

Quando respiro,ad occhi chiusi,in una calda sera d'autunno ,

l'odore del tuo seno ardente,

vedo svolgersi rive felici,

che abbagliano le fiamme d'un sole monotono;

un'isola indolente dove la natura

crea alberi strani e frutti saporiti;

uomini in cui corpo è snello e vigoroso

e donne il cui sguardo stupisce per la sua schiettezza. 

Guidato dalla scia del tuo odore,verso climi affascinanti,

vedo un porto pieno di vele e alberi  

ancora affaticati dall'onda del mare,

mentre il profumo dei verdi tamarindi,

che circola nell'aria e che mi gonfia le narici,

si mescola dentro alla mia anima con il canto dei marinai.

-Charles Baudelaire-

 

 

 

 

 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom