Creato da angelorossodgl il 21/04/2005

Viaggio insieme a me

I miei labirinti

 

« OGGI MOZZICOLA SFIDA FINALE »

Pazienza

Post n°588 pubblicato il 26 Gennaio 2009 da angelorossodgl

In questi giorni sono sempre più convinta che M. sia un santo a sopportare i miei continui cambi di umore, i miei nervosismi senza senso, le mie paranoie..
Lui è lì, mi lascia sfogare senza rispondere mai in maniera cattiva, aspetta che mi passi senza fomentarmi sapendo benissimo che poi rientrerà tutto nella norma, consapevole che le mi sfuriate durano poco e che non lasciano rancori o rivedicazioni..


Questo è un pieriodo difficile e bello al tempo stesso per me: mi sono presa un mese di pausa dal lavoro per dedicarmi esclusivamente allo studio in vista del famoso orale del concorso da cui dipenderà il mio futuro lavorativo.


Studiare mi è sempre piaciuto, sono sempre stata anche un po' secchiona e provo una gioia immensa ogni volta che mi approprio di un concetto, di un pensiero, ogni volta che lo rielaboro, che lo confronto, che creo da quello che ho studiato... mi piace e mi rende adrenalinica e poter dedicare tutto il giorno allo studio in biblioteca mi riporta indietro ai tempi dell'università.


Certo sono parecchio parecchio in ansia per l'orale (mancano pochi giorni) e questo mi crea uno stato di "nervi a fior di pelle" che spesso non riesco a controllare rendendomi antipatica e perfida..


M è un santo!


libri

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/labirint/trackback.php?msg=6385519

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Coulomb2003
Coulomb2003 il 27/01/09 alle 07:59 via WEB
Come lo capisco..
 
poeticjustice
poeticjustice il 27/01/09 alle 14:42 via WEB
Povera la mia tesorina... so che è difficile controllarsi in momenti così particolari.. hai tutto il mio appoggio (e anche il tuo lui!!!) ^.* Bacio PJ
 
Bejita
Bejita il 29/01/09 alle 22:34 via WEB
Forse ti vuole soltanto bene, i santi stanno in paradiso, forse... Non essere preoccupata per l'esame, almeno non prima di saperne il risultato. Rilassati e lascia che le cose abbiano il loro corso...
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

frasemilmenta_mentepantaleoefrancaanmicupramarittimaciemmetreattiomoprimadelbaciostrong_passionpsicologiaforensecassetta2Coulomb2003MITE_ATTACHET_2giuliocrugliano32GenomaZeropoeticjusticemanu.rossana
 

 "La suprema felicità della vita è il sapere di essere amati per quello che si è, o meglio, di essere amati a dispetto di quello che si è."

Victor Hugo

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: angelorossodgl
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 47
Prov: RM
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 39
 

 
 

AREA PERSONALE

 

ULTIMI COMMENTI

L'importante è che stai bene... ciao! PJ
Inviato da: poeticjustice
il 06/03/2010 alle 10:51
 
a presto
Inviato da: Coulomb2003
il 19/02/2010 alle 15:08
 
e settembre non porta solo pioggia.. ;-)
Inviato da: Coulomb2003
il 21/09/2009 alle 11:17
 
Complimentissimi tesoro! Sei stata grande, tantissime...
Inviato da: poeticjustice
il 06/09/2009 alle 14:44
 
:-)
Inviato da: Coulomb2003
il 18/08/2009 alle 13:11
 
 

Non conviene prendere la vita troppo sul serio.
Tanto non ce la faremo mai ad uscirne vivi.
(M. Twain)

immagine

 

OCEANO MARE

"Posa la penna, piega il foglio, lo infila in una busta. Si alza, prende dal suo baule una scatola di mogano, solleva il coperchio, ci lascia cadere dentro la lettera, aperta e senza indirizzo. Nella scatola ci sono centinaia di buste uguali. Aperte e senza indirizzo. Ha 38 anni, Bartleboom. Lui pensa che da qualche parte, nel mondo, incontrerà un giorno una donna che, da sempre, è la sua donna. Ogni tanto si rammarica che il destino si ostini a farlo attendere con tanta indelicata tenacia, ma col tempo ha imparato a considerare la cosa con grande serenità. Quasi ogni giorno, ormai da anni, prende la penna in mano e scrive. Non ha nomi e non ha indirizzi da mettere sulle buste: ma ha una vita da raccontare. E a chi, se non a lei? Lui pensa che quando si incontreranno sarà bello posarle sul grembo una scatola di mogano piena di lettere e dirle -Ti aspettavo. Lei aprirà la scatola e lentamente, quando vorrà, leggerà le lettere una ad una e risalendo un chilometrico filo di inchiostro blu si prenderà gli anni -i giorni, gli istanti- che quell'uomo, prima ancora di conoscerla, già le aveva regalato. O forse, più semplicemente, capovolgerà la scatola e attonita davanti a quella buffa nevicata di lettere sorriderà dicendo a quell'uomo -Tu sei matto. E per sempre lo amerà."

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31