Creato da: 72rosalux72 il 04/06/2004
"Confermo i miei atti e rido dei miei castighi. E adesso condannatemi".

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Gennaio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Ultime visite al Blog

merizeta21almatalPrimosirevenere_privata.xliberantetirripitirriossimoramattonelladgIlilith_0404dominjusehellahansa007bon.pierriktoyouje_est_un_autreleopardi9
 

 

 
« .. »

.

Post n°544 pubblicato il 26 Marzo 2010 da 72rosalux72

 

Ha rifiutato il confronto pubblico con i suoi avversari perchè lo odiano nonostante sia il capo del partito dell'amore. In compenso la mattina ha telefonato alle trasmissioni rai per fare i comizietti, violando la direttiva della vigilanza sull'informazione politica rai in campagna elettorale. Naturalmente i conduttori si son guardati bene dal ricordarglielo, tanto se lasciano parlare il capo non li multano per inosservanza delle regole.
Una multa l'ha beccata scodinzolini, che oggi per tutta risposta ha mandato in onda una proiezione fantastica: sul suo tg il pd ha avuto più spazio del pdl. Oh certo, i minuti dedicati al berlusca, ai ministri e ai sottosegretari non sono calcolati perchè esponenti di governo, quindi il berlusca può parlare mezz'ora e dopo di lui bersani per venti secondi, ed ecco che al pd son dedicati venti secondi e al pdl zero.
Comunque complimenti a scodinzolini e al tg2. Sono riusciti a parlare della trasmissione sindacale condotta da santoro e con tremila interventi, senza mostrarne una sola immagine. Grazie servizio pubblico.

I più furbi sono i preti. La storia dell'aborto come discrimine è una cazzata, anche perchè a destra sono pochissimi gli antiabortisti, per non parlare del capo che, insieme a sua moglie, ha scelto di abortire un erede.
Nessuno è PER l'aborto- mica siamo scemi- e questo i preti lo sanno. Loro devono spingere su un tema altamente emotivo per conservare posizioni di privilegio. Non possono dire che se nel lazio vince la bonino i soldi per i loro ospedali e le loro scuole non sono più sicuri, e allora parlano di aborto, di questi poveri bambini uccisi. Vista l'aria che tira mi sembra almeno inopportuna questa chiamata etica; i preti dovrebbero preoccuparsi dei bambini nati e poi uccisi da loro nell'anima con la violenza sessuale e con la ignobile copertura dei responsabili, non dei feti abortiti in piena legalità.

Su tutto lo spettacolo mandato due giorni fa in tv.
Il ministro della repubblica addetto alla semplificazione normativa appicca il fuoco a quintali di carta per dimostrare di aver fatto bene il suo lavoro. Ha tolto un sacco di leggi inutili, vecchie di decenni e mai abrogate. Bravo, bene.
Oddio, non mi pare si risolva chissà che eliminando la legge sulla bardatura del cavallo, ma da qualcosa bisogna pur cominciare.
Mi preoccupa piuttosto che questo ministro che brucia la carta, tra l'altro contro l'elementare regola che la carta non si brucia mai, è uno dei capi del partito che al nord farà il pieno tra pochi giorni.
Contenti voi...

Al solito: votate e fate votare. Buon voto a tutti.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog