Creato da middlemarch_g il 24/01/2008
'Fallisci meglio' è il mio secondo nome
 

Messaggi del 04/02/2008

Orate pro nobis

Post n°8 pubblicato il 04 Febbraio 2008 da middlemarch_g
 

Questo non è un blog politico perché a differenza della politica ha l’ambizione di avere a che fare con il senso della vita. Nel suo piccolo.

Però oggi ho la malaugurata idea di scorrere le notizie della versione online del Corriere della Sera leggendo nell’ordine:

  1. Che Rosa Berlusconi è morta, e come se questo non fosse già implicitamente tragico, lo ha fatto stringendo un rosario fra le mani.
  2. Che Sandra  Mastella ha ritenuto opportuno recarsi a Pietralcina subito dopo le note vicende onde devotamente ringraziare Padre Pio dell’avvenuta scarcerazione.

Sessanta milioni di italiani che violano costantemente ogni legge del buon gusto e della decenza. Che rubano, intrigano, fottono, evadono le tasse. Che mentono, bestemmiano, se ne sbattono dei miseri e degli infelici e pur di aggirare una legge sarebbero capaci di prendersela anche con quella di gravità. Devastano, inquinano, ignorano, insultano, e saltano sul carro del vincitore chiunque esso sia e qualunque sia il grado di affollamento del carro.

Non si vergognano di niente, insomma. Di niente. Basta che sia in armonia con le disposizioni di Santa Madre Chiesa. Perché bisognerà pure mettere un limite, no?

Ecchecazzo.

 

 
 
 

L'etica del sacrificio non paga mai

Post n°7 pubblicato il 04 Febbraio 2008 da middlemarch_g
 

Facendo una rapida sintesi dei recenti commenti mi pare che si delinei all’incirca questo scenario.

Ci sono due possibilità, che taglio con l’accetta per comodità dialettica:

  1. Se sei libero, indipendente, senza figli, non accompagnato, o comunque accompagnato da qualcuno con lo stesso grado di estrema autonomia mentale, allora sei moralmente e socialmente autorizzato a vivere la tua vita on the road senza tetto né legge, una donna in ogni porto, più tutti i topoi classici che si alimentano di una certa letteratura da Kerouac in giù, del tipo vivi-sempre-come-se-oggi –fosse-l’ultimo-giorno-della-tua-esistenza, la famiglia è una camera a gas, non sopporto i legami, lasciami libero di vivere la mia vita, non sei mica mia madre, no?
  2. Se invece sei sposato o legato in maniera canonica e in più magari hai anche dei figli, allora l’unica alternativa plausibile è: niente sesso, niente moto (se ce l’hai, o l’hai avuta, e se in passato ha rappresentato qualcosa di davvero arrapante per te), niente uscite infrasettimanali,  niente vita sociale, sabato all’Ipercoop, e acquisto obbligato di una station wagon (io infatti mi domando spesso come sia sopravvissuta la mia generazione senza che i nostri genitori avvertissero la necessità di acquistarne una, anche tenuto conto che, al di là delle diverse possibilità economiche, il mercato all’epoca mostrava un’assoluta mancanza di sensibilità circa la rilevanza di questo prodotto. Non era ancora venuto il tempo in cui un battaglione di copy writers dell’esercito della salvezza ci rendessi consapevoli del fatto che non si può avere una famiglia – e famiglia è un concetto da intendersi: un qualsiasi numero di persone superiore a due - e non comprarne una. Dio benedica i pubblicitari che allargono il raggio delle nostre vedute). Insomma quel genere di lifestyle che una decina di anni fa  Ligabue aveva efficacemente sintetizzato nell’epigrafe: vivo, morto o X (sei un po’ nervoso ed un motivo ci saraàà)

La mia perentoria affermazione  – perentoria e provocataria, lo ammetto, anche perè io figli non ne ho – è la seguente: ragazzi, siate consapevoli che esistano vie di fuga alternative, e che se scegliete di non percorrerle, è affare vostro, non delle contingenze astrali.

È possibile che non possiamo prendere in considerazione l’ipotesi che l’opzione A e l’opzione B siano solo  spaventosi canyon scavati dal  luogo comune, e  in cui ci rifugiamo per comodità e perché ci risparmiano il lusso di ricavare un percorso personale e alternativo?

Non sarà che è solo più facile pensare che una famiglia tradizionale imponga sacrifici di sangue umano e l’amputazione parziale della personalità solo perché alimentare il desiderio è bello ma faticoso? Non sarà che alla fine ridursi allo stremo delle forze in nome della famiglia, e in conseguenza di ciò ritrovarsi a fare un uso grammaticalmente passivo della vita, è pur sempre un modo per scampare le responsabilità che abbiamo verso noi stessi?

Parliamoci chiaro: per tanti la famiglia è un alibi per tirare i remi in barca, arrancare verso i quarant’anni, e quel punto poter dire serenamente: quello che è fatto è fatto. Più di così dove vuoi che vada?

È tutto lecito, sia chiaro. Come sempre, basta esserne consapevoli, e non incolparne le tortuose irrequietezze del destino.

 
 
 

Great expectations

Ho sempre tentato. Ho sempre fallito. Non discutere. Prova ancora. Fallisci ancora. Fallisci meglio.

Samuel Beckett

 

Tag

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Febbraio 2008 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29    
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 19
 

Ultime visite al Blog

venere_privata.xcassetta2Ruzowzeno.colantoniblackdevil5middlemarch_garienpassante_dickinsonlittlewing1970menta_mentelab79scalixaje_est_un_autreDr_Thorne
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Ultimi commenti

Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Pogoda
il 09/08/2018 alle 19:07
 
Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Meteo
il 09/08/2018 alle 19:06
 
Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Wetter
il 09/08/2018 alle 19:06
 
Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Sat24
il 09/08/2018 alle 19:05
 
Sat24, Sat 24 Pogoda, Prognoza pogody National...
Inviato da: Speed Test
il 09/08/2018 alle 19:05
 
 

2010

Ci siamo dati da fare altrove

 

Confermo i miei atti e rido dei miei castighi. E adesso condannatemi

Rosa Luxemburg