Blog
Un blog creato da giulia_770.it il 15/01/2008

A R T E

.... e arte....

 
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: giulia_770.it
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 39
Prov: MI
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Lodobigiospeedy.72studiopuppolavmulinoagnese_740fabiomalbomimma_serenapietro_791.itlange_itSEMPLICE.E.DOLCEmanu78_itcassandra_70bscamile73_cbanitadil_it
 
 

GIULIA...

 Alcune foto sono reperite sul web, se l'autore le riconosce come sue, basta chiederlo e verranno rimosse al più presto...

Grazie! G/G


 

 

« Annullata la mostra il c...vVgile del fuoco morto n... »

...a me non sembra un titolo fuorviante...

Post n°6957 pubblicato il 05 Dicembre 2018 da manu78_it

...scompare l'obbligo di astensione prima della gravidanza...

Cambia con la manovra il congedo per le neomamme lavoratrici. Chi vorrà (con via libera del medico) potrà rimanere al lavoro fino al nono mese, portandosi 'in dote' l'intero periodo di astensione di 5 mesi a dopo il parto. E' quanto prevede un emendamento della Lega dedicato alle politiche delle famiglia approvato dalla commissione Bilancio della Camera. Il nuovo sistema viene proposto come 'alternativa' all'attuale, che impone invece l'obbligo di astensione (di uno o due mesi) prima della nascita del bambino.
Commenti al Post:
mi_piaci15
mi_piaci15 il 05/12/18 alle 14:30 via WEB
Credo che le Donne meritino di avere almeno 1 mese prima del parto la possibilità di stare a casa a parità di stipendio pagato dallo Stato, fino ad almeno 6 mesi dopo il parto... 7 mesi di maternità è il minimo per uno Stato che si ritiene socialmente aperto e moderno.
 
camile73_cb
camile73_cb il 05/12/18 alle 14:33 via WEB
Poichè la gravidanza non è una malattia, qualora la futura mamma si sentisse bene e non avesse motivi per stare a casa può, su parere positivo del medico, lavorare fino al parto. Esattamente ciò che facciamo noi libere professioniste che lavoriamo, partoriamo e, ahimè, rientriamo a lavoro. Con la differenza che le dipendenti potranno prolungare la maternità dopo il parto per stare il più a lungo possibile con il bimbo, come è giusto che sia.
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Alba il 05/12/18 alle 14:41 via WEB
Le donne potranno lavorare fino al nono mese? E questa è una conquista? Questo dimostra quanto le signore del parlamento conoscano il mondo del lavoro. Proporrei per loro un bel tirocinio in una fabbrica di ceramiche del distretto di Sassuolo, da svolgersi in parte d'estate e in parte d'inverno. Ricordo anche alle signore in questione che le mamme non hanno a disposizione la nursery come in parlamento e quasi tutte chiedono anche l'astensione facoltativa post partum.
 
angela.lv
angela.lv il 05/12/18 alle 14:49 via WEB
Per il lavoro che faccio (mi occupo di sicurezza sul lavoro) mi è capitato più volte di vedere donne che chiedono di lavorare fino al nono mese e , per alcune tipologie di attività, non vedo perchè la donna non possa essere libera di scegliere.. La tutela della donna lavoratrice e del nascituro è comunque regolata da altre normative (il Dlgs 151/2001 e il Dlgs 81/08) per cui , se la donna è esposta a particolari rischi , l'astensione anticipata è obbligatoria e non è possibile derogare.
 
mimma_serena
mimma_serena il 05/12/18 alle 15:02 via WEB
Non capisco, cosa cambia rispetto ad adesso? Mi sembra che anche ora si possa scegliere di lavorare anche durante il nono mese di gravidanza se il medico lo peemette in base alle condizioni fisiche e lavorative della gestante..
 
 
lilla_1940
lilla_1940 il 05/12/18 alle 19:47 via WEB
ciao, guarda le statistiche delle donne costrette al licenziamento al ritorno dalla maternità. Ecco cosa cambia. 1 mese in più e poi a casa. Esperienza diretta mia e di amiche.
 
   
anitadil_it
anitadil_it il 05/12/18 alle 20:02 via WEB
Infatti Mimma, non si dovrà restare fino al nono mese. Se il ginecologo approva si può lavorare fino al nono mese e stare a casa 5 mesi dopo il parto.....scivola solo il congedo....se la madre sta bene e se la sente e il lavoro e leggero perché no!
 
akemi_1976
akemi_1976 il 05/12/18 alle 19:44 via WEB
quante donne conoscono che sono state obbligate a usufruire della flessibilità che è attualmente in vigore? Perché anche adesso è POSSIBILE lavorare di più (fino a fine ottavo mese) con il consenso del medico, ma appunto è una facoltà, mai sentito di obblighi. Tanto più che comunque il congedo obbligatorio totale dura 5 mesi, cosa cambia al datore di lavoro se è prima o dopo?
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Cinzia il 05/12/18 alle 19:49 via WEB
Lo stesso della legge che c'e oggi di poter lavorare fino all'ottavo mese,ma non ho sentito nessuna donna lamentarsi.non erano messe davanti alla non scelta?o vale solo adesso??a proposito,le donne che lavorano nella propria attività non scelgono,lavorano fino all'ultimo giorno di gravidanza
 
kandy_77
kandy_77 il 05/12/18 alle 19:52 via WEB
Mi pare di aver capito che è una decisione e non un obbligo...
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Matteo il 05/12/18 alle 19:54 via WEB
Una decisione facoltativa che molti datori di lavoro purtroppo interpreteranno come obbligo.
 
 
simona_780car
simona_780car il 05/12/18 alle 19:58 via WEB
Ma non è vero! basta un certificato medico per il quale non sei idonea a portare a termine la gravidanza stando al lavoro... e nessuno ti obbligherà ad un bel nulla
 
cassandra_70bs
cassandra_70bs il 05/12/18 alle 19:59 via WEB
Sì è sempre fatto, e chi sta bene preferisce andare a lavorare fino alla fine e usarli dopo la nascita.
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Silvia il 05/12/18 alle 20:06 via WEB
Le libere professioniste lavorano fino al giorno del parto... avranno una fisiologia diversa dalle lavoratrici dipendenti?
 
 
viola_sala
viola_sala il 05/12/18 alle 20:11 via WEB
Non si può fare un paragone. Certo se non lavorano non guadagnano ma sono anche responsabili per la propria salute. Un dipendente no, in pochi si prenderebbero la responsabilità di farti lavorare fino al parto. Anni fa la mia collega dovette stare a casa perché il Dirigente scolastico le disse chiaramente che anche se il medico dava parere positivo lui non se la prendeva la responsabilità di farla lavorare fino all'ultimo. Quindi non facciamo paragoni sciocchi.
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
sonodipassaggio il 05/12/18 alle 20:16 via WEB
Io penso che dovrebbe essere consentito rispondere a un post del genere solo alle donne. Che cavolo ne sappiamo noi uomini di gravidanza non lo so proprio. Sono un medico e potrei dissertare a lungo sugli eventuali inconvenienti di una gravidanza (fin dal 3° mese, altro che nono!), ma preferisco fermarmi qui. Noto solamente che le donne senza un grosso conto in banca potrebbero essere invogliate a nascondere problemi, magari perché quei soldi fanno comodo. Il "Governo Del Cambiamento" non ne sta imbroccando una che sia una.
 
annalisa60_it
annalisa60_it il 05/12/18 alle 22:41 via WEB
Io avrei voluto lavorare fino al parto ma ovviamente, essendo all'epoca una dipendente, per legge, non potevo. Solo successivamente mi sono resa conto di quanto prezioso sia stato quel privilegio... il poter prendere tempo per me stessa, per le mie emozioni, per la serenità mia e della vita che portavo in grembo. Presa come ero dai doveri non comprendevo quanto importante fosse fermarmi. L'ho capito ora, dopo che tutti i sacrifici fatti si sono rivelati inutili, la mia scrivania non l'ho più vista perché l'azienda, nel frattempo, ha chiuso... quel mese di riposo prima del parto è stato davvero l'unico privilegio avuto e lo ricordo come un momento di pace! Auguro a tutte di poterselo godere!
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

Chiedo a chiunque passi di qua di mantenere un tono basso, qui non si urla nè si offende nessuno. Ogni vostro pensiero è ben accetto, come ogni critica, ma sempre nel rispetto reciproco.

Grazie!

 

ULTIMI COMMENTI